Geopatie e Semeiotica Biofisica

Geobiofisica e Geopatie – By Sergio Stagnaro – Who’s Who in the World dal 1996 al 2007

Riconoscimento: sono grato all’Ing. Sergio Berti, ecogaia@libero.it, esperto in analisi geobiofisica dei luoghi, e al Dr Vincenzo Matera, medico chirurgo, per avermi trasmesso il loro amore per una scienza da me ignorata, la geobiofisica, suggerendomi questa prima ricerca semeiotico-biofisica sui meccanismi patogenetici delle geopatie

Riassunto
Ipotesi Zero. L’attività biologica dell’asse diencefalo-ipotalamo-ipofiso-surrenalico, la secrezione di melatonina e di insulina, la sintesi anticorpale sono indipendenti dalla situazione del soggetto nello spazio, quando valutate dal punto di vista della Semeiotica Biofisica.
Metodo
La valutazione delle singole attività biologiche è stata condotta con la Semeiotica Biofisica, Pratiche Applicazioni, “Appendicite”, Diabete Mellito, “Terreno Oncologico” e  nella vasta letteratura (1-93).
I punti di interazione (nodi di Hartmann, ecc.) sono stati rilevati dall’Ing. Sergio Berti secondo la metodica di analisi geobiofisica dei luoghi.
Materiale
20 individui capitati di seguito alla mia osservazione: 12 donne e 8 uomini; età compresa tra 10 e 72 aa.; 2 casi di DM tipo 2; 6 casi di Sindrome di Reaven, classica o variante, di cui due affetti da sindrome da affaticamento cronico; 4 casi di virosi influenzale; 8 sani. Sono stati esclusi 4 individui non responsivi agli stimoli geobiofisici.
Risultati
Quando l’esaminando si trovava nelle zone “neutre”, i parametri biologici presi in considerazione, sono risultati “tutti” nella norma nei sani o alterati in rapporto alla malattia di base. In particolare, la chiusura intensa degli occhi, coperti da una mano, incrementava fisiologicamente la secrezione di melatonina e, quindi, la sintesi anticorpale, in rapporto con l’eventuale presenza del Terreno Oncologico.
Al contrario, quando la posizione dell’esaminando  era sopra un nodo di Hartmann (o altri punti di interazione), la sintesi anticorpale era ridotta, l’attività dell’ACTH-RH, dell’ACTH e del surrene appariva incrementata, in modo statisticamente significativo, in rapporto con l’intensità del flusso energetico locale.
Inoltre, nella stessa condizione, la screzione insulina risultava aumentata ed era osservabile un peggioramento della sensibilità dei recettori insulinici. Infine, la stimolazione della secrezione di melatonina ad occhi chiusi, non era statisticamente incrementata: la sintesi anticorpale non aumentava.
Conclusioni
I dati raccolti hanno permesso di falsificare l’ipotesi zero. Se i dati preliminari raccolti in una piccola casistica saranno successivamente corroborati da ulteriori indagini,  con l’aiuto della Semeiotica Biofisica è possibile valutare in modo “quantitativo” gli effetti negativi dell’ambiente – nodi di Hartmann, per esempio – sulle funzioni biologiche dell’uomo. Inoltre, con questa originale semeiotica fisica sarà possibile localizzare le aree ad influenza negativa sul soggetto e personalizzare la terapia.

Introduzione
Il medico non cura malattie, ma individui malati. La “classe” degli individui non è un individuo.
Con l’aiuto della Semeiotica Biofisica
– vedi HONCode 233736, http://digilander.libero.it/semeioticabiofisica e Bibliografia –  gli individui possono essere attentamente valutati dal punto di vista biologico-molecolare, funzionale, e raggruppati, nella maggior parte dei casi temporaneamete, in tre distinte zone: Zona Bianca o della salute, Zona Nera o della patologia e, infine, Zona Grigia, la più vasta in assoluto, dove la salute non cè più e la malattia non è ancora presente.
vedi anche: http://digilander.libero.it/microangiologia

Dal punto di vista, invece, del laboratorio e delle semeiotiche per immagini, oggi dominanti il campo della semeiotica in Medicina, la Zona Bianca contiene, o dovrebbe contenere, individui sani con esami “normali”, mentre la Zona Nera raggruppa, o dovrebbe raggruppare,  individui malati, i cui esami offrono dati patologici.
A proposito, infine, della Zona Grigia, locus della prevenzione primaria delle più gravi patologie umane, inclusi i tumori, completamente ignorata dalla Medicina fino a due decenni or sono ed oggi conosciuta solo in modo certamente insoddisfacente ed approssimativo (V. i siti citati), essa contiene individui “sicuramente” malati sul piano biologico-molecolare, ma con esami ematochimici, radiologici e altamente specialistici (TAC, RNM, SPECT, ecc.) ancora del tutto “normali”, per cui la loro patologia è facilmente interpretata e diagnosticata come “neurosi”, “ansia-depressione”, “malattia psico-somatica”, “sindrome da affaticamento cronico”, eccetera.
Il presente lavoro suggerisce che gli individui della Zona Grigia rappresentano un gruppo di soggetti meritevoli della massima attenzione da parte del medico curante, a causa delle alterate situazioni funzionali di differenti sistemi biologici (pancreas endocrino, sinovium, sistema psico-neuro-endocrino-immunitario, ecc.), indotte da fattori di rischio “congeniti” (mit-DNA in primis: V. “Costituzioni Semeiotico-Biofisiche”, nei siti citati), ed “ambientali”, incluse le modificazioni geobiofisiche in cui vive il soggetto e che sono oggi quasi completamente ignorate dal medico.

Metodo
Il metodo applicato nella ricerca – la Semeiotica Biofisica (1-93) – è ampiamente illustrato anche nel sito citato. In particolare, nella valutazione della sintesi anticorpale è stata esaminata l’intensità dell’attività del BALT superiore, valutata come intensità e durata delle sue fluttuazioni caotico-deterministiche (63). La secrezione insulinica è stata valutata sia direttamente con la percussione ascoltata del pancreas (19, 50, 55, 69) e la microcircolazione delle isole di Langherans (30, 39,  40, 85, 91), che indirettamente   mediante la prova di Ferrero-Marigo (64).
La quantificazione della secrezione di ACTH-RH, ACTH e dell’attività surrenalica è stata  effettuata con il metodo illustrato in precedenti lavori (77, 81).
Infine, i punti di interazione (nodi di Hartmann, ecc.) sono stati rilevati dall’Ing. Sergio Berti secondo la metodica di analisi geobiofisica dei luoghi.

Casistica
La casistica comprende 20 individui presentatisi di seguito alla consultazione medica per vari motivi: 12 donne e 8 uomini, età compresa tra 10 e 72 aa.. In 2 casi era presente da tempo DM tipo 2; 6 casi di Sindrome di Reaven, classica o “variante”, da me descritta (14, 55, 89), di cui due affetti da sindrome da affaticamento cronico da venti e, rispettivamente, trent’anni; 4 casi di virosi influenzale; 8 “sani”. Non sono stati inclusi nella casistica 4 individui non-responsivi agli stimoli geobiologici.
L’indagine è stata condotta prima, di base, in una area “neutra” dal punto di vista geobiofisico e, quindi, ripetuta subito dopo, con il soggetto situato sopra un nodo di Hartmann, in ambiente il più possibile privo di rumori e normale illuminazione.

Risultati
I valori di base dell’attività dell’asse diencefalo-ipotalamo-ipofiso-surrenalico, della secrezione insulinica (esclusi i due diabetici, i cui valori glicemici, peraltro, erano solo lievemente sopra la norma), della sintesi anticorpale e della secrezione di melatonina (in rapporto, ovviamente, alla presenza e gravità del terreno oncologico) erano normali in 18 casi, quando ricercati con il soggetto da esaminare posto in una zona “neutra”, cioè in assenza di nodo di Hartmann.
La secrezione insulinica offriva dati di estremo interesse, degni della massima considerazone, meritevole di approfondimento in una ricerca successiva: sia nei soggetti sani che negli individui con sindrome di Reaven, classica e “variante”, da me descritta (14, 55, 89), il flusso elettromagnetico causava un netto incremento della secrezione insulinica (il tempo di latenza del riflesso pancreatico-gastrico aspecifico saliva da 12 sec. a ³ 14 sec.) (19, 48, 55, 86)  e la sensibilità dei recettori insulinici nel muscolo striato, fegato e tessuto adiposo risultava variamente ridotta (64), quando l’esaminando era posizionato sopra un nodo geopatico. A causa del peggioramento della sensibilità recettoriale, la secrezione insulinica appariva aumentata anche nei due diabetici tipo 2, i cui livelli glicemici a digiuno erano solo lievemente sopra i valori normali durante trattamento farmacologico orale e la dieta, etimologicamente intesa: le oscillazioni caotico-deterministiche dei microvasi pancreatici mostravano una Fase AL + PL ³ 8 sec.
Quando l’esaminando si trovava sopra il nodo geopatico, la produzione anticorpale diminuiva significativamente (durata della Fase AL + PL delle fluttuazioni microvasali del BALT superiore: 5 sec. versus  6 sec. di base); la secrezione catecolaminergica surrenalica era aumentata (nei microvasi del surrene, la Fase AL + PL delle fluttuazioni microvasali dai valori fisiologici di 6 sec. saliva a 7 sec.); la secrezione melatoninica, mentre il soggetto manteneva chiusi gli occhi, non subiva alcuna variazione nei confronti dei valori di base o peggiorava: durata della decongestione splancnica < 30 sec. (NN = 30 sec.) ed erano immutate le oscillazioni dei microvasi epifisari (65).
Degna di segnalazione è la completa scomparsa della sindrome da affaticamento cronico nei due pazienti colpiti, a seguito della mutata posizione nello stesso letto, resa possibile dal fatto che le relative mogli sono insensibili ai nodi geopatici.
Appare interessante il fatto che le riferite modificazioni a carico dei vari sistemi biologici esaminati, causate dalle diverse energie telluriche, sono collegate alla posizione del solo “capo”, e non dell’intero corpo, sopra un nodo geopatico. In altre parole, le differenti forze, radianti e/o elettromagnatiche, agiscono direttamente sui centri neuronali cerebrali e solo indirettamente su altri tessuti.
Nella ricerca, infine, ho iniziato a raccogliere interessanti dati relativi alla favorevole influenza dell’asse elettromagnetico terrestre sulla funzione dei sistemi biologici. L’argomento sarà oggetto di un prossimo articolo.

Discussione
I campi elettromagnetici e le radiazioni provenienti dal sottosuolo influenzano il modo di essere e di funzionare dei nostri sistemi biologici. L’esposizione prolungata dell’organismo a questi agenti inquinanti può essere causa, o con-causa, di danni anche molto gravi alla salute. Nel primo caso si è autorizzati  a parlare di  “geopatie”
La “Geobiologia” è la scienza che studia le interazioni a livello psicofisico tra gli organismi viventi, vegetali, animali, ma soprattutto l’uomo, e il sito fisico dove essi vivono e soggiornano a lungo. I campi elettromagnetici possono provenire dall’impianto elettrico delle abitazioni, dalle linee ad alta tensione (bassa frequenza) o dalle antenne ripetitrici di stazioni radio, TV e telefoni cellulari (alta frequenza). Questi effetti si verificano in misura maggiore quanto più siamo vicini alla fonte di disturbo.
Le geopatie sono provocate anche dalla presenza di faglie geologiche, scorrimenti di acque sotterranee, reti telluriche (per es., di Hartmann e di Curry) e da particolari caratteristiche geologiche del terreno dove sono situate le nostre abitazioni. La scienza che si interessa di questi problemi è la Geobiofisica
La rete di Hartmann, dal nome del suo scopritore, è così chiamata perché è composta da un reticolo invisibile di linee energetiche che avvolgono tutta la terra da nord a sud e da est a ovest come i meridiani e i paralleli. Le maglie del reticolo sono abbastanza strette, cioè misurano mt. 2 (N-S) x 2,5 (E-O). All’incrocio di queste linee energetiche si trova il cosiddetto “nodo geopatico” o di Hartmann ed è un punto molto nocivo per gli organismi viventi.
Proprio perché il reticolo è molto fitto c’è la possibilità di trovare nelle nostre case i nodi geopatici che sono colonne di energie fortemente negative per la nostra salute del diametro stimato di circa 20 centimetri (rilevabili, per esempio, con strumenti radiestesici come il biotensor o le antenne a elle), che dal terreno salgono in verticale quasi perfetta sino ai piani più alti delle abitazioni.
In modo semplice, la localizzazione dei nodi di Hartmann da parte, però, di individui ben preparati ed esercitati, è possibile mediante la valutazione della forza necessaria ad aprire un “anello” formato premendo il polpastrello dell’indice contro quello del pollice (Ring-test). Il metodo, tuttavia, facilmente influenzabile, non è così preciso come quello ustao nella presente ricerca.
Pertanto, se troviamo in un palazzo a più piani un nodo geopatico nel centro dell’ingresso di un appartamento al piano terreno e se gli appartamenti costruiti sopra sono simmetrici, troveremo la stessa perturbazione nel medesimo posto in ogni ingresso di tutti gli appartamenti del palazzo. C’è anche da dire che non tutti i nodi geopatici hanno la stessa intensità e, quindi, pericolosità nei nostri confronti. I nodi di Hartmann, tuttavia, sono comunque una fonte di disturbo per il nostro organismo, compresi quelli più deboli, in considerazione anche della responsività individuale.
Inoltre, gli scorrimenti sotterranei di acque, o faglie geologiche, (se sono posizionati sotto le nostre abitazioni) sono per noi particolarmente deleteri specialmente se le negatività si sommano (nodi geopatici + scorrimenti sotterranei nello stesso punto della casa). Essi provocano seri disturbi ai nostri sistemi biologici.
Nel sonno siamo particolarmente sensibili a queste aggressioni provenienti dal sottosuolo. Questo avviene perché mentre dormiamo l’organismo si riposa, la temperatura corporea diminuisce, la tensione elettrica del nostro corpo si riduce, i muscoli si rilassano, l’attività psichica diventa minima e così le difese organismiche si abbassano. D’altra parte, nel sonno il soggetto rimane esposto per molte ore all’influenza negativa di questi fattori di rischio ambiente-dipendenti, da cui generalmente siamo parzialmente protetti durante il giorno dai nostri normali spostamenti.
Sintomi possibili in caso di esposizione all’azione delle radiazioni sono: sonno agitato e irrequieto, stanchezza anche dopo un sonno prolungato (stanchezza cronica), nervosismi ed irrequietudine, difficoltà alla concentrazione, contrazioni muscolari, lombalgia cronica, depressione, “sindrome da affaticamento cronico”, come in due individui della casistica riferita: è stato sufficiente il cambiamento della posizione in letto (favorito dalla insensibilità delle mogli alle influenze geobiofisiche negative) perché, a partire dal giorno seguente, la sindrome scomparisse senza più ripresentarsi.

Sulla base dei dati della ricerca, sopra riferiti, appare interessante il fatto che i fattori geobiofisici di rischio, ambiente-dipendente e differenti per gravità, svolgono molto spesso un’azione negativa, senza provocare sintomi nelle fasi iniziali, la cui durata può essere di anni o decenni. Si tratta della Zona Grigia, locus della prevenzione primaria delle più comuni e gravi patologie umane, oggi valutabile in modo “quantitativo” con la Semeiotica Biofisica.

Sulla base dei dati, omogenei anche se limitati, raccolti con l’originale metodo diagnostico si è autorizzati  fin d’ora  ad affermare che le negative influenze elettro-magnetiche e radioattive ambiente-dipendenti, esercitate sul complesso sistema psico-neuro-endocrino-immunitario, gettano una nuova luce sui meccanismi fisiopatologici alla base delle geopatie: iperinsulinemia-insulinoresistenza, aumento delle catecolamine, in parte insulino-dipendenti, attivazione del sistema Renina-Angiotensina-Aldosterone (65, 77), turbe del metabolismo glicidico e lipidico, aumento dei radicali liberi, anomala attivazione microcircolatoria nei sistemi biologici geneticamente a rischio, ecc. (65-93).

Un approfondimento su vasta scala dei dati forniti da questa indagine è certamente necessario, così come l’indagine sull’azione “indiretta” su altri sistemi biologici. Infatti, i dati riferiti ci indirizzano verso un campo di ricerche originali, che possono permetterci di comprendere finalmente la patogenesi di disturbi al momento non rivelati dal laboratorio e dal dipartimento delle immagini, come i casi di sindrome da affaticamento cronico, oggi vagamente diagnosticati: dopo ben 20 e 30 anni, è stato sufficiente consigliare ai due pazienti della casistica, affetti da questa sindrome, di cambiare la loro posizione nel letto per eliminare disturbi non riconosciuti dagli esami ematologici routinari, tutti nella norma e ripetutamente eseguiti, e che non avevano risposto alle numerose terapie suggerite nel corso di decenni.

Conclusioni
Se i dati preliminari, limitati ma univoci, raccolti nella casistica sopra riferita, saranno corroborati nel corso di ulteriori indagini, la Semeiotica Biofisica rappresenta uno strumento clinico che consente di precisare la sede dei nodi geopatici (per esempio, quelli di Hartmann), la loro intensità, permettendo di comprenderne meglio l’azione sulle funzioni biologiche degli individui e valutare in modo “quantitativo” e personalizzato i fattori geobiofisici di rischio, ambiente-dipendenti.
Inoltre, questa originale semeiotica fisica offrirà al medico uno strumento “clinico”, di semplice applicazione ed affidabile nel localizzare e “quantizzare” i nodi geopatici ad influenza negativa sul soggetto.  Tra le varie cause della sindrome di affaticamento cronico, a mio parere, bisogna annoverare le geopatie.
Infine, i risultati, parziali ma omogenei, della ricerca sottolineano l’importanza della geobiologia e della geobiofisica nell’individuare questi fattori di rischio ambientali ignorati, che, agendo sui fattori genetici, sempre presenti, cioè le costituzioni semeiotico-biofisiche,  contribuiscono a causare le principali patologie umane.

Bibliografia
1. Stagnaro S., Aritmia splenica, segno attendibile di patologia bilio-duodenale. Min. Med. 76, 1426 (Pub-Med indexed for Medline), 1985
2. Stagnaro S., Auscultatory Percussion of Rheumatic Diseases. X European Congress of Rheumatology. Moscow. 26 June-July, Proceedings, pg 175, 1983
3. Stagnaro S., Auscultatory percussion of the cerebral tumour: Diagnostic importance of the evoked potentials, Biol. Med., 7, 171-175, 1985
4. Stagnaro S., Auscultatory Percussion Therapeutic Monitoring and Cerebral Dominance in Rheumatology. 2nd World Congress of Inflammation, Antirheumatics, analgesics, immunomodulators. Abstracts, A. Book 1, pg. 116, March 19-22, Montecarlo      1986
5. Stagnaro S., Diagnosi percusso-ascoltatoria delle alterazioni emoreologiche precoci nelle arteriopatie periferiche clinicamente silenti. I Congr. Naz. Soc. It. di Emoreologia. Atti, pag. 51. 30 Giugno-2 Luglio, Siena    1982
6. Stagnaro S., Il dolore nella pancreatite acuta edematosa interstiziale. Com. IV Congr. Naz. AISD. Chieti-Pescara. Atti,1,V,3   1980
7. Stagnaro S., Il Ruolo della Percussione Ascoltata nella “difficile Diagnosi” di Appendicite. Biol. Med. 8, 71, 1986
8.  Stagnaro S., Ipercolesterolemia e Coenzima Q10. The Pract. Ed. It. 133, 5-6,  1990
9. Stagnaro S., Istangiopatia Congenita Acidosica Enzimo-Metabolica condizione necessaria non sufficiente della oncogenesi. XI Congr. Naz. Soc. It. di Microangiologia e Microcircolaz. Abstracts, pg 38, 28 Settembre-1 Ottobre, Bellagio,   1983
10. Stagnaro S., Istangiopatia Congenita Acidosica Enzimo-Metabolica. X Congr. Naz. Soc. It. di Microangiologia e Microcircolazione. Atti, 61. 6-7 Novembre, Siena,  1981
11. Stagnaro S., Istangiopatia Congenita Acidosica Enzimo-Metabolica. Una Patologia Mitocondriale Ignorata. Gazz Med. It. – Arch. Sci. Med. 144, 423 (Infotrieve),  1985
12. Stagnaro S., Nuovi Aspetti di Semeiotica Medica. Ed. La Tipocromo Milano,  1978
13. Stagnaro S., Percussione Ascoltata degli Attacchi Ischemici Transitori. Ruolo dei Potenziali Cerebrali Evocati. Min. Med. 76, 1211 (Pub-Med indexed for Medline),  1985
14. Stagnaro S., Polimialgia Reumatica Acuta Benigna Variante. Clin. Ter. 118, 193 (Pub-Med indexed for Medline), 1986
15. Stagnaro S., Rivalutazione e nuovi sviluppi di un fondamentale metodo diagnostico: la percussione ascoltata Atti Accademia Ligure di Scienze e Lettere. Vol. XXXIV, pg. 176-192,  1978
16. Stagnaro S., Sindrome percusso-ascoltatoria autoimmune. Gazz. Med. It. 142, 555,   1983
17. Stagnaro S., Sindrome percusso-ascoltatoria di Iperfunzione del Sistema Reticolo-Istiocitario. Min. Med. 74, 479 (Pub-Med indexed for Medline),   1983
18. Stagnaro S., Stagnaro-Neri M. Percussione Ascoltata della Sindrome Ferro-Carenziale. Med. Praxis 17, 4, 1,   1986
19. Stagnaro S., Stagnaro-Neri M. Valutazione percusso-ascoltatoria del Diabete Mellito. Aspetti teorici e pratici. Epat. 32, 131,   1986
20. Stagnaro S., Stagnaro-Neri M., Diagnosi percusso-ascoltatoria dei calcoli biliari silenti. 6° Incontro Segusino di Medicina e Chirurgia. Susa 19 Maggio, 1990. Atti, pg. 79. Ed. Minerva Medica,   1990
21. Stagnaro S., Stagnaro-Neri M., Il test della Apnea nella Valutazione della Microcircolazione cerebrale in Cefalalgici. Atti, Congr. Naz. Soc. Ita. Microangiologia e Microcircolazione. A cura di C. Allegra. Pg. 457, Roma 10-13 Settembre 1987. Monduzzi Ed. Bologna,   1987
22. Stagnaro S., Stagnaro-Neri M., Radicali in libertà. The Pract. Ed. It. 144, 66, 22 Aprile  1991
23. Stagnaro S., Stagnaro-Neri M., Una patologia mitocondriale ignorata: la Istangiopatia Congenita Acidosica Enzimo-Metabolica. Gazz. Med. It. – Arch. Sci. Med. 149, 67,   1990
24. Stagnaro S., Stagnaro-Neri M., Valutazione percusso-ascoltatoria del sistema degli oppioidi endogeni nei pazienti cefalalgici. Contributo alla definizione della costituzione emicranica. Epat. 33, 35,   1987
25. Stagnaro S., Stagnaro-Neri M., Valutazione percusso-ascoltatoria degli attacchi ischemici transitori e della insufficienza cerebrovascolare cronica in pazienti trattati con mesoglicano. Atti, IX Congr. Naz. It. Patologia Vascolare. Copanello, 6-9 Gennaio 1987. A cura di R. Del Guercio, G. Leonardo e G. Zanini. Pg. 765, Monduzzi Ed. Bologna  1987
26. Stagnaro S., Studio clinico percusso-ascoltatorio sul meccanismo d’azione della Pantetina. Arch. Med. Int. 36, 25             1984
27. Stagnaro S., Valutazione percusso-ascoltatoria della microcircolazione cerebrale globale e regionale. Atti, XII Congr. Naz. Soc. It. di Microangiologia e Microcircolazione. 13-15 Ottobre, Salerno, e Acta Medit. 145, 163,  1986
28. Stagnaro S., Vecchio e Nuovo nella Scienza. Tempo Medico. 315,16,67,  1989
29. Stagnaro-Neri M. Stagnaro S., Diagnosi percusso-ascoltatoria e monitoraggio terapeutico della sindrome Magnesio-carenziale. Gazz. Med. It. – Arch. Sc. Med. 147, 259,    1988
30. Stagnaro-Neri M., Moscatelli G. Stagnaro S., Biophysical Semeiotics: deterministic Chaos and biological Systems. Gazz. Med. It. Arch. Sc. Med. 155, 125,  1996
31. Stagnaro-Neri M., Stagnaro S., Acidi grassi W-3, scavengers dei radicali liberi e attivatori del ciclo Q e della sintesi del Co Q10. Gazz. Med. It. – Arch. Sc. Med. 151, 341 (Infotrieve),  1992
32. Stagnaro-Neri M., Stagnaro S., Amlodipina: Calcio-Antagonista e Scavenger dei Radicali Liberi. Tec. 4, 43,    1993
33. Stagnaro-Neri M., Stagnaro S., Aneurisma Aortico Addominale: una Diagnosi clinica con la Semeiotica Biofisica. Acta Cardiol. Medit. 14, 17 1986
34. Stagnaro-Neri M., Stagnaro S., Appendicite. Min. Med. 87, 183 (Pub-Med indexed for Medline),   1996
35. Stagnaro-Neri M., Stagnaro S., Auscultatory Percussion Coenzyme Q deficiency Syndrome. VI Int. Symp., Biomedical and clinical aspects of  Coenzyme Q. Rome, January 22.24, Chairmen K. Folkers, G.L. Littaru, T. Yamagani, Abs., pg. 105,   1990
36. Stagnaro-Neri M., Stagnaro S., Auscultatory Percussion Evaluation of  Arterio-venous Anastomoses Dysfunction in early Arteriosclerosis. Acta Med. Medit. 5, 141,   1989
37. Stagnaro-Neri M., Stagnaro S., Cancro della mammella: prevenzione primaria e diagnosi precoce con la percussione ascoltata. Gazz. Med. It. – Arch.  Sc.  Med. 152, 447,   1993
38. Stagnaro-Neri M., Stagnaro S., Carenza di Co Q10 secondaria a terapia ipolipidemmizante diagnosticata con la Percussione Ascoltata. Settimana Italiana di Dietologia, 9-13 Aprile 1991, Merano. Atti, pg. 65. Epat. 37, 17,   1990
39. Stagnaro-Neri M., Stagnaro S., Deterministic Chaos, Preconditioning and Myocardial Oxygenation evaluated clinically with the aid of Biophysical Semeiotics in the Diagnosis of ischaemic Heart Disease even silent. Acta Med. Medit. 13, 109             1997
40. Stagnaro-Neri M., Stagnaro S., Deterministic chaotic biological system: the microcirculatoory bed. Theoretical and practical aspects. Gazz. Med. It. – Arch. Sc. Med. 153, 99,   1994
41. Stagnaro-Neri M., Stagnaro S., Diagnosi clinica dei calcoli biliari ancorché silenti. Il Medico delle Ferrovie. 3, 15 1997
42. Stagnaro-Neri M., Stagnaro S., Diagnosi clinica percusso-ascoltatoria della ipertensione portale con la Percussione Ascoltata: il Segno della Splenomegalia provocata. III Congr. Int. Di Flebolinfologia. Ferrara-San Marino 18-21 Settembre 1991, 21-11. Eds. I. Donini, A. Sortin, V. Gasbarro. Atti, 21-13. Università di Ferrara,  1991
43. Stagnaro-Neri M., Stagnaro S., Diagnosi precoce dell’invecchiamento cerebrale con la percussione ascoltata. Monitoraggio terapeutico con la Nicergolina. Ricerca Med. 6, 348,   1989
44. Stagnaro-Neri M., Stagnaro S., Flebopatie Ipotoniche Istangiopatiche. Min Angiol. 19, 57,   1994
45. Stagnaro-Neri M., Stagnaro S., Auscultatory Percussion Evaluation of  Arterio-venous Anastomoses Dysfunction in early Arteriosclerosis. Acta Med. Medit. 5, 141,   1989
46. Stagnaro-Neri M., Stagnaro S., Il diagramma linfatico dell’arto superiore nella diagnosi clinica percusso-ascoltatoria del diabete mellito. III Congr. Intern. Di Flebolinfologia. Ferrara-San Marino, 18-21 Settembre. Atti 21-11,  1991
47. Stagnaro-Neri M., Stagnaro S., Il diagramma venoso nelle arteriopatie obliteranti periferiche. Atti Congr. Naz. Soc. It. Flebologia Clinica e Sperimentale. Firenze 10-12 Dicembre 1990. A cura di G. Nuzzaci, pg. 169, Monduzzi Ed. Bologna            1990
48. Stagnaro-Neri M., Stagnaro S., Il Glutatione nella terapia microvascolare. Act. Med. Medit. 7, 11,   1991
49. Stagnaro-Neri M., Stagnaro S., Il Segno di Berti-Riboli ed il Segno di Bella nella diagnosi clinica di Appendicite. Il Medico delle Ferrovie, 1°,   1999
50. Stagnaro-Neri M., Stagnaro S., Il Segno di Bilancini-Lucchi nella diagnosi clinica del diabete mellito. The Pract. Ed. It. 176, 30,    1993
51. Stagnaro-Neri M., Stagnaro S., Il terreno oncologico. Il Medico delle Ferrovie, 4°,  1998
52. Stagnaro-Neri M., Stagnaro S., Importanza della proprietà antiossidante della amlodipina nella ipertenzione arteriosa.
Atti. Congr. Naz. Soc. It. Patol. Vascolare. 7-11 Giugno 1992, Roma. Min. Angiol. 17, Suppl. 3 al N. 223, 58,  1992
53. Stagnaro-Neri M., Stagnaro S., Indagine percusso-ascoltatoria morfo-funzionale del sistema venoso degli arti inferiori in condizioni di stasi. Atti. 6° Congr. Naz. Flebologia, pg. 579. Soc. It. Flebologia Clinica e Sperimentale. Roma 8-11 Nov. 1989. A cura di P. Pola. Monduzzi Ed. Bologna,   1989
54. Stagnaro-Neri M., Stagnaro S., Ketanserina: antagonista dei recettori 5Ht2-serotoninergici e scavenger dei radicali liberi. Clin. Ter. 141, 465 (Pub-Med indexed for Medline),   1992
55. Stagnaro S.-Neri M., Stagnaro S., Sindrome di Reaven, classica e variante, in evoluzione diabetica. Il ruolo della Carnitina nella prevenzione del diabete mellito. Il Cuore. 6, 617 (Pub-Med indexed for Medline),  1993
56. Stagnaro-Neri M., Stagnaro S., La sindrome dispeptica funzionale da discinesia delle vie biliari. Diagnosi percusso-ascoltatoria. Atti. XII Settim. It. Dietol., Merano, 1987 e. Clin. Ter. 127, 363 (Pub-Med indexed for Medline),   1988
57. Stagnaro-Neri M., Stagnaro S., La sindrome percusso-ascoltatoria da carenza di Carnitina. Clin. Ter. 145, 135 (Pub-Med indexed for Medline),   1994
58. Stagnaro-Neri M., Stagnaro S., Microangiologia clinica della ipertrofia prostatica benigna. Ruolo patogenetico delle modificazioni del sistema microlovascolotessutale valutate con la Semeiotica Biofisica. Acta Cardiol. Medit. 14, 21,   1986
59. Stagnaro-Neri M., Stagnaro S., Pancreatite Acuta Edematosa Interstiziale. Diagnosi percusso-ascoltatoria. Acta Med. Medit. 3, 14,  1987
60. Stagnaro-Neri M., Stagnaro S., Proprietà antiossidante degli acidi grassi W-3. Gazz. Med. It. – Arch. Sc. Med. 151, 27        1992
61. Stagnaro-Neri M., Stagnaro S., Radicali liberi e alterazioni del microcircolo nelle flebopatie ipotoniche costituzionali. Min. Angiol. 18, Suppl. 2 al N. 4, 105 1993
62. Stagnaro-Neri M., Stagnaro S., Ruolo della Percussione Ascoltata nella Diagnosi e nel Monitoraggio terapeutico della Pertosse. Biol. Med. 9, 1,  1987
63. Stagnaro-Neri M., Stagnaro S., Semeiotica Biofisica del torace, della circolazione ematica e dell’anticorpopoiesi acuta e cronica. Acta Med. Medit. 13, 25,  1997
64. Stagnaro-Neri M., Stagnaro S., Semeiotica Biofisica: la manovra di Ferrero-Marigo nella diagnosi clinica della iperinsulinemia-insulino resistenza. Acta Med. Medit. 13, 125  1997
65. Stagnaro-Neri M., Stagnaro S., Semeiotica Biofisica: valutazione clinica del picco precoce della secrezione insulinica di base e dopo stimolazione tiroidea, surrenalica, con glucagone endogeno e dopo attivazione del sistema renina-angiotesina circolante e tessutale – Acta Med. Medit. 13, 99,   1997
66. Stagnaro-Neri M., Stagnaro S., Semeiotica biofisica: Valutazione quantitativa del rischio oncologico, Il Medico delle Ferrovie, n. 2/3, 63-64,  1996
67. Stagnaro Stagnaro-Neri M., Stagnaro S., Silimarina: un potente scavenger dei radicali liberi. Studio clinico percusso-ascoltatorio. Epat. 38, 3,  1992
68. Stagnaro-Neri M., Stagnaro S., Sindrome clinica percusso-ascoltatoria da carenza di Co Q10. Medic. Geriatr. XXIV, 239      1993
69 Stagnaro S.-Neri M., Stagnaro S., Sindrome di Reaven, classica e variante, in evoluzione diabetica. Il ruolo della Carnitina nella prevenzione del diabete mellito. Il Cuore. 6, 617,    1993
70. Stagnaro-Neri M., Stagnaro S., Stadio pre-ipertensivo e monitoraggio terapeutico della ipertensione arteriosa. Omnia Medica Therapeutica. Archivio, 1-13, 1989-90,   1990
71. Stagnaro-Neri M., Stagnaro S., Sul meccanismo d’azione di Sulodexide a livello di correlazioni istangiche acrali patologicamente alterate: studio clinico percusso-ascoltatorio. Giornate Naz. di Angiologia. Milano, 23-29 Giugno 1991. Atti Min. Med., 40 (Infotrieve) 1991
72. Stagnaro-Neri M., Stagnaro S., Valutazione percusso-ascoltatoria del caos deterministico dei sistemi biologici. Il Medico delle Ferrovie. 3-4, Dicembre, 12 1995
73. Stagnaro-Neri M., Stagnaro S., Valutazione percusso-ascoltatoria dei radicali liberi in pneumologia. Sulla attività antiossidante del Sobrerolo. Gazz. Med. It. Arch. Sc. Med. 4, 129,  1993
74. Stagnaro-Neri M., Stagnaro S.,Herpes Zoster. Min. Med. 78, 1404 [Pub-Med indexed for MEDLINE],   1987
75. Stagnaro-Neri M., Stagnaro S. Il segno di Daneri. Gazz. Med. It. – Arch. Sc. Med. 147, 215,    1998
76. Stagnaro-Neri M, Stagnaro S., Il diagramma linfatico: valutazione clinica percusso-ascoltatoria del sistema linfatico degli arti. Atti, Congr. Naz. Soc. It. Flebologia Clinica e Sperimentale. Firenze 10-12 Dicembre 1990. A cura di G. Nuzzaci, pg. 411, Monduzzi Ed. Bologna,   1990
77. Stagnaro-Neri M, Stagnaro S., Valutazione clinica percusso-ascoltatoria del sistema nervoso vegetativo e del sistema renina-angiotensina, circolatorio e tessutale. Arch. Med. Int. XLIV,  3, 173-178. (Infotrieve)  1992
78. Stagnaro-Neri M, Stagnaro S., Precondizionamento semeiotico-biofisico dei sistemi biologici. Il Medico delle Ferrovie. 3, 51 ,1999
79. Stagnaro  S., Stagnaro-Neri M. Il danno da radicali liberi sul microcircolo. Congr. Naz. SISM., Milano, 10 giugno 1991, Comun. Atti, Min. Angiologica (Suppl. 1 al N° 1) 16,398,  1991
80. Stagnaro S. Depression, Anxiety and Psychosis. B C Medical Journal, Volume 43, Number 6, page 321, July-August            2001
81. Stagnaro-Neri M., Stagnaro S., Semeiotica Biofisica: valutazione clinica del picco precoce della secrezione insulinica di base e dopo stimolazione tiroidea, surrenalica, con glucagone endogeno e dopo attivazione del sistema renina-angiotesina circolante e tessutale – Acta Med. Medit. 13, 1999
83. Stagnaro-Neri M., Stagnaro S., Diagnosi Clinica Precoce dell’Osteoporosi con la  Percussione Ascoltata. Clin.Ter. 137, 21-27 [Pub-Med indexed for MEDLINE]  1991
84. Stagnaro S., Sindrome percusso-ascoltatoria di Iperfunzione del Sistema Reticolo-IstiocitarioMin. Med. 74, 479 [Pub-Med indexed for MEDLINE],   1983  – 1997
85. Stagnaro-Neri M., Stagnaro S., Modificazioni della viscosità ematica totale e della riserva funzionale microcircolatoria in individui a rischio di arteriosclerosi valutate con la percussione ascoltata durante lavoro muscolare isometrico. Acta Med. Medit. 6, 131-136,  1990
86.  Stagnaro S., Diet and Risk of Type 2 Diabetes.  N Engl J Med. 2002 Jan 24;346(4):297-298. letter [PubMed –indexed for MEDLINE].
87.  Stagnaro-Neri M., Stagnaro S. Indagine clinica percusso-ascoltatoria delle unità microvascolotessutali della plica ungueale. Acta Med. Medit. 4, 91,  1988.
88) Stagnaro S. Istangiopatia congenita acidosica enzimo-metabolica (lavoro preliminare). Gazz. Med. It.-Arch. Sc. Med. 144 –N. 7-8, 423-424, 1985.
89) Stagnaro-Neri M., Stagnaro S., La “Costituzione Colelitiasica”: ICAEM-a, Sindrome di Reaven variante e Ipotonia-Ipocinesia delle vie biliari. Atti. XII Settim. It. Dietol. ed Epatol. 20, 239, 1993.
90) Stagnaro-Neri M., Stagnaro S., Sindrome clinica percusso-ascoltatoria da carenza di Co Q10. Medic. Geriatr. XXIV, 239, 1993.
91) Stagnaro S., Stagnaro-Neri M., Basi microcircolatorie della semeiotica biofisica. Atti del XVII Cong. Naz. Soc. Ital. Studio Microcircolazione, Firenze ott. 1995, Biblioteca Scient. Scuola Sanità Militare, 1995, 2, 94.
92) Stagnaro-Neri M., Stagnaro S., Semeiotica Biofisica: valutazione della compliance arteriosa e delle resistenze arteriose periferiche. Atti del XVII Cong. Naz. Soc. Ital. Studio Microcircolazione, Firenze Ott. 1995, Biblioteca Scient. Scuola Sanità Militare, 1995, 2, 93.
93) Stagnaro S., Stagnaro-Neri M. Auscultatory Percussion in Detection Focal Liver Leions even Clinically Silent. Acta Med. Medit. 8, 89-94, 1992.

Sono certo che condividerete il mio interesse per quanto scrivo nell’articolo allegato. Dopo oltre trent’anni di astenia o “sindrome da affaticamento cronico” (attribuita da me al lavoro, alla ricerca, e poi all’età ed infine all’IMA, anche se senza fattori di rischio…) io sono completamente “guarito” dopo aver individuato la causa: Certo, si tratta di una sindrome(!) e, pertanto, le cause sono molte, ma io vorrei che altri potessero ottenere gli stessi miei risultati.
Certamente, nonostante tutto…ho vissuto intensamente la mia vita, come dimostrano le mie ricerche…ed una mia EMOZIONE. Sarebbe per me oltremodo interessante che coloro, che leggono i miei lavori, mi inviassero i loro giudizi e le loro esperienze.
By Sergio Stagnaro (medico)

La vasta documentazione scientifica del Prof. Ernst Hartmann dell’Università di Heidelberg, un pioniere delle ricerche geobiologiche, prova l’esistenza di un complesso campo di forze, d’origine cosmica e tellurica, che avvolge come una rete invisibile e ubiquitaria, l’intera superficie terrestre, attraversando ogni luogo ed abitazione.
Le numerose osservazioni condotte da Hartmann in diverse città hanno dimostrato la stretta relazione tra il luogo in cui l’uomo vive, lavora e riposa e la sua salute psicofisica.
http://www.ilgiornale.it/news/cronache/bari-condominio-27-casi-tumore-negli-ultimi-anni-1336502.html
http://www.viacavaclaudio.it/inquinamento-indoor-ed-outdoor-i-segreti-dellelettromagnetismo/

Recommended For You

About the Author: Administrator

Esperto per la Vera scienza, conoscenza, filosofo della vita eterna, esperto in Medicine Naturali, Scienza della Nutrizione, Bioelettronica e Naturopatia. - Consulente di https://mednat.news/curriculum.htm + https://pattoverascienza.com - info@mednat.news - Curatore, Tutore, Notaio, Trustee del TRUST estero: VANOLI GIOVANNI PAOLO (G.P.) - Human Rights Defender ONU/A/RES/53/144 1999 - Difensore dei Diritti dei Batteri e Virus, cioè della Vita/Natura in genere