La LUCE che Cura

TERAPIA della e con la LUCE = BIOFOTOMODULAZIONE, la Medicina del futuro, già da oggi
La terapia fotobiomodulazione è definita come l’utilizzo di energia elettromagnetica non ionizzante per innescare cambiamenti fotochimici all’interno di strutture cellulari ricettive ai fotoni. I Mitocondri sono particolarmente ricettivi a questo processo.
A livello cellulare, l’energia visibile della luce rossa e del vicino infrarosso (NIR) viene assorbita dai mitocondri, che svolgono la funzione di produrre energia cellulare chiamata “ATP”. La chiave di tutto questo processo è un enzima mitocondriale chiamato citocromo ossidasi c, un cromoforo, che accetta energia fotonica di specifiche lunghezze d’onda quando funziona al di sotto della parte irrorata.

Fotobiologia
La fotobiologia è lo studio degli effetti delle radiazioni non ionizzanti sui sistemi biologici. L’effetto biologico varia con la regione di lunghezza d’onda della radiazione. La radiazione viene assorbita da molecole della pelle come il DNA, le proteine o alcuni farmaci. Le molecole vengono trasformate chimicamente in prodotti che danno inizio a risposte biochimiche nelle cellule.
La reazione biologica alla luce non è una novità, ci sono numerosi esempi di reazioni fotochimiche indotte dalla luce nei sistemi biologici. La sintesi di vitamina D nella nostra pelle è un esempio di reazione fotochimica. La densità di potenza della luce solare è di soli 105 mW/cm2 ma quando i raggi ultravioletti B (UVB) colpiscono la nostra pelle, converte una forma universalmente presente di colesterolo, il 7-deidrocolesterolo, in vitamina D3. Normalmente lo sperimentiamo attraverso i nostri occhi, che sono ovviamente fotosensibili.
La nostra visione si basa sulla luce che colpisce le nostre retine e crea una reazione chimica che ci permette di vedere. Nel corso dell’evoluzione, i fotoni hanno giocato un ruolo vitale nella foto-chimicamente energizzante di alcune cellule.

La fotobiomodulazione esiste da secoli, ma è solo negli ultimi 50 anni che i suoi meccanismi sono stati (almeno in parte) compresi. Purtroppo, con la crescita del paradigma farmacologico, è cresciuta anche l’enfasi su farmaci costosi e pericolosi. Di conseguenza, molte strategie semplici ma profondamente efficaci e poco costose sono state messe da parte. Prendiamo ad esempio gli psicofarmaci. Non hanno praticamente alcun beneficio positivo, ma un gran numero di effetti collaterali molto gravi.
Per la salute del cervello e l’Alzheimer, “basta mettere una semplice luce al vicino infrarosso sulla testa funziona meglio di questi farmaci”, dice Hamblin. Spero sinceramente che l’interesse per questo tipo di modalità crescerà, e che gli scienziati e i professionisti del settore medico le dedicheranno maggiore attenzione. Come profano, potreste anche seguire i parametri dati per integrare con sicurezza e con successo questo tipo di terapia della luce nella vostra vita ad un costo relativamente basso.
La terapia fotobiomodulante ha importanti implicazioni per la salute di cui molti sono ancora poco informati.
In questa intervista, il ricercatore di terapia fotodinamica Michael Hamblin, Ph.D., esperto in questo settore, si propone di migliorare la nostra comprensione di questo importante settore.
Hamblin è ricercatore e professore associato di dermatologia presso la Harvard Medical School. È anche ricercatore principale presso il Wellman Center for Photomedicine del Massachusetts General Hospital, e membro della Harvard-MIT Division of Health Sciences and Technology.
La terapia a infrarossi è solo un aspetto/parte della fotobiomodulazione, che copre la luce di tutte le lunghezze d’onda – luce visibile, e la luce proveniente da regioni spettrali, tra cui ultravioletto, blues attraverso il verde, rosso e nel vicino, medio e lontano infrarosso delle varie lunghezze d’onda.
Una delle lunghezze d’onda di luce più comunemente usate è il vicino infrarosso, che parte da circa 750 nanometri (nm) e arriva fino a 1.200 nm.
Il vicino infrarosso nel campo inferiore penetra bene nel corpo e ha molti effetti biologici benefici. Lunghezze d’onda oltre i 1200 nm hanno una capacità molto limitata di penetrare in profondità nel corpo.
Un altro tipo di radiazione infrarossa comunemente usata è l’infrarosso lontano, che ha anche effetti biologici. Questo è il tipo di infrarosso che si ottiene da una lampada a calore infrarosso o da una sauna all’infrarosso lontano. Più specificamente, una lampada a calore infrarosso emetterà principalmente all’infrarosso lontano; circa il 10% dell’energia è vicino all’infrarosso.
La luce infrarossa lontana influenza la vostra biologia alterando le proprietà dell’acqua strutturata nei corpi viventi.
I due principali cromofori biologici (sostanze chimiche che assorbono la luce) nella fotobiomodulazione sono l’enzima mitocondriale chiamato citocromo c ossidasi (COO) e l’acqua semplice.
L’infrarosso lontano è assorbito dall’acqua, motivo per cui non può penetrare in profondità come il campo inferiore del vicino infrarosso. Anche le lunghezze d’onda più elevate del vicino infrarosso sono assorbite dall’acqua.
Ora, se l’energia luminosa viene assorbita dall’acqua nel vostro corpo, in che modo la luce influenza la vostra biologia ?
Hamblin spiega:

“La risposta è che questo è un concetto chiamato acqua nanostrutturata..
L’acqua anostrutturata [N] è presente sulle superfici idrofobiche, come alcuni tipi di membrane cellulari.
Potrebbe essere all’interno della cellula in vari organelli, nella membrana plasmatica, nella membrana mitocondriale e nella membrana del reticolo endoplasmatico (ER).
Praticamente tutte le membrane in linea di principio possono avere acqua nanostrutturata ….
L’idea è che una piccola quantità di energia vibrazionale nelle molecole di acqua può perturbare le strutture proteiche terziarie, che è particolarmente importante – cose come i canali ionici che hanno un gran numero di percorsi biologici.
Non c’è un vero e proprio riscaldamento di massa quando si usa l’infrarosso lontano, il tipo di livelli che entrano nel tessuto.
Può riscaldare un pò la pelle, ma in profondità può avere effetti biologici alterando la struttura proteica, mediata da acqua nanostrutturata ….”.

Effetti biologici del vicino infrarosso
Il meccanismo d’azione per l’infrarosso lontano differisce dal rosso e dal vicino infrarosso, quest’ultimo destinato principalmente al COO nei mitocondri.
Il meccanismo accettato nei mitocondri comporta la dissociazione della molecola inibitoria chiamata ossido nitrico (NO) dal COO, aumentando il trasporto di elettroni e la sintesi di ATP. NO ha anche importanti effetti di segnalazione.
“Non è chiaro che tutto il NO deriva dalla dissociazione del COO. La ragione di ciò è rappresentata dai canali ionici. Risulta che un sacco di ….. potenziali recettori transitori potenziali canali ionici attivano vari tipi di ossido nitrico sintasi o nitrito riduttasi.
Ci sono diversi percorsi riconosciuti per NO …. È interessante notare che il tipo di luce che produce questi altri percorsi NO tende ad essere fuori dal blu o verde, una lunghezza d’onda piuttosto lunga vicino all’infrarosso. Questo è quello che abbiamo trovato nei nostri laboratori.
Il rosso e il vicino infrarosso corto producono NO probabilmente da un percorso diverso dal blu, dal verde e dal vicino infrarosso lungo. Questa è la nostra attuale comprensione”, dice Hamblin.
“Vale a dire che questi ossido nitrico sintasi e nitrito riduttasi hanno dimostrato di essere attivati dai canali ionici, dal canale di potenziale recettore transitorio dei cationi (TRPA1)”.

L’infrarosso vicino all’infrarosso aiuta a rifornire il tuo corpo
Probabilmente sapete che il cibo che mangiate viene convertito per generare ATP. Ma il meccanismo di produzione di ATP può anche essere stimolato in risposta all’esposizione al vicino infrarosso, che innesca i mitocondri per produrre ulteriore ATP. Quindi, si potrebbe dire che il vostro corpo è alimentato sia dal cibo che dalla luce del sole.
Più specificamente, la luce permette al corpo di utilizzare il cibo in modo più efficiente. In altre parole, la luce aiuta le cellule a sfruttare al meglio il cibo di cui dispongono e migliora la generazione di energia. “Per esempio, la luce sembra combinarsi molto bene con modeste quantità di esercizio fisico”, dice Hamblin.
Il modo ideale per ricevere la maggior parte di questa esposizione sarebbe semplicemente andare all’esterno, esponendo quanta più pelle possibile. Purtroppo, ci sono molte aree dove questo sarebbe impraticabile in inverno.
Questo schema riassuntivo dei meccanismi della Luce sui mitocondri è valevole nel bene e nel male, per tutte le frequenze della luce visibile e non. Per sortire effetti positivi per il corpo, occorre saper scegliere le frequenze adatta alla Salute.

Questi  dispositivi di luce terapeutica dove e come possono essere utili ?
La lunghezza d’onda ottimale per stimolare il COO si trova in due regioni, in rosso a 630-660 nm e nel vicino infrarosso a 810-830 nm. Studi multipli non sono riusciti a rilevare una differenza tra la luce rossa (660 nm) e il vicino infrarosso (810, 830).
Così, la metà dei 600s e tutte le lunghezze d’onda nei bassi 800s sembrano avere lo stesso impatto biologico.
Ciò significa che la luce rossa a 630-660 nm fornirà gli stessi benefici mitocondriali del vicino infrarosso da 810 a 830 nm. Curiosamente, 730 nm non fa praticamente nulla. Una teoria è che lo spettro di assorbimento del COO ha due picchi: uno a metà del 600 e uno a circa 800.

Densità di potenza ideale
è importante rendersi conto che la fotobiomodulazione è altamente bifasica in dose, il che significa che il beneficio può scomparire utilizzando troppa luce. C’è una gamma di dosi in cui vi darà beneficio.
Qui di seguito che non c’è alcun effetto e se si va molto al di sopra dell’ottimale si può effettivamente causare danni.
Un fattore da prendere in considerazione è la densità di potenza, misurata in milliwatt per centimetro quadrato. C’è una finestra positiva di 10 e 20 volte.
Questo significa che potreste dare 2 milliwatts per centimetro quadrato o 30 milliwatts per centimetro quadrato, ed entrambi sarebbero efficaci. Tuttavia, se si va a diverse centinaia di milliwatt potrebbe essere dannoso. Come regola generale, una densità di potenza ideale è di circa 10 milliwatt per centimetro quadrato. La maggior parte dei dispositivi di fotobiomodulazione utilizzano tra 10 e 20 milliwatt per centimetro quadrato.

Ottenere la giusta dose
Il secondo fattore è la dose, che è tipicamente calcolata in joule per centimetro quadrato.
Hamblin spiega:
“Quando si hanno 10 milliwatt per centimetro quadrato, cioè 1 joule ogni 100 secondi, che è di 1 e due terzi dei minuti ….. 10 joule è una dose ragionevole. Se stai trattando le cose più in profondità nel corpo, si può desiderare più di 10 joule per centimetri quadrati.
Si consiglia di voler 20 o 30; 100 è probabilmente troppo ….
Quello che in realtà non sappiamo è che si può sovradosare il corpo sui joule totali o è solo quando è concentrato ?
Questo è quello che non sappiamo ….. Dieci minuti o mezz’ora non fa male a tutti ….. Per lo più, dico alle persone che possono usare queste cose per 10 o 20 minuti al giorno e avrà grandi benefici ed estremamente improbabile che abbia effetti negativi”.

Modulazione di frequenza
Il terzo fattore è la frequenza. La maggior parte dei dispositivi qui citati sono ad onda continua, non pulsata, quindi non c’è frequenza. C’è solo un flusso costante di fotoni in uscita. È possibile modulare pulsando la luce, tuttavia.
Una frequenza ideale è compresa tra 10 e 40 hertz. Tutto ciò che supera i 100 hertz è improbabile che abbia un effetto biologico, o può anche avere un effetto biologico negativo.
“In generale ….. pulsare è meglio dell’onda continua, e c’è un bel pò di prove [per questo] …. forse non una quantità enorme migliore, ma decisamente migliore.
La frequenza ottimale è compresa tra 10 e 40 hertz. C’è stato uno studio del Massachusetts Institute of Technology che ha avuto molta pubblicità quando hanno usato 40 hertz luce lampeggiante negli occhi per trattare l’Alzheimer nei topi …..
Hanno detto che 40 hertz [frequenza gamma] era come una frequenza magica.
Abbiamo fatto uno studio che ha trovato che 10 hertz era migliore dell’onda continua e migliore di 100 hertz. Se l’impulso è migliore, è probabile che sia in quella gamma e sono completamente d’accordo che le cellule non possono rispondere ai kilohertz.
È semplicemente troppo veloce per le cellule”, dice Hamblin.

Prendere il sole contro l’elioterapia
Le cliniche di elioterapia erano tutte di moda in Europa circa 100 anni fa. I pazienti visitavano le cliniche nelle Alpi dove si crogiolavano al sole per curare un’ampia gamma di condizioni di salute croniche. Oscar Bernhardt, uno dei primi pionieri in questo campo, ha sottolineato l’importanza dell’esposizione al sole nelle zone montane.
“Ha detto che se si va a sdraiarsi al sole sulla spiaggia, tutto quello che si ottiene è un bagno di sole. Ma se si sale in montagna, in realtà si riceve una terapia medica”, dice Hamblin.
Ma perché la luce del sole è molto meglio in montagna ? Hamblin crede che abbia a che fare con il fatto che, ad alta quota, c’è molta meno atmosfera, e il livello di ossigeno più basso fa funzionare i mitocondri ad un ritmo diverso. La fosforilazione ossidativa è più orientata verso la glicolisi perché la disponibilità di ossigeno è minore.
“Questa è la teoria del mio animale domestico”, dice. Ma la gente ha usato per ottenere ferite croniche complete guarite andando a queste cliniche di elioterapia, proprio come si farebbe a livello del mare con il nostro vicino infrarosso LED array ….”. A condizione di prendere precauzioni per evitare di ottenere troppo ultravioletto, penso che la luce del sole va bene. Ma abbiamo vite impegnate al lavoro e poiché è possibile ottenere una dose terapeutica di quasi infrarosso da una matrice di LED per forse 10 minuti al giorno, penso che sia probabilmente la strada da percorrere.

Un’altra cosa interessante è che, nel corso della storia umana, alla gente è piaciuto sedersi intorno ai fuochi……
[E]molto di sera la gente si sarebbe seduta intorno ad un fuoco e si sarebbe esposta agli infrarossi, molti dei quali all’infrarosso lontano. Questo è la cosa che si ottiene dalla brace incandescente. È solo negli ultimi 30 anni che la gente ha smesso di sedersi regolarmente intorno agli fuochi. Si potrebbe dire che la civiltà occidentale soffre di un deficit di luce all’infrarosso lontano”.

Che cosa può trattare la fotobiomodulazione?
La maggior parte della ricerca originale sulla fotobiomodulazione è stata fatta con i laser, ma ora hanno iniziato a usare diodi ad emissione di luce (LED), che sono più economici e non hanno problemi di sicurezza. I LED sembrano anche essere un modo più efficace ed efficiente per somministrare la terapia.
Una tendenza recente è rappresentata da array di LED flessibili e indossabili che possono essere avvolti intorno alle articolazioni o messi sulla testa o sulla schiena – tipicamente per curare il dolore o condizioni degenerative. Hanno anche LED organici (OLED), dove la sostanza emettitrice di luce reale è flessibile.
Lunghezze d’onda diverse conferiscono benefici diversi:
– Le lunghezze d’onda blu sembrano essere particolarmente indicate per alleviare il dolore. D’altra parte, un’esposizione prolungata può danneggiare la retina.
Come notato da Hamblin:
“La luce blu è buona anche al mattino. è abbastanza chiaro che esporsi alla luce blu brillante al mattino bilancia molti circuiti cerebrali. è anti-depressivo. è tipo di ti dà più attenzione. Come per qualsiasi cosa, la dose è fondamentale. Si può probabilmente più facilmente sovradosare con la luce blu di qualsiasi altra lunghezza d’onda. Penso che bisogna stare attenti con la luce blu perché probabilmente si può esagerare.
– La luce rossa è buona per alleviare l’infiammazione e le condizioni infiammatorie. È interessante notare che la letteratura è ricca di rapporti sul miglioramento della degenerazione maculare (la causa più comune di cecità negli Stati Uniti) con esposizione alla luce rossa a 660 nm.
– L’infrarosso posteriore è indicato per la rigenerazione di strutture più profonde come tendini, ossa e cartilagine; problemi ortopedici e muscoloscheletrici. La luce rossa o quasi infrarossa di notte produce melatonina e aiuta a dormire. Il vicino infrarosso può anche essere utile per problemi renali. Prove aneddotiche suggeriscono che potrebbe essere una terapia potente per l’insufficienza renale.
“L’insufficienza renale è la terza causa principale di morte. Si tratta di persone anziane che stanno morendo per insufficienza renale. Non si possono fare trapianti perché sono anziani. Hai messo un array di LED vicino all’infrarosso dove sono i loro reni e sembra funzionare come un sogno. Ma è stato studiato a malapena e poco”, dice Hamblin.

Gente, questa è una perla d’oro di questa intervista.
Chi avrebbe mai pensato che brillare una luce sui reni potrebbe migliorare radicalmente le malattie renali ?
E ‘certamente qualcosa che deve essere preso in seria considerazione da coloro che hanno problemi renali, in quanto non c’è praticamente nessun lato negativo. Inoltre, ho recensito studi che mostrano come la luce che illumina la ghiandola tiroidea può essere utile per la tiroidite autoimmune.

Vicino all’infrarosso anche benefici per gli occhi, diabete e prestazioni atletiche
La sindrome metabolica e il diabete sono altre due condizioni che potrebbero beneficiare dell’esposizione alla luce del vicino infrarosso. Secondo Hamblin, la maggior parte delle persone colloca la luce sulla pancia, in quanto è antinfiammatorio e può avere un effetto benefico sui depositi di grasso.

Il vicino infrarosso (da 810 a 830 nm) fa bene anche agli occhi, quindi c’è poco rischio nell’affrontare la luce. La luce rossa a 630 nm può abbagliarvi e prendersi un pò di tempo per riprendersi, ma in realtà non è dannosa per gli occhi. La società di start-up LumiThera sta attualmente suggerendo di trattare la degenerazione maculare legata all’età con un dispositivo di fotobiomodulazione che illumina gli occhi con luce rossa e infrarossa.
“Ci sono alcuni studi clinici, ma non so se sono stati ancora pubblicati. Le probabilità sono che è altamente efficace e alla fine otterrà l’approvazione della Food and Drug Administration e potranno commercializzare questo dispositivo agli oculisti. Questo è il suo business plan. Si tratta di un dispositivo clinico per gli oftalmologi ….
In futuro, prevediamo che i dispositivi ….. saranno utilizzati clinicamente negli ospedali e dagli oftalmologi, anche dagli psichiatri e da tutti i professionisti del settore medico. Poi ci sarebbe un intero esercito di altri dispositivi che le persone hanno in casa.
Posso vedere il giorno in cui ogni famiglia avrà uno o due dispositivi per la terapia della luce”, dice Hamblin.
“A Rio de Janeiro, alle Olimpiadi, c’erano un sacco di dispositivi per la terapia della luce …. Gli atleti traggono enormi benefici dal mettere la luce rossa vicino all’infrarosso sui loro muscoli. Molti di loro utilizzano array di LED. Alcuni usano letti leggeri per tutto il corpo. E ‘un grosso problema ….. Ci sono fondamentalmente due modi in cui gli atleti usano [questi dispositivi].
Uno è il precondizionamento prima del vostro evento sportivo …. il tempo di esaurimento è esteso con la terapia della luce …. e poi c’è dopo, che aiuta il recupero e l’indolenzimento muscolare ad insorgenza ritardata ….”.

“La terapia della luce può potenziare la funzione cognitiva
Un’altra affascinante area di scoperta è l’uso della luce per migliorare le funzioni cerebrali. Recentemente ho intervistato il dottor Lew Lim.
Pubblicherò l’intervista a breve, quindi tienilo d’occhio. È roba affascinante. I fotoni possono essere assorbiti dal sangue che scorre nella pelle, ed è noto che la luce è molto brava ad attivare le cellule staminali nel midollo osseo.
“Alcune persone con piccole prove per l’Alzheimer ottengono risultati così buoni che nessuno può crederci”, dice.
“Queste sono persone anziane che non possono dire una frase coerente, e in settimane o mesi iniziano improvvisamente a parlare con i loro parenti.
Le persone che devono essere nutrite improvvisamente iniziano a usare coltello e forchetta. Intendo dire che molte persone non riescono a crederci….. A mio parere, gli effetti sono così sorprendentemente buoni che questo deve diffondersi. La gente deve fare grandi prove e mi aspetterei in cinque o 10 anni che la fotobiomodulazione per il morbo di Alzheimer deve essere praticamente là fuori”.
Tratto in parte da:  mercola.com

La LUCE che può CURARE
Gli “scemenziati” dicono che in assenza di gravità i tumori scompaiono…..
https://notizie.tiscali.it/salute/articoli/Tumori-muoiono-in-assenza-di-gravita/

Non è l’assenza di gravità (non capiscono nulla…) ma è il bombardamento dei fotoni solari… Che riattivando i mitocondri riequilibrano lo ATP e quindi l’emissione di elettroni, ossigeno ed idrogeno nei mitocondri, per un meccanismo da me scoperto da un decennio…e le cellule escono dallo stress ossidativo in cui erano state precipitate dal terreno dei tessuti in acidosi e in stress ossidativo.
La medicina allopatica non sa capire i meccanismi semplici della natura…
La Luce solare, può curare, ma anche uccidere, ecco perché la Terra è schermata dalle fasce di Van Allen e dal suo campo elettromagnetico, che se non ci fossero la vita si sarebbe già estinta o non sarebbe neppure mai nata.
Ciò significa che l’utilizzo della luce fotonica deve essere alle giuste frequenze ed intensità…. Altrimenti nuoce invece di curare.

Le lampade a  LED non vanno usate perché il LED sono formati ed emanano, in ogni punto della lampadina, da tre frequenze di cui una nociva, e per di più sono emissioni pulsanti….

La Bioelettronica a base di Fotoni di frequenze particolari è la sola medicina del futuro.

Le più grosse case farmaceutiche ci stanno investendo miliardi di dollari…..per poter detenerne il controllo, ma sarà difficile….
https://www.lescienze.it/news/2019/10/04/news/prima_osservazione_dello_spin-hall_quantistico_come_veicolare_la_luce-4572025/

– vedi anche: L’attrezzatura bioelettronica che “vede” il cancro nei corpi viventi
http://www.report.rai.it/dl/Report/puntata/ContentItem-f4cd0d66-cbc9-4a35-965d-351d361edf64.html

La medicina del futuro sarà basata sulla Bioelettronica applicata con la Biofotomodulazione cellulare.
vedi:
https://articles.mercola.com/sites/articles/archive/2017/02/26/photobiomodulation.aspx
https://www.litecure.com/about-photobiomodulation/
https://www.thorlaser.com/photobiomodulation.php
https://photonichealth.com/light-therapy/how-it-works/

I Biofotoni sono la chiave dell’ammalamento e/o della guarigione
Fritz Albert Popp è un grande scienziato tedesco che ha fatto scoperte sensazionali che ruotano attorno alla teoria dei BIOFOTONI, nata dal biofisico tedesco Prof. Fritz Albert Popp, sulle tracce di un intuizione ardita di circa 70 anni fa del biologo russo Alexander Gurwitsch, offre la credibile interpretazione, suffragata oramai da molteplici esperimenti, del fatto che l’evento biologico primario alla base della vita e anche delle alterazioni che portano alla malattia, è un evento fisico di natura elettromagnetica !
Nel 1922 Gurwitsch fece una scoperta pionieristica mettendo due giovani radici di cipolle una vicino all’altra.
Le cellule di una cipolla si divisero in modo particolarmente intenso proprio nel punto verso il quale era orientata la punta della seconda radice.
Il fenomeno non si manifestava quando i due bulbi erano separati da una lastra di vetro che assorbiva i raggi ultravioletti.
Gurwitsch suppose che le cipolle emanassero una radiazione fino ad allora sconosciuta.
Solo 50 anni dopo il biofisico tedesco Albert Popp e il suo gruppo di ricercatori furono in grado di confermare con i loro esperimenti questa supposizione.

vedi anche la nuova scoperta fatta, dopo cento anni, dalla medicina ufficiale:
http://www.adnkronos.com/salute/medicina/2018/03/27/scoperto-nuovo-organo_G48zD7kS2r4WSbDEiu5JMJ.html

Video che descrive i meccanismi del trasferimento di informazioni (frequenze delle sostanze – Frequenze dei batteri virus ecc. ) attraverso i campi elettromagnetici, nei corpi viventi:

CERVELLO RADIOTRASMITTENTE
Si può paragonare il cervello ad una stazione radio, trasmittente e ricevente, il quale per mezzo del DNA delle sue cellule nervose, le cui antenne sono principalmente i cromosomi che sono un avvolgimento a spirale di un “cavo” biologico” (DNA), galleggiante in liquidi, per cui omnidirezionale, che permette la trasmissione o ricezione di qualsiasi tipo di “onda-frequenza” esistente nell’universo, dalle sotto infrarosse alle ed oltre le ultraviolette… a bassissima potenza, intensità e voltaggio, che sono di difficile intercettazione/rilevamento, salvo con attrezzature elettroniche particolari, utilizzate ad esempio nella tecnica di medicina naturale denominata appunto BioElettronica, e l’Etere dello spazio è l’onda portante come il mare porta le barche…e la modulazione della portante è dovuta alle variazioni all’interno di essa e/o per le “interferenze” create dall’informazione che essa può contenere e/o trasportare di essa (portante).
vedi Onde elettromagnetiche
Quindi e però il cervello non è solo trasmittente, nel caso dell’immaginazione creativa, il cervello funge anche da ricevente, così come può ricevere gli stimoli di pensiero.
http://www.radiomarconi.com/marconi/prunai/
Gli odierni piloti dei caccia da militari supersonici, hanno dei caschi che ricevono e trasmettono le onde cerebrali emesse od inviate al cervello del pilota il quale sono pensando è in grado di pilotare l’aereo…
http://www.moebiusonline.eu/fuorionda/caschi_f35.shtml
Ecco i campi emessi dal cervello del Cuore:
http://www.mednat.org/cervello/cervello_cuore.htm
https://antoniovaccarello.wordpress.com/luomo-e-unantenna/
http://www.mednat.org/cure_natur/DNA_antenna.htm
http://www.lastoriavariscritta.it/dna-un-sistema-biologico-ricetrasmittente/
http://www.mednat.org/new_scienza/nuova_scienza_base.htm (vedi Entaglement)
http://www.segnidalcielo.it/scienziati-scoprono-il-luogo-dellanima-allinterno-del-cervello-umano/
Quando il cervello viene stimolato, o sottoposto ad una alta dose di vibrazioni, esso diviene più pronto a ricevere il pensiero-frequenze che gli proviene da sorgenti esterne, questo processo avviene attraverso le emozioni, positive o negative.
Attraverso le emozioni quindi si possono incrementare le vibrazioni del pensiero.
è possibile modificare la sintonizzazione del cervello.
L’azione di piante psicogene è quella di ridurre od alterare la “taratura” del cervello sulle frequenze dell’ossigeno e del carbonio, che si ottiene con sostanze congeniali ad essa (endoprodotte) e con il pH adatto del liquido cerebrale, in quanto il cervello è un organo ricetrasmittente con e di qualsiasi “frequenza-vibrazione-onda” esistente nell’universo, per cui alla nascita esso si “tara” si sintonizza per ricevere solo le onde-frequenze che sono atte a mantenere in vita in questa dimensione l’essere che è nato, come una radio od una TV che una volta sintonizzata sulla frequenza di una certa stazione radio o TV, riceve solo quella.

Con queste erbe e/o con sostanze es. minerali tossici (es. quelli dei vaccini -alluminio, mercurio  ecc., anche sottoforma di nanoparticelle, che creano anche e non solo l’autismo….), chimiche e/o psicofarmaci, oltre che con certe erbe, che gli sciamani sanno utilizzare, è possibile “Disintonizzare” il cervello dalla apposita e normale taratura autoregolata alla nascita per cui esso diviene immediatamente disponibile a riceve le altre frequenze esistenti nell’universo di qualsiasi dimensione esistente e presente.
Infatti nei casi di pre-morte (NDE) ad esempio, la riduzione della quantità di ossigeno presente nella circolazione sanguigna cerebrale, “dissintonizza e stara” il cervello il quale si “risintonizza” su altre frequenze di altre dimensioni parallele per cui le rivela e quindi il soggetto vede, sente, percepisce cose, persone, voci, che provengono dal cosiddetto al di là che è in un’altra dimensione….
E noto che la stessa cosa avviene agli alpinisti quando sono in carenza di ossigeno in alta quota, essi possono vedere, sentire, percepire, ecc., altri esseri in altre dimensioni.
La stessa cosa la si ottiene con sostanze chimiche tipo gli stupefacenti i quali a  seconda del tipo di sostanza chimica permettono la sintonizzazione di nuove stazioni trasmittenti di qualsiasi tipo !
Per cui la cosiddetta “pazzia” null’altro è che una di-sintonizzazione dal qui ora per la “staratura” del cervello dalle sole frequenze di questa dimensione, che raggiungono, per vari motivi, ma sempre per intossicazioni da metalli tossici, sostanze chimiche o droghe.
http://docplayer.it/5329614-Onde-cerebrali-variazione-delle-risonanze-terra-ionosfera-frequenze-di-schumann-degenerazione-neuronale-harbar-e-attivazione-del-corpo-di-luce.html

Recommended For You

About the Author: Administrator

Esperto per la Vera scienza, conoscenza, filosofo della vita eterna, esperto in Medicine Naturali, Scienza della Nutrizione, Bioelettronica e Naturopatia. - Consulente di https://mednat.news/curriculum.htm + https://pattoverascienza.com - info@mednat.news - Curatore, Tutore, Notaio, Trustee del TRUST estero: VANOLI GIOVANNI PAOLO (G.P.) - Human Rights Defender ONU/A/RES/53/144 1999 - Difensore dei Diritti dei Batteri e Virus, cioè della Vita/Natura in genere