Decalogo del Movimento Libertà Scientifica e Libero Dibattito


Libertà scientifica e Libero DibattitoDecalogo
Argomento 1 (il primo di una lunga serie volta alla ALFABETIZZAZIONE Biologica…)
Decalogo per emergenza da SARS-CoV-2 (“malattia da Covid19)

IMPATTO DEL VIRUS SULLA SALUTE:

  1. il virus covid19 non è letale nella maggior parte della popolazione, se trattato per tempo e adeguatamente. i tagli alla nostra sanità (mancanza di personale, presidi e strutture pubbliche) e il divieto di eseguire le autopsie fin da subito, hanno impedito di salvare molte vite umane. per non essere contagiati è sufficiente mantenere precauzionalmente una distanza di sicurezza di 1 mt., lavarsi le mani con acqua e sapone e restare in casa se si hanno sintomi. risulterebbero inutili, se non dannosi, guanti e mascherine (tra soggetti sani al di fuori degli ospedali), specialmente nei luoghi aperti. le mascherine possono essere addirittura dannose (alcalosi) quando si svolge attività fisica.
  2. Esiti autopsie:
    caratteristica comune dei pazienti che vanno incontro a complicanze è l’infiammazione. il covid19 può risultare letale quando si hanno più patologie pregresse, in quanto l’utilizzo e interazione di alcuni farmaci possono condurre all’iper espressione immunitaria dell’organismo (con conseguenti sintomi potenzialmente letali come la cid – coagulazione intravasale disseminata o tromboembolia polmonare). inoltre sembra emergere che le persone vaccinate con anti-influenzali e anti-meningococcidi corrano maggiori rischi (co-morbilità 35%).
    L’età media dei pazienti deceduti (non per Covid19, ma con Covid19) e positivi al covid19 è 80 anni (questo ultimo dato è stato raccolto sulla piattaforma web epicentro.iss.it concordi con Istat – ultimo aggiornamento 15.5.2020)
  3. Messaggio unificato dei media e senza contradditorio e sovrastima del numero dei decessi:
    il numero dei decessi sbandierato dai canali mediatici (tv e giornali asserviti al potere) non è veritiero (Alessandro Bonsignore – vice presidente dell’ordine dei medici della Liguria). sono state utilizzate immagini forti allo scopo di terrorizzare la popolazione (es. le bare di Lampedusa di 3 anni fa spacciate per quelle di Bergamo, filmati dove la stessa persona è morta più volte in località diverse). E’ stato dimostrato che paura e stress protratti inducono un abbassamento delle difese immunitarie (Pnei) e attivano risposte biologiche nell’organismo (comparsa delle patologie). il terrorismo mediatico e le misure restrittive esagerate e insensate, hanno indotto un aumento vorticoso di problemi psichiatrici con anche un elevato tasso di suicidi
  4. Metodo di verifica dei contagi:
    la metodologia rt-pcr non è omologata per la diagnosi clinica (80% circa di falsi positivi), tra l’altro adottabile solo laddove sia stata precedentemente identificata la sequenza genomica da amplificare
  5. inquinamento elettromagnetico – ripetitori di segnali per telecomunicazioni (3G – 4G – 5G – Wi-Fi ecc.:
    sull’incidenza di casi gravi da covid19 potrebbero incidere come co-fattori la densità e distribuzione di ripetitori elettromagnetici di vario tipo. il problema non va ridotto al solo 5g (che in italia, ad oggi, è per altro ancora solo prototipale e con bande di frequenza inferiori ai 2 Ghz), ma a tutto l’inquinamento elettromagnetico che potrebbe benissimo essere trasmesso e convogliato via cavi (lan) o fibre/porte ottiche.
    questo sarebbe utile per liberare grand parte dell’ambiente da inutile elettrosmog, per altro nocivo, non solo per l’uomo, ma anche per gli ecosistemi, (in particolare per l’orientamento di insetti e volatili). si chiede l’eliminazione dei ripetitori 5g, poiché un loro utilizzo a regime in fase post prototipale necessiterebbe l’abbattimento di gran parte della flora urbana, nonché un ingente aumento dell’intensità di potenza elettromagnetica dispersa nello ambiente.
  6. l’installazione obbligatoria della app. per il tracciamento dei contatti viola i diritti. civili e mina la libertà e la privacy della persona.
  7. nocività, inutilità dei DPI (mascherine, guanti) e ingenti impatti ambientali dati dal loro smaltimento/dispersione come rifiuti (non riciclabili).
  8. impiego delle forze dell’ordine: migliaia di poliziotti e carabinieri, elicotteri e droni impiegati alla ricerca dei civili che fanno una passeggiata o jogging solitario. come mai gli stessi mezzi non sono stati impiegati nella lotta contro la criminalità ? si dovrebbe anche spiegare il motivo per cui sono stati scarcerati pericolosi criminali
  9. vaccinazioni di massa:
    numerosi esperti hanno fatto presente che il covid19 essendo un virus che muta facilmente rende inutile nonché pericolosa la vaccinazione.
    è stato dimostrato che i vaccini hanno effetti pro-infiammatori perché la risposta immunitaria a virioni simili ma diversi di quelli (limitati) usati per il vaccino può essere amplificata in maniera abnorme e anche perché contengono micro e nano-particelle tossiche (dr. Stefano Montanari).
    pertanto, nessun tipo di vaccinazione deve essere obbligatoria e la libertà / scelta di cura per ogni soggetto mai dev’essere violata
  10. i metodi di cura e prevenzione, ad oggi impiegati con successo nelle 3 fasi della malattia:

– fase virale 1) febbre alta, mal di testa, tosse: presidi naturali (vitamina c somministrata per endovena – vit d)
– antimalarici quali idrossiclorochina (potente inibitore dell’infezione e della compromissione della funzionalità dell’emoglobina)
– eparina a basso peso molecolare (per contrastare la formazione dei trombi)
– azitromicina (antibiotico che aiuta l’ingresso nei siti funzionali della idrossiclorochina).
– fase polmonare 2) dispnea (quando la saturazione si abbassa sensibilmente e l’ospedalizzazione si fa necessaria): la polmonite interstiziale è affiancata a fenomeni trombotici (in questo caso l’iperventilazione  è una pratica errata)
– terapia immediata con plasma degli immunizzati  – grande auto-emo infusione di ossigeno-ozono
– fase 3) tempesta citochinica di interleuchina 6. necessita di rianimazione e accompagnamento dolce all’exodus.
prevenzione: (specialmente nelle categorie a rischio): risultano essere particolarmente utili
– ossigeno-ozono terapia
– vitamina c
– supplementi di vitamina d con esposizione solare
– retinoidi, glutatione, lisozima, alghe, melatonina
– alcalinizzazione del corpo
– dieta adeguata e attività fisica
– spegnere i televisori
ed altro ….minore è lo stato di salute pre-esistente, maggiore sarà la facilità ad ammalarsi !

Occorre quindi:
COSTITUIRE COMITATO SCIENTIFICO: per la LIBERTA’ della SCIENZA, della PROFESSIONE MEDICA e della  SCELTA TERAPEUTICA per ogni SOGGETTO LIBERO CONSAPEVOLE e RESPONSABILE (NON PIÙ SOLO “PAZIENTE”, ma “UTENTE ATTIVO in MEDICINA”)
By Barbara Boniardi (della segreteria di Pattoverascienza.com)
Vedi: Distanziamento e scuola a distanza

    Recommended For You

    Administrator

    About the Author: Administrator

    Esperto per la Vera scienza, conoscenza, filosofo della vita eterna, esperto in Medicine Naturali, Scienza della Nutrizione, Bioelettronica e Naturopatia. Consulente di https://mednat.news/curriculum.htm - Curatore, Tutore, Notaio, del TRUST estero VANOLI G.P. e difensore dei: - Human Rights Defender ONU/A/RES/53/144 1999 - Diritti dei Batteri e Virus, cioè della Vita/Natura in genere

    4 Comments

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *