Grafene ed Ossido di Grafene nei VACCINI !

GRAFENE ed idrossido di Grafene
– Pubblicato per la prima volta da Global Research il 05/12/2021
Ho raccolto tutte le prove che abbiamo in questo articolo che dimostrano che l’ossido di grafene, l’idrossido di grafene e altre varianti di grafene vengono effettivamente iniettate nelle persone dai governi e da Big Pharma. Questa prova è stata scoperta e dimostrata già numerose volte da gruppi di ricerca indipendenti, scienziati, informatori biotecnologici e dai pochi giornalisti etici rimasti.
C’è uno sforzo concertato da parte del cartello farmaceutico finanziato dai “fattori di verifica”, dalle piattaforme Big Tech e dai media mainstream, per nascondere le prove e calunniare le persone che lo portano alla luce
”.

Dopo aver esaminato le prove fornite qui, devi agire per la sicurezza tua e delle tue famiglie.
Sono Servi tutti i criminali di guerra che partecipano a questo programma di “Vaccini” (NdR: in realtà sieri genetici) mortali COVID con un avviso di responsabilità per gli omicidi che stanno commettendo.

Questa è l’azione definitiva che chiunque può intraprendere, in tutto il mondo.
Gli avvisi sono già stati redatti dai team legali, quindi perché non usarli e lasciare che i nostri nemici siano sulla difensiva.
Ai criminali verrà ricordato il processo di Norimberga e informato che saranno assicurati alla giustizia. Hanno bisogno di cessare e desistere dall’agire consapevolmente e volontariamente nel mandare colpi mortali “Vaccino” e farli rispettare. Le prove del pericolo sono chiare e le morti sono state dimostrate. Chiunque amministra o ordina questi colpi mortali “Vaccini” lo fa senza il consenso informato.

Raccolta di prove
Il 2 novembre, un eminente professore dell’Università di Almeria, il dottor Pablo Campra, ha rivelato la sua osservazione del grafene  in più fiale di “Vaccino” Covid-19, utilizzando la spettroscopia Micro-Raman.
Il rapporto del Dr. Campra dell’Università di Almeria ha dimostrato il rilevamento di “grafene e ossido di grafene”,  in 8 campioni di vari produttori di “Vaccini”.

In risposta, il dottor Andreas Noack ha rilasciato un video feroce commentando il rapporto del dottor Campra. Il Dr. Noack è un chimico e il principale esperto mondiale di ingegneria del carbone attivo e GRAFENE.
Il Dr. Noack ha svolto la sua tesi di dottorato su come trasformare l’ossido di grafene in idrossido di grafene. Il video è di fondamentale importanza. Il dottor Noack ha detto che due delle bande di frequenza rilevate dal dottor Campra erano di idrossido di grafene.

L’idrossido di grafene (GHO) è un carbone attivo monostrato, lungo 50 nm e spesso 0,1 nm (uno strato di atomi di spessore). Pertanto, le iniezioni vaccinali contengono nano-lame di rasoio di eccezionale stabilità, che non sono biodegradabili (un fatto che ogni chimico conosce).

In effetti, queste nano-lame tagliano e distruggono il cuore, il cervello e il sistema cardiovascolare. Le cellule epiteliali diventano ruvide, quindi le cose si attaccano a loro. Dice che i tossicologi non possono trovarli in una capsula di Petri con i metodi normali poiché non si muovono e non si aspettano di scoprire lame di rasoio di dimensioni nanometriche. Inoltre, qualsiasi medico che li inietta con conoscenza di questo problema, è un assassino.

L’idrossido di grafene è un nuovo materiale e i tossicologi non ne sono ancora a conoscenza. Questo è il motivo per cui le persone stanno morendo a causa di questi colpi letali, in particolare gli atleti, spiega il dottor Noack. Questo è un “veleno altamente intelligente”.

Ciò che è ancora più orribile è che se esegui un’autopsia non troverai nulla.
Quest’arma invisibile  è persino irrintracciabile dopo la morte. Le nano-lame di rasoio a base di idrossido di grafene fanno morire dissanguate le persone internamente.
Anche se le persone non muoiono immediatamente, taglia i vasi sanguigni a poco a poco… posso dire come chimico che siamo assolutamente certi che l’idrossido di grafene sia lì dentro… come chimico, se lo inietti nel sangue, lo sai che sei un assassino”.
Il dottor Noack è stato ucciso pochi giorni dopo aver registrato e rilasciato/pubblicato questo video.
Sua moglie ha annunciato che si trattava di un “brutale attacco furtivo”.
Ci supplica di avere il coraggio di CREDERE e di AGIRE ORA per esporre questo! Ha detto che suo marito è un’anima gentile e lo ha fatto per noi, è morto per tutti noi.
Ci sono alcune voci che vengono diffuse per distrarre e confonderti riguardo al suo sospetto omicidio e i media mainstream tacciono sempre, ma ecco alcune prove aggiuntive che è stato ucciso. La moglie del dottor Noack ha appena rilasciato un aggiornamento dicendo che crede che sia stato attaccato da un raggio di radiazioni. Invia ora questo video e il mio articolo a tutti i medici, esperti e leader mondiali.

Ma l’ossido di grafene è una delle varie sostanze oltre alle altre tossiche presenti nei Vaccini tipo adiuvanti, ma e soprattutto lo mRna sotto forma delle proteine lipidiche “Spike”, inserite a milioni con ogni Vaccino, la quale obbliga assieme agli adiuvanti, l’organismo ad attivare le difese immunitarie per quelle sostanze estranee, per mezzo dei macrofagi ed altre cellule immunitarie, le quali quale compito hanno quella di agglutinare le sostanze tossiche per digerirle ed eliminarle successivamente dagli organi emuntori, ma quando la quantità delle tossiche e delle proteine Spike, diviene quantitativamente oltre al tollerabilità del sistema immunitario, l’agglomeramento di queste sostanze tossiche e particolarmente la  Spike, agglutinata con ed assieme ai macrofagi e le cellule immunitarie, formano formazioni/filamenti “fibrinoamiloidi“, in cui “la proteina amiloide si associa alla fibrina per catturare le tossine e forma queste strutture” le quali, aumentando di grandezza, vanno ad ostruire la micro e macro circolazione generando trombi, ischemie e molto altro.

A conferma vi sono tanti studi pubblicati che dimostrano la presenza di questi agglomerati nella circolazione sanguigna, sfilate dalle arterie o vene nelle autopsie e ciò in diverse nazioni del mondo.

Il dr. SCOGLIO si CONFRONTA con la teoria dell’Ossido di Grafene
Premessa
Recentemente, il Prof. Mauro Mantovani ha presentato una ricerca al Policovid22 di Torino sulla Spike (QUI a partire da 10h 12′), introducendo nuovi metodi di riconoscimento grazie al perfezionamento di uno standard. Il team di Mantovani ha estrapolato le sequenze cerniera della proteina vaccinale dalle stringhe dei vaccini (che dovrebbero essere coperte da segreto industriale e quindi dovrebbero essere inaccessibili). Le sequenze contengono un tracciante, una doppia prolina (dodecapeptide) in sostituzione dei due aminoacidi che costituirebbero la spike virale, e sono esclusive della spike vaccinale. La sequenza è stata inviata ad un laboratorio chimico, il quale ha prodotto 1 mg di spike vaccinale per essere usato come standard di riconoscimento. Ci chiediamo perché non sia stato possibile isolare direttamente la proteina vaccinale dal paziente, con tutti i suoi componenti, piuttosto che prendere un codice cerniera dalle stringhe di codice dei vaccini che, ripetiamo, dovrebbero essere coperte da segreto industriale e la cui origine e genuinicità, quindi, non ci sono note. Il Prof. Mantovani spiega anche che è la prima volta che viene messo a punto uno standard di riconoscimento della spike vaccinale e che, prima d’ora, “si è sempre andati a cercare con l’esame sierologico o con l’esame anticorpale”, che non sono specifici (e quindi non garantiscono che ciò che si trova sia ciò che si sta cercando). Il che fa sorgere la domanda: tutta la letteratura sulla spike sia vaccinale che virale prodotta fino ad ora è inaffidabile?

Altri sostengono che il problema non sia la spike, ma materiali esogeni non dichiarati contenuti nei vaccini che vengono rinvenuti al microscopio anche nel sangue dei vaccinati (e dei non vaccinati, aggiungiamo noi per esperienza). Questi materiali sono assimilati all’ossido di grafene, anche se nessuno fin’ora è riuscito a dimostrarlo attraverso analisi specifiche della composizione atomica, pubblicate e validate.
Il Prof. Stefano Scoglio, recentemente, ha espresso critiche sulla veridicità della teoria del grafene, presentando argomentazioni alquanto interessanti. È il primo che si fa avanti e si confronta su questo tema. Il Prof. Scoglio sostiene da tempo (e adesso il Mantovani gli dà ragione) che le ricerche della spike con sierologici ed anticorpali non dimostra che ciò che si trova sia la spike. Sostiene anche, sulla base di un studio giapponese confidenziale Pfizer reso pubblico attraverso un FOIA, che l’mRNA non riesce a penetrare nella cellula (delivery) e, conseguentemente, non esiste produzione di spike da parte della cellula stessa. La sua affermazione è stata confermata da diversi studi recenti, che mostrano come l’mRNA non resti nel luogo d’inoculazione dove dovrebbe penetrare la cellula ed innescare poi la produzione di spike, ma se ne va in giro in tutti gli organi attraverso il sangue (ossia ciò che dice lo studio giapponese). E qui c’è da chiedersi cosa generi la spike, se l’mRNA non entra nella cellula. Infine, il Prof. Scoglio spiega che i lunghi trombi filamentosi estratti dagli imbalsamatori dai cadaveri dei vaccinati non sono altro che formazioni fibrinoamiloidi, in cui “la proteina amiloide si associa alla fibrina per catturare le tossine e forma queste strutture”. Scoglio, in sintesi, sostiene che né il fantascientifico grafene né la presunta spike c’entrino nulla; secondo lui, i principali responsabili dei danni sono il tossico mRNA che se ne va in giro dappertutto e le nanoparticelle lipidiche cancerogene e non per uso umano o veterinario che lo trasportano, che vengono iniettate a miliardi con ogni singola dose. Queste sostanze tossiche vengono catturate dalla fibrina la quale, ad un certo punto, finisce per intasare letteralmente i vasi arteriosi e causare le morti improvvise per ictus, infarto e arresto cardiaco che stiamo vedendo.

Video del dr. Scoglio conferma questa verità:
https://rumble.com/v1yrdxc-il-grafene-non-esiste.html

   

Malgrado ciò, i governi stanno già iniettando ai bambini di 5 anni i Vaccini mortali di Big Pharma contenenti tossine dipo Spike, adiuvanti tossici ed i rasoi all’idrossido di grafene.
Questa tecnologia bloccherà la circolazione sanguigna dei loro organi e delle loro viscere e consegnerà una morte raccapricciante e dolorosa ai nostri bambini !

L’anno scorso la polizia austriaca ha sfondato la porta del dottor Noack e lo ha arrestato nel tentativo di impedirgli di parlare. L’ incidente è stato registrato dalla telecamera. Era chiaramente un bersaglio.

Il dottor Pablo Campra è stato il primo a dedurre che il siero Pfizer contiene  anche scaglie di ossido di grafene utilizzando la microscopia elettronica a trasmissione nel luglio 2021. Le sue tecniche di rilevamento includevano anche la spettroscopia a infrarossi combinata con la microscopia ottica.
Ecco quali funzioni ha il Grafene e l’ossido di grafene dei Vaccini

Articoli selezionati:
https://www.globalresearch.ca/selected-articles-graphene-hydroxide-mrna-vaccine-vial-assassination-dr-andreas-noack/5763664
Idrossido di grafene nella fiala del vaccino mRNA: Assassinio del dottor Andreas Noack

Prima della scoperta del Dr. Campra, un altro gruppo di ricerca spagnolo chiamato La Quinta Columna, ha pubblicato la sua scoperta a giugno, che i sieri COVID in tutte le loro varianti, AstraZeneca, Pfizer, Moderna, Sinovac, Janssen, Johnson & Johnson, ecc., contengono un dose considerevole di nanoparticelle di ossido di grafene, riportata da Global Research .

Il dottor Ricardo Delgado, biostatistico e fondatore di La Quinta Columna, ha scoperto che il 99% del contenuto di Pfizer è ossido di grafene. La sua squadra è stata “diffamata” (denigrata) dai verificatori dei fatti, che però non hanno fornito prove delle loro affermazioni diffamatorie.

Nel mio articolo intitolato ” Grafene Oxide The Vector For Covid-19 Democide “, spiego il processo chimico coinvolto nella riduzione dell’ossido di grafene in un siero liquido trasparente riducendo il suo contenuto di ossigeno. In questo modo, l’ossido di grafene ridotto (RGO) è più letale.
Quindi sì, è scientificamente possibile che i sieri COVID possano contenere il 99% di ossido di grafene.

Il team del dottor Delgado ha pubblicato un rapporto scientifico della loro analisi di microscopia ottica ed elettronica che  mostra che l’ossido di grafene è stato trovato in quattro “vaccini Covid-19”.
Orwell City ha dato la notizia in inglese. Quindi La Quinta Columna ha richiesto all’Università di Almeria una relazione intermedia intitolata ” RILEVAMENTO DEL GRAFENE IN UN CAMPIONE DI SOSPENSIONE ACQUEA “.
Il rapporto di La Quinta Columna è stato originariamente  pubblicato in spagnolo  il 28 giugno 2021.
“ Il problema è che questo non è un vaccino, questa è una dose di grafene per una persona ”.
By  Dott. Ricardo Delgado

Whitney Webb ha tentato un pezzo “diffamatorio” su La Quinta Columna e la scoperta dell’Università di Almeria, dove ha attaccato direttamente la credibilità del dottor Ricardo Delgado senza nulla di sostanziale. La giornalista investigativa Ramola D. ed io abbiamo sfatato il Webb di bugie di Whitney .

Il 19 agosto, un altro gruppo di ricerca chiamato “The Scientist Club” ha trovato il grafene in 7 importanti sieri biotecnologici (Vaccini) utilizzando microscopio ottico, microscopio a campo oscuro, spettroscopio di assorbimento UV e fluorescenza, microscopi elettronici a scansione, microscopio elettronico a trasmissione, spettroscopio a dispersione di energia, Diffrattometro a raggi X e strumenti di Risonanza Magnetica Nucleare per la verifica delle morfologie e dei contenuti dei sieri. Per le misure ad alta tecnologia e la cura dell’indagine, sono stati attivati ​​tutti i controlli e adottate misure di riferimento al fine di ottenere risultati validati.

Per ovvi motivi, The Scientist Club ha mantenuto segreta la propria identità. Hanno analizzato Pfizer, Moderna, Janssen e AstraZeneca e hanno trovato un substrato a base di carbonio con nanoparticelle incorporate, fogli di grafene e ossido di grafene.

Gli scienziati giapponesi hanno trovato componenti contenenti metalli non dichiarati, il che ha indotto il governo giapponese a interrompere l’uso dei sieri di Moderna. Il ministero giapponese ha riferito che le particelle trovate hanno reagito ai magneti ed è stato quindi sospettato di essere un contaminante metallico. Il grafene, l’ossido di grafene (GO) e l’ossido di grafene ridotto (RDO) hanno tutti proprietà paramagnetiche.

A settembre, un team tedesco ha rivelato prove schiaccianti di contaminanti da “vaccino” e autopsie che collegano i “vaccini” ai decessi.

La dottoressa T. ha chiamato tutti i professionisti medici in questo annuncio urgente chiedendo ai professionisti medici di segnalare il fenomeno magnetico perché crede che i fiocchi di ossido di grafene siano responsabili del magnetismo indotto dal “vaccino” a cui abbiamo assistito a livello internazionale.
Il Dr. Andrew Goldsworthy (in pensione) dell’Imperial College London ha spiegato qui il possibile meccanismo .

L’informatrice della Pfizer Karen Kingston ha rivelato ad agosto come l’ossido di grafene fosse nascosto sotto un segreto commerciale ed è per questo che non era elencato nei brevetti. Tuttavia, spiega Kingston, è in effetti l’ ingrediente chiave nei sieri Covid-19.

Un altro scienziato capo di Pfizer ha denunciato lo scorso novembre, facendo trapelare e-mail interne allo Stew Peter’s Show da alti dirigenti e scienziati Pfizer che discutevano di come avrebbero nascosto al pubblico che l’ossido di grafene è nei loro sieri.

Nell’aprile 2021,  Health Canada ha richiamato  un milione e mezzo di maschere facciali KN95 contenenti grafene. I bambini erano stati costretti a indossare queste maschere nelle scuole canadesi. Health Canada ha paragonato indossarli a respirare amianto tutto il giorno. Queste maschere velenose provenivano dalla cinese Shandong Shengquan New Materials Co. Ltd.

Il dottor Robert Young ha utilizzato la microscopia elettronica a scansione e trasmissione che ha rivelato l’ossido di grafene in quattro sieri con marchio commerciale Covid-19, l’11 settembre 2021.

Il dottor Franc Zalewski ha anche trovato l’ossido di grafene nel siero Pfizer.

La dott.ssa Antonietta Gatti ha rilasciato una recente videointervista sulla tossicità delle particelle nanometalliche di ossido di grafene per le cellule. Li ha trovati nei “Vaccini”, nei kit PCR e nelle mascherine.

Nel suo innovativo rapporto del 2017 con il dottor Stefano Montanari, la dottoressa Antonietta Gatti spiega che le nanoparticelle all’interno delle cellule distruggono il meccanismo di difesa innato delle cellule e causano coaguli di sangue, infiammazioni mortali, trombi e insufficienza multiorgano posti da particelle nanometalliche, che non sono biodegradabili e anzi  biopersistenti . Possono entrare nelle cellule, danneggiare il DNA ed essere trasportati dal sangue per legarsi alla materia organica e coagulare negli organi.

Un team slovacco ha analizzato i tamponi nasali del kit PCR utilizzando SD Biosensor, Abbott e Nadal in un laboratorio ospedaliero di Bratislava. Il team ha scoperto che quando gli idrogel di ossido di grafene della DARPA entrano in contatto con il fluido organico (ad esempio la saliva) in pochi minuti iniziano a formare strutture cristalline rettangolari. Questi crescono gradualmente in modo frattale. Un team di ricerca tedesco ha anche filmato la crescita cristallina degli idrogel GO.

Articoli scientifici e brevetti
Diversi articoli scientifici mostrano che l’ossido di grafene viene utilizzato nella terapia genica come un’impalcatura o piattaforma per la consegna di mRNA nelle cellule grazie alla sua elevata conduttività elettrica e capacità di permeare le membrane cellulari. Le reti cristalline si formano nel fluido corporeo e si replicano dopo l’iniezione e nel siero stesso, come mostrato in questo video del siero Pfizer. Di sicuro sembra nano antenne ad alta frequenza.

Gli scienziati hanno sviluppato un nuovo modo di produrre nanotubi di carbonio presso il NanoScience Center dell’Università di Jyväskylä , in Finlandia, e presso  l’Università di Harvard , negli Stati Uniti.

Il grafene faceva parte del primo progetto sul genoma umano avviato nel 2001.
Terapia genica dell’mRNA Nanotech che utilizza l’ossido di grafene come vettore, funziona con la tecnologia CRISPR ed è stato sviluppato da Pfizer, Moderna e BioNTech, come trattamento per i malati di cancro. A causa della sua citotossicità (morte cellulare) nelle cellule sane e del fatto che tutti gli animali sono morti nelle prove sugli animali, la nanotecnologia all’ossido di grafene non è mai stata approvata per l’uso sugli esseri umani ! Perché questa tecnologia viene ora utilizzata su persone sane e bambini, che non corrono alcun rischio di COVID ?

Dovrebbe essere abbastanza chiaro a tutti ormai che il cartello farmaceutico sta usando questa tecnologia in tutto il mondo , in processi illegali sugli umani e sta cercando di imporre i loro “Vaccini” velenosi su tutti, impunemente.

Nanografi  sta producendo  nanotubi di ossido di grafene e “Vaccini” intranasali  per la somministrazione di farmaci Covid-19.
Gli scienziati hanno già studiato la traslocazione naso-cervello e la biodegradazione cerebrale mediante spray intranasale, utilizzando sottili nanosheet di ossido di grafene. Non commettere errori, i “ Vaccini” spray nasali contengono nanoparticelle di ossido di grafene.
Se non sei ancora convinto, ecco un articolo dei media mainstream che cerca di presentare lo spray nasale “vaccino antinfluenzale” all’ossido di grafene come una sorta di intervento protettivo.

Il dottor Chunhong Dong è l’autore principale di uno studio dell’Istituto di scienze biomediche in Cina dove si vanta: “Questo studio fornisce nuove informazioni sullo sviluppo di sistemi vaccinali intranasali ad alte prestazioni con nanoparticelle bidimensionali simili a fogli“.

L’ossido di grafene è stato accuratamente progettato come “adiuvante vaccinale per l’immunoterapia” e il PolietilEnGlicole (PEG), un altro veleno altamente tossico, viene utilizzato come polimeri di rivestimento.
I PEG sono ampiamente utilizzati come additivi nei prodotti farmaceutici, cosmetici e alimentari. Ma i PEG presentano potenziali reazioni di ipersensibilità pericolose per la vita, inclusa l’anafilassi.
Questo non è un marchio di grande nome, ma menzionano “Nanoparticelle e microparticelle caricate con grafene di carbonio” nella loro invenzione del brevetto Sars-Cov2 .

Ecco un elenco di studi medici sottoposti a revisione paritaria sulla tossicità dell’ossido di grafene e su come coagula il sangue . Di quante prove hai bisogno per CREDERE a questi FATTI ?

Il Dr. Armin Koroknay , direttore della ricerca del Private Consultants and Research Institute di Zurigo, ha analizzato gli effetti della “vaccinazione” COVID sul sangue.
vedi qui il video sulle analisi e gli effetti del Grafene ed Ossido di grafene nel sangue dei VACCINATI
https://www.globalresearch.ca/graphene-covid-kill-shots-let-evidence-speak-itself/5763418

Clicca qui per vedere il  video ed un’altro articolo
https://ambassadorlove.wordpress.com/2021/12/02/graphene-covid-kill-shots-let-the-evidence-speak-for-itself/

La dott.ssa Bärbel Ghitalla e il suo team hanno messo al microscopio diversi marchi e hanno scoperto cose che non potevano spiegare, ma sono spiegate nei brevetti del “vaccino Covid-19”.
Ci credi adesso ?

Tratto da: https://www.globalresearch.ca/graphene-covid-kill-shots-let-evidence-speak-itself/5763418

Recommended For You

About the Author: Administrator

dr. Jean Paul Vanoli, esperto per la Vera scienza, conoscenza, filosofo della vita eterna, esperto in Medicine Naturali, Scienza della Nutrizione, Bioelettronica e Naturopatia. - Consulente di: https://mednat.news - curriculum.htm -  info@mednat.news + https://pattoverascienza.com   - Curatore, Tutore, Notaio, Trustee del Trust°/Stato Persona, estero: VANOLI GIOVANNI PAOLO (VANOLI G.P.) - Human Rights Defender ONU/A/RES/53/144 1999 - Difensore dei Diritti dei batteri e virus/esosomi, cioè della Vita/Natura in genere