RIFORMA della Sanità

PROPOSTA – PROGRAMMA di RIFORMA SANITARIA
(con la Ri-Educazione dei medici)

E’ evidente che al giorno di oggi è messa in forte discussione la funzionalità della Sanità, la sua ideologia, il suo monopolio, la pretesa infallibilità, le sue regole e per l’operatore sanitario, il “modo” moderno di fare il medico, che ha prodotto la perdita dell’Arte medica, divenendo in genere, salvo rari casi, un semplice rappresentate delle Case farmaceutiche.

Un’ex direttore dell’OMS, Hiroshi Nakajima, ha detto che l’Etica Medica dovrebbe divenire una disciplina obbligatoria in tutte le facoltà di medicina e che i medici dovrebbero continuare a studiarla anche dopo la laurea.

Questa “nuova” materia aumenterebbe la sensibilità dei medici rispetto alle decisioni che devono adottare nell’esercizio della loro professione e porterà sicuramente ad un gran risparmio di denaro pubblico, ottenuto attraverso l’eliminazione degli sprechi e dei tanti disservizi di cui si occupano così spesso la cronaca e la magistratura.
Ma la mancanza più grave anzi gravissima, è che il “moderno medico” NON conosce tutte le tecniche sanitarie possibili, anche quelle delle Medicine Biologico Naturali, non è quindi in grado di ottemperare nei confronti dei suoi pazienti il Vero “consenso informato”, che oltre ad essere sancito dal codice deontologico è divenuto in Italia, obbligatorio per legge, ne’ di poter applicare in tutti i casi, le tecniche salubri e sanificatrici della Medicina Naturale.
Questo perché le università sono in mano a Big Pharma attraverso i loro uomini, (ideologicamente indottrinati, se non  addirittura collusi e/o in conflitti di interesse, ecc.), i “baroni“, che redigono le linee guida degli studi da propinare agli studenti di medicina, che ESCLUDONO a priori, tutte le tecniche e cure naturali !

vedi: Fondamenti della Medicina Naturale + Medicina alternativa + Centri di Medicina Naturale + Ospedali di Medicina Alternativa + Evidenze cliniche e Certificazione di qualità per il medico + BioElettronica

Purtroppo, la Medicina allopatica (quella detta ufficiale, ma imperante) si è trasformata in una sorta di braccio armato a difesa degli interessi economici di una industria che prospera sulle precarie condizioni di salute della gente.
Infatti, travolta dalla potenza economica dell’industria farmaceutica e dei suoi interessi, la Medicina Moderna è troppo spesso al servizio del “business” più che della gente e nessuno che ami veramente questa professione può e deve tollerare una simile situazione.
Occorre unificare i saperi e le conoscenze fra la medicina ufficiale e quella alternativa, trasformando assistenza e cura in operazioni veramente utili e benefiche, liberando medici e malati dai vincoli delle multinazionali dedite al proprio profitto e non certo al benessere dell’uomo e far questo contribuendo all’opera di informazione e formazione che comprenda tutti, medici, pazienti, cittadini.
Questo perché il Sistema Sanitario Nazionale (SSN, Italiano) attuale,  scricchiola sinistramente da tutte le parti ed in molti casi si è passati alla deontologia corporativa, dalla modernità alla spersonalizzazione ed in certi casi addirittura dalla malasanità discutibile, alla delinquenza conclamata.

L‘industria farmaceutica è grande e potente come l’industria delle armi. Con la differenza che la guerra finisce. La malattia, no, finché c’è qualcuno che la tiene in vita” (By Hans Ruesch)  ….magari con i Vaccini

Noi medici siamo plagiati, fin dall’inizio, dagli insegnamenti universitari che ci vengono propinati da un manipolo di “professori“, che hanno il solo interesse di lasciarci nell’ignoranza sulla vera origine delle malattie.
Alcuni di noi, alla fine, raggiungono la consapevolezza e mettono in moto delle grosse energie che provocano reazioni positive nel Tutto“. By  Dott. Giuseppe De Pace (medico ortopedico ospedaliero)

Si aiuta un sistema malvagio con la massima efficacia obbedendo ai suoi ordini e decreti. Un sistema malvagio non merita mai una tale lealtà. Tale lealtà significa condividere il male. Un individuo contrasterà il sistema malvagio con tutta l’anima“.
(By Mahatma Gandhi) – vedi: Legge Consuetudinaria

Sintesi di Proposta di Riforma della Sanità in Italia:
Prevenzione e Gestione sanità, in 12 Punti:
1 – Informazione ed educazione obbligatoria alla salute, alimentazione ed igiene pubblica al cittadino e nelle scuole, specie l’Università, da parte dello stato, ma non come ora, il quale segue solo le “linee guida sanitarie” dettate da Big Pharma
(vedi sotto Prevenzione primaria) – Verifica ed educazione alla salute anche della popolazione immigrata
2 – Verifica con rieducazione-riqualificazione dei medici e di tutti gli operatori sanitari, compresi quelli delle Discipline Bio Naturali, affinché imparino anche tutte le cure, quelle NON invasive della Medicina Naturale, oltre alle possibili tecniche diagnostiche non invasive, es. la BioElettronica, Semeiotica biofisica, Cure e Tecniche naturali, anche per il Cancro ecc.
– Specialmente la Rieducazione-Riqualificazione dei medici deve prevedere anche nuove linee guida universitarie, slegate da Big Pharma, con tutte le tecniche sanitarie possibili della Medicina Naturale, oltre alle possibili tecniche diagnostiche non invasive, es. la Semeiotica biofisica, e per il medico Valutazione periodica annuale, della qualità (con certificazione di qualità dei propri servizi erogati, vedi: Evidenze cliniche e Certificazione di qualità anche per i medici) e funzionalità (con certificazione di qualità dei propri servizi erogati) anche delle varie strutture sanitarie ospedaliere, anche quelle convenzionate con il SSN, (strutture private), dei medici ed operatori sanitari in genere del territorio in base ai risultati, pena la sospensione dall’attività.
Questo in quanto soprattutto i medici sono corresponsabili del fatto che si incrementano i malati CRONICI per le indotte malattie iatrogene; inoltre il malato cronico tende a divenire disabile – vedi sotto: (D) – e/o a morire prematuramente, per l’incapacita’ e l’impreparazione dei medici a risanarlo.
– Rivalutazione  contratti medici nel SSN e privatistico (ricordiamo che il medico italiano è largamente il meno pagato tra i paesi  con reddito superiore)
In un serio e qualificato Programma  di Riforma della Sanità occorre introdurre nei vari punti ove si parla di informazione al cittadino, per la prevenzione, la cura e le varie terapie non ancora introdotte nel SSN Italiano. – vedi: BioElettronica
In questo programma che proponiamo, DEVE trasparire con EVIDENZA che, per poter raggiungere quei risultati, tenendo sempre presente la “Libertà di Cura”, come ben auspicato in questa riforma, se non si prevede la “ri-educazione dei medici”, tutto DECADE.

I rimedi alternativi si diffondono a insaputa dei medici
Anche in ambito pediatrico, soprattutto per le patologie croniche, l’impiego di medicine complementari e rimedi alternativi è molto comune, ma molto spesso il medico curante non ne è a conoscenza: una nuova indagine Canadese appena ha confermato che la diffusione di questi metodi è in aumento un pò dappertutto, anche se è molto variabile da regione a regione, dovrebbe essere valutata con più sistematicità da chi è chiamato a gestire complessivamente la salute dei pazienti pediatrici.
I ricercatori guidati da Sunita Vohra, del Dipartimento di Pediatria dell’Università dell’Alberta, in Canada, hanno valutato attraverso questionari sottoposti in inglese e francese ai familiari dei pazienti la prevalenza e le caratteristiche dell’uso di medicine complementari e alternative in 10 diverse cliniche di varie sottospecialità pediatriche (in pazienti con disturbi cardiologici, gastroenterologici, neurologici, oncologi e respiratori) collocate in due ospedali pediatrici collocati nel Canada occidentale, a Edmonton, e nella regione centrale di Ottawa.
Anche se le caratteristiche demografiche delle due popolazioni – in tutto i questionati validi analizzati sono stati 926) erano simili, la percentuale di utilizzatori di rimedi non convenzionali (con in testa supplementi multivitaminici e con minerali, prodotti erboristici e rimedi omeopatici tra i prodotti e massaggio, chiropratica, rilassamento, aromaterapia tra le pratiche – che sono solo terapie palliative della Medicina Naturale), è risultata essere del 71% in un ospedale e del 42% nell’altro.
Il dato messo in rilievo dagli autori è quello dell’insufficiente attenzione da parte dei clinici: anche se la maggior parte dei genitori interpellati ha dichiarato di sentirsi a proprio agio all’idea di discutere di rimedi alternativi con il proprio pediatra, molti pazienti che usano medicine complementari e alternative accanto alle medicine ufficiali (leggasi farmaci di sintesi), tuttora non ne discutono con i propri medici, dato che questi ultimi li ignorano.

Rieducazione – Riqualificazione dei medici:
Senza questa FONDAMENTALE azione di ri-educazione  della figura del medico, è IMPOSSIBILE attuare un Programma di VERA Riforma della sanità, in quanto gli attuali medici (c.a 350.000 nella sola Italia) cioè il 99% di essi, sono TOTALMENTE all’OSCURO della Medicina Naturale (medicine alternative, quelle utili) e delle sue tecniche: BioElettronica, Semeiotica biofisica, Cure e Tecniche naturali, anche per il Cancro ecc., DiagnosticheTerapeutiche principali, che se applicate portano ad  un costo sanitario pari quasi a zero euro !
Come possono gli attuali medici  educare la popolazione alla prevenzione ed alle terapie non  invasive,  se gli operatori sanitari stessi non sanno cosa  fare e dire sulle varie tecniche preventive, cio’ avviene  in quanto sono stati educati alla scuola universitaria di Big Pharma, o Big Alimentari…..o di prevenire le malattie, se non sanno come fare per diagnosticarle, quando stanno apparendo i primissimi sintomi nella microcircolazione, che sono danni NON evidenziabili con gli attuali sistemi diagnostici ? e tutto ciò a costo quasi a zero ??
Malattie croniche e la disabilità del malato cronico:
– chi porta il malato verso la malattia cronica e la sua disabilità ?
il medico che lo ha curato né è l’unico responsabile, in quanto NON conoscendo tutte le tecniche terapeutiche possibili (esempio la BioElettronica), ed utilizzando farmaci di sintesi, senza eliminare le cause che producono il male dell’ essere (la “malattia“) che sono sconosciute alla medicina ufficiale che quel medico ha imparato,  lo porta inesorabilmente verso la cronicità, se non addirittura verso la disabilità e/o il trapianto o la morte prematura.
Basta con l’ipocrisia e la dedizione a questo tipo di medicina farmacologia dettata da Big Pharma, occorre se vogliamo attuare questo programma, introdurre il concento a chiare lettere che occorre:
 – RIEDUCARE-Riqualificare i MEDICI sulle varie e possibili tecniche diagnostiche e terapeutiche alternative, della Medicina Naturale.. ed individuare gli “istruttori” per attuare tale programma rieducativo.
Quindi occorre individuare e disporre anche le figure professionali e/o gli Istituti adatti e professionalmente preparati per Ri-educare-Riqualificare anche i medici cosi’ come tutti gli operatori nella sanita’.

Spesso i medici si lamentano perché non vengono coinvolti nei percorsi di cambiamento che sembrano imposti esclusivamente da logiche di contenimento dei costi.
E’ giusto che si lamentino ma cosa dovrebbero dire i cittadini allora ?
Quando mai è stato chiesto loro cosa si aspettano dal Sistema Sanitario e dal loro medico di famiglia ? 
Allora ripartire davvero dalla medicina di base vuol dire in realtà ripartire dalle basi della medicina. Invece questo tipo di soluzione sembra allontanarsi sempre di più forse perché è molto facile farsi sfuggire ciò che non si sta cercando. Basterebbe però guardare le cose da un altro punto di vista, questo ad esempio:

Riqualificazione-Rieducazione dei Medici = CERTIFICAZIONE di Qualità
La qualificazione della prestazione professionale si basa sulla conformità della medesima a norme tecniche UNI ISO, UNI EN ISO, UNI EN e UNI, di seguito denominate «normativa tecnica UNI», di cui alla direttiva 98/34/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 22 giugno 1998, e sulla base delle linee guida CEN 14 del 2010.
I requisiti, le competenze, le modalità di esercizio dell’attività e le modalità di comunicazione verso l’utente individuate dalla normativa tecnica UNI costituiscono princıpi e criteri generali che disciplinano l’esercizio autoregolamentato della singola attività professionale e ne assicurano la qualificazione.
Tratto da: http://www.senato.it/service/PDF/PDFServer/BGT/00658074.pdf

Nelle Università e nelle scuole di medicina attualmente in essere in Italia, esiste già qualche scuola-corso di medicine alternative e/o naturali, ma tanto per vs informazione e per aver contattato personalmente i vari docenti in questi corsi-scuole, ponendo domande precise sulla Medicina Naturale, (sono molto attento al sorgere di questi corsi), ho avuto la certezza che vi è per ora, tanta prosopopea ed  in compenso tanta ignoranza ed incompetenza in  materia.
Chi è in grado quindi di formare i “formatori-tutors,docenti”, cioè gli istruttori dei medici sulle tematiche alternative ?
Per fare ciò occorre anche costituire dei “Comitati di controllo e di indicazione” formati anche da Cittadini competenti, operatori delle medicine alternative, medici allopati, avvocati, ripartiti in parti uguali fra le parti, affinché si discuta e si proponga sul COME attuare la rieducazione dei medici e la formazione di sanitari, capaci a sanare.
(Questa piattaforma è stata istituita online, proprio per fare da scuola atutto ciò che riguarda i temi trattati in essa.)

Questa é l’unica soluzione per risolvere questi problemi ed attuare seriamente un Programma di Riforma che debba essere approntato.
– all’interno degli ospedali, cliniche, proprio per poter esercitare la Liberta’ di cura, dietro richiesta da parte del paziente, devono potersi utilizzare pratiche non invasive, proprie della Medicina Naturale ad es. l’anestesia fatta con agopuntura e non con i farmaci, che lasciano un’intossicazione lenta da smaltire..
3 – Prevenzione trasmissione malattie sessuali, per mezzo della corretta informazione.
4 – Prevenzione e Cure NON invasive di tutte le malattie.
5 – Riordino dell’ecologia ambientale per una vita migliore (ecologia antropocentrica)
6 – Agricoltura esclusivamente biologica-biodinamicaAllevamenti a terra allo stato brado, per gli animali da cibo; tutto ciò per la produzione di alimenti salubri e per il rispetto degli animali.
7 – Abolizione delle vaccinazioni obbligatorie, in NESSUN caso deve essere contemplata la vaccinazione obbligatoria.
Dunque, occorre l’ASSOLUTA Libertà di vaccinazione,  in e per qualsiasi situazione anche imprevista, come le presunte epidemie, specie quelle inventate dall’OMS al servizio di Big Pharma. vedi: sars, aviaria, suina, covid19, ecc.
vedi art. 32 Costituzione:
“La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti. Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. La legge non può in NESSUN caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana”
 …e chi pone i limiti del proprio rispetto, se non l’individuo stesso…
Quindi Libertà ASSOLUTA per le vaccinazioni !

Ma nel futuro prossimo se vogliamo salvare dal fallimento la Sanità italiana e mondiale le vaccinazioni vanno ABOLITE assolutamente perche foriere di qualsiasi malattia, specie nei bambini, (malattie più o meno gravi, vedi: malattie gastrointestinali, celiachia, autismo ecc….) e che essi purtroppo si trascinano per tutta la vita, regalandole anche ai figli e nipoti
8 – Libertà di cura ASSOLUTA ed in ogni caso (Eutanasia compresa) richiesto dal soggetto malato, o dai suoi famigliari, in caso di impossibilita’ di scelta del malato.
9 – Trasparenza e Conflitti di Interesse

Per una seria Riforma sanitaria in Italia, soprattutto in tema di “Trasparenza” migliore:
Tutti i soggetti che intendano lavorare per la Sanità e/o all’interno di essa, specie se come Dirigenti di un qualsiasi settore di essa, debbono presentare nel loro curriculum personale, la dichiarazione completa dei Conflitti di Interesse o meno, passati e presenti, pena l’impossibilità a lavorare in essa.
I documenti del Conflitto di Interesse dovranno essere pubblicati oltre alle loro remunerazioni assieme alle loro dichiarazioni dei redditi, affinché siano a disposizione di tutti, senza vincoli, né blocchi, nel sito dell’Ente statale o non, per il quale lavorano, assieme alle loro retribuzioni ed ai curricula.
Questo deve valere anche per gli attuali Dirigenti in essere nella Sanità, che debbono obbligatoriamente adeguarvisi, pena il licenziamento, anche nel caso di falsa dichiarazione, e se hanno avuto rapporti pregressi di Conflitti di Interesse con industrie farmaceutiche non denunciati, debbono essere rimossi dalla dirigenza e denunciati alla magistratura.
10 – Abolizione della Vivisezione con una ricerca sui farmaci effettuata SENZA animali (che sono modelli depistanti e quindi pericolosi per le applicazioni successive sull’uomo).
11 – Abolizione dell’Ordine dei medici con la costituzione della Certificazione di Qualita’ annuale, dei medici:
– Valutazione periodica annuale, della qualità (con Certificazione di Qualità dei propri servizi erogati) della funzionalità e dei risultati ottenuti, cosi come le varie strutture sanitarie ospedaliere, anche quelle convenzionate con il SSN, (strutture private) e dei medici del territorio in base ai risultati, pena la sospensione dall’attività.
12 – Istituzione dei Comitati di Controllo:
– Individuazione degli “istruttori” per attuare tale programma rieducativo – BioElettronica
– Quindi occorrono anche le figure professionali e/o gli Istituti adatti e professionalmente preparati per Ri-educare-Re-informare i medici.
– Nelle università e nelle scuole di medicina attualmente in essere, esiste già qualche scuola-corso di medicine alternative e/o naturali, ma tanto per vs informazione e per aver contattato personalmente i vari docenti di questi corsi-scuole, (sono molto attento al sorgere di questi corsi), ho avuto la certezza che vi è per ora, tanta prosopopea ed  in compenso tanta ignoranza in  materia.
Chi è in grado di preparare i formatori e controllori dei medici ? Per ora nessuno.
– Occorre quindi costituire dei “Comitati di controllo, verifica e di indicazione” formati da Cittadini, operatori delle medicine alternative, medici allopati, ripartiti in parti uguali fra le parti, affinché si discuta e si proponga sul COME attuare la rieducazione dei medici e la formazione di sanitari, veramente capaci a sanare.
La Verifica e rieducazione del medico si rende assolutamente necessaria affinche’ il medico impari anche tutte le cure, quelle NON invasive della Medicina Naturale, oltre alle possibili tecniche diagnostiche non invasive, es. la BioElettronica + Semeiotica biofisica, in modo che esso possa effettivamente applicare la Libertà di Cura richiesta da sempre piu’ pazienti.

In questo contesto di Riforma occorre inserire anche problema delle crescenti cause legali contro i medici, da parte dei pazienti, per tentativi di richiesta di risarcimento danni piu’ o meno validi.
In questo contesto occorre inserire il concetto della: “Responsabilita’ del malato”, inerente il fatto che un soggetto che denuncia un medico deve sapere che dovra’ rispondere nel caso di sentenza favorevole al medico, le spese di diffamazione nei confronti del medico. E qui si innesta il problema delle assicurazioni che i medici debbono obbligatoriamente avere per cautelarsi dai problemi che ne possono derivare.
Dovrebbe essere la Sanità stessa che assicura i medici e le strutture ospedaliere, con una compartecipazione da parte dei medici alle spese, da definirsi, con contratti regionali e/o nazionali e non lasciare il medico in balia dei “ricatti” assicurativi (aumenti) oggi all’ordine del giorno.

Ma occorre anche inserire un’altro concetto: quello della “Responsabilità del malato”, per il fatto che un soggetto, alimentandosi male, drogandosi, ubriacandosi, facendo-attuando rischi inutili alla sua vita-salubre, cioè comportandosi in modo da arrecare possibile danno a se stesso ed agli altri, non può e non deve pesare finanziariamente ed unicamente sulla societa’ (Sanità) senza pagarne personalmente le conseguenze…anche finanziarie, se non introducendo il concetto del risarcimento allo stato (Sanità), per il danno arrecato.

Proposta: creare una sorta di carta della Sanità a punti, cioè meno un soggetto si ammala e meno paga di assicurazione sulle malattie e/o incidenti; più uno si ammala o crea incidenti di varia natura, più paga….In modo da costringere i cittadini a comportarsi in modo da non cadere ammalati e/o non creare incidenti su se stessi o sugli altri, salvo la casualità dell’incidente stesso.
Ovviamente questi concetti andrebbero studiati nei particolari, ma questi sono concetti importanti dai quali partire.

vedi: Introduzione alla Medicina Naturale + Fondamenti della Medicina Naturale +
Il Decalogo della vita SanaCertificazione di qualità in medicinaInsegnamento della MedNat + Comitato “Primo NON nuocere”

    Recommended For You

    Administrator

    About the Author: Administrator

    Esperto per la Vera scienza, conoscenza, filosofo della vita eterna, esperto in Medicine Naturali, Scienza della Nutrizione, Bioelettronica e Naturopatia. Consulente di https://mednat.news/curriculum.htm - Curatore, Tutore, Notaio, del TRUST estero VANOLI G.P. e difensore dei: - Human Rights Defender ONU/A/RES/53/144 1999 - Diritti dei Batteri e Virus, cioè della Vita/Natura in genere

    1 Comment

    1. Sono a disposizione per promuovere questo approccio che condivido da sempre.
      Attendo un Vostro contatto per inviarvi un documento in cui ho raccolto la mia testimonianza. Vi ringrazio per la vostra disponibilità disponibilità.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *