La proteina “SPIKE” nei “vaccini Covid19”, genera Danni al Cuore…!

La proteina “Spike” ed il taglio della Furina
Tanto per introdurre il tema:
Pfizer ha brevettato la proteina “spike” per un vaccino per il coronavirus oltre 30 anni fa:
https://expose-news.com/2023/05/30/pfizer-patented-the-spike-protein-for-a-coronavirus/

Spike TOSSICA per i viventi, perché è una “chimera” prodotta dai militari (PentagonoUS) in laboratori ed inserita nei sieri genici, spacciati per pseudo vaccini, distribuiti da Big Pharma, con la convivenza dei politici del mondo intero da essa corrotti, che hanno generato la paura nella popolazione mondiale, medici compresi, con falsità spacciate per scienzaH !
Spike-tossica_Nature-2023-07

Sieri genici a mRna sono altamente pericolosi
VAX-DNA-Brandbrief_110823.en.it

Morte con i Vaccini:  SIDS e SADS + Studi sulle autopsie lo confermano:
Autopsie_danniVacc_SSRN-id4496137

La superficie esterna dei cosiddetti coronavirus MAI isolati, cosi ci dicono i medici della medicina allopatica, su dei virus (Sars-cov2) MAI isolati in natura, ma inventati al computer nei e dai laboratori militari e/o da quelli di Big Pharma, sarebbe ricoperta da tante copie identiche di una proteina chiamata “spike” (che significa “spina”) formata da tanti piccoli ganci, che servirebbero per potersi attaccare all’esterno delle membrane cellulari delle cellule; le “spike” virali, si legherebbero ai recettori presenti sulla superficie esterna delle cellule, impedendo nei fatti la respirazione cellulare e quindi paralizzando i tessuti degli organi ove esse arrivano.
Ma la proteina GM “spike” che è stata creata in laboratorio, è stata introdotta nei Vaccini e viene inoculata ai vaccinati a miliardi alla volta, per OGNI iniezione, la quale si propaga in tutto il corpo andando ad inficiare il funzionamento dei tessuti ove arriva.
Il primo recettore al quale si  può legare la Spike del presunto  virus Sars-CoV-2, è la proteina cellulare ACE2 (enzima recettore cellulare dell’acetilcolina 2, presente in grande numero sulle cellule dell’epitelio ‘tessuto’, delle alte vie respiratorie, ma anche del tratto intestinale superiore ed inferiore, del cuore e dei reni).
Diversamente da altri coronavirus, il Sars-CoV-2 (mai isolato in natura, ma creato appositamente nei laboratori militari e/o di big pharma) possiederebbe una piccola sequenza in più, localizzata lateralmente alla “Spike”. Questo ‘pezzo in più viene tagliato dall’enzima cellulare furina. È grazie a questo taglio che la “spike” può legarsi ad un secondo recettore, la neuropilina-1, che è espressa in abbondanza in diversi tessuti, come ad esempio, le terminazioni nervose nel naso.​
Nei vaccinati la lesività della Spike può essere legata non solo ai livelli ematici bensì anche (e forse soprattutto) alle sedi (organi e tessuti) in cui essa si reca dopo il vaccino. Tutto questo è stato descritto e discusso in dettaglio fin dallo scorso settembre in questo studio

I due sieri genici spacciati per “vaccini” a mRna, per la presunta pandemia  COVID19, approvati per la campagna vaccinale imposta con la PAURA, di virus inesistenti e mai isolati in natura, per la presunta epidemia Covid19, (in realtà semplice influenza stagionale, spacciata, cambiando il nome in Covid19, per spaventare le popolazioni ignoranti del mondo intero, medici compresi) ma contenenti le proteine Spike, utilizzano molecole di acido ribonucleico messaggero (mRNA) che contengono le istruzioni, rendendo quindi la proteina Spike una sostanza “invasiva ed infestante”, iniettata con i vaccini e trasportata dal sangue nei vari tessuti ove le cellule esistenti vengono aggredite dalla Spike che si aggancia alla parete delle membrana cellulare impedendo la respirazione cellulare, rendendo quindi quei tessuti e quindi gli organi ai quali appartengono meno elastici/plastici, paralizzando, irrigidendo spesso il tessuto stesso, compresi quelli dei vasi di vene ed arterie della microcircolazione sanguigna, (capillari): vedi di conseguenza gli ammalamenti per le miocarditi, ictus, ischemie, paralisi, infarti, ecc., che si manifestano ovunque sui vaccinati, sia poco dopo la vaccinazione che in là nel tempo, producendo anche la “morte improvvisa” = Morte con i Vaccini:  SIDS e SADS + Studi sulle autopsie lo confermano:
Autopsie_danniVacc_SSRN-id4496137S.
vedi: Cosa sono veramente i virus

Quindi:
Il meccanismo che cercherebbe di trasferire i dati contenuti nello mRna (ingegnerizzato, non naturale, ma OGM sintetico) introdotto dai sieri genetici/Vaccini per la Covid19 per, cosi dicono i produttori dei Vaccini, per tentare di indurle a riprodurre la proteina Spike nel corpo del vaccinato, NON è quello che dice/spiega la medicina allopatica, cioè che la Spike aprirebbe le “porte” all’ingresso dei virus (in questi casi GM di laboratorio cioè sintetici) e dello mRna di essi nelle cellule, in quanto la cellula è invece totalmente impermeabile a tutto ciò, ma è questo altro, il vero meccanismo: la Spike introdotta appositamente nei sieri genici, spacciati per vaccini, con i suoi ganci, si attaccano alla parete cellulare, impedendo la respirazione cellulare e quindi i tessuti ove ciò avviene, si “paralizzano” e bloccano la funzione organica.
Inoltre:
1 – Tutte le cellule hanno insito in sé stesse il DNA / Rna, nel nucleo cellulare ove agisce la forza forte (ecco perché il DNA nucleico è chiuso su se stesso e non viene modificato facilmente – vedi Cosa è l’energia) ed esso è però presente anche nei mitocondri, che sono circa 100 per ogni cellula, (ove agisce la forza debole), infatti bastano delle intossicazioni importanti per modificarlo e quindi quelle alterazioni genetiche si possono anche trasmettere alla prole, come evidenziano chiaramente le mutazioni  genetiche indotte da qualsiasi tipo di Vaccini)
2 – Gli organismi cellulari utilizzano il Dna e specificatamente lo RNA messaggero (mRNA) per trasmettere le informazioni genetiche mediante le basi azotate guanina, uracile, adenina e citosina, indicate con le lettere G, U, A e C) che dirigono la sintesi di proteine specifiche, per fare ciò le cellule creano e secernono nei liquidi extracellulari e quindi anche nel circuito sanguigno, dei virus/esosomi o vescicole, cioè virus naturali, ovviamente NON tossici, ma assolutamente indispensabili per aiutare le cellule malate sotto stress ossidativo o in stato di premorte/apoptosi, per tentare di risanarle, che vengono detettate/individuate dal sistema immunitario, il quale è sempre informato dalle cellule in stress ossidativo del loro fabbisogno necessario per resettare il loro DNA/Rna alterato, che produrranno le cellule sane con gli esosomi/virus naturali che esse dovranno secernere ed inviare nel circuito sanguigno, per far si che le cellule malate possano riceverlo ed impossessarsene, per tentare di guarire dallo stato di stress ossidativo, che preclude la morte cellulare, se non intervengono gli esosomi/virus con il loro DNA/Rna riparatore.
Questo ultimo meccanismo è indispensabile per mantenere la salute e/o guarire dai malesseri del corpo, attuando nel contempo la gestione del *ricambio cellulare* (vedi sotto Nota), essenziale per mantenere in vita i corpi viventi ed eliminare gli scarti cellulari momento nel quale si disgregano mitocondri e nuclei delle cellule morte, rilasciando nei liquidi extracellulari il DNA/Rna delle cellule morte, DNA/Rna che si può prelevare, indifferenziato con tamponi o prelievi del sangue e conseguente PCR e che i medici allopati impreparati “scambiano” per virus (tossici od infettivi) dando la “colpa dell’ammalamento a questi ultimi…e quindi sbagliando tutto l’approccio diagnostico /terapeutico (tachipirina -sostanza tossica- e vigile attesa, il protocollo mortale del “ministero della salute”) del soggetto dal quale si sono fatti i prelievi di materiale genetico sempre INDIFERENZIATO, vedi le FALSE diagnosi di Covid19 (banale influenza mal diagnosticata e quindi mal curata (vedi tamponi tossici e fasulli e PCR mal tarata appositamente – 45 amplificazioni invece delle giuste 15-20) e quindi malcurata, portando facilmente alla morte prematura il malato, vedi quanto è successo e sta succedendo in questa Falsa epidemia detta sindrome Covid19.
(* Nota: Ricambio o Catabolismo cellulare, parole con le quali si intendono tutti i processi distruttivi cui vanno incontro le molecole chimiche precedentemente immagazzinate; distruzione che porta alla formazione di forze ed energia, con conseguente eliminazione dei rifiuti. Tutti questi processi si possono raccogliere sotto un comun denominatore: ricambio cellulare.)
Quindi per il meccanismo vero della informatizzazione delle cellule:
…per informatizzare le cellule con lo mRna sintetico/OGM dei sieri/Vaccini, per la presunta Covid19, ciò avviene esclusivamente con questo altro e specifico meccanismo elettromagnetico di risonanza, quando e perché lo mRna (virus ingegnerizzato nei laboratori militari e/o di Big Pharma, in questo caso il Sars-cov2), che è come il DNA, non solo una antenna, ma anche un apparato biologico ricetrasmittente, che converte la radiofrequenza emessa anche in frequenze vibratorie, dato che esso è immerso in acqua salmastra, (il mare nostrum) che può quindi, con le micro onde prodotte da esso nell’acqua, entrare in risonanza con altro mDNA/Rna e nel caso specifico quello delle cellule e specificatamente quello dei mitocondri, delle cellule che sono anch’esse immerse nei liquidi (acqua salmastra) del mare nostrum.
Entrando in  risonanza, il Dna mitocondriale, con lo mRna estraneo (sintetico/OGM), acquisisce le informazioni del mRna introdotto con il siero genico/Vaccino e se lo testa e se se non è compatibile lo rifiuta e non lo “incorpora”, e cosi il processo di informatizzazione estranea non è acquisito e le cellule non producono la proteina virale Spike (proteina tossica).
Comunque per essere precisi, non sempre avviene immediatamente quel meccanismo di incorporazione dell’informazione vaccinale (mRna), infatti gli individui sani immunitariamente e quindi anche cellularmente, non subiscono quella invasività vaccinale, ecco perché le reazioni ai Vaccini sono diverse da un soggetto ad un’altro e/o anche perché le reazioni/danni non avvengono subito e/o facilmente nei 14 giorni (come scrivono gli enti a tutela della “salute” si, ma dei fatturati  delle Big Pharma),  ma avvengono nel tempo: mesi od anni. Tutto ciò serve ai produttori dei Vaccini a non riconoscere i Danni che avvengono dopo i noti 14 giorni massimo dalla vaccinazione, come indicato anche nelle leggi italiane, e così il “pranzo” è servito… = Danni dei vaccini molto sottostimati e non risarcibili….
Occorre precisare che i produttori dei sieri genici/vaccini, hanno prodotto “diversi tipi di lotti vaccinali con sostanze diverse da lotto a lotto, per fare la sperimentazione sulle cavie umane inconsapevoli dei danni più o meno gravi che hanno acquisito con la vaccinazione volontaria o forzata per i ricatti subiti.
– vedi: Segnalazione all’AIFA dei Danni dei Vaccini:
https://www.aifa.gov.it/content/segnalazioni-reazioni-avverse
https://www.altalex.com/documents/news/2022/01/21/danni-da-vaccino-anti-covid-19-chi-risarcisce-e-a-quali-condizioni
https://www.epicentro.iss.it/vaccini/ReazioniAvverse
https://www.altalex.com/documents/news/2021/09/08/indennizzo-per-i-danni-da-vaccinazione-covid-19

P.S. Alcune precisazioni necessarie sui meccanismi sopra descritti:
I Cromosomi e quindi anche lo DNA (doppia spirale o mono spirale nello Rna), sono come abbiamo visto dei meccanismi biologici ricetrasmittenti e risuonanti a qualsiasi frequenza dello spettro elettromagnetico ed anche oltre, il tutto gestito dall’ipofisi e sistema ghiandolare + sistema immunitario, che sono nutriti dalle sostanze che prepara l’intestino per le cellule dei vari tessuti, che è il motore del corpo.
L’apparato ricetrasmittente dei Cromosomi/Dna/Rna, può trasmettere in radiofrequenza, ma anche con frequenze vibratorie (generando nei liquidi del corpo delle micro onde = cimatica), perché quelle a radiofrequenza  non riuscirebbero a superare facilmente la barriera costituita dall’acqua del corpo.
Per trasmettere nell’acqua quindi si debbono usare frequenze vibratorie, a cui corrispondono onde, che hanno maggior capacità di penetrazione nell’acqua salata, anche dei corpi viventi.

Questo apparato biologico ricetrasmittente, semplice ma perfetto, è sempre immerso e galleggiante nei liquidi del corpo e quindi trasmette in e da esso le informazioni necessarie per attivare azioni indispensabili alla Salute o malattia dell’organismo.
Ma per essere aggredito dai sieri genici, deve essere preventivamente alterato nelle sue funzioni con vaccini precendenti, ad esempio quelli pediatrici.

I Cromosomi ed il DNA/Rna sono quindi sempre immersi nell’acqua salmastra del corpo, e comunicano fra di loro e con i vari sistemi, anche e soprattutto attraverso le onde vibratorie a varie frequenze, un esempio esterno: i sottomarini moderni per comunicare fra di loro in acqua, utilizzano onde vibratorie a bassa frequenza,  sotto i 3 kHz (ELF), corrispondenti a lunghezze d’onda superiori ai 100 km.
vedi anche telefono sottomarino:
https://it.wikipedia.org/wiki/Telefono_subacqueo
Si usano in questi ultimi casi, frequenze più basse, a cui corrispondono onde più lunghe, che hanno maggior capacità di penetrazione nell’acqua.
Interessanti sono i rumori, in realtà il linguaggio degli animali marini con i quali comunicano anche fra di loro, specie i delfini con gli altri esseri marini anche di altre specie….).
I Delfini fischiano e schiamazzano e comunque fanno un casino pazzesco. Le balene si sentono anche a lunghe distanze emettendo come un lungo canto molto suggestivo.

Inoltre precisiamo ancora una volta di più, che la membrana cellulare non può permettere di far entrare cosiddetti virus nel suo interno (citoplasma) perché essa è persino impenetrabile ai “Protoni“, che sono particelle sub atomiche.
Solo i segnali emanati sia in radiofrequenza che con onde vibratori per l’acqua oppure a contatto con il meccanismo della Cimatica, le informazioni possono trasmettersi da un punto A ad un punto B del corpo, nel caso qui analizzato l’azione  comprende le tre possibilità, ma specificatamente viene utilizzata il meccanismo della Cimatica.

Ecco la dimostrazione che la membrana cellulare è impermeabile ai virus (tossici), NON naturali, i quali per cercare di comunicare con le cellule utilizzano solo e sempre il meccanismo sopra descritto, che è attivato dalle cellule stesse con la risonanza:

La MEMBRANA CELLULARE  può fungere da barriera persino alle particelle cariche positivamente chiamate protoni.
Il protone è una particella subatomica composta dotata di carica elettrica positiva, formata da due quark up e un quark down uniti dalla interazione forte e detti “di valenza” in quanto ne determinano quasi tutte le caratteristiche fisiche, il suo raggio è inferiore a un femtometro (il femtometro equivale a un milionesimo di miliardesimo di metro) ed essendo 1 Nanometro [nm] = 1 000 000 Femtometro [fm]le sue dimensioni sono 100 000 000 più piccole di una struttura nano-particellare come l’mRNA.

Un esempio è la membrana dei mitocondri,  organuli responsabili della produzione di energia necessaria alla cellula per crescere e riprodursi, proprio come le centrali elettriche artificiali producono energia elettrica utilizzando il flusso di vento o acqua per mettere in rotazione una turbina. Sono costituiti da due membrane: la membrana interna e la membrana esterna; lo spazio fra queste due membrane è detto spazio intermembrana. Lo spazio delimitato dalla membrana interna è detto matrice mitocondriale; la membrana interna si estende nella matrice formando delle pieghe dette creste mitocondriali che contengono molecole cruciali per la produzione di ATP a partire da altre molecole.

Queste reazioni, che nel loro insieme costituiscono il processo di “respirazione cellulare”, comportano il consumo di ossigeno e la produzione di anidride carbonica, hanno luogo nella membrana mitocondriale interna.  Uno dei ruoli chiave di questa di questa membrana è quello di fungere da barriera alle particelle cariche positivamente chiamate protoni, consentendo così di mantenere un gradiente di concentrazione in cui lo spazio intermembrana ha molti protoni rispetto alla matrice.

La catena respiratoria di trasporto degli elettroni è un sistema di complessi proteici localizzati nella membrana mitocondriale interna. Tre di questi complessi sono ossidoreduttasi che pompano protoni, cioè generano un gradiente di protoni attraverso la membrana mitocondriale interna. Si instaura così un gradiente elettrochimico protonico tra i due lati della membrana mitocondriale interna e il flusso inverso di protoni lungo il gradiente serve a pilotare l’attività dell’enzima ATP-sintetasi, che utilizza il gradiente protonico per catalizzare la trasformazione ADP + Pi → ATP e conclude il processo della fosforilazione ossidativa. Gli enzimi della catena respiratoria sono in grado di trasportare un solo elettrone alla volta. Gran parte dell’energia liberata durante il trasporto degli elettroni è utilizzata per sospingere i protoni idrogeno (H+).
Respirazione cellulare – Processo della fosforilazione ossidativa (Fig.)

By Ing. Giuseppe Reda, già ricercatore presso Dipartimento di Chimica UNICAL, membro del Patto Vera Scienza.
Tratto dal suo recente libro.

Infatti:
https://www.gospanews.net/2023/03/24/nanoforme-tossiche-nel-vaccino-pfizer-biontech-studio-esplosivo-in-esposto-della-polizia-pubblicato-dal-biochimico-segalla-in-italia-e-usa/

———————————————————————————————————

Covid19 (Vaccino) distrugge cuori e cervelli di miliardi di persone – By Dott. Sucharit Bhakdi
Il professore di microbiologo e virologo di fama mondiale Sucharit Bhakdi MD ha vinto numerosi premi medici e scientifici e ha più di 300 articoli di ricerca sottoposti a revisione paritaria.
Il dottor Bhakdi è stato uno dei primi medici di alto livello a livello mondiale a mettere in guardia sugli effetti mortali e debilitanti del vaccino CV19. Lui aveva ragione.
Il Dr. Bhakdi dice che ci sono prove che se le iniezioni raggiungono il cuore o il cervello, saranno danneggiate in modo irreparabile.


Il dottor Bhakdi riporta un’autopsia che ha trovato questo e spiega: “In più parti del cervello in questo uomo deceduto, il dottore ha trovato la stessa cosa… Ha trovato le maledette proteine ​​Spike nei più piccoli capillari del cervello…
Non c’è riparazione perché ciò che il dottore ha scoperto è che questi piccoli vasi sono stati attaccati dal sistema immunitario e distrutti. Il dottore ha trovato prove inconfutabili di danni alle cellule cerebrali di cellule morte e morenti’…”

Un professore che è un famoso geriatra (dal greco γέρων, = vecchio, anziano e ἰατρεία = cura) è una disciplina/materia  medica che studia le “malattie” che si somatizzano nell’anziano), così afferma:
“Ho FATTO PARTE del FAMIGERATO CTS, del COVID NON SAPEVAMO NULLA e ABBIAMO VACCINATO alla CIECA, RAGAZZI COMPRESI” (By Prof. Bernabei Roberto)
Il Tutto lo dichiara in diretta nazionale TV, con una faccia da schiaffi e delle grasse risate totalmente fuori luogo ed in dispregio del malati o morti, che hanno prodotto con le loro FALSE dichiarazioni sulla falsa epidemia e falso virus sars-cov2, per la sindrome influenzale spacciata per la covid.
vedi il video nel quale il geriatra fa la sua dichiarazione:
https://twitter.com/SionRomina/status/1587462847449243650

NON solo, ma fa scatenare anche il cancro:
https://toba60.com/e-ufficiale-il-gene-del-cancro-che-moderna-farmaceutica-ha-brevettato-si-trova-nella-proteina-sars-cov2-spike-e-nel-vaccino-del-covid/

Danni al Cervello con i Vaccini : ecco l’articolo scientifico che li dimostra

Le proteine ​​Spike (dette  virus, in realtà tossine proteiche a forma di punta/pungiglioni, su tutta la perifieria della proteina, parola inglese: spàik  s. ingl. (propr. “punta, chiodo”; pl. Spikes, spàiks, usato in ital. al maschile. Nel linguaggio scientifico, termine indicante elementi o fenomeni che richiamano in qualche modo l’immagine di una forma appuntita),  interrompono od alterano l’immunità in milioni di persone dopo  la vaccinazione da COVID.
Le proteine ​​​​dette anche dalle case produttrici “spike”, causano intossicazione essendo proteine NON autologhe, ma estranee al corpo, che generano per reattività immediata lo stato di infiammazione (ASIA = sindrome autoimmune /infiammatoria), disattivano la risposta all’interferone di tipo 1 (proteine che attivano l’attività immunitaria) e riducono l’autofagia (capacità alla respirazione cellulare – vedi sotto AUTOFAGIA) tra le altre cose, il che si aggiunge a un sistema immunitario che viene quindi molto compromesso.
La proteina “spike”, del MAI isolato coronavirus, come tutti gli altri virus Mai isolati (di colore ci dicono, rossa), dopo l’iniezione del siero genico spacciato per “vaccino”, viaggia attraverso il sangue e raggiunge le cellule dalla microcircolazione (e se non le intasa per via che i macrofagi ed i globuli rossi, avendola individuata come corpo estraneo, la fagocitano e questo “cluster” di sostanze che si forma se non viene eliminato, alle volte può generare ischemie, ictus, infarti (morti improvvise) nella microcircolazione a seconda del dove viene a formarsi questo agglomerato di sostanze non “digerite” dai macrofagi quindi non eliminate normalmente attraverso le vie emuntorie; se questa Spike continua il suo percorso arriva alle membrane cellulare e si aggrappa alle pareti di esse, per essere detettata, per mezzo del DNA mitocondriale delle cellule, che analizza o meno la possibilità di farla penetrare nel citoplasma della cellula stessa.
La Spike altera anche la funzione  dell’enzima di conversione dell’angiotensina 2 (di colore ci dicono, blu) e trasmette via risonanza lo mRNA contenuto nella spike ai mitocondri  della cellula.
Numerosi studi hanno dimostrato che la proteina spike SARS-CoV-2 è una proteina altamente intossicante  ed  infiammatoria, in grado di causare qualsiasi patologia nei tessuti degli organi ove arriva, specie cuore e cervello.
La presenza della proteina Spike è stata fortemente collegata, post vaccino, al cosiddetto (log Covid), lunghi sintomi di COVID, cioè al rifare successivamente molte volte l’influenza,  (di qualsiasi tipo) alla quale hanno cambiato nome in Covid19, per spaventare medici e popolazione ignorante, con un supposto virus Sars-cov2 , virus MAI isolato  da nessuno al mondo, secondo i criteri “Gold standard”.
Il numero di lunghi casi di COVID post-vaccino, influenze di tutti i tipi, vengono ripetute dopo il vaccino, è in aumento negli Stati Uniti, ponendosi sempre più come un grave problema sanitario e finanziario, perché le quantità di malati ospedalizzati, milioni di soggetti, hanno enormi costi per la sanità.
Gli studi hanno dimostrato che le proteine ​​spike sono spesso presenti nei pazienti sintomatici, a volte anche mesi dopo le infezioni o le vaccinazioni, ed in futuro gli studi confermeranno che essa rimane per anni, generando in molti casi i danni che non è riuscita a compiere in precedenza.

TUTTI i GUAI della PROTEINA SPIKE –
Un VECCHIO  FARMACO PUÒ BLOCCARNE gli EFFETTI
Oggi, 7 aprile 2021, la rivista Nature pubblica la scoperta di uno scienziato italiano a Londra, il prof. Mauro Giacca di Trieste, il quale ha individuato un farmaco vecchio di 50 anni, il *niclosamide* (usato per infezioni intestinali) per bloccare i *danni della proteina Spike alle nostre cellule.

Infatti, il prof. Giacca ha scoperto che la proteina Spike causa 2 danni:
1) provoca la fusione tra le cellule infettate e quelle vicine (creando cellule anormali, molto grandi che si infettano anche dopo 30-40 giorni).
2) genera un meccanismo nuovo, cioè attiva le piastrine.
Ciò spiega perché il 70% dei malati di influenza /stagionale grave perché malcurata, alla quale hanno cambiato nome in Covid19 per spaventare la popolazione ignorante, sviluppa una trombosi.
Il niclosamide può bloccare questo meccanismo.
DOMANDA
Perché questo scienziato non ha fatto il collegamento con i VACCINI GENETICI a mRna, che obbligano il nostro corpo a creare proprio la “proteina Spike”, responsabile delle trombosi ?
E con il fatto che tanti vaccinati muoiono di trombosi ?

AUTOFAGIA (capacita alla respirazione cellulare) tra le altre cose, il che si aggiunge a un sistema immunitario che viene quindi molto alterato.
La proteina spike del coronavirus (di colore ci dicono, rossa), dopo l’iniezione del siero genico spacciato per vaccino, attraverso il sangue raggiunge le cellule dalla microcircolazione e si aggrappa alle pareti di esse, per essere detettata, per mezzo del DNA mitocondriale che analizza o meno la possibilità di farla penetrare nel citoplasma della cellula stessa. Alterando la funzione  dell’enzima di conversione dell’angiotensina 2 (di colore ci dicono, blu) e trasmette via risonanza lo mRNA contenuto nella spike ai mitocondri  della cellula.
Numerosi studi hanno dimostrato che la proteina spike SARS-CoV-2 è una proteina altamente intossicante  ed  infiammatoria, in grado di causare qualsiasi patologia nei tessuti degli organi ove arriva, specie cuore e cervello.
La presenza della proteina spike è stata fortemente collegata, post vaccino, al cosiddetto (log Covid), lunghi sintomi di COVID, cioè al rifare successivamente molte volte l’influenza,  (di qualsiasi tipo) alla quale hanno cambiato nome in Covid19, per spaventare medici e popolazione ignorante, con un supposto virus Sars-cov2 , virus MAI isolato  da nessuno al mondo, secondo i criteri “Gold standard”.
Consigli per attuare l’AUTOFAGIA
De-Spike” (eliminazione della spike) Naturalmente: approfondimenti sul recupero – By Dr. Paul Marik
“Il cianuro ti uccide rapidamente; la proteina spike ti uccide lentamente. Ecco cosa puoi fare per contrastare i suoi effetti negativi mentre riprendi il massimo della salute lungo la strada”.
“Le proteine ​​spike sono probabilmente uno dei composti più tossici a cui gli esseri umani possono essere esposti”, ha osservato un esperto medico e autore di 500 articoli di riviste peer-reviewed
“E la sua tossicità varia attraverso molteplici percorsi diversi, che stiamo appena iniziando a capire”.
• “provoca una profonda infiammazione”.
• “Attiva la coagulazione”.
• “Provoca autoanticorpi”.
• “Provoca danni all’endotelio dei vasi sanguigni”.
• “E poi ha degli effetti davvero negativi sui geni e su molti dei geni coinvolti nella soppressione del cancro. Quindi ora sappiamo che la proteina spike, e sebbene la gente voglia ignorarla e negarla, in realtà attiva molti percorsi genetici che portano al cancro. Ed è una forma di cancro chiamata “tumore turbo”.
• “porta alla sterilità”.
– Quindi, cosa possiamo fare per affrontare gli effetti dannosi delle proteine spike ? E c’è un modo per sbarazzarsene ?
“Abbiamo un enorme potenziale di autoriparazione – autoguarigione”, ha attestato il dott. Marik. E lo facciamo attraverso un processo evolutivo chiamato autofagia, “che è davvero sorprendente”.

Come attiviamo l’autofagia ?
“Il metodo più potente per attivare l’autofagia è chiamato digiuno intermittente o alimentazione correlata al tempo”, ha riferito il dott. Marik, “c’è questo interruttore biologico che abbiamo, e si chiama interruttore mTOR. E così, ogni volta che mangi, spegni l’autofagia, semplicemente la spegni attraverso il percorso mTOR. E così il glucosio, l’insulina e le proteine cambiano questo processo. Tuttavia, quando si priva la cellula di glucosio e proteine, si attiva l’autofagia e si scompongono le proteine”.

Cos’è il digiuno intermittente? E come fai a farlo?
Il digiuno intermittente è un modello alimentare che alterna periodi di digiuno (non mangiare) e mangiare. Molti di coloro che adottano questo schema alimentare saltano la colazione e cenano, per raccogliere i frutti di un lungo periodo senza mangiare.

“Le persone mangiano tutto il tempo”, si è lamentato il dottor Marik.
“Fanno uno spuntino. Lo spuntino è un fenomeno occidentale. E quel che è peggio, si siederanno davanti alla TV dopo cena. Quindi hanno cenato, poi si siedono davanti alla TV e fanno uno spuntino con cibi trasformati e carboidrati, il che è terribile perché, prima di tutto, non consente mai all’autofagia di accendersi….- guarda il video:

Le stesse case farmaceutiche (Big Pharma), non solo considerano i vaccini ad MRNA una “terapia genica”, ma sono anche consapevoli che la quasi totalità delle persone li avrebbero rifiutati.
E se l’MRNA è una terapia/cura, cosi dicono i produttori, (ma è FALSO) di certo non può essere considerato allo stesso tempo un Vaccino, con la conseguenza che tutta la valenza giuridica su cui si basano obblighi e restrizioni decadrebbe all’istante, anche perché questi pseudo “Vaccini” sono farmaci sperimentali !

Infatti:
Il Dirigente della BAYER, Stefan OELRICH ha dichiarato in pubblico che:
Vaccini a mRNA sono un esempio di terapia genica. Se avessimo fatto un sondaggio 2 anni fa il 95% delle persone avrebbe rifiutato di ricevere una terapia genica” (Ottobre 2021)

Giornalista Michael SPECTER: “Non possiamo passare a dei nuovi vaccini e dire ‘Hey, tutti nel mondo dovrebbero fare questo nuovo vaccino che non abbiamo ancora somministrato a nessuno‘” (Ottobre 2019)

Il Dr. Arne Burkhardt, ha pubblicato le sue ricerche/studi, mostra attraverso delle immagini come la proteina ‘Spike’ vada a depositarsi nell’organo produttore di spermatozoi.
In realtà non possiamo dire con certezza di cosa si tratti, visto che nemmeno il CDC è in possesso di documentazione comprovante il ritrovamento della ‘proteina Spike’ nei tessuti corporei.
Lo studio giapponese sulla biodistribuzione di Pfizer parla per esempio di nanoparticelle lipidiche.
Insomma le case produttrici parlano di queste proteine e gli danni il nome di Spike, ma non tutti sono d’accordo, dimostrando cosi, la solita confusione e le idee poco chiare in questa specie di “ScienzaH”……ufficiale…

La cosa certa invece che tutto ciò ha a che fare con la fertilità, come documentato dal Dr. Hodkinson e anche da Timtruth, che ha analizzato i tassi delle nascite.

Il Dott. Gabriele Segalla, Biochimico Ricercatore Indipendente, Specialista in Chimica delle microemulsioni e dei sistemi colloidali, autore di pubblicazioni scientifiche e detentore di vari brevetti internazionali (orcid.org/0000-0002-5969-3732 ), esamina in questo video alcuni degli aspetti più significativi delle criticità e del potenziale tossicologico di un vaccino a mRNA.
L’intero docu-video è basato sullo studio di G. Segalla recentemente pubblicato in italiano sul Quaderno 02 2022 di Disinfection, “Criticità chimico-fisiche e potenziale tossicologico dei nanomateriali lipidici contenuti in un vaccino a mRNA” scaricabile da: ndmagazine.it/ e sullo studio pubblicato in peer-review sulla rivista americana International Journal of Vaccine Theory, Practice, and Research (IJVTPR), “Chemical-Physical Criticality and Toxicological Potential of Lipid Nanomaterials Contained in a COVID-19mRNA Vaccine”, DOI: doi.org/10.56098/ijvtpr.v3i1.68

Inoltre:
Ecco l’Ossido di grafene combinato e modulato con le frequenze.
Nel video, sotto, si può vedere molto bene cosa può provocare l’ossido di grafene, contenuto nelle “siringhe di vaccinazione Covid19”, controllandolo con le frequenze.

Questo video è stato CENSURATO da Youtube, perché non in linea con il “pensiero unico” di Big Pharma e dei militari…US

Altra Censura di Yutu.be…..

Inoltre:
La proteina Spike, può essere diretta ovunque nel corpo, e c’è tutto, dalla malattia alla “morte improvvisa” = SADS/SIDS.
Ora basta attivare 5 G e tutto andrebbe secondo i piani.
Nulla accade per caso nel settore farmaceutico ed in quello politico
https://t.me/+PcEcUv4wOTRiMDYx

Le frequenze elettromagnetiche provenienti dai dispositivi moderni disturbano la conduzione elettrica del cuore e sono molto pericolose. Video qui:
https://rumble.com/v1hocnx-dr-carrie-madej-the-harmfull-5g-and-emf-radiations.html

Video sulla ricerca della Spike da parte di uno specialista di Big Pharma:
Il funzionamento della proteina spike spiegato bene.
Per scoprire la vera causa delle “morti improvvise” 0 SADS/SIDS….in enorme aumento dopo i Vaccini…..
https://www.facebook.com/watch/?v=1241851243040570

INDAGANDO sull’EFFETTO del CORPO UMANO di PROTEINE ESTRANEE sintetiche tipo SPIKE, virus sintetici tipo Sars o Sars-cov2, presenti nei sieri genici, spacciati per Vaccini per la sindrome influenzale e stagionale alla quale hanno cambiato nome, per generare la paura nella popolazioone ignorante, medici compresi, ecc.

“La MORTE CELLULARE PROGRAMMATA”
“Gli studi compiuti a partire dagli anni Ottanta del 20° sec. hanno rivelato che ogni cellula contiene nel proprio genoma un complesso insieme di istruzioni che, se attivate dall’interno o da segnali provenienti da altre cellule, provvede alla propria autoeliminazione. I biologi hanno chiamato questo processo morte cellulare programmata o, più antropomorficamente, suicidio cellulare. Il termine scientifico che descrive le fasi salienti di questo suicidio è apoptosi (dal greco apóptosis “caduta”)

La cellula rappresenta un microcosmo molto complesso. Al suo interno si possono comunemente trovare decine di migliaia di geni che formano il genoma, il cui componente fondamentale è il lungo filamento di DNA (DeoxyriboNucleic Acid). Poiché ciascun gene fornisce le istruzioni per la sintesi di numerose proteine, ognuna deputata a svolgere una specifica funzione, la somma di geni e proteine talvolta è superiore a centomila.
Disfunzioni nei programmi di apoptosi risultano alla base di varie condizioni patologiche e possono causare tumori, malattie autoimmuni e diffusione delle malattie virali, mentre eccessi di apoptosi sono spesso alla base delle malattie neurodegenerative, dell’AIDS (Acquired Immune Deficiency Syndrome) e delle malattie ischemiche.

Anche dopo la nascita, durante l’intero arco dell’esistenza le cellule di un individuo adulto vanno costantemente incontro a morti fisiologiche che devono essere bilanciate dalla proliferazione cellulare per mantenere l’omeostasi…….i due processi (proliferazione e morte cellulare) devono necessariamente bilanciarsi tra loro in ogni tessuto e in ogni momento della vita dell’individuo, dal momento che un loro squilibrio potrebbe causare una riduzione oppure un aumento del numero di cellule, compromettendo in un caso o nell’altro la funzione del tessuto stesso.
Molte sostanze tossiche, farmaci (tra cui numerosi antitumorali (NdR: e Vaccini), radicali liberi dell’ossigeno e radiazioni ionizzanti che causano danni al DNA o gravi stress al reticolo endoplasmatico o ai mitocondri, qualora il danno indotto superi una certa soglia, possono provocare la morte per apoptosi della cellula colpita che verrebbe così eliminata al fine di impedire la permanenza nell’organismo di cellule potenzialmente in grado di trasformarsi in cellule cancerose.

La morte cellulare programmata si realizza nell’interesse e a vantaggio dell’organismo nel suo insieme e quindi essa non deve, in primo luogo, arrecare danno. L’organismo, durante lo sviluppo e la vita adulta, riesce a sopravvivere a questi episodi di distruzione nonostante grandi e complesse strutture siano demolite per costruirne di nuove. Per questo scopo viene coinvolta una particolare squadra di proteine enzimatiche che, grazie alla specializzazione dei singoli elementi, affronta ogni fase della demolizione in maniera precisa ed efficace.
L’articolo intero è qui
https://www.treccani.it/enciclopedia/morte-cellulare-programmata_%28XXI-Secolo%29/

Qui le conferme dalle riviste scientifiche che la proteina Spike, iniettata anche con i Vaccini per la sindrome Covid,  induce non solo apoptosi, ma anche…:

Dinamica mitocondriale nella microglia umana trattata con proteina Spike SARS-COV2: implicazioni per Neuro-COVID
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8487226/

By E Clough · 2021 · Citato da 20 — I nostri risultati mostrano che la proteina spike SARS-COV2 aumenta i livelli di citochine pro-infiammatorie e la produzione di ROS, aumenta l’apoptosi  …
https://www-ncbi-nlm-nih-gov.translate.goog/pmc/articles/PMC7112600/?_x_tr_sl=auto&_x_tr_tl=it&_x_tr_hl=it
La proteina spike della SARS induce la conversione fenotipica del…

By SF Chiang · 2010 · Citato da 25 — In questo rapporto, abbiamo dimostrato che la proteina spike del virus della SARS potrebbe indurre la conversione fenotipica delle cellule B umane, sia dal sangue periferico che dalle cellule del linfoma B…
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7112600/

La proteina Spike SARS-CoV-2 potrebbe essere responsabile per lunghi.. (long Covid).
https://www-ncbi-nlm-nih-gov.translate.goog/pmc/articles/PMC8757925/?_x_tr_sl=auto&_x_tr_tl=it&_x_tr_hl=it

Le persone affette da long COVID (vaccinate) potrebbero avere ancora la spike nel sangue …
https://www-lescienze-it.translate.goog/news/2022/07/25/news/long_covid_protenie_spike_sangue-9935973/?_x_tr_sl=auto&_x_tr_tl=it&_x_tr_hl=it

By  TC Theoharides · 2022 · Citato da 40 — Utilizzando topi transgenici che esprimono la proteina sigma umana, è stato dimostrato che l’infezione intranasale da SARS-CoV-2 induceva rapidamente …
La proteina Spike SARS-CoV-2 destabilizza i microvascolari …
https://pubmed-ncbi-nlm-nih-gov.translate.goog/34935423/

By R Villa · 2021 — Il vaccino può causare l’infezione da covid-19 ?
Recenti Prog Med. 2021 Mar;112(3):231-232. doi: 10.1701/3565.35466. [Article in Italian] …
https://pubmed-ncbi-nlm-nih-gov.translate.goog/33687365/
https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/33687365/

By SF Dosch · 2009 · Citato da 231 — Abbiamo ipotizzato che la proteina spike (S) possa giocare un ruolo significativo nell’indurre l’attivazione dei monociti e che la via NF-κB sia il mediatore del …
La proteina SARS-CoV-2 Spike distrugge il cuore umano…
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8674568/

By E. Avolio · 2021 · Citato da 63 — È interessante notare che diversi studi hanno messo in discussione il concetto che l’ACE2 sia indispensabile affinché la subunità S1 interagisca con le cellule e induca  …

SARS-CoV-2 guida l’attivazione dell’inflammasoma NLRP3… – Nature
By EA Albornoz · 2022 · Citato da 3 — Questa interazione tra virus e microglia ha indotto direttamente robust … La proteina Spike potrebbe anche innescare l’inflammasoma nella microglia attraverso …
https://www-nature-com.translate.goog/articles/s41380-022-01831-0?error=cookies_not_supported&code=5b4f286a-cb82-4d71-9d64-f01875f34de6&_x_tr_sl=auto&_x_tr_tl=it&_x_tr_hl=it

Esosomi, correzione cinetica ed espressione diretta Come la proteina Spike “insegna” alle cellule T ad attaccare se stesse.
È stato riscontrato che la proteina Spike è attaccata alle membrane cellulari di tutto il corpo. Ciò si verifica sia in caso di infezione naturale, long COVID, sia in caso di somministrazione del vaccino BNT162b.

Circolazione persistente di proteina Spike solubile e legata alle vescicole extracellulari in individui con sequele post-acute di COVID-19

Gli esosomi con la proteina spike della COVID sono indotti dalla vaccinazione con BNT162b2 (Pfizer-BioNTech) prima dello sviluppo di anticorpi

Inoltre, il virus e i vaccini con proteina Spike fanno sì che la Spike venga espressa sulla superficie cellulare. In questo modo, la cellula viene “tempestata” da una proteina estranea che imita le nostre proteine ed è una PROTEINA ESTRANEA (estera), inducendo lo stesso motivo di “attacco”.

Il dottor McCullough lo spiega molto bene:
1) ogni cellula che assume il vaccino esprime la proteina sulla superficie cellulare, dando inizio all’attacco autoimmune;
2) la distribuzione tissutale sembra essere ampia, coinvolgendo organi in cui questo attacco potrebbe essere letale (cuore, cervello, midollo osseo, ecc.);
3) sia il materiale genetico che la proteina Spike sono di lunga durata (da mesi ad anni), abbastanza a lungo da causare una sindrome autoimmune che può essere permanente.

Perché l’organismo attacca se stesso dopo la vaccinazione COVID-19

Tuttavia, ritengo che ci sia un pericolo tremendo in questo. La proteina Spike ha una quantità di mimetismo molecolare con le proteine umane senza precedenti (per me, chiaramente progettato).
Potenziale autoimmunità derivante dal mimetismo molecolare tra spike di SARS-CoV-2 e proteine umane

Mimetismo molecolare tra la glicoproteina dello spike del SARS-CoV-2 e i proteomi dei mammiferi: implicazioni per il vaccino

Il problema è che le cellule T devono identificare rapidamente self e non-self. Il mimetismo molecolare del self STUDIATO SULLE CELLULE IN MODO CHE ATTRATTI LE CELLULE T è una ricetta sicura per il disastro. SPECIALMENTE se le cellule costellate di Spike sono cellule altrimenti sane.
Le vescicole extracellulari, compresi gli esosomi, (i cosiddetti virus endogeni) vengono regolarmente rilasciate dalle cellule allogeniche dopo il trapianto. Le cellule presentanti l’antigene del ricevente (APC) catturano queste vescicole e successivamente visualizzano le molecole MHC del donatore sulla loro superficie. Recenti evidenze suggeriscono che l’attivazione di cellule T alloreattive da parte delle cosiddette APC cross-dressed svolge un ruolo importante nell’avviare la risposta alloreattiva associata al rigetto dell’allotrapianto. D’altra parte, non è ancora chiaro se gli esosomi allogenici possano legarsi da soli alle cellule T e attivarle. In questo studio abbiamo dimostrato che gli esosomi allogenici possono legarsi alle cellule T ma non le stimolano in vitro, a meno che non siano coltivati con APC. D’altra parte, gli esosomi allogenici attivano le cellule T in vivo e sensibilizzano i topi agli alloantigeni, ma solo se somministrati in un ambiente infiammatorio.
Antigenicità delle cellule T e immunogenicità degli esosomi allogenici
Spero che il problema sia chiaro.
Questo è il motivo per cui la MALATTIA AUTOIMMUNE INDOTTA dalla PROTEINA SPIKE RISPONDE COSI’ VICINAMENTE alla MALATTIA GRAFT VS HOST (malattia autoimmune derivante da reazione contro l’ospite introdotto nel corpo, in questo caso la proteina Spike)
Continuerò a lavorare e a cercare altri modi per trattare questa condizione. Chiaramente. Molto, molto chiaramente, l’applicazione di Spike alle cellule è straordinariamente pericolosa. Da qualsiasi fonte.
By Walter M Chesnut: https://substack.com/profile/79603717-walter-m-chesnut
Tratto da:  vocidallastrada.it

Il picco di SARS-CoV-2 compromette la riparazione dei danni al DNA e … – MDPI
https://www-mdpi-com.translate.goog/1999-4915/13/10/2056?_x_tr_sl=auto&_x_tr_tl=it&_x_tr_hl=it

“Finalmente” le case farmaceutiche aiutano gli infartuati da vaccini sieri sperimentali, prima li ammalano, poi propongono la cura….tutto per mantenere ed aumentare il mercato dei malati:

MODERNA spa: Per tentare di Curare i malati (infartuati) che hanno creato con i sieri, spacciati per “Vaccini”, inietteranno altro mRNA nell’organo Cuore delle persone ammalate dai sieri/ Vaccini.
Il CEO di MODERNA (azienda di Bill Gates), Stephane Bancel, cosi si è espresso  in pubblico, affermando:  “sono molto eccitato per la nuova sperimentazione, che la nostra azienda sta conducendo,  iniettiamo mRna nel cuore delle persone che hanno subito un infarto, è  come fantascienza, è molto eccitante per me….”.
Questo è il comportamento delle  SPIETATE MULTINAZIONALI FARMACEUTICHE  che hanno piena consapevolezza di quali e quanti DANNI hanno ed avrebbero provocato/causato con le inoculazioni di massa dei loro sieri genetici sperimentali, spacciati per “Vaccini”.
Questo GRAVE CRIMINE, permetterà loro di guadagnare centinaia di miliardi ($), oltre con quelli già guadagnati con quei “Vaccini” TOSSICI, ma anche altri miliardi di dollari con la loro nuova “cura” dei malati che loro stessi hanno provocato con i loro tossici sieri.
Non è un caso che gli infarti siano aumentati drammaticamente proprio ed a causa dei loro pseudo “Vaccini” sperimentali, e che loro ora vogliano lucrare sulla pelle dei purtroppo già vaccinati e pieni di reazioni avverse…..che aumenteranno nel tempo, salvo le “morti improvvise”, che anch’esse stanno aumentando vertiginosamente in tutti i paesi del mondo, provocate con questi sieri sperimentali TOSSICI.
Inoltre le case farmaceutiche dopo aver ammalato ed ucciso milioni di persone, in particolare la società di Bill Gates, “MODERNA”, inietterà nel cuore di pazienti che ha creato essa stessa, oltre al mRna (Spike), altro “ossido di grafene” (vedi qui sopra il video che lo spiega), per continuare nel tempo i suoi esperimenti sulla pelle della popolazione.

Ma l’ossido di grafene è una delle varie sostanze oltre alle altre tossiche presenti nei Vaccini tipo adiuvanti, ma e soprattutto lo mRna sotto forma delle proteine lipidiche “Spike”, inserite a milioni con ogni Vaccino, la quale obbliga assieme agli adiuvanti, l’organismo ad attivare le difese immunitarie per quelle sostanze estranee, per mezzo dei macrofagi ed altre cellule immunitarie, le quali quale compito hanno quella di agglutinare le sostanze tossiche per digerirle ed eliminarle successivamente dagli organi emuntori, ma quando la quantità delle tossiche e delle proteine Spike, diviene quantitativamente oltre al tollerabilità del sistema immunitario, l’agglomeramento di queste sostanze tossiche e particolarmente la  Spike, agglutinata con ed assieme ai macrofagi e le cellule immunitarie, formano dei filformano formazioni /filamenti “fibrinoamiloidi“, in cui “la proteina amiloide si associa alla fibrina per catturare le tossine e forma queste strutture” le quali, aumentando di grandezza, vanno ad ostruire la micro e macro circolazione generando trombi, ischemie e molto altro.

A conferma vi sono tanti studi pubblicati che dimostrano la presenza di questi agglomerati nella circolazione sanguigna, sfilate dalle arterie o vene nelle autopsie e ciò in diverse nazioni del mondo.

Il dr. SCOGLIO si CONFRONTA con la teoria dell’Ossido di Grafene
Vedi qui: Grafene ed Ossido di Grafene nei VACCINI ?

Visionate il video di questo link…
Relazione di un Parlamentare alla UE
https://rumble.com/v1nn3ma-mislav-kolakusic-del-parlamento-europeo-vaccini-scandalo-corruzione-mondial.html

Il Dr. Bridle rivendica la confessione del Direttore scientifico di Moderna: “la proteina Spike genera un danno diretto al cuore” – Sett 2022
Il Dottor Byram W. Bridle, Professore Associato di Immunologia nel Dipartimento di Patobiologia dell’Università di Guelph (Canada) in un articolo pubblicato nei giorni scorsi, lunedì 19 settembre, sul blog “Viral Immunologist” rivendica un’importante confessione del Direttore scientifico di Moderna, Paul Burton.

Scrive il Dr. Bridle:“Nel maggio 2021 sono stato intervistato in un programma radiofonico.
Mi è stato chiesto se pensavo che i casi di miocardite diagnosticati in giovani uomini poco dopo aver ricevuto il “vaccino” COVID-19 a base di mRNA di Moderna potessero essere collegati al vaccino. Ho detto di sì e poi ho iniziato a parlare delle basi scientifiche delle mie preoccupazioni.
Nel tempo assegnato per questa intervista, ho potuto descrivere solo uno dei numerosi potenziali meccanismi d’azione che potrebbero spiegare i danni causati all’organismo dai vaccini mRNA. Inoltre, ho potuto presentare solo una piccola parte della base scientifica delle mie preoccupazioni. Pertanto, ho pubblicato tutti questi dettagli in una Guida per i genitori alla vaccinazione contro il COVID-19 .
Non sono a conoscenza di critiche tra coloro hanno letto la guida che ho scritto per i genitori. Tutti sembrano aver fatto supposizioni basate sul mio messaggio destinato a un pubblico non medico.

La mia vita, da allora, è esplosa in una tempesta di molestie, accuse e censura.
Uno dei tanti esempi di articoli che affermano che non sapevo di cosa stessi parlando, è questo di Reuters : Fact Check-Nessuna evidenza le proteine ​​spike dei vaccini COVID-19 sono tossiche .
Una lettera aperta è stata scritta da un gran numero di miei colleghi dell’Università di Guelph, nessuno dei quali è vaccinologo. Tutti loro mi hanno accusato di diffondere disinformazione.
La censura che io e molti altri professionisti abbiamo subito è stata quasi opprimente e mi sono sentito in dovere di far sapere al pubblico quanto sia pericoloso per gli esperti onesti essere messi a tacere quando hanno preoccupazioni autentiche. I miei commenti iniziano verso il minuto 9:15 di questo video .
La mia carriera ha subito quello che probabilmente sarà un danno irreparabile. Non sono ancora autorizzato ad accedere al mio ufficio o al mio laboratorio, ma sono tenuto a continuare a lavorare come membro di facoltà ad alta intensità di ricerca dal seminterrato di casa mia.
Quindi, ho provato emozioni contrastanti quando un amico di recente mi ha inviato un messaggio di testo indicandomi un’intervista strabiliante…
Un giornalista senior di Yahoo Finance ha pubblicato un articolo il 7 giugno 2022. Ecco una citazione molto importante tratta direttamente dall’articolo 

Il direttore medico di Moderna, il dottor Paul Burton , in un’intervista esclusiva martedì con Yahoo Finance, ha affermato che il rischio di miocardite potrebbe avere a che fare con un’interazione della proteina spike – che svolge un ruolo alla base di tutti i vaccini Covid – e il muscolo cardiaco .
Sappiamo molto di più sulla miocardite oggi rispetto a un anno fa. Credo che sia la proteina spike … che causa un piccolo danno diretto al cuore, o che vengano prodotti anticorpi che reagiscono con le cellule del cuore “, ha detto Burton.

Moderna sa molto di più sulla miocardite causata dal loro “vaccino” COVID-19 perchè lo ha sperimentato per un anno nel contesto di un lancio globale.

In qualità di immunologo virale con una profonda esperienza in vaccinologia, sono stato in grado di prevedere questi meccanismi sulla base di una serie limitata di dati preclinici che erano disponibili quasi un anno e mezzo fa. È possibile seguire la scienza e vedere dove porterà.

Ogni agenzia di regolamentazione sanitaria dovrebbe avere immunologi con esperienza in vaccinologia e metodologie di ricerca preclinica. Se l’avessero fatto, sarebbero stati in grado di prevedere questo problema ben prima del lancio del vaccino al pubblico. Avevano in mano i dati necessari. Al contrario, ho dovuto scavare in profondità per ottenerlo.

La letteratura scientifica sottoposta a revisione paritaria sta anche iniziando a confermare che la proteina spike codificata dai vaccini mRNA raggiunge siti inaspettati e indesiderati nel corpo, come il cuore, dove provoca miocardite ed è più grave e di lunga durata di quella che sono chiamati scopi narrativi “narrative purports”.

In breve, i probabili meccanismi della miocardite indotta dal vaccino COVID-19 includono:
– I vaccini mRNA che colpiscono il cuore dove programmano le cellule per produrre ed esprimere la proteina spike, rendendo così le cellule bersaglio per anticorpi e cellule T specifiche per spike.

– Alcune proteine ​​spike che possono entrare in circolazione e causare danni diretti alle cellule del cuore quando si legano al recettore ACE-2.

Ho scoperto che dire la verità su una connessione tra vaccini mRNA e miocardite e dare opinioni sui possibili meccanismi d’azione non era generalmente accolto bene un anno e mezzo fa.
Mi chiedo se gli oppositori ascolteranno i produttori di “vaccini” COVID-19 mentre ora confermano questo messaggio di un anno e mezzo fa”.
Tratto da:
https://dituttoedipiu.altervista.org/il-dr-bridle-rivendica-la-confessione-del-direttore-scientifico-di-moderna-la-proteina-spike-genera-un-danno-diretto-al-cuore/
Fonti:
https://thecountersignal.com/dr-bridle-vindicated-after-moderna-cmos-confession/
https://viralimmunologist.substack.com/p/modernas-cmo-believes-spikes-from?r=17dozq&s=r&utm_campaign=post&utm_medium=email

————————————————————————————————–

INFARTI, miocarditi, ictus, dai Vaccini
da Anni 2020-2022: 1429 arresti cardiaci di atleti, problemi gravi, 975 dei quali morti, dall’iniezione COVID

Non è assolutamente normale che così tanti atleti principalmente giovani soffrano di arresti cardiaci o muoiano mentre praticano il loro sport, ma quest’anno sta accadendo. Molti di questi problemi cardiaci e decessi arrivano poco dopo aver ricevuto un vaccino COVID. Mentre è possibile che questo possa accadere a persone che non hanno ricevuto un vaccino COVID, i numeri indicano chiaramente l’unica causa ovvia.
https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/17143117/

Note importanti: Il numero di morti è incluso nel numero totale. Ci sono anche dozzine di rapporti che non sono inclusi nel numero totale mostrato nel titolo perché non sono o potrebbero non essere correlati al vaccino.
I cosiddetti professionisti della salute che gestiscono i programmi di vaccino COVID in tutto il mondo continuano a ripetere che “il vaccino COVID è un vaccino normale ed è sicuro ed efficace“.
vedi: Danni dei Vaccini

In risposta alla loro dichiarazione, ecco un elenco non esaustivo e in continua crescita di atleti principalmente giovani che hanno avuto gravi problemi medici nel 2021/2022 dopo aver ricevuto uno o più vaccini COVID. Inizialmente, molti di questi non sono stati segnalati. Sappiamo che a molte persone è stato detto di non dire a nessuno delle loro reazioni avverse e i media non le hanno riportate. Hanno iniziato a succedere e ad aumentare dopo le prime vaccinazioni COVID. I media mainstream non stanno ancora riportando la maggior parte, ma le notizie sportive non possono ignorare il fatto che i giocatori di calcio e altre stelle collassano nel bel mezzo di una partita a causa di un improvviso arresto cardiaco. Molti di questi muoiono, più del 50%.

Notiamo anche che molti post su Facebook, Instagram, Twitter, forum e notizie vengono rimossi. Quindi ora stiamo ricevendo alcuni messaggi che dicono che non ci sono prove dell’evento o dello stato di vaccinazione. Ciò è in parte dovuto al fatto che queste informazioni vengono nascoste.

Sempre più persone ci scrivono per dirci che in molti casi non abbiamo menzionato lo stato vaccinale di una persona. C’è una buona ragione per questo. Nessuno dei club vuole rivelare queste informazioni. Nessuno dei loro sponsor vuole rivelarlo. Ai giocatori è stato detto di non rivelarlo. La maggior parte dei loro parenti non ne parlerà. Nessuno dei media si pone questa domanda. Che fare, dunque? Smetti di farlo ora? No, raccoglieremo quante più informazioni possibili, finché sono ancora disponibili, perché alla fine ne usciranno altre, e saremo qui per metterle insieme. Significherà qualcosa? Non lo sappiamo. Quello che sappiamo è che c’è uno sforzo concertato a livello mondiale per far sparire queste informazioni, quindi questo fatto da solo ci dice che devono essere raccolte, studiate e salvate in modo che altri ricercatori possano guardarle per vedere se ci sono modelli utili.
Abbiamo sostituito circa una dozzina di occorrenze della parola “shot” con “injection/vaccins” perché la traduzione in altre lingue è migliorata, su consiglio di un lettore.

Apprezziamo molto gli atleti nominati in questa lista (o le loro famiglie) che hanno confermato ciò che è accaduto loro in modo che la verità possa essere conosciuta. Si preoccupano dei loro compagni atleti, anche se i club, i loro sponsor, i media, i politici e i cosiddetti professionisti della salute non lo fanno.
Contenuti nella lista sono molti atleti professionisti e atleti amatoriali di alto livello. Non sarebbe sensato cercare di segnalare la morte di ogni persona sul pianeta, quindi abbiamo selezionato una categoria di persone che dovrebbero essere abbastanza in forma per condurre una vita lunga e sana. Ciò significa che a condizione che una persona sia ragionevolmente in forma, sana e faccia qualche attività atletica, piuttosto che una “patata da divano” inadatta, allora può essere inclusa in questo elenco. Inutile dire che queste sono solo le persone che ci hanno riferito dai lettori o che abbiamo scoperto durante la ricerca.

Ci sono molti paesi o stati con grandi popolazioni, che non hanno quasi nessun rapporto nella nostra lista. Ciò probabilmente significa che gli eventi non ci vengono riferiti. È probabile che i numeri reali di morti e feriti siano molto più alti di quelli che elenchiamo qui.
Dati dell’anno precedente
Dal 1966 al 2004 il Comitato olimpico internazionale di Losanna, in Svizzera, ha studiato i documenti delle banche dati internazionali. Questi documenti indicano 1.101 morti improvvise in atleti sotto i 35 anni di età, una media di 29 atleti all’anno, gli sport con la più alta incidenza sono il calcio e il basket.
–  Morte cardiaca improvvisa negli atleti: le raccomandazioni di Losanna – PubMed (nih.gov)
Screening cardiovascolare pre-partecipazione di giovani atleti agonisti per la prevenzione della morte improvvisa: proposta di protocollo comune europeo. Dichiarazione di consenso del gruppo di studio di cardiologia sportiva del gruppo di lavoro di riabilitazione cardiaca e fisiologia dell’esercizio e del gruppo di lavoro di malattie miocardiche e pericardiche della Società europea di cardiologia – PubMed (nih.gov)
Articoli simili per PMID: 17143117 – Risultati della ricerca – PubMed (nih.gov) = 111 studi pubblicati su PubMed
Uno studio di Maron:
https://www.ahajournals.org/doi/10.1161/CIRCULATIONAHA.108.804617 sulla morte improvvisa negli atleti statunitensi, dal 1980 al 2006 in trentotto sport ha identificato 1.866 decessi di atleti con malattie cardiache, con una prevalenza di cardiomiopatia ipertrofica.
Dal 2005 al 2006 ha registrato una media di sessantasei (66) decessi all’anno, con l’82% di quelli che si verificano durante la competizione o l’allenamento.
Grazie ai lettori investigatori per aver scoperto questi rapporti e questa storia in spagnolo: Momento Deportivo
Nel 2021 e nel 2022 finora, la malattia cardiaca non è stata menzionata, neppure in Italia da parte dell’Istat, dell’ISS e del Ministero della “salute”…chissà perché ??
Continua QUI: 1429 arresti cardiaci di atleti, problemi gravi, 975 dei quali morti, dall’iniezione COVID – Real Science (goodsciencing.com)

————————————————————————————————–

Ringrazio Francesco C., studente di ingegneria di Padova, per avermi fatto avere in originale questi documenti interessanti.
In pratica ha chiesto ufficialmente (FOIA) gli studi che dimostrino l’isolamento e/o purificazione del Sars-CoV-2 e del Monkeypox virus, al European Centre for Disease Prevention and Control (ECDC) e al Ministero della Salute.
Le risposte sono a dir poco illuminanti !

EDCD: “il centro non possiede nessun documento circa l’isolamento e/o purificazione del Monkeypox virus, né ha prodotto immagini microscopiche del virus“. Idem per il SarsCoV-2.
Il Ministero glissa e scarica i barili…
https://t.me/marcellopamio

Ecco cosa sono le pubblicazioni dette “scientifiche”
Ritirati 300 articoli dal 2020 fino ad oggi aprile 2023, che parlavano del virus covid19 ma che avevano standard NON etici.
Più di 300 articoli di ricerca sono stati ritirati da riviste scientifiche a causa di standard etici compromessi e di dubbi sulla validità scientifica delle pubblicazioni.
Retraction Watch ha monitorato le ritrattazioni e i ritiri di articoli sul covd-19 come parte del suo database e mantiene un elenco riepilogativo  che viene aggiornato in base alle esigenze. “Per un contesto su questi dati, si veda vedere  QUESTO post e l’ultima sezione di questo articolo di  Nature“, ha dichiarato Retraction Watch.
L’elenco, che è in crescita dall’aprile 2020, non distingue tra ritiro e ritrattazione perché le riviste che hanno fatto questa distinzione “lo hanno fatto in genere per giustificare il fatto che non si dica nulla sul motivo per cui un articolo è stato ritrattato, e per far sì che a volte un articolo scompaia senza lasciare traccia”. Finora l’elenco contiene 330 articoli ritrattati e 19 espressioni di preoccupazione.
Secondo il ricercatore senior Gunnveig Grødeland dell’Istituto di Immunologia dell’Università di Oslo, durante la pandemia i ricercatori sono scesi a compromessi sugli standard etici e hanno cercato di far approvare un maggior numero di pubblicazioni o di prendere scorciatoie etiche.

——————————————————————————————————–

INIBITORI e “NEUTRALIZZATORI” della  PROTEINA nella SPINA (Siero/vaccino)

Un gruppo di medici e naturopati internazionali con esperienza nell’aiutare le persone a riprendersi da COVID-19 e malattie post-iniezione hanno trovato il modo di ridurre naturalmente il carico di picco di proteine ​​spike del tuo corpo. I seguenti agenti inibiscono il legame della proteina spike alle cellule umane:
– Prunella vulgaris (Prunella minor)
– tè agli aghi di pino
– Emodin
– neem
– estratto di foglie di tarassaco
– Ivermectina

 I ricercatori hanno anche elencato i neutralizzatori della proteina spike, che impediscono alla proteina spike di causare ulteriori danni alle cellule:
– N-acetilcisteina (NAC)
– Glutatione
– tè di finocchio
– tè all’anice stellato
– tè agli aghi di pino
– le erbe di Giovanni
– foglie di consolida maggiore
– Vitamina C
I prodotti botanici sopra elencati contengono acido shikimico, che può contrastare la formazione di coaguli di sangue e ridurre alcuni degli effetti tossici della proteina spike. La nattokinasi, una forma di semi di soia fermentati, può anche aiutare a ridurre i coaguli di sangue.
https://causalis.net/wie-mandas-spike-protein-nach-infektion-oder-impfung-ausleiten-kann/
tutto ciò assieme al Protocollo della Medicina Naturale

Qui il referto di un paziente con danni avversi da vaccino e tre vaccinazioni fatte.
Ha seguito scrupolosamente il protocollo scientifico per l’eliminazione della Spike e sta bene.
Da pubblicazioni scientifiche solide si evidenzia che la Glicoproteina Spike si elimina facilmente e in breve periodo basta assumere regolarmente per almeno 45/50 giorni, BROMELINA 600 mg e ACETILCISTEINA 600 mg .

Il paziente l’ha fatto e la Spike non c’è più, tutto documentato come vedete QUI:

Poi si passa alla fase di rigenerazione prima mitocondriale, poi neurologica, sulle piccole e grandi fibre…Brain Fog ed altri danni che la Spike ha fatto.

L’Acetil Cisteina e Bromelina per avere un effetto prolungato nelle 24 ore vanno assunte assolutamente a digiuno 300 mg di Acetilcisteina e Bromelina a metà mattina e metà pomeriggio

Poi fate l’esame specifico. Pare che l’unico Istituto che lo fa, è lo IMBIO del Prof Mauro Mantovani di Milano

—————————————————————————————————

“England Study Confirms 100 Myocarditis Deaths After COVID Shots”
STUDIO INGLESE CONFERMA
100 MORTI per MIOCARDITE DOPO le INIEZIONI dei sieri spacciati per VACCINI per la COVID19

“Nel più grande studio condotto fino ad oggi sulle morti per miocardite legate alla vaccinazione contro il COVID-19, i ricercatori hanno scoperto che in Inghilterra sono morte 100 persone di miocardite subito dopo aver ricevuto un vaccino contro il COVID-19.

Lo studio, pubblicato il 22 agosto sulla rivista Circulation dell’American Heart Association, ha rilevato che più della metà dei decessi (cioè 51), si è verificata entro 28 giorni dopo aver ricevuto una dose del vaccino AstraZeneca e poco meno della metà dei decessi (cioè 49) si è verificata entro 28 giorni dopo una dose del vaccino Pfizer-BioNTech.”

“Ricerche precedenti hanno sottolineato il rischio di miocardite fatale associata alla tecnologia mRNA utilizzata nei vaccini Pfizer e Moderna per il COVID-19.”

“COME È STATO CONDOTTO LO STUDIO
Il team di 14 ricercatori […] ha analizzato i dati di persone di età pari o superiore a 13 anni che sono state vaccinate contro il COVID-19 in Inghilterra tra l’1 dicembre 2020 e il 15 dicembre 2021. Gli autori hanno valutato l’associazione tra vaccinazione e miocardite per diversi gruppi d’età e sesso, monitorando i ricoveri ospedalieri e le morti per miocardite […] in relazione a quante dosi di vaccino ha ricevuto la persona.”

“In Inghilterra i tre vaccini COVID-19 somministrati in quel momento erano Pfizer, Moderna e AstraZeneca. Circa 20 milioni di persone hanno ricevuto il vaccino AstraZeneca, 20 milioni Pfizer e poco più di 1 milione Moderna. Nel periodo dello studio, 345 persone sono state ricoverate in ospedale per miocardite entro 28 giorni dalla ricezione del vaccino contro il COVID-19, hanno affermato gli autori.
– Tra i ricoverati in ospedale per miocardite che avevano recentemente ricevuto il vaccino AstraZeneca, i ricercatori hanno contato 40 decessi per miocardite da 1 a 28 giorni dopo la prima dose e 11 decessi per miocardite da 1 a 28 giorni dopo la seconda dose.
– Per coloro che hanno ricevuto il vaccino Pfizer, 22 persone sono morte di miocardite entro 28 giorni dalla somministrazione della prima dose, […] 14 entro 28 giorni dalla seconda dose e 13 entro 28 giorni dalla somministrazione della terza dose.
– I ricercatori non hanno riportato casi di miocardite fatale tra coloro che avevano recentemente ricevuto il vaccino Moderna.”

Tuttavia, quando hanno utilizzato metodi statistici per stimare il “tasso d’incidenza” per descrivere la frequenza con cui le persone hanno riportato una miocardite dopo la vaccinazione, hanno riscontrato un aumento dell’indice di rischio […] in seguito a tutti e tre i tipi di vaccino, specialmente dopo una seconda dose del vaccino Moderna. Dopo una seconda dose del vaccino Moderna, hanno affermato, l’indice di rischio era aumentato a 11,76.”

“Dopo la prima dose del vaccino Pfizer, l’indice di rischio è aumentato per gli uomini sotto i 40 anni a 1,85. È aumentato a 1,93 dopo la seconda dose ed era 1,89 dopo la terza dose. Allo stesso modo, i ricercatori hanno riportato un elevato incremento dell’indice di rischio a 3,06 dopo la prima dose del vaccino Moderna per gli uomini sotto i 40 anni. Il rischio è salito a 16,83 dopo la seconda dose. Dopo una terza dose l’indice di rischio era aumentato a 3,57.”
https://cardioinfo.it/speciale/covid-19/nuovi-dati-sul-rischio-di-miocardite-dopo-un-vaccino-contro-covid-19/
https://cardioinfo.it/speciale/covid-19/covid-19-e-salute-cardiovascolare-a-lungo-termine-unanalisi-dello-studio-su-nature-medicine/
https://cardioinfo.it/speciale/covid-19/vaccino-pfizer-biontech-e-rischio-di-miocardite-nei-giovani-nuove-evidenze/
Vedi anche:
https://jamanetwork.com/journals/jamacardiology/fullarticle/2791253#editorial-comment-tab

————————————————————————————————-

Le telecamere di sicurezza rivelano persone vaccinate contro il COVID-19 che soffrono di strane allucinazioni prima di crollare…nella “morte improvvisa”….
https://t.me/healthimpact/794

Sangue contaminato:
i ricercatori italiani esaminano il sangue di oltre 1000 persone dopo i vaccini a mRNA Pfizer o Moderna e trovano il 94% di contaminazione
https://healthimpactnews.com/2022/contaminated-blood-italian-researchers-examine-blood-of-over-1000-people-after-pfizer-or-moderna-mrna-vaccines-and-find-94-contaminated/

Analisi microscopica in campo oscuro sul sangue di 1.006 persone sintomatiche dopo iniezioni di mRNA anti-COVID da Pfizer / BioNtech o Moderna

By Riccardo Benzi Cipelli, MD, DDS, Franco Giovannini, MD, e Gianpaolo Pisano, MD, OHNS (Giornale internazionale di teoria, pratica e ricerca sui vaccini)

Estratto
L’uso dell’analisi microscopica in campo scuro del sangue periferico fresco su un vetrino era un tempo diffuso in medicina, consentendo una prima e immediata valutazione dello stato di salute delle componenti corpuscolari del sangue. Nel presente studio abbiamo analizzato con un microscopio ottico a campo scuro la caduta di sangue periferico da 1.006 soggetti sintomatici dopo inoculazione con iniezione di mRNA (Pfizer/BioNTech o Moderna), a partire da marzo 2021.

C’erano 948 soggetti (il 94% del campione totale) il cui sangue mostrava aggregazione di eritrociti e la presenza di particelle di varie forme e dimensioni di origine non chiara un mese dopo l’inoculazione dell’mRNA. In 12 soggetti, il sangue è stato esaminato con lo stesso metodo prima della vaccinazione, mostrando una distribuzione ematologica perfettamente normale. Le alterazioni riscontrate dopo l’inoculazione delle iniezioni di mRNA rafforzano ulteriormente il sospetto che le modifiche fossero dovute ai cosiddetti “vaccini” stessi.

Riportiamo 4 casi clinici, scelti come rappresentativi dell’intera serie di casi. Sono necessari ulteriori studi per definire l’esatta natura delle particelle presenti nel sangue e per identificare possibili soluzioni ai problemi che evidentemente stanno causando.
Testo completo della ricerca
https://ijvtpr.com/index.php/IJVTPR/article/view/47/95

Conclusione:
La Spike o come la si voglia chiamare, è un  brevetto militare segretato, cioè una sostanza a Rna SINTETICA ingegnerizzata, preparata al computer nei laboratori militari e ceduta a Big Pharma per la commercializzazione, cioè un’arma biologica con la quale, attravero i vaccini inoculati per la FALSA sindrome Covid19, sono state iniettate nella popolazione mondiale dei sieri genici Tossici spacciati per Vaccini, Spike compresa che hanno  danneggiato la popolazione mondiale nella percentuale dell’75% del totale degli abitanti sulla Terra.
E’ sicuramente la  più colossale FALSIFICAZIONE sanitaria CRIMINALE attuata  contro l’umanità ed i danni prodotti sono ormai evidenti: ammalamenti di qualsiasi problema e tantissime ed in aumento “morti improvvise” fra la popolazone anche sportiva, senza contare quelli che si ammaleranno di cancro o moriranno di “morte improvvis” in futuro, i gravi danni derivanti alla salute, non sono paragonabili a quelli delle influenze stagionali, che purtroppo ed intenzionalmente, con questa vaccinazione per la presunta epidemia detta Covid19, si è creata la cronicizzazione degli ammalamenti e le malattie da esse derivate.

Però fate ATTENZIONE perché alle volte gli operatori che utilizzano il microscopio in campo oscuro, non sanno interpretare bene, ciò che vedono nel sangue:
https://telegra.ph/Il-sangue-non-mente-mai-attenzione-agli-inventori-di-diagnosi-e-ai-falsi-profeti-03-14

21 studi scientifici sulla “MioPericardite” dopo il presunto Vaccino, in realtà siero genico, per la FALSA sindrome covid 19, che è una normale influenza stagionale, alla quale hanno cambiato nome, per spaventare la popolazione ignorante, medici compresi.

1 – Miopericardite dopo vaccinazione con COVID-19 mRNA negli adolescenti dai 12 ai 18 anni: https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0022347621007368
2 – Informazioni importanti sulla miopericardite dopo la vaccinazione con Pfizer COVID-19 mRNA negli adolescenti: https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0022347621007496
3 – Miopericardite dopo vaccinazione Pfizer mRNA COVID-19 negli adolescenti: https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S002234762100665X
4 – Approfondimenti da un modello murino di miopericardite indotta dal vaccino contro l’mRNA COVID-19: l’iniezione endovenosa accidentale di un vaccino può indurre miopericardite: https://academic.oup.com/cid/advance-articolo / doi / 10.1093 / cid / ciab741 / 6359059
5 – Miocardite acuta dopo somministrazione del vaccino BNT162b2 contro COVID19:  https://www.sciencedirect.com/science/article/abs/pii/S188558572100133X
6 – Approfondimenti di un modello murino di miopericardite indotta dal vaccino contro l’mRNA COVID-19: l’iniezione endovenosa accidentale di un vaccino può indurre miopericardite: https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/34453510/
7 – L’iniezione endovenosa di malattia da coronavirus 2019 ( COVID-19 ) il vaccino contro l’mRNA può indurre miopericardite acuta in un modello murino: https://t.co/j0IEM8cMXI
8 – Miopericardite in un maschio adolescente precedentemente sano dopo vaccinazione COVID-19: Caso clinico: https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/34133825/
9 – Vaccinazione di MRNA COVID-19 e sviluppo di miopericardite confermata dalla CMR: https://www.medrxiv.org/content/10.1101/2021.09.13.21262182v1.full?s=09
10 – Rapporto di un caso di miopericardite dopo vaccinazione con BNT162b2 COVID-19 mRNA in un giovane maschio coreano: https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/34636504/
11 – Miopericardite acuta dopo il vaccino COVID-19 negli adolescenti: https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/34589238/
12 – Nygaard, U., Holm, M., Bohnstedt, C., Chai, Q., Schmidt, L. S., Hartling, U. B., . . . Stensballe, L. G. ( 2022 ). Incidenza della miopericardite basata sulla popolazione dopo vaccinazione COVID-19 negli adolescenti danesi. Pediatr Infect Dis J, 41 ( 1 ), e25-e28.doi: 10.1097 / INF.0000000000003389,  https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/34889875
13 – Miopericardite dopo il vaccino contro la malattia da coronavirus coronavirus dell’acido ribonucleico messaggero Pfizer negli adolescenti: https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/34228985/
14 – Schauer, J., Buddhe, S., Colyer, J., Sagiv, E., Law, Y., Mallenahalli Chikkabyrappa, S., & Portman, M. UN. ( 2021 ). Miopericardite Dopo il vaccino contro la malattia da coronavirus dell’acido ribonucleico del messaggero Pfizer negli adolescenti. J Pediatr, 238, 317-320.doi: 10.1016 / j.jpeds.2021.06.083, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/34228985
15 – Kohli, U., Desai, L., Chowdhury, D., Harahsheh, A. S., Yonts, A. B., Ansong, A., . . . Ang, J. Y. ( 2021 ). MRNA Coronavirus-19 Miopericardite associata al vaccino negli adolescenti: uno studio di indagine. J Pediatr. doi: 10.1016 / j.jpeds.2021.12.025, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/34952008
16 – Miopericardite in un maschio adolescente precedentemente sano dopo vaccinazione COVID-19: Caso clinico: https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/34133825/
17 – McLean, K., & Johnson, T. J. ( 2021 ). Miopericardite in un maschio adolescente precedentemente sano dopo vaccinazione COVID-19: un caso clinico. Acad Emerg Med, 28 ( 8 ), 918-921.doi: 10.1111 / acem.14322, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/34133825
18 – Umei, T. C., Kishino, Y., Shiraishi, Y., Inohara, T., Yuasa, S. e Fukuda, K. ( 2021 ). Ricorrenza della miopericardite a seguito della vaccinazione con mRNA COVID-19 in un adolescente maschio. CJC Open.doi: 10.1016 / j.cjco.2021.12.002, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/34904134
19 – Das, B. B., Kohli, U., Ramachandran, P., Nguyen, H. H., Greil, G., Hussain, T., . . . Khan, D. ( 2021 ). Miopericardite dopo messaggero RNA Coronavirus Malattia 2019 Vaccinazione negli adolescenti dai 12 ai 18 anni. J Pediatr, 238, 26-32 e21. doi: 10.1016 / j.jpeds.2021.07.044,  https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/34339728
20 – Long, S. S. ( 2021 ). Importanti approfondimenti sulla miopericardite dopo la vaccinazione Pfizer mRNA COVID-19 negli adolescenti. J Pediatr, 238, 5.doi: 10.1016 / j.jpeds.2021.07.057,  https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/34332972
21 – Gatti, M., Raschi, E., Moretti, U., Ardizzoni, A., Poluzzi, E., & Diemberger, I. ( 2021 ). Vaccinazione influenzale e mio-pericardite nei pazienti che ricevono inibitori immuni del checkpoint: indagare sulla probabilità di interazione attraverso il sistema di segnalazione degli eventi avversi del vaccino e VigiBase. Vaccini ( Basilea ), 9 ( 1 ). doi: 10.3390 / vaccini9010019, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/33406694

Continua su: Danni dei Vaccini + Indice degli studi e ricerche sui Gravi danni dei Vaccini

Vedi qui altre prove del NON isolamento dei Virus:
https://mednat.news/2023/10/17/26924/

Recommended For You

About the Author: Administrator

dr. Jean Paul Vanoli, esperto per la Vera scienza, conoscenza, filosofo della vita eterna, esperto in Medicine Naturali, Scienza della Nutrizione, Bioelettronica e Naturopatia. - Consulente di: https://mednat.news - curriculum.htm -  info@mednat.news + https://pattoverascienza.com   - Curatore, Tutore, Notaio, Trustee del Trust°/Stato Persona, estero: VANOLI GIOVANNI PAOLO (VANOLI G.P. - VGP) - Human Rights Defender ONU/A/RES/53/144 1999 - Difensore dei Diritti dei batteri e virus/esosomi, cioè della Vita/Natura in genere
Cookie Consent with Real Cookie Banner