Le scoregge della “scienzah…”….un pò di humor…

La follia umana non ha confini:
Covid: le squadre sanitarie covidiste propongono le mutande anticovid.
La campagna vaccinale sta piegando la volontà delle ultime sacche di resistenza novax, e gli impuri (i non vaccinati) corrono a farsi inoculare il dio vaccino nostra unica salvezza.
E’ quanto afferma il Dott Gustavo Peto portavoce delle SSC ( squadre sanitarie covidiste) i pretoriani del nuovo Duce Mario Draghi, salvatore dell’Italia e persecutore degli ignobili novax.
Il Dott Peto  a nome del movimento inoltre (prove “scientifiche” alla mano) intende chiedere al ministro della Sanità Speranza – luce di Sion – un nuovo DPCM che obblighi i non vaccinati a portare delle mutande speciali anticovid che evitino la trasmissione del virus a causa dei gas intestinali.
L’ultimo studio sul Covid che arriva dall’Inghilterra è incredibile: “Il virus si trasmetterebbe anche attraverso i peti”.
Sì, avete capito bene, se qualcuno va al bagno a liberare le sue “arie” corporee (scoregge) e subito dopo entra un altro in toilette, ci sarebbe il rischio di contrarre il coronavirus.
Della ricerca, NON confermata ad oggi dagli scienziati del governo inglese, parla il tabloid “Sun” citando diverse fonti mediche.
Un ministro ha detto al Telegraph di aver letto “roba dall’aspetto credibile” sull’argomento da altri paesi in tutto il mondo.
Ci sarebbero state prove di una “connessione di tracciamento legata al genoma tra due individui entrati nella stessa toilette pubblica in Australia”.
Inoltre, ci sono stati alcuni “casi ben documentati di malattie che si sono diffuse attraverso i tubi di scarico durante i lockdown a Hong Kong”.
Un portavoce del Primo Ministro ha però affermato di non essere consapevole che il virus può essere diffuso “scorreggiando”. Ma questo non toglie, che è stato dimostrato come la presenza del Covid possa essere riscontrata nelle feci.
Lo scorso maggio, il medico australiano Andy Tagg ha sottolineato che i peti potrebbero causare la trasmissione del coronavirus dopo aver analizzato una serie di test effettuati da pazienti positivi all’inizio di quest’anno.
Ha citato i test che hanno rivelato che il virus era presente nelle feci del 55 per cento dei pazienti con Covid-19.
Il dottor Tagg ha scritto: “Beh, SARS-CoV-2 può essere rilevato nelle feci ed è stato rilevato in un individuo asintomatico fino a 17 giorni dopo l’esposizione”.
Ha aggiunto: il  SARS-CoV-2 può essere diffuso attraverso i peti bisogna quindi imporre ai non vaccinati delle mutande speciali che permettano ai vaccinati di mantenere le distanze da questi untori.

Alla follia non vi è limite….si è dimenticato che i virus sono prodotti dalle cellule stesse e nell’aria di ossidano e si disintegrano all’istante, quando vengono a contatto con l’ossigeno dell’aria, in quanto essi sono un insieme di proteine…e qualsiasi studente di chimica o fisica sa benissimo che le proteine a contatto con l’ossigeno si ossidano, cristallizzano e si disintegrano all’istante !

La stupidità e l’ignoranza umana non ha limiti….!

Recommended For You

About the Author: Admin

dr. Jean Paul Vanoli - Giornalista Investigativo da 40 anni specializzato in Sanità, Medicina naturale e Bioelettronica - Consulente di https://mednat.news - https://pattoverascienza.com - info@mednat.news - Curatore, Tutore, Notaio, Trustee del TRUST estero: VANOLI GIOVANNI PAOLO (G.P.) - Human Rights Defender ONU/A/RES/53/144 1999 - Difensore dei Diritti dei Batteri e Virus, cioè della Vita/Natura in genere