Diritti dell’Uomo – Livelli Gerarchici delle Leggi/Norme

DICHIARAZIONE dei DIRITTI dell’UOMO
http://www.emersonkent.com/historic_documents/declaration_des_droits_de_l_homme_et_du_citoyen.htm

IMPORTANTE commento all’art. 18 dei Diritti dell’Uomo e della Costituzione italiana art. 21:
La libertà di opinione ed espressione sono il cuore della democrazia. Ognuno ha diritto di avere le proprie opinioni senza interferenze e diritto alla libertà di espressione, il che include la libertà di scoprire, ricevere e diffondere informazioni ed idee d’ogni genere, senza curarsi di frontiere, sia verbalmente che tramite qualunque mezzo di comunicazione di sua scelta. Nessuno può essere oggetto di alcuna forma di restrizione, nocumento o sanzione a causa di dichiarazioni, opinioni o credenze che abbia espresso.
Costituzione Italiana: Art. 28
I funzionari e i dipendenti dello Stato e degli enti pubblici sono direttamente responsabili, secondo le leggi penali, civili e amministrative, degli atti compiuti in violazione di diritti. In tali casi la responsabilità civile si estende allo Stato e agli enti pubblici.

vedi i DIRITTI UMANI ben spiegati QUI:
http://www.osservatoriodirittiumani.org/
e QUI:
http://demetriopriolo.altervista.org/  – contatti: demetriopriolo117@gmail.com

DIRITTI dell’UOMO (Dich. Universale) – CONVENZIONE di OVIEDO
Il tema dei diritti umani è un argomento decisamente ostico.
Vuoi per l’ampiezza della materia, vuoi per il fatto che quasi sempre i diritti umani sono enunciati in documenti lunghissimi e non pienamente comprensibili ad una prima lettura, vuoi perché alla fine si ha sempre la sensazione che anche in questo campo prevalgano gli interessi politici e che il dibattito rimanga nelle mani di pochi.
I diritti umani, tuttavia, sono e devono rimanere un patrimonio dell’umanità, della società civile. E in questo senso sembra che si stia modificando anche il trend a livello internazionale, per esempio vengono sempre più spesso coinvolte nelle riunioni ufficiali in tema di diritti umani anche organizzazioni non governative, che, in quanto tali, rappresentano quella società civile cui si accennava sopra.
Bisogna prendere coscienza del fatto che il pieno rispetto dei diritti umani è prima di tutto una nostra responsabilità. Purtroppo le violazioni dei diritti umani sono all’ordine del giorno ed è evidente che gli strumenti di repressione e prevenzione esistenti non siano sufficienti ad eliminarle. Ecco quindi che improntare la propria vita sulla benefici, seppur nel lungo periodo.
Questo vale per ognuno di noi, ma a maggior ragione per gli insegnanti, che hanno un compito ulteriore, quello di trasmettere ai propri alunni questa sorta di nuova coscienza civica. Insegnare e imparare i diritti umani è possibile attraverso dei percorsi nuovi e multidisciplinari che insegnino ai bambini ad opporsi ad ogni forma di violenza e discriminazione, che facciano capire l’arricchimento derivante dal convivere e cooperare con soggetti appartenenti a gruppi culturali diversi: educare non vuol dire solo trasmettere nozioni e concetti, ma anche e principalmente favorire l’interiorizzazione di un certo tipo di valori che guideranno poi il comportamento quotidiano individuale.
Con l’elaborazione di questa scheda si intende semplicemente fornire degli input che stimolino gli insegnanti ad elaborare dei percorsi didattici per l’educazione ai diritti umani.
Sarebbe opportuno tarare le attività in base all’età dei bambini, alla composizione ed alle dinamiche della classe, tuttavia anche la stessa scheda può essere utilizzata come percorso didattico. Infatti, nell’esposizione degli argomenti si è cercato di seguire una struttura logica ben precisa, dal generale al particolare, partendo dalla definizione dei diritti umani, passando per una breve esposizione della loro evoluzione nel tempo per arrivare alla descrizione delle singole categorie. Sono poi stati individuati degli strumenti per ciascun argomento esposto, cui è possibile collegarsi direttamente tramite dei links.
Investire nell’educazione significa investire per il futuro. Lo scopo è rendere consapevoli i bambini di essere titolari di una serie di diritti, che spettano loro in qualità di esseri umani e che per questo motivo spettano anche a tutti gli individui della terra. Di far capire che questi diritti potrebbero essere ingiustamente calpestati e che di fatto questo avviene nel mondo. Infine che esistono dei canali per rivendicare e far rispettare i propri diritti e quelli degli altri. La consapevolezza di essere titolari di diritti porterà ad un sentimento di responsabilizzazione nei confronti dei diritti degli altri: lo scopo finale che ci si prefigge promuovendo l’educazione ai diritti umani è quella di sviluppare negli individui la capacità a il desiderio non solo di difendere i propri diritti ma di battersi anche per l’affermazione di quegli degli altri.
vedi: Manuale dei Diritti dell’Uomo – PDF dal sito Senato.it

La Dichiarazione Universale dei diritti dell’uomo del 1948 è senza dubbio il documento che segna una tappa fondamentale nell’affermazione dei diritti umani. Tuttavia non si può affermare che i diritti umani siano “nati” nel 1948 e forse non si può stabilire nemmeno con precisione una data precisa.
La verità è che ciascun diritto proclamato nella Dichiarazione è frutto di un lungo percorso storico che ne ha portato all’affermazione.
Si pensi al diritto di voto: un tempo non era nemmeno concepito che i cittadini potessero contribuire alla vita politica del loro Paese, poi questo diritto è stato concesso agli uomini appartenenti a certe classi sociali, poi a tutti gli uomini e si parlava di suffragio universale, che in realtà universale non era perché per molti anni ancora le donne furono escluse dall’esercizio di questo diritto.
Molti diritti, poi, si sono evoluti o addirittura sono nati proprio in seguito alla proclamazione della Dichiarazione.
E’ interessante a questo proposito capire come nel corso delle epoche storiche il concetto e il contenuto di diritto umano si sia evoluto. Come vedremo e come sopra accennato si tratta di un lunghissimo percorso storico e questo ci fa comprendere ancora più a fondo l’importanza della conquista dei diritti umani, un patrimonio che va quindi gelosamente custodito.

La Grecia e l’antica Roma
Iniziamo la nostra analisi da una delle culle della civiltà: la Grecia Antica.
Un elemento evocativo di Atene è l’agorà, ossia la piazza in cui si svolgeva la vita politica e sociale della città, dove i cittadini si confrontavano per prendere le decisioni più importanti. Tuttavia, gran parte della popolazione ne era esclusa: le persone che potevano partecipare alla vita politica erano solo i cittadini e, anche se può apparire strano ai giorni nostri, erano considerati tali solo gli uomini adulti e liberi ad esclusione di tutte le altre persone che componevano la popolazione: bambini, donne e schiavi.
Un po’ la stessa cosa accadeva nell’antica Roma, dove come in Atene, essere titolari di diritti dipendeva dall’avere una certa posizione sociale: non tutta la popolazione era degna di essere inclusa nella categoria di popolo, ad alcuni soggetti era precluso l’esercizio di qualsiasi diritto , riservati esclusivamente ai cittadini liberi maschi e pater familiae.
Al contrario, la concezione moderna di diritti umani prevede che qualsiasi soggetto possa essere titolare di tali diritti a prescindere dalla sua posizione sociale.

Il feudalesimo
Un contributo importante è stato dato dal Cristianesimo, che si fonda sull’idea dell’uguaglianza degli uomini davanti a Dio. In realtà questo principio si scontrava con la realtà dell’epoca e in particolare con i fondamenti su cui si basava il potere politico, che presupponeva una forte gerarchizzazione e delle profonde diseguaglianze sociali: condizioni essenziali per il feudalesimo, che presupponeva l’esistenza dei servi della gleba e quindi di soggetti sostanzialmente equiparati ad oggetti, che si potevano vendere o scambiare.
Risale a questo periodo un importante documento: la Magna Charta Libertatum del 1215, un documento emanato dal re d’Inghilterra Giovanni Senza Terra che contiene un elenco di diritti come, per esempio, il diritto alla proprietà privata, il diritto alla libertà, il diritto a non essere condannati senza motivo e comunque ad essere giudicati da un organo legittimo.
Tuttavia questi diritti, che possono assomigliare a quelli contenuti nella Dichiarazione universale, non venivano riconosciuti a tutti gli individui, ma solo a quelle classi sociali ritenute più importanti: arcivescovi, vescovi, abati, priori, conti e baroni.
Sempre in Inghilterra, ma nel 1679 viene emanato un documento fondamentale nell’affermazione dei diritti umani: l’Habeas corpus Act. In pratica si stabiliva che nessuno può potesse essere arrestato, e quindi privato della sua libertà personale, in modo arbitrario, senza, cioè delle prove concrete sulla sua colpevolezza. Sulla scia di questo documento nel 1689 viene approvato anche il così detto Bill of rights (la Carta dei diritti) in cui si affermano, in particolare, la libertà di di religione, di parola e di stampa.

La Dichiarazione di indipendenza delle colonie americane e la Dichiarazione francese dei diritti dell’uomo e del cittadino
Nel corsi del 1700 si svilupparono in America e in Francia dei movimenti di pensiero e politici che sfociarono nell’approvazione di due importanti documenti nella storia dell’evoluzione dei diritti umani: la Dichiarazione di indipendenza delle colonie americane e la Dichiarazione dei diritti dell’uomo e del cittadino in Francia.
Le colonie inglesi in America, a causa dei continui conflitti con il governo inglese, decisero di proclamare la Dichiarazione di indipendenza, cui era allegata anche una Dichiarazione dei diritti dell’uomo, che rivendicava in particolare il diritto alla vita e alla libertà, nonché il diritto alla libertà di parola, di stampa, di religione e di riunione.
Così come in America anche in Francia si sviluppò un movimento per la rivendicazione dei diritti fondamentali. In questo caso perché il governo, impegnato in una serie di guerre, aveva investito in questa attività molto denaro, sottraendolo alla popolazione ed andandone quindi ad incrementare la povertà. Così al termine della Rivoluzione francese nel 1789 viene redatta la Dichiarazione dei diritti dell’uomo e del cittadino. Vennero sanciti diritti fondamentali come l’uguaglianza, la libertà di stampa, pensiero e religione, la presunzione di innocenza, il diritto alla proprietà privata.
Grazie a questi due precedenti, a partire dal 1900 prende il via un fenomeno che coinvolge tutto il mondo occidentale. Quindi nelle costituzioni, cioè nelle leggi fondamentali dei nuovi stati che via via si vanno formando, si sente la necessità di sancire gli stessi diritti rivendicati nella Dichiarazione di indipendenza americana e nella Dichiarazione dei diritti dell’uomo e del cittadino francese.

L’Organizzazione delle Nazioni Unite e il concetto di universalità dei diritti umani
A conclusione di questa breve carrellata storica possiamo trarre delle conclusioni. I diritti umani non nascono in un preciso momento storico, ma sono il frutto di un’evoluzione, dovuta alle rivendicazioni di fasce di popolazione che si ritenevano naturalmente titolari di certi diritti che però non venivano loro riconosciuti da chi gestiva il potere.
Occorre però sottolineare che ancora non si può parlare del riconoscimento di diritti universali: le dichiarazioni che abbiamo visto sopra sono legate ai cittadini di determinati Stati (per esempio l’Inghilterra, la Francia o gli Stati Americani), non si parla ancora di diritti riconosciuti nei confronti di tutti gli esseri umani e quindi ancora non si può parlare di universalità dei diritti.
In questo senso la Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo rappresenta un passo storico: perché non è la dichiarazione di un solo Stato.
Come è stato possibile questo cambiamento di prospettiva ?
La risposta è semplice: perché molti Stati del mondo si sono associati è hanno dato vita ad una grande organizzazione: l’organizzazione delle Nazioni Unite.
L’ONU nasce ufficialmente nel 1945, quando i rappresentanti di 50 Stati elaborano ed approvano, nel corso della Conferenza di San Francisco, la Carta delle Nazioni Unite, che contiene le regole generali per il funzionamento dell’organizzazione. Oggi gli Stati membri dell’ONU sono 189, quindi praticamente tutti gli Stati del mondo.
Il fine principale dell’ONU è di mantenere la pace e la sicurezza internazionale, in particolare, promuovendo ed incoraggiando il rispetto dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali per tutti senza distinzioni di razza, di sesso, di lingua o di religione.
All’interno delle Nazioni Unite, che in realtà si occupano di molte altre questioni, ci sono rappresentanti di ogni Stato, insieme discutono e alla fine, con una votazione, prendono una decisione. In sintesi l’ONU funziona così, anche se in realtà ci sarebbero aspetti più problematici che, tuttavia, non è necessario sottolineare in questo momento.
La cosa importante è con l’istituzione di questa organizzazione è stato finalmente possibile prendere delle decisioni in materia di diritti umani che non valessero per un solo Stato. Con questa procedura è stata adottata la Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo nel 1948 e, successivamente, molti altri documenti importanti per la promozione e la tutela dei diritti umani.
A partire da questa data, infatti, l’attività nel settore dei diritti umani è incrementata notevolmente dando vita a molte altre dichiarazioni e trattati che si occupano della tutela dei diritti di particolare categorie di individui: come donne, bambini, rifugiati ecc…
E’ importante sottolineare che gli stati membri delle Nazioni Unite sono poi obbligati ad osservare i principi stabiliti nei documenti approvati dall’organizzazione nel momento in cui emanano delle leggi nazionali.
Tratto da: volint.it

OBIEZIONE di COSCIENZA
Art. 1 legge 8 luglio 1998, n. 230:  “I cittadini che, per obbedienza alla coscienza, nell’esercizio del diritto alle libertà di pensiero, coscienza e religione riconosciute dalla Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo e dalla Convenzione internazionale sui diritti civili e politici, opponendosi all’uso delle armi, non accettano l’arruolamento nelle Forze armate e nei Corpi armati dello Stato”,……
….ma l’Obiezione di Coscienza vale per qualsiasi altro campo dei Diritti Umani !
Storia dell’obiezione di coscienza in Italia (PDF), su gioc.org.
– Legge 15 dicembre 1972, n. 772, in materia di “Norme di attuazione della legge n. 772 del 15 dicembre 1972 sul riconoscimento dell’obiezione di coscienza.”
Decreto del presidente della Repubblica 28 novembre 1977, n. 1139, in materia di “Norme sull’obiezione di coscienza alla sperimentazione animale.”
– Legge 12 ottobre 1993, n. 413, in materia di “Norme sull’obiezione di coscienza alla sperimentazione animale.”
– Legge 8 luglio 1998, n. 230, in materia di “Nuove norme in materia di obiezione di coscienza.”
– Legge 2 agosto 2007, n. 130, in materia di “Modifiche alla legge 8 luglio 1998, n. 230, in materia di obiezione di coscienza.”
Decreto legislativo  15 marzo 2010, n. 66, in materia di “Codice dell’ordinamento militare.”
Sentenza della Corte Costituzionale n. 470 del 1989, su giurcost.org.
Sito del Servizio Obiezione di Coscienza e Pace A.P.G. XXIII, su odcpace.org.
San Massimiliano, protettore degli obiettori di coscienza,
su ospiti.peacelink.it.
Obiezione di coscienza alla sperimentazione animale sul sito della Lega Anti Vivisezione

———————————————————————————————————-

ISSN 2284-3531 – Ordine internazionale e diritti umani, (2018), pp. 267-275.
DIRITTO ALL’ISTRUZIONE E INTEGRAZIONE:
1.Il diritto all’istruzione come diritto umano fondamentale.
2. Le fonti internazionali del diritto all’istruzione.
3. La normativa europea in materia
4. L’accesso dei rifugiati ai sistemi educativi.
5 La situazione   nell’ordinamento   italiano.
6.L’attuazione   del   diritto   all’istruzione:
i Millenium Development Goals(MDGs) e gli obiettivi di sviluppo sostenibile
7. Conclusioni.

  1. Il diritto all’istruzione come diritto umano fondamentale.
    L’istruzione  costituisce  il  tramite  essenziale  per  la  costruzione  del  legame  tra l’individuo e la società in tutte le sue dimensioni ed assume pertanto una rilevanza centrale nella  promozione  e  tutela  dei  diritti  umani.  In  particolare,  l’inclusione  dei  titolari  di protezione internazionale1nei sistemi nazionali d’istruzione si presenta come indispensabile fattore d’integrazione
    2. Nel  2012,  la  giovane  attivista  pachistana  Malala  Yousafzai  ha  difeso  il  diritto all’istruzione davanti   all’Assemblea   della   gioventù   delle   Nazioni   Unite,   dopo   essere sopravvissuta all’attacco di chi voleva punirla per aver denunciato nel suo blog la chiusura – e  talvolta  la  distruzione – di  numerosi  istituti  scolastici  dello  Swat  e  il  divieto  di  recarsi  a scuola  imposto  a  tutte  le  donne  dal  Governo  talebano.
    In  occasione  del  suo  intervento  al Palazzo  di  Vetro, Malala  ha  lanciato  un appello  ai leader politici  mondiali, invitandoli  a garantire, in maniera effettiva ed inclusiva,il diritto allo studio a ogni bambino, assicurando così istruzione,  pace  e  uguaglianza.
    “I  libri  e  le  penne  sono  le  armi  più  potenti”,  ha detto il Professore ordinario di Diritto internazionale, Sapienza Università di Roma.
    1Sul  diritto  alla  protezione  internazionale  nella  sua  attuale  dimensione  cfr. S.MARCHISIO, Commento all’Art. 10.IIICost.,in D. MANZIONE(a cura di), Codice dell’immigrazione e asilo, Milano, 2018, pp. 3 ss.2UNHCR, Education  Strategy  2012-2016,
    http://www.unhcr.org/5149ba349;
    UNESCO, Protecting  the  Right  to Education  for  Refugees,  2017,
    http://unesdoc.unesco.org/images/0025/002510/251076E.pdf
    Fra  le iniziative in materia, vale menzionare il Progetto inHERE, condotto da UNIMED con la collaborazione dell’Università Sapienza di Roma e di altri partner internazionali, cofinanziato dal programma Erasmus dell’Unione Europea (UE), con l’obiettivo di facilitare l’integrazione e l’accesso dei rifugiati nelle università europee, valorizzando la  dimensione  sociale  dell’istruzione  e  moltiplicando  le  opportunità  di  partecipazione  all’European  Higher Education Areaa favore dei rifugiati:
    https://www.inhereproject.eu/it

ISSN 2284-3531 Ordine internazionale e diritti umani, (2018), pp. 267-275. 268spiegato,  sottolineando  come  l’istruzione  sia uno  degli  strumenti  più  importanti  per rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che si frappongono al pieno sviluppo della persona umana
3.Sono  anche  le  parole  e  l’esperienza  di  questa  giovane  attivista,  insignita  del  Premio Nobel  per  la  pace,  a  ricordarci  l’importanza  della  lotta per l’affermazione del  diritto all’istruzione,  che  la normativa  internazionale,  come  quella  europea  ed  interna,  hanno contribuito a definire con maggior decisione a partire dal secondo dopoguerra. Il  riconoscimento  del  diritto  all’istruzione  quale  diritto  fondamentale  rimonta  alla Dichiarazione universale dei diritti umani del 1948, il cui art. 26afferma che ogni individuo ha diritto all’istruzione,  che dovrebbe  essere gratuita almeno  ai  livelli  elementari e fondamentali,e indirizzata   al   pieno   sviluppo della   personalità   umana,   nonché al rafforzamento del rispetto dei diritti umani e delle libertà fondamentali.
L’istruzione, come definita   nella Dichiarazione, viene   intesa, inoltre, come   elemento funzionale alla promozione  della  tolleranza  e dell’amicizia  fra  tutte  le nazioni  e  i  gruppi etnico-razziali  e religiosi.
4. La  formulazione  contenuta  nella  Dichiarazione  ci  fa  quindi  comprendere  che  esso non viene presentato come fine a sé stesso, ma quale strumento promotore di pace, dialogo interculturale,  solidarietà e integrazione  o,  se  si  vuole,  come  mezzo per l’esercizio di  altri diritti che concorrono in  modo  olistico al  miglioramento  della qualità  della  vita delle persone.
Attraverso  l’istruzione,  infatti, gli  individui  possono acquisire una maggiore consapevolezza dei  propri  diritti  e delle  proprie responsabilità.
Agli  inizi  del  ventunesimo secolo,  il Relatore speciale delle  Nazioni  Unite sul  diritto  all’istruzione ha  attribuito  a  tale diritto la funzione  di “moltiplicatore”, di“chiave”per sbloccare l’esercizio  di altri  diritti  e libertà ed  enfatizzarne il  godimento.
5.Garantire  l’accesso  all’istruzione costituisce  quindi  il presupposto fondamentale  per   assicurare   la   piena   realizzazione   dei diritti   umani fondamentali.
L’azione  degli  Stati  in  tal  senso si  è  scontrata,  tuttavia, con  la  difficoltà  a  definire propriamente la  tutela  da  accordare  al diritto  in  questione. Un  problema,  questo, riconducibile alla   natura   complessa di tale situazione giuridica,   che   costituisce   un contenitore complesso,  nel  quale  convergono aspetti  civili,  politici,  sociali  e  culturali.
Il diritto all’istruzione è infatti suscettibile di essere annoverato tra i diritti di libertà,di essere inteso come declinazione della libertà di pensiero e della libertà di iniziativa economica,o, ancora, di  essere  incluso  tra  i  diritti  sociali.
Se  tale  carattere  composito  può  avere fondamento  nel  quadro  dell’indivisibilità  dei  diritti  umani,  la  recente tendenza a  definire l’educazione  come  un  semplice  bisogno  umano  (human  need)  e  non  come  diritto  personale fondamentale, deve  essere  senz’altro  rigettata,  per il  solido  fondamento normativo che il diritto  all’istruzione ha sia nel  diritto  internazionale  dei  diritti  umani che  nelle costituzioni dei principali paesi democratici.
Una tale prospettiva rischia altresì di favorire lo sviluppo di un processo di commercializzazione dell’eduzione, tendente ad escludere le popolazioni più povere  dall’accesso  all’istruzione
6. Al  contrario,  il diritto  all’istruzione è un  bene  che  deve essere  garantito  ad ogni  uomo in  quanto  tale.

Il testo integrale del discorso di Malala Yousafzai del 12 luglio  2012 è disponibile su:
https://www.un.org/News/dh/infocus/malala_speach.pdf.4UN, GA, A/RES/3/217A Universal Declaration of Human Rights, 10 December 1948 5UN,  ECOSOC,E/CN.4/2001/52, Annual report  of  the  Special Rapporteur  on  the  Right  to  Education,  Katarina Tomasevski, submitted in accordance with Commission on Human  Rights Resolution 2000/9, 9 January 2001, para.11. 6K. D.BEITER, The Protection of the Right to Education by International Law, Leiden, 2006, p. 611.

Diritto all’istruzione e integrazione dei rifugiati ISSN 2284-3531 Ordine internazionale e diritti umani, (2018), pp. 267-275. 269
Esposto nella sua monografia sulla libertà di manifestazione del pensiero nell’ordinamento italiano, Stato  e  democrazia devono porsi  al servizio  della  cultura, intesa come bene  che attiene al destino irrinunciabile dell’uomo
7. La Costituzione  italiana,  che  pone  a  suo  fondamento  i  diritti  della  persona  e  a  suo fine la loro garanzia, configura l’accesso al sistema scolastico quale diritto soggettivo, come si desume dal combinato disposto degli artt. 33e 34,che regolano le caratteristiche basilari del nostro sistema d’istruzione.
Il primo, oltre a sancire la libertà d’insegnamento e fissare la parificazione  tra scuole  private e pubbliche, fa  carico  alla  Repubblica  di  istituire  scuole statali per tutti gli ordini e gradi. Il secondo, affermando il principio democratico secondo il quale “la scuola è aperta a tutti” senza limiti né distinzioni relativi a particolari tipi di scuole o a determinate  categorie  di soggetti, garantisce il  diritto  dei  capaci  e  meritevoli,  anche  se privi di mezzi,di raggiungere i gradi più alti degli studi. Viene quindi riconosciuto a livello nazionale l’accesso  universale alla  scuola  che,  almeno  per  quanto  riguarda  l’istruzione inferiore, deve essere obbligatorio e gratuito.
Sintesi, By Sergio Marchisio

——————————————————————————————————————

PIRAMIDE dei vari Livelli Gerarchici delle LEGGI, nel mondo della Giurisprudenza (sintesi).

Ovvero la “Gerarchia delle fonti” del diritto. Cioè, sostanzialmente, la gerarchia delle norme. Le quali norme sono collocate all’interno del sistema giuridico secondo un ordine gerarchico secondo il quale ciò che sta al vertice (I diritti dell’Uomo, poi le Costituzioni delle varie nazioni) nel nostro caso la Costituzione italtana, imprime i propri indirizzi, la propria caratterizzazione e volontà a tutto ciò che è collocato al di sotto, esattamente al pari di una gerarchia militare o di una gerarchia aziendale.

Vi sono ben precisi livelli di validità Giuridica fra le LEGGI nel MONDO:
Tutto ciò che viene meno o manca di questi requisiti e questi livelli, è ERRATO e contro l’uomo, quindi si DEVE trasgredire, perché ordini/disposizioni NON legali ed incoerenti con ciò che indicano i vari livelli di importanza delle LEGGI (Norme), qui ben chiaramente evidenziati:

In primis ed al di sopra di tutto, vi sono i DIRITTI o LEGGI NATURALI  dei quali ogni individuo è titolare fin dalla nascita, che trovano la loro legittimazione non nel fatto di essere riconosciuti e accettati da un governo che li concede, ma nel fatto di essere costitutivi della natura stessa dell’uomo (per es. diritto a respirare aria senza nessun impedimento, alla vita, alla libertà personale, al potersi muorere in qualsiasi parte della Terra, senzo permessi, ecc.).
Diritti Naturali, poi codificati e formalizzati in parte nei:
1 – DIRITTI UNIVERSALI DELL’UOMO
Tali diritti presentano le seguenti peculiarità:
Sono dichiarati INVIOLABILI, nel senso che non possono essere cancellati neppure dal legislatore costituzionale, né tantomeno essere compressi nel loro nucleo essenziale.
Questi Diritti, sono riconosciuti non soltanto al singolo, ma anche alle formazioni sociali in cui si svolge la sua personalità (famiglia, scuola, impresa, comunità religiosa, associazioni laiche…..).

2 – COMMON LAW (Leggi Internazionali alle quali l’Italia con la firma ed adesione si DEVE adeguare: “L’ordinamento giuridico italiano si conforma alle norme di diritto internazionale generalmente riconosciute”) Art. 10 Costituzione valevole per i punti 1 e 2

3 – COSTITUZIONI NAZIONALI (La Costituzione, garantisce il rispetto dei diritti e delle libertà fondamentali, ossia di quei diritti basilari che fanno direttamente capo all’essere umano e che coinvolgono tutte le principali esternazioni della sua personalità…..)
Nella Costituzione italiana i diritti umani sono riconosciuti e garantiti principalmente dall’articolo 2:
“La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell’uomo, sia come singolo sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità, e richiede l’adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale”. valevole per i punti 1 e 2

La disciplina dei diritti di libertà e le loro garanzie costituzionali sono la componente principale per la determinazione della “forma di regime” di un determinato Stato (distinzione fra Dittatura e Democrazia Libera, la dittatura odierna è FUORILEGGE).
Quindi lo stato ed il governo DEBBONO rispettare i Diritti Umani !

4 – LEGGI-LEGGE (atto normativo o norma giuridica, attraverso il quale il potere legislativo esercita la sua funzione (legge in senso formale); Le Leggi sono presentate, discusse e promulgate dai Parlamenti, ed hanno valore gerarchico superiore ai Decreti, che non possono in alcun modo anullare le Leggi già promulgate.

5 – DECRETI PRESIDENZIALI (Presidente della Repubblica, non può emettere nessuna Legge in contrasto/antitesi con le Leggi di livello superiore)- vedi punto 1, 2, 3

6 – DECRETI del PRESIDENTE del CONSIGLIO DEI MINISTRI (Presidente del Consiglio dei Ministri, non può emettere nessuna Legge in contrasto/antitesi con le Leggi di livello superiore)
– vedi punto 1, 2, 3, 4

7 – DECRETI REGIONALI del PRESIDENTE di una REGIONE (Presidente di una Regione, non può emettere nessuna Legge in contrasto/antitesi con le Leggi di livello superiore) – vedi punto 1, 2, 3, 4, 5

8 – ORDINANZE SINDACALI (quelle dei Sindaci, idem) – vedi punto 1, 2, 3, 4, 5, 6

NESSUNA di queste supposte Leggi/Norme, può annullare la Legge superiore dalla quale DEVE DIPENDERE.

In sintesi:
i D.L. i D.P.R. i D.P.C.M. le Disposizioni e le Circolari emanate dall’attuale Governo italiano (2014-2020), attraverso SOGGETTI illegittimati (vedi Consulta sentenza n.° 1/2014 della Corte Costituzionale relativa alla Legge elettorale chiamata “Porcellum” che ha di fatto invalidato 148 Deputati tecnicamente NON votati dal popolo, non convalidati dal Parlamento entro i termini di Legge e non dopo 5 mesi…) non hanno tecnicamente e giuridicamente forza di Legge, essendo gli stessi promulgati da soggetti del tutto abusivi, a partire dal Dott. MATTARELLA Sergio e successivi individui che si stanno, nel
tempo, alternando nell’ambito del Governo Italiano come usurpatori di potere politico e potere militare, semplici ed illegittimi “attori in costume che non possono smettere di recitare una parte”.

P. S. Tutte le norme che non rispettano questi requisiti sono ILLEGALI e debbono/possono essere denunciate in Tribunale, oltre che non praticate con il concetto della disobbedienza civile !

https://www.studiocataldi.it/articoli/38006-coronavirus-ordinanze-statali-regionali-sindacali-e-riparto-delle-competenze.asp

Qui trovate molti più particolari su vari Livelli Gerarchici delle Leggi:
http://demetriopriolo.altervista.org/la-compenetrazione-gerarchica-di-tradizioni-e-fonti/

Vedi anche: Convenzione di Oviedo

STATO ESTERO in e su Persona fisica umana nel proprio TRUST estero
Lo stato-persona fisica umana (extraterritoriale od estero, cioè fuori dallo territorio, nazione, ove siete nati), è quel concetto dottrinario del diritto internazionale e quindi anche di quello diritto costituzionale italiano, che identifica lo stato come un’entità composta dai suoi organi funzionali, con i quali intraprende rapporti esterni con gli altri stati ed individui di diritto internazionale così come rapporti interni con i soggetti che ne fanno parte.

In particolare lo Stato-persona ha capacità di agire attraverso i propri organi in base a un rapporto organico, che si differenzia da quello di rappresentanza per la bilateralità del rapporto: l’atto compiuto da un determinato organo è imputabile direttamente allo Stato, in quanto si realizza un’immedesimazione fra l’individuo persona fisica, titolare dell’organo (fisiologico), che svolge uno o più atti e lo Stato stesso, sul quale ricadono gli effetti.

Il concetto fa parte del più ampio concetto di Stato-ordinamento.
Gli organi statali che compongono lo Stato-persona possono suddividersi in:
– individuali
– collegiali
– complessi

Tratto da:
https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Stato-persona&oldid=76177477

Continua QUI:
https://mednat.news/filosofia/sovranita_individuale4.htm

——————————————————————————————————————

ALCUNI CONCETTI UTILI di e nel “DIRITTO”

Il diritto tende a creare una sorta di malessere quando cerchiamo di riflettere sul punto da cui partire, o su cosa fare, o quando leggiamo qualcosa per poi scoprire che non è la verità.

il diritto è deliberatamente elaborato per dimostrarsi fonte di confusione, perchè si tratta di un’arte occulta.

Indovinate a chi hanno mentito per primi? ai lawyer (avvocati generici) successivamente a noi. I termini inglesi per indicare la figura dell’avvocato si riferiscono all’arte della giurisprudenza.

Vediamo l’origine di questi termini:

ATTORNEY: (avvocato, procuratore).
il termine attorn o attornment risale al xvi sec. E’ composto dai termini latini ad (a, da) e torno (girare, passare a, arrotondare) e significa acconsentire, implicitamente o esplicitamente, a un trasferimento di diritti.  In altre parole l’attorney (avvocato, procuratore) è lì a dimostrare che avete ceduto i vostri diritti.

BARRISTER: avvocato/legale di grado superiore.
Il termine barrister risale al tardo xvi sec. è composto dalle parole latine baro (ignorante, incompetente) e sto o stare (rimanere saldi, assumere una posizione).
Quindi barrister significa rappresentare un ignorante od un incompetente.

LAWYER: avvocato generico. Il termine lawyer risale al XVI sec. E’ composto dal termine latino lar o lares (diritto consuetudinario) e da iuro o iurare (giurare, pronunciare un giuramento, cospirare) e significa letteralmente colui che ha prestato giuramento nei confronti del diritto consuetudinario della/di una gilda (associazione) privata.
In altre parole uno che ha giurato di mentire.

ARTE della GIURISPRUDENZA del DIRITTO:
nel XIII sec. a Firenze, la Famiglia Medici organizzò i mercanti in sistemi privati, composti da 5 gilde (associazioni, corporazioni) principali note come arti mediane e 7 gilde (associazioni, corporazioni) minori note come arti minori.
Le gilde sono corporazioni versate nell’occulto note come le arti, di qui l’arte del diritto.

Cos’è la Legge (il diritto) ?
La legge (il diritto) è costituito da regole, consuetudini, norme che permettono o vietano determinate condotte. E’ in effetti una definizione molto semplice e ha origine da tutti questi elementi: religione, legislazione, scienze. Inoltre deriva dalla consuetudine, esattamente come il culto romano.

Le leggi di maggior rilievo, sono rappresentate dai canoni.
Quando sentiamo il termine canone, viene subito alla mente il diritto canonico, quindi, avendo a che fare con la chiesa cattolica, pensiamo al diritto ecclesiastico.
La forma più elevata del diritto, è rappresentata dai canoni. I canoni sono regole, procedimenti, norme, massime, misure o standard non contestati.
“Non contestati” questa è la parola chiave in relazione a tutto questo nel tempo.
A questo punto ci rendiamo conto di come il diritto canonico si trasformi in uno strumento atto a gestire il controllo. L’intero sistema è fondato sul Diritto Canonico.

————————————————————————————————————————-

Difendiamo i nostri Diritti Umani anche dagli assalti dei “cani da guardia”, da noi pagati…. della odierna Dittatura in sanitaria, esempio:

A difesa di questo ragazzo e anche a difesa delle “forze dell’Ordine”, che NON devono ubbidire a ordini di carattere dittatoriale, anti Diritti Umani e Costituzionali italiani.

PROMEMORIA per TUTTI, medici, politici ed avvocati compresi:

Anno 2019-2020: DITTATURA SANITARIA  INVENTATA su FALSI SCIENTIFICI !
Avvocato Francesco Scifo :
– Lo sapevate che la pandemia non è mai stata dichiarata da OMS, ma solo il rischio pandemico, e quindi questa clausura è illegale ? No. Ora lo sapete.
– Lo sapevate che un decreto del presidente del consiglio dei ministri non può MAI avere valore di legge ? No. Ora lo sapete.
– Lo sapevate che il virus non provoca la polmonite interstiziale che stanno curando, ma trombosi polmonare e quindi gli intubati sono stati, di fatto, uccisi ? No. Ora lo sapete.
– Lo sapevate che l’autocertificazione siete invitati a farla, ma nessuno ve lo può ordinare ? No. Ora lo sapete.
– Lo sapevate che se la fate e dichiarate il vostro stato medico questo è specificatamente nullo e vietato dalla legge ? No. Ora lo sapete.
– Lo sapevate che tutte le volte che leggete “denunciato qui, denunciato la” sono cazzate. Un decreto legge non può MAI avere risvolti penali ? No. Ora lo sapete.
– Lo sapevate che nei primi tre mesi di quest’anno in Italia sono morte meno persone che nel corrispondente periodo del 2019. Indipendentemente dalle cause ? No. Ora lo sapete.
– Lo sapevate che nessun paese al mondo sta subendo una clausura economicamente devastante come il nostro ? No. Ora lo sapete.
– Lo sapevate che se si sente male un vostro caro, anziano, ve lo sottraggono e dopo averlo sottoposto a cure non scelte né accettate, lo fanno morire da solo e probabilmente ve lo ridanno incenerito, dentro un barattolo e ciò è ASSOLUTAMENTE illegale ? No. Ora lo sapete.
– Lo sapevate che il governo invece di decidere lui tramite ministri e funzionari ha chiamato una squadra di tecnici ELETTA DA NESSUNO, facenti parte il grande mondo della grande finanza, che decideranno cosa noi potremo fare, dove andare quanto allontanarci da casa…. in flagrante violazione di ogni legge e della Costituzione Italiana ? No. Ora lo sapete.
– Lo sapevate che i membri di questa squadra accettano di farne parte solo se potranno agire in segreto e se avranno l’immunità totale dalle richieste di risarcimento dei danni che potrebbero causare ? No. Ora lo sapete.
– Lo sapevate che ad accettare di esser trattati da schiavi si diventa schiavi ? NO ora lo sapete…

Continua QUI:  https://mednat.news/dittatura_sanitaria.htm

Vedi anche: Quadro Bio-Logico sull’epidemia e Covid19

Protezione Legale dai soprusi del presunto stato:
https://www.pattoverascienza.com/?p=98

Recommended For You

Administrator

About the Author: Administrator

Esperto per la Vera scienza, conoscenza, filosofo della vita eterna, esperto in Medicine Naturali, Scienza della Nutrizione, Bioelettronica e Naturopatia. Consulente di https://mednat.news/curriculum.htm - Curatore, Tutore, Notaio, del TRUST estero VANOLI G.P. e difensore dei: - Human Rights Defender ONU/A/RES/53/144 1999 - Diritti dei Batteri e Virus, cioè della Vita/Natura in genere

9 Comments

  1. Siete un faro nel buio. Ho iniziato da pochi giorni a studiare una realtà che fino a poche settimane fa era celata. Dovrò navigare molto per arrivare al faro… ma un grazie è doveroso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *