Finanza – 4, Mafia Finanziaria, la Piramide illustrata…

Le Piramidi mondiali della Mafia = Banche e Stati
In Italia, ma cosi è anche in tutte le altre nazioni del mondo,
La Mafia….nasce e si forma nei Comuni,
….si amplia nelle Province,
….si consolida nelle Regioni,
….si Istituzionalizza nello Stato, per mezzo delle Lobbies e di certi politici che governano…,
….si fortifica nelle Unioni di Stati (es. EU-US-ONU-FMI ecc.), con gli uomini immessi al comando dai Banchieri,
….si rilancia e si ri-consolida nel mondo, con le Multinazionali detenute dai Banchieri e dai loro amici-soci,
….viene sempre Gestita dai Banchieri … per il fatto che stampano-digitano “denaro” dal NULLA (a costo ZERO),
….per loro e per i loro amici….e li prestano con interesse agli stati ed ai sudditi dell’Impero,
…il tutto per il “dio” denaro (capitale) che mantiene il Potere a chi lo gestisce (i Banchieri = NWO),
…..sugli Schiavi del mondo (il popolo ignorante) !

Le persone disposte a barattare la propria libertà per una sicurezza temporanea, non meritano nessuna delle due e perderanno entrambe“.
(frase attribuita a Benjamin Franklin)
Meno male che la popolazione non capisce il nostro sistema bancario e monetario, perche’ se lo capisse,  credo che prima di domani scoppierebbe una rivoluzione” (By Henry Ford)
vedi: http://cronologia.leonardo.it/biogra2/moneta.htm

L’attuale creazione di denaro dal nulla operata dal sistema bancario è identica alla creazione di moneta da parte di falsari. La sola differenza è che sono diversi coloro che ne traggono profitto“.
By Maurice Allais, premio Nobel per l’economia

Dare alle banche la possibilità di creare la moneta è come darsi in schiavitù e pagarsela pure“.
By Sir Josiah Stamp, vecchio governatore della banca d’Inghilterra

Che cos’è una rapina in banca a confronto della fondazione di una banca ?” – By Bertolt Brecht

Il Governo dovrà creare, emettere e far circolare tutta la valuta e il credito necessario a soddisfare il potere di spesa del Governo e il potere d’acquisto dei consumatori. Il denaro cesserà di essere padrone e diventerà servitore dell’umanità. La Democrazia si ergerà al di sopra del potere monetario. Potrete ingannare tutti per un pò, potrete ingannare qualcuno per sempre, ma non potrete ingannare tutti per sempre“.  – By Abramo Lincoln

Le persone disposte a barattare la propria libertà per una sicurezza temporanea, non meritano nessuna delle due e perderanno entrambe“.  – frase attribuita a Benjamin Franklin

Il mondo è quel disastro che vedete, non tanto per i guai combinati dai malfattori, ma per l’inerzia dei giusti che se ne accorgono e stanno lì a guardare”  – By Albert Einstein

Federal Reserve il nemico dell’America
By George F. Smith
http://www.apfn.org/apfn/reserve2.htm
Thomas Jefferson fu conciso nel suo preallarme per la nazione americana,
Se il popolo americano permetterà mai alle banche private di controllare l’emissione della loro moneta, prima con l’inflazione e poi con la deflazione, le banche e le corporazioni che cresceranno intorno a loro priveranno la gente di tutte le loro proprietà finché i loro figli si sveglieranno senza casa sul continente i loro padri hanno conquistato. “

L’attuale creazione di denaro dal nulla operata dal sistema bancario è identica alla creazione di moneta da parte di falsariLa sola differenza è che sono diversi coloro che ne traggono profitto“.
By Maurice Allais, premio Nobel per l’economia
vedi: Origini segrete della Banca d’Inghilterra

Se noi che siamo sotto alla base della piramide della Schiavitù, ci svegliamo, ci muoviamo, agitandoci e ribellandoci a questa schiavitù, tutto ciò che sta sopra,
cioè l’IMPERO del male, crolla in pochissimo tempo !



Il risultato è che  tutti noi Esseri Viventi viviamo male in questo Pianeta, gestito, controllato, sottomesso e schiavizzato da questi CRIMINALI =
i BANCHERI ed i “Religiosi”

Già nell’Impero Romano si parlava e si attuava la “Sovranità Monetaria” da parte dello stato:
Ecco una seria e documentata ricerca storica: Sovranità Monetaria, nella Roma antica !
Le lotte contro Nerone che l’applicava, e ci hanno lavorato contro, non solo il senato di Roma e gli usurai romani ma anche i cosiddetti, san Pietro e san Paolo i “grandi” del vangelo che erano in combutta  con gli oppositori di Nerone !

Vista l’importanza storico sociale di questo percorso, specialmente in questo periodo di crisi generato dalla truffa del’oligarchia bancaria che addebita agli stati la moneta invece di accreditarla, generando povertà e suicidi, rendiamo pubbliche le prime due pagine del IV capitolo del libro: “L’ultimo Faraone – Erode Gesù”, in prossima uscita.
Nel libro oltre ad altre prove del fatto che il Gesù re era il figlio di Erode il Grande e nipote della regina Cleopatra, portiamo anche prove storico documentali dell’implicazione di Paolo e Pietro nella congiura dei Pisoni nell’incendio di Roma, attribuito ingiustamente a Nerone.
Capitolo IV
Lo sbarco a Roma degli Erodiani e l’incendio sotto Nerone
Nerone è una figura alquanto controversa storicamente. Un imperatore fatto passare per un folle, da documentari, film e colpevolizzato di aver incendiato Roma. Vediamo il suo operato politico sociale per vedere se la figura da folle che è stata plasmata su di lui è realistica oppure frutto di una storia che vede essere scritta sempre dai vincitori, che cercano sempre di gettare fango sui personaggi scomodi.
Come divenne imperatore Nerone elargì subito 400 sesterzi ai cittadini di Roma, assicurando inoltre una pensione fino a mezzo milione di sesterzi l’anno ai membri del senato in difficoltà economiche. Infine distribuì frumento gratuito ogni mese ai pretoriani.
A livello politico cercò di ridare dignità alla magistratura del consolato facendo in modo che la carica durasse almeno sei mesi, nominando dai due ai quattro consoli ogni anno.
Tra il 55 ed il 60 d.C. Nerone assunse il consolato per ben quattro volte, mantenendolo per l’intero anno nel 57 d.C., e quando il senato gli propose di acquisirlo a vita rifiutò. La stessa moralità politica non si trovava nella vecchia classe politica, tanto che Seneca nel 58 d.C. fu accusato da Suillius, console nel 50 d.C. sotto l’imperatore Claudio, che si chiese come aveva fatto ad accumulare in soli quattro anni trecento milioni di sesterzi; osservazione che gli costò un tentato processo a cui Nerone si oppose.
A livello giuridico Nerone introdusse l’ intra cubiculum principis, ovvero l’abolizione delle procedure segrete e discrezionali, cambiando la prassi che prevedeva di emettere la sentenza lo stesso giorno del processo, ponendo un limite anche alle onerose parcelle degli avvocati e dei delatori, il cui compenso fu demandato all’erario.
Questi provvedimenti gli misero contro molte persone della politica e dell’aristocrazia romana, arrivando persino a far processare e condannare per mala gestione delle provincie, governatori che lo stesso imperatore aveva nominato.
Un imperatore scomodo che tra il 54 ed il 61 d.C. arrivò a processare dodici governatori, arrivando persino ad impedirgli di allestire i famosi spettacoli “circensi” tra gladiatori e bestie feroci, in cui spese di allestimento erano a carico dei contribuenti. Si inimicò anche la classe aristocratica vietando ai residenti in Egitto di possedervi terre per costituirvi dei latifondi.
Ma la goccia che fece traboccare il vaso per la classe politica e aristocratica romana fu la riforma monetaria di Nerone, i cui prodromi li troviamo nel 57 d.C., quando tolse il controllo dell’aerarium Saturni (amministrazione della tesoreria) al senato, al cui posto mise i praefecti aerarii Saturni, facendo sì che i prefetti fossero senatori di rango del pretorio scelti direttamente da Nerone, con la conseguenza che il senato perse il potere di coniare moneta.
La riforma monetaria avvenne tra il 63 e il 64 d.C., con relativo abbassamento del piede dell’aureus ed au un contemporaneo aumento del rapporto del denarius rispetto all’aureus.
Rapporto aureus 1 denarius 25
Prima di Nerone 1/40 di libbra (7,7 grammi d’oro)1/84 di libbra (3,7 grammi d’argento)
Rapporto 1 grammo d’oro 12 grammi d’argento
Riforma di Nerone del 63-1/45 di libbra (7,3 grammi d’oro)1/96 di libbra (3,25 grammi d’argento)
Rapporto 1 grammo d’oro 11 grammi d’argento
Con questa riforma Nerone cercò di riavviare l’economia attraverso un aumento della moneta circolante, portando al contempo un utile nelle casse dello stato ed il vantaggio delle classi medie di non usare l’aureus ma il denarius, con danno dei ricchi che avevano tesaurizzato l’aureus.
Ma notevoli furono anche le riforme che Nerone fece in tema di fisco, innanzitutto con l’abolizione della portoria, ovvero l’abolizione delle tasse che si pagavano nei porti, eliminando i dazi di entrata e uscita delle merci che si scambiavano nelle varie provincie dell’impero, rendendo libera la loro circolazione. Ovviamente questo significava una diminuzione delle entrate tributarie da parte dell’erario, che venivano compensate da un aumento del volume delle tasse di compravendita, cui segui un moderato aumento delle tasse dirette.
L’abolizione dei dazi danneggiava sopratutto i senatori, che erano in primis i grandi proprietari terrieri italiani, che dovevano ora fronteggiare una maggior concorrenza da parte dei produttori delle altre provincie fuori dell’Italia.
Non solo, anche i cavalieri, ovvero gli appaltatori delle tasse, avrebbero visto scomparire una fonte principale del loro reddito, a tutto vantaggio della popolazione che vedeva diminuire il costo della vita.
Fu a questo punto che il senato, controllato in gran parte dai ricchi proprietari agrari, cercò di contrastare Nerone impedendogli di procedere con la sua riforma fiscale, cui l’imperatore reagì emanando altri provvedimenti come l’abolizione delle sopratasse inventate dagli appaltatori, esenzione delle tasse per le navi mercantili che trasportavano il grano a Roma, rendendo pubbliche le norme fino ad allora segrete per l’esazione delle tasse, che non potevano inoltre essere richieste dopo un anno, e dando infine la precedenza ai processi contro gli appaltatori delle tasse.
Queste furono le vere cause scatenanti che portarono alla famosa congiura dei Pisoni contro Nerone che vide anche l’implicazione di Paolo e Pietro.
By Alessandro De Angelis – vedi: Falsificazioni storiche

———————————————————————————————————————–

Nell’INTERVISTA RADIO di ERIC JON PHELPS e BARRY CHAMISH (del 21 AGOSTO 2012) parlarono e descrissero:
GUERRA INFORMATICA, 11 SETTEMBRE, CITY of LONDON CORPORATION, il PAPA, PIRATI MERCANTI e il COMMERCIO d’OPPIO, OMICIDIO di LINCOLN e CONNESSIONI fra NEW AGE e TRANSUMANESIMO

vedi anche: La struttura della TRUFFA EUROPEA + Uscite da Matrix in tre mosse, vedi QUI

L’Europa che NON conosci, qui nell’Invisibile Parlamento Europeo,  si decidono i destini di centinaia di milioni di persone che vi abitano !

Chi ha creato la Federal Reserve Bank ?
Nell’ anno 1776, Thomas Jefferson dichiarava:
Se gli Americani consentiranno mai a banche privati di emettere il proprio denaro, prima con l’inflazione e poi con la deflazione, le banche e le grandi imprese che ne cresceranno attorno, priveranno la gente delle loro proprietà finché i loro figli si sveglieranno senza tetto nel continente conquistato dai loro padri. Il potere di emissione va tolto via dalle banche e restituito al popolo, al quale esso appartiene propriamente.”

Infatti purtroppo i privati hanno preso il sopravvento negli US ed hanno creato la Federal Reserve Bank, F.E.D., prestando denaro con interesse allo Stato US….interessi che i sudditi americani di quello stato US privato debbono pagare…
Federal Reserve
Il Federal Reserve System, conosciuto anche come Federal Reserve e, ancora più semplicemente, come la FED, è la banca centrale degli USA, corrisponde quindi alla nostra Banca d’Italia o alla BCE se ci si riferisce alla Unione Europea.
Si tratta di un’istituzione fondata nel 1913 (NdR: da banchieri/finanzieri privati) che divenne però operativa solo nel 1916. Nasce come struttura privata indipendente dal governo americano, e ha obiettivi pubblici perseguibili anche attraverso la presenza di privati. L’indipedenza della Federal Reserve (NdR: dal governo US) è certificata dal fatto che le decisioni prese dalla banca centrale non vengono in alcun modo ratificate da organi che rispondano al potere esecutivo o legislativo degli Stati Uniti.
La struttura della Fed è organizzata in questo modo: un’agenzia governativa centrale, nota come il Board of Governors of the Federal Reserve System, che ha sede nel distretto di Washington D.C. (NdR: per cui fuori dalla giurisdizione degli US) e presieduta da 7 governatori nominati direttamente Presidente degli Stati Uniti, e 12 Federal Reserve Bank regionali, organizzate come enti di diritto privato, azioni e titoli delle FED regionali possono essere detenuti e gestiti solo da banche americane.
Detenere titoli della FED è condizione necessaria affinché la Federal Reserve sia organo di vigilanza per quell’istituto bancario, non è però condizione obbligatoria, una banca può comunque decidere di essere controllata da altri soggetti abilitati quali, per esempio: l’Office of the Comptroller of the Currency (OCC) e la Federal Deposit Insurance Corporation (FDIC).
Possedere le azioni delle banche di riserva federale significa non poterle vendere, negoziate o date in pegno, hanno dividendi che, per legge, corrispondo al 6 per cento annuo, il rimanente della quota viene trasferito al Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti.
Fra i compiti principali di Board e 12 Reserve Bank c’è la responsabilità di vigilare sugli intermediari finanziari e relative attività, nonché monitorare l’offerta di servizi bancari a istituti di credito e al Governo stesso.
Uno degli organi più importanti del Federal Reserve System è il FOMC (Federal Open Market Committee), che ha il compito di definire le operazione da compiere sul mercato aperto, è l’organo attraverso il quale la FED riesce a influenzare i tassi di interesse sui mercati monetari e finanziari.
Notizie e approfondimenti sulle indicazioni che dalla FED arrivano per i mercati finanziari, le direttive sulla politica monetaria, l’andamento dei prezzi e dei tassi di interesse negli USA.
Tratto da: wallstreetitalia.com

vedi: Origini segrete della Banca d’Inghilterra

Come si è creato il sistema di SCHIAVITU’ FINANZIARIA e BANCARIA nel mondo intero:
L’Inghilterra nel tardo medio evo, già attivamente presente nei principali mercati mondiali, si trovò a fronteggiare in quel periodo una stretta finanziaria: tra il 1642 e il 1647 orafi e mercanti avevano contribuito al finanziamento della “rivoluzione” di Oliver Cromwell – che sottometterà Irlanda e Scozia al giogo britannico, aprirà le porte dell’Isola agli Ebrei (espulsi dalle isole britanniche dal 1290 dopo una serie di casi di crimini rituali) e, per un breve periodo, decapiterà la dinastia sostituendola con una propria dittatura d’impronta ultra-conservatrice protestante – ma quando venne ripristinata la monarchia (alla fine del XVII.mo secolo) le casse dello Stato erano vuote.
Il “Currency Act” venne varato essenzialmente come programma di prelievo fiscale dalle colonie americane per pagare gli interessi alla Banca d’Inghilterra.
Sarà la decisione britannica di far approvare il “Currency Act” nel 1764 a provocare deliberatamente nelle colonie d’oltre oceano una grave depressione che aumentò la disoccupazione: da quello che fu un vero e proprio atto di guerra economica avrà inizio la guerra d’indipendenza che porterà alla formazione degli Stati Uniti d’America.
Nell’ottenere l’Atto di autorizzazione ad aprire la Banca d’Inghilterra nel 1694, William Paterson affermò: “The Bank haths benefits of interest on all money which it creates out of nothing” – “la banca beneficia degli interessi su tutto il danaro che essa crea dal nulla”

Patterson riunì un cartello di ricchi mercanti, si appellò ai più noti presta monete del Regno e decise di concedere a re Guglielmo III (che governò dal 1689 al 1702) un prestito di 1,2 milioni di sterline con tassi d’interessi annui dell’8% e la promessa reale che istituiva la creazione di quella che sarebbe diventata la Banca d’Inghilterra (istituita ufficialmente il 27 luglio 1694) notoriamente rinomata anche come The Old Lady of Threadneedle Street, la vecchia signora di Threadneedle Street, dal nome della strada in cui si trova dal 1734.
Il sistema bancario inventato da Patterson si reggeva su una colossale truffa, la stessa che da quel fatidico 1694 fino ai giorni nostri, regge le sorti del sistema bancario e finanziario internazionale: l’uso dei “certificati” o ricevute che sostituivano i depositi in oro dei privati cittadini.
Così come l’energia elettrica nasce nella lampadina così il valore monetario nasce nel pezzo di carta che sta in tasca di ogni cittadino che lo spende lavorando e vivendo.
Bernard Maris: “L’economia è resa appositamente incomprensibile, è il canto gregoriano della sottomissione degli uomini”
La storia del Grande Capitale cosmopolita gronda di sangue: è la storia di un’entità rapace e sciacallesca che ha divorato le carni delle vittime di conflitti e tragedie che hanno investito negli ultimi tre secoli l’intera umanità.
E’ la storia dei grandi usurai che sono alla guida del Sistema Mondiale di sfruttamento: due o trecento famiglie, 1200 nominativi, qualche migliaia di individui ‘affiliati’ che controllano e determinano le sorti del pianeta.

Il sistema finanziario spiegato ad un bambino:

Sovranità Violata – CERTIFICATO di NASCITA è anche TITOLO (finanziario) di STATO, con il TUO NOME scritto in MAIUSCOLO, su quel “Bond-titolo-certificato di nascita” emettono del denaro con il e sul tuo COGNOME E NOME che gestiscono loro, SENZA avvisarti…. ! per cui legalmente puoi riprenderti il tuo denaro ! (Reato penale anche perché trattasi di furto di identità e di denaro, con uso a scopo di SCHIAVITU’)
Il Furto d’identità (in inglese = Phishing) è solitamente un “crimine d’opportunità”, in quanto un utente potrebbe diventare una inconsapevole vittima per il solo motivo che i propri dati personali non sono adeguatamente protetti. La ricerca e il commercio di dati personali fanno parte di un fenomeno in continua espansione, che questi presunti stati delinquenti, attuano da sempre sui loro sudditi.
In Italia l’Identity Theft: il furto d’identità in rete punito ex art. 494 codice penale

La nascita delle Banche – una storia italiana: COSA E’ UNA BANCA
Per gli economisti, un’istituzione finanziaria è una banca se e solo se svolge le seguenti tre funzioni:
– prestare denaro,
– ricevere denaro in deposito
– creare moneta dal Nulla.
Le prime due funzioni sono intuitive: è in banca, infatti, che normalmente ci rechiamo per depositare il nostro risparmio e per chiedere un mutuo o qualche altro tipo di prestito.

Per la terza funzione invece, bisogna sgombrare il campo dall’ambiguità sul significato del termine ‘moneta’.
Nel linguaggio quotidiano, infatti, moneta è sinonimo di banconote e non c’è dubbio che è proibito crearle dato che può farlo un solo soggetto, la Banca Centrale Europea attraverso le zecche.
NON è esatto.
Per gli economisti, tuttavia, per moneta si intende la totalità dei mezzi di pagamento che normalmente usiamo per i nostri acquisti.
Le banconote sono sicuramente un mezzo di pagamento ma, oltre ad esse, usiamo anche assegni, bancomat, carte di credito etc, basti pensare che la somma degli acquisti effettuati con questi strumenti creati dalle banche supera, anche di molto, la somma del valore delle banconote in circolazione.

Il dove e quando nascono le banche è una storia tutta italiana, ambientata nelle ricche città del centro-nord agli inizi dell’epoca rinascimentale. A quel tempo, almeno sotto il profilo dello sviluppo economico e sociale, l’Europa era dominata da due regioni – le Fiandre ed il Nord-Italia – entrambe con fiorenti manifatture e connesse l’una all’altra da una fitta rete di relazioni commerciali.
Le merci attraversano le Alpi nei due sensi oppure viaggiano via mare. Erano trasporti lunghi, difficili e non privi di rischi. A partire dal trasporto dell’oro, il corrispettivo con cui venivano scambiate le merci.

L’oro era l’unica forma di moneta, l’unico mezzo di scambio del tempo. Si presentava in vari conii, uno per ogni città-stato. Il valore di ogni moneta, fosse un ducato di Venezia o un fiorino di Firenze, era rigidamente proporzionale al contenuto di oro presente in essa. Oltre alle manifatture per le esportazioni ed ai commerci, un’altra attività era piuttosto fiorente nelle città italiane, si trattava dell’oreficeria. Gli orefici, oltre ad essere molto ricchi, disponevano anche di robusti forzieri e robusti guardiani per cui, agli occhi degli altri mercanti, dovevano sembrare le persone giuste a cui affidare in custodia l’oro che serviva per il commercio.
Dobbiamo allora immaginare che ad un certo punto, da qualche parte in Toscana oppure a Genova, un orefice abbia iniziato ad offrire un servizio di deposito, ovvero la prima funzione che caratterizza una banca moderna. Il depositante si recava presso il negozio dell’orefice con il gruzzolo e l’orefice rilasciava una ricevuta che poi sarebbe stata usata in futuro: non tanto per ottenere la restituzione dello stesso gruzzolo consegnato ma, più semplicemente, per ottenere una quantità d’oro equivalente a quella consegnata, magari al netto di un piccolo compenso per il servizio di custodia offerto. La ricevuta si chiamava “nota di banco” perché era solitamente firmata sul banco dell’orefice.
La nascita della figura dell’orefice-custode rappresenta il primo passo nella direzione della nascita dell’istituzione della banca.
Un secondo passo fu compiuto con l’invenzione di qualcosa di molto simile al moderno assegno. Accadde quando un mercante italiano di cui purtroppo non conosciamo il nome, propose ad un collega fiammingo di ricevere in pagamento non una certa quantità di oro, ma la “girata” di una nota di banco che attesta il deposito della stessa quantità presso qualche orefice-custode.

La girata delle note di banco facilitò di molto gli scambi commerciali e si rivelò subito un successo. Non occorreva più andare in giro per l’Europa con borse piene d’oro attaccate alla cintola. L’oro rimaneva al sicuro nei forzieri degli orefici-custodi. Al posto dell’oro cominciarono a circolare le note di banco che, per ovvie ragioni, risultavano più facili da trasportare e meno appetibili per i rapinatori.

Prima di continuare la nostra storia, conviene tuttavia soffermarsi sulla figura degli orefici-custodi: non possiamo infatti considerarli una forma embrionale di banca. Essi ricevevano in deposito il denaro ma non svolgevano ancora le altre due funzioni caratteristiche della banca: il prestito di denaro e la creazione di moneta. L’innovazione rappresentata dalla circolazione delle note di banco in sostituzione dell’oro era resa possibile da un unico elemento, l’affidabilità degli orafi-custodi, la loro ricchezza e la fama dei loro robusti forzieri.

Cosa accadde poi ? Un custode-orefice, del quale non ci è pervenuto il nome, maturò prima degli altri l’idea di ricavare profitto dal prestare ad altri l’oro accumulato non suo. A lui va il merito di essere il primo proto-banchiere.

Dobbiamo dunque immaginare che un mercante bisognoso di credito si sia rivolto a questo proto-banchiere per avere oro in prestito e questi, invece di consegnargli materialmente il gruzzolo, gli abbia consegnato una nota di banco in cui riconosceva al titolare una certa quantità di oro. D’altra parte, per il mercante la nota di banco era del tutto equivalente al gruzzolo se poteva poi essere usata negli scambi proprio come se fosse oro. L’operazione appena descritta rende l’orafo-custode un proto-banchiere perché sorgono contemporaneamente le altre due funzioni tipiche della banca, la concessione di prestiti e la creazione di moneta.
Infatti, attraverso l’emissione di note di banco in eccesso rispetto all’oro posseduto nei forzieri, non solo venivano concessi dei prestiti ma creava moneta proprio nell’accezione degli economisti che considerano moneta tutto ciò che viene accettato negli scambi. Le proto-banche creavano dunque moneta emettendo più note rispetto all’oro posseduto e aumentando, di conseguenza, l’ammontare complessivo dei mezzi di pagamento.

Non rimane che chiarire un ultimo punto.
Avendo gli orafi-banchieri firmato più note di banco rispetto all’oro posseduto non si erano incamminati verso un sicuro dissesto finanziario ?
La risposta a questa domanda è negativa dal momento che essi sottoscrivevano le note solo a fronte di prestiti, aumentando di conseguenza anche i loro crediti. Il rischio a cui invece si sottoponevano razionalmente era il cosiddetto rischio di non essere liquidi. Illiquidità non è sinonimo di insolvenza ovvero di incapacità di onorare i propri debiti. L’illiquidità può sorgere anche quando il bilancio è sano ma si hanno debiti che i creditori possono esigere immediatamente e crediti che non sono invece immediatamente esigibili.
E tale era appunto la situazione degli orafi-banchieri. Avevano concesso dei prestiti a termine ma i loro debiti erano immediatamente esigibili dato che non potevano rifiutarsi di consegnare immediatamente l’oro qualora un portatore di una nota si fosse presentato al banco. Ma, come sottolineato, gli orafi-banchieri si sottoponevano “razionalmente” al rischio di illiquidità nel senso che, tutto sommato, si trattava di un rischio calcolato. In fondo, tutto quello che bisognava fare era evitare che troppi titolari di note si presentassero al banco lo stesso giorno per reclamare la restituzione del proprio oro.

Le banche moderne sono diverse dall’orafo banchiere per molti aspetti ma le tre funzioni di base rimangono le stesse.
L’oro è stato sostituito dalle banconote della Banca Centrale Europea mentre le note di banco sono state sostituite da assegni, carte di credito ed altri strumenti di pagamento. Tranne rari casi, difficilmente assistiamo oggi ad una corsa agli sportelli da parte dei depositanti.
E questo perché esistono regole ed istituzioni che, nel tempo, hanno rafforzato e conservato la fiducia degli individui nel sistema bancario. Nel nostro Paese, se una banca fallisce, ciascun correntista è assicurato per una cifra superiore a 100 mila euro grazie all’intervento del Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi.
Pochissime persone detengono una cifra così elevata sul conto corrente per cui, in caso di fallimento, quasi nessuno rischia veramente di perdere i propri risparmi. Si tratta della copertura più elevata all’interno dei paesi dell’area euro[1].
[1] Demirguc-Kunt A., Karacaovali B. e Laeven L., Deposit Insurance Around the World, A comprehensive Database, 2005, World Bank.
Tratto da: feduf.it

———————————————————————————————————————-

Le QUATTRO GRANDI BANCHE di WALL STREET e le OTTO FAMIGLIE COLLEGATE che DOMINANO la FINANZA MONDIALE.
I media russi che trasmettono informazioni in forma alternativa (rispetto ai media occidentali) si sono presi la briga di sviscerare e segnalare in modo specifico quali siano gli oligopoli finanziari anglosassoni- le quattro mega banche- che hanno il controllo della finanza mondiale, come è venuto alla luce dai risultati inquietanti di una ricerca fatta da “Russia Today”:
Queste sono: BlackRock, State Street Corp,- FMR/Fidelity,- Vanguard Group.
E’ risultato fra l’altro che, anche che la “privatizzazione globale dell’acqua” viene attuata dalle stesse megabanche di Wall Street, in concomitanza con la Banca Mondiale, fatto questo che arreca benefici nel suo insieme al nepotismo dinastico della famiglia Bush (grande famiglia di petrolieri), i cui componenti stanno cercando anche di prendere il controllo delle fonti d’acqua dell’Acuífero Guaraní in Sud America, una delle maggiori riserve d’acqua dolce del pianeta.
Già nel 2012 il precedente legislatore texano Ron Paul –padre del candidato presidenziale Rand, uno dei creatori del poi rinnegato “Partito del Te”, venuto poi meno, ma che è stato anche uno dei migliori esperti fiscali degli Stati Uniti- aveva segnalato che i Rothschild possiedono le azioni delle 500 principali multinazionali riportate nella rivista Fortune che sono controllate a loro volta dalle quattro grandi banche di Wall street (“the Big Four”): la BlackRock, la State Street, FMR/Fidelity e Vanguard Group (che strana coincidenza).
Adesso Lisa Karpova (LK), della Pravda.ru, è riuscita a penetrare,con la sua indagine, nei dedali della finanza globale ed ha commentato che si tratta di ” sei, otto o forse 12 famiglie, che sono quelle che veramente dominano il mondo, pur sapendo che è un mistero difficile da decifrare”.

Questo l’elenco delle Banche controllate dai Rothschild:
https://www.earth-matters.nl/11/13949/verborgen-nieuws/complete-list-of-banks-owned-or-controlled-by-the-rothschild-family.html
http://bloginfo.educate-yourself.eu/2013/03/list-of-banks-owned-by-the-rothschild-family/
http://humansarefree.com/2013/11/complete-list-of-banks-ownedcontrolled.html?utm_campaign=shareaholic&utm_medium=facebook&utm_source=socialnetwork&m=0

Novembre 2017 – Israele
Uno yacht misterioso ha attraccato al porto di Geddah, e – sotto la protezione di reparti armati –  caricato di valige contenenti  un  miliardo di dollari in contanti.
Non sono denari che finiranno mai rivelati nei “Panama Papers”, non c’è pericolo.
Secondo l’informatore segreto, l’edificio della Knesset (il parlamento ebraico), costruito grazie ad una donazione di David de Rothschild, conserva nei suoi sotterranei, molto in fondo,  un vero Fort Knox  – un tesoro finanziario gestito dai Rothschild ed  immune da ogni inchiesta o controllo.   Ma  questa,… sicuramente… è una “fake  news”…..

COME PUO’ ESSERE POSSIBILE che ESISTA in PIENO SECOLO XXI, un secolo ultra tecnologico e di trasparenza democratica (secondo gli apologeti del progresso, ben controllati anche loro) tanta opacità per arrivare a conoscere coloro i quali sono i plutocrati mega banchieri oligopolisti/oligarchici che detengono le finanze del pianeta ?
LK arriva alla conclusione che le otto ridotte famiglie , che sono state ampiamente citate nella letteratura, non si trovano lontane dalla realtà:
Goldman Sachs, Rockefellers, Loebs Kuhn e Lehmans a New York, i Rothschild di Paris/Londra, i Warburgs di Amburgo, i Lazard di París, e Israel Moses Seifs di Roma. Vada pure avanti la polemica per cui, a mio giudizio, la lista risulta incompleta e non sono tutti quelli che vi si trovano e neppure tutti sono quelli che compaiono.
LK ha ha iniziato l’”inventario delle maggiori banche del mondo” e si è accertata dell’identità dei loro principali azionisti, così come di quelli che “prendono le decisioni”.
Qualcuno potrà criticare, non senza ragione, che l’inventario di LK non arriva alla sofisticazione di Andy Coghlan e Debora MacKenzie, della rivista scientifica “New Scientist”, i quali rivelano la plutocrazia bancaria e le sue reti finanziarie – l’1% che governa il mondo -, basandosi in una ricerca di tre teorici dei “sistemi complessi”, che tuttavia alla fine dei conti, i risultati della ricerca coincidono in forma sorprendente, nonostante la sua semplicità di sistema di indagine.
LK ha scoperto che le sette mega banche di Wall Street che controllano le principali multinazionali (corporations) globali sono Bank of America, JP Morgan, Citigroup/Banamex, Wells Fargo, Goldman Sachs, Bank of New York Mellon e Morgan Stanley.

LK ha verificato che le megabanche del tempo passato erano controllate a loro volta dal nucleo dei “Quattro Grandi (The Big Four)”: BlackRock, State Street Corporation, FMR/Fidelity e Vanguard Group.

QUESTE SONO le TRACCE dei CONTROLLANTI di CIASCUNA delle SETTE MEGABANCHE.
1 – Bank of America:
State Street Corporation, Vanguard Group, BlackRock, FMR/Fidelity), Paulson, JPMorgan, T.Rowe, Capital World Investors, AXA, Bank of NY Mellon.
2 – JPMorgan:
State Street Corp., Vanguard Group, FMR/Fidelity, BlackRock, T. Rowe, AXA, Capital World Investor, Capital Research Global Investor, Northern Trust Corp. e Bank of Mellon.
3 – Citigroup/Banamex:
State Street Corporation, Vanguard Group, BlackRock, Paulson, FMR/Fidelity, Capital World Investor, JPMorgan, Northern Trust Corporation, Fairhome Capital Mgmt e Bank of NY Mellon.
4 – Wells Fargo:
Berkshire Hathaway, FMR/Fidelity, State Street, Vanguard Group, Capital World Investors, BlackRock, Wellington Mgmt, AXA, T. Rowe y Davis Selected Advisers.
5 – Goldman Sachs:
“I Quattro Grandi”, Wellington, Capital World Investors, AXA, Massachusetts Financial Service y T. Rowe.
6 – Morgan Stanley:
”I Quattro Grandi”, Mitsubishi UFJ, Franklin Resources, AXA, T.Rowe, Bank of NY Mellon e Jennison Associates.
7 – Bank of NY Mellon:
Davis Selected, Massachusetts Financial Services, Capital Research Global Investor, Dodge, Cox, Southeatern Asset Mgmt… e “I Quattro Grandi”.

Dei Quattro Grandi che dominano le sette megabanche e che godono di sovrapposizioni ed incroci azionari, si evidenziano soltanto quelli che controllano State Street y BlackRock.
1.- State Street: Massachusetts Financial Services, Capital Research Global Investor, Barrow Hanley, GE, Putnam Investment e… “I Quattro Grandi (Loro stessi sono azionisti !).
2.- BlackRock: PNC, Barclays e CIC.

COME ESEMPIO delle SOVRAPPOSIZIONI ed INCROCI AZIONARI, si può prendere la PNC Bank, che viene controllata da tre dei “Quattro Grandi”: BlackRock, StateStreet y FMR/Fidelity.
Nel suo libro “La Guerra delle Valute”, l’autore cinese, Song Hongbing , catalogava in questo ai Rothschild come la famiglia più ricca del pianeta, con un capitale accumulato di 5 milioni di milioni di US. $. Se i Rothschild fossero un paese, avrebbero avuto quindi, il quinto posto del ranking globale dietro il PIL di 7, 3 milioni di milioni di US. $ dell’India (quarto posto), e maggiore del Giappone, di 4,8 milioni di US-$, quinto posto, prima della Germania (sesto posto), della Russia (settimo posto), del Brasile (ottavo posto) e della Francia (nono posto).
Io avrei citato un articolo delle stesso Economist – anche questo di proprietà, come il Financial Times, del gruppo Pearson – tutti controllati dalla Black Rock, uno dei “Big Four” -, in cui si dimostrava quali fossero le multinazionali controllate dalla Black Rock: essendo questa la principale azionista della Apple, di ExxonMobil, di Microsoft, GE, Chevron, JP Morgan, P&G, Shell, Nestlé, senza contare la sua proprietà del 9% delle azioni di Televisa. Secondo i risultati ottenuti dalla ricerca svolta da Lisa Karpova e dalla sua equipe, i “Big Four” controllano inoltre le maggiori multinazionali anglosassoni:
Alcoa; Altria; AIG; AT&T; Boeing; Caterpillar; Coca–Cola; DuPont; GM; H–P; Home Depot; Honeywell; Intel; IBVM; Johnson&;Johnson; McDonald’s; Merck; 3M; Pfizer; United Technologies; Verizon; Wal–Mart; Time Warner; Walt Disney; Viacom; Rupert Murdoch’s News; CBS; NBC Universal.
Come se quanto esposto prima fosse poco, LK commenta che la Federal Reserve USA comprende 12 Banche, rappresentate da un Consiglio di sette persone, che rappresentano i “Big Four”.
In definitiva la Federal Reserve si trova sotto il controllo dei Big Four privati: BlackRock, StateStreet, FMR/Fidelity y Vanguard Group.
A mio giudizio, è molto probabile che esistano imprecisioni che sarebbero il prodotto della stesa opacità dei mega banchieri.
Nella fase della guerra geofinanziaria, quello che conta è la percezione degli analisti finanziari di Cina e Russia che sono arrivati alla determinazione dei Quattro Grandi e delle otto famiglie, tra le quali si evidenziano i banchieri schiavisti Rothschild: controllori nel loro insieme di altrettante mega banche della Federal Reserve. I padroni dell’universo terrestre, per ora… !
Tratto da: ilfattaccio.org

Ecco i padroni del Mondo, tutte aziende controllate dai maggiori banchieri !

Ecco spiegato chi controlla il Mondo intero:

I miliziani di Iside: l’esercito degli Illuminati, ecco chi lo ha creato e perché
1°parte –
http://antimassoneria.altervista.org/i-miliziani-di-iside-lesercito-degli-illuminati-2parte/
2° parte –
http://antimassoneria.altervista.org/i-miliziani-di-iside-lesercito-degli-illuminati/

Comunque la SOLUZIONE a TUTTI i PROBLEMI del MONDO è GIA’ QUI – vedi: Padroni del mondo, è finita per voi !

GIANGIACOMO SAVOGIN TRUST© Virtual Bank
La prima banca no profit, il cui scopo è ridistribuire il denaro creando “moneta scritturale” ed utilizzandola per alti scopi umanitari, secondo la Risoluzione ONU A/RES/53/144 (art. 13). PDF (scaricabile)
Le nostre attività riguardano la filantropia, la promozione culturale, la promozione di green e free energy.
Essa nasce dalla consapevolezza che gli atti costitutivi di tutto il sistema bancario mondiale sono stati annullati dall’azione di OPPT (One People Public Trust) a fine 2012 attraverso il True Bill registrato presso UCC (Uniform Commercial Code) con n: # 2012114776 del 24 ottobre 2012.

Noi e solo NOI siamo il Valore (anche della moneta=denaro, CHE E’ e DEVE essere NOSTRO e non delle banche !)

La TRUFFA ed il RAGGIRO di Matrix, il $ixT€ma, ovvero la Bestia=666

La schivitù nasce il giorno dopo la tua nascita, quando iscrivi con l’atto di nascita, i tuoi figli all’anagrafe dello stato nel quale nasci….e ciò avviene con la firma dei tuoi genitori sul “certificato di nascita”, e senza che siano stati informati di cosa è ed a cosa serve……ad appiopparti una azienda individuale con CODICE FISCALE n°…….., amministrata dallo stato e NON da te, che invece ne  sei il titolare, tanté che essa porta il tuo COGNOME e NOME invertiti e scritti in maiuscolo, per differenziarla dalla Persona fisica umana il cui Nome e Cognome si scrivono in tutte le lingue del mondo in alternato, la prima lettera in Maiuscolo e le altre in minuscolo…. e così sei SCHIAVO dello stato tutta la vita, fino a quando non ne divieni consapevole e crei i tuoi documenti legali per cambiare l’amministratore dallo stato a Te stesso, creando il tuo Trust estero e divenendo il Trustee della tua azienda individuale (Trust della nazione dove sei nato) e lo esporti all’estero con apposito documento che trovi QUI

Lo stato paga tangenti agli uomini che debbono controllare la sua mafiosità


Il popolo, la mandria, deve essere governata….

Datemi il controllo della moneta di una nazione e non mi importerà di chi ne fa le leggi
By Mayer Amschel Rothschild, fine del 1700 era volgare, capostipite della famosa dinastia bancaria, oggi proprietaria delle principali banche centrali del mondo).
E allora, chi controlla il denaro ? Le banche centrali di tutto il mondo. E chi controlla le banche centrali ?
La Banca dei Regolamenti Internazionali. E se non ci piace quello che la BRI sta facendo, si può fare qualcosa  No (anzi SI), perchè la Banca dei Regolamenti Internazionali è al di sopra della legge dei singoli stati.

Oggi la BRI gode di una totale immunità governativa, non paga tasse e ha una forza di polizia privata. Si tratta di un ente, come aveva previsto Mayer Amschel Rothschild, al di sopra della legge.
E allora, chi controlla il denaro ? Le banche centrali di tutto il mondo.
E chi controlla le …banche centrali ?  La Banca dei Regolamenti Internazionali. E se non ci piace quello che la BRI sta facendo, si può fare qualcosa ?
No, perché la Banca dei Regolamenti Internazionali è al di sopra della legge degli stati

Soluzione possibile:
Ma vi è una legge al di sopra delle leggi degli “stati” ed è la legge dei Diritti dell’Uomo e della NON instaurazione della SCHIAVITU’, cosa che questi stati Criminali, come queste aziende (banche, finanziarie, ecc.), enti, FINZIONI PERSONE GIURIDICHE, hanno creato ed effettuato sulla pelle dei Popoli Sovrani della Terra !
…..per cui se vi e’ volontà è possibile fermarli legalmente ! ….denunciandoli nei Tribunali per SCHIAVITU’, a mezzo Truffa ed Estorsione, continuata e reiterata !

Questo è il Vero POTERE

ECCO I RESPONSABILI di QUELLO che STA ACCADENDO OGGI in tutte le NAZIONI del MONDO E’ VOLUTO e
CAUSATO da QUESTI PERSONAGGI (DELINQUENTI PATENTATI e SPECIALIZZATI) che si DEFINISCONO gli “ILLUMINATI“,
…GUARDATE BENE le loro FACCE:

1) Lord Jacob de Rothschild
2) His son Nathaniel
3) Baron John de Rothschild
4) Sir Evelyn de Rothschild
5) David Rockefeller
6) Nathan Warburg
7) Henry Kissinger
) George Soros
9) Paul Volcker
10) Larry Summers
11) Lloyd Blankfein
12) Ben Shalom Bernanke.
I dodici apostoli del “male”….e tutta la filiera che essi dirigono e guidano….

Ecco i nomi delle banche-banchieri  che costituiscono il cosiddetto “Federal Reserve” (FED)
Rothschild Bank di Londra
Rothschild Bank di Berlino
Warburg Bank di Amburgo
Warburg Bank of Amsterdam
Lazard Brothers di Parigi
Israel Moses Seif Banche d’Italia
Chase Manhattan Bank di New York
Goldman, Sachs di New York
Lehman Brothers di New York
Kuhn Loeb Bank of New York

Queste sono le banche ebraiche di proprietà di banchieri ebrei (sionisti), senza girarci intorno. E sono i principali responsabili per tutta questa situazione, anche se sono stati aiutati (potentemente) dalla Corona britannica, il monarca britannico, i vari ordini degli avvocati e dei loro membri, e politici, sia i corrotti e simili all’oscuro, per creare questa gigantesca frode e perpetuare questo criminalità.

————————————————————————————————————————–

La FED Americana cosa è ?
NON e’ né “Federale”, né “Riserva” e neppure una “Banca”
Oggigiorno, è un “sistema”. Ufficialmente, il “Federal Reserve System” mantiene il pieno controllo del dollaro USA, non per servire il popolo americano ma, al contrario, gli interessi dei banchieri privati, che detengono le rispettive tipologie di titoli e partecipazioni.
In pratica, la FED è di proprietà privata per oltre il 95%, non è integrata nel governo statunitense, né sottoposta al controllo di alcun ramo di esso. In essa non c’è nulla di “Federale” in quanto sta del tutto al di fuori del sistema governativo di controlli e bilanciamenti.
Neppure fa da “Riserva” di qualcosa.
Piuttosto essa stampa arbitrariamente tutto il denaro che i mega-banchieri e le élites del potere necessitano per mantenere il mondo “globalizzato” in movimento verso la direzione che auspicano e abbisognano. Ciò include cose come i “quantitative easings” per svariati trilioni di dollari per mantenere Goldman Sachs, Bank of America, CityCorp, Wachovia e JP Morgan Chase felici e “sani”; il finanziamento di operazioni clandestine e terroristiche per rovesciare i governi di Iran, Nicaragua, Argentina, Cuba, Cile, Siria, Libia, Vietnam e molti altri; intraprendere guerre decennali contro Afghanistan, Pakistan, Iraq, Africa e America Latina; sostenere risolutamente il genocidio  in Palestina (NdR: come in vari paesi del mondo) del “piccolo Israele” e il suo “democratico” programma nucleare forte di 400 testate; e mantenere Wall Street perennemente attaccato al respiratore.
Infine, non si tratta assolutamente di una “Banca” nel senso di una istituzione finanziaria che promuove le necessità di credito dell’economia reale a beneficio dei bisogni della vasta maggioranza della popolazione che lavora.
Piuttosto, la FED sostiene i bisogni finanziari del sistema della guerra globale, operazioni segrete, usura, trafficanti di droga, e gli speculatori globali.
La FED non rende conto a nessuno. Chiaramente essa non agisce a favore di “Noi il Popolo” degli Stati Uniti o di qualunque altro Paese. Il suo scopo è servire i circoli del potere globale, che si ritrovano a scadenze regolari per pianificare il governo del mondo tramite entità quali il Council of Foreign Relations, Trilateral Commission, Bilderberg, World Economic Forum e altre che formano parte della odierna, intricata rete planetaria del potere finanziario globale.
Tratto da:
http://www.nexusedizioni.it

Però nel 2018 il presidente R. Trump ha ripreso in mano quale nuovo amministratore della Federal Reserve, l’ha riconsegnata al popolo americano e non è più gestita dai banchieri privati.

Ecco i nomi delle banche-banchieri  che costituivano la cosiddetta “Federal Reserve” (FED)
Rothschild Bank di Londra
Rothschild Bank di Berlino
Warburg Bank di Amburgo
Warburg Bank of Amsterdam
Lazard Brothers di Parigi
Israel Moses Seif Banche d’Italia
Chase Manhattan Bank di New York
Goldman, Sachs di New York
Lehman Brothers di New York
Kuhn Loeb Bank of New York

Queste sono le banche di banchieri ebrei sionisti, senza girarci intorno.
E sono i principali responsabili per tutta questa situazione, anche se sono stati aiutati (potentemente) dalla Corona britannica, il monarca britannico, i vari ordini degli avvocati e dei loro membri, e politici, sia i corrotti e simili all’oscuro, per creare questa gigantesca frode e perpetuare questo criminalità.

I ROTHSCHILD (il loro Impero) + I Bankers (banchieri) finanziarono anche Hitler !
Essi hanno sempre fatto enormi affari con la guerra, vendendo armi da una parte e dall’altra, ecco i documenti:
http://www.reformed-theology.org/html/books/wall_street/index.html
vedi questo video…Siamo nella merda: http://www.facebook.com/photo.php?v=1916379804303
….e questo articolo che riassume in sintesi tutte le proprietà, interferenze, commistioni, ecc. di questa famiglia, che ha in mano le redini del pianeta e lo domina:
http://www.attiviamoci.it/vi-presento-i-rothschild-la-famiglia-che-domina-il-mondo/?id=15

I ROTHSCHILD: La  famiglia che DOMINA il mondo ….
Controllano i media, possiedono il petrolio, la moneta ed i governi di quasi tutte le nazioni. I Rothschild sono una famiglia europea che istituì il sistema bancario e finanziario europeo a partire dal tardo XVIII secolo. I banchieri hanno da sempre istigato le rivoluzioni stabilendo il controllo diretto sull’economia e sulla finanza.

Eccovi la Mafia dei Rothschild….

La DINASTIA ROTHSCHILD’S – il POTERE del DENARO

Il Vaticano, gli Illuminati, i Rothschild ed il Signoraggio Bancario (Connessioni Occulte)

I ROTHSCHILD: dal libro di Pietro Ratto

Come rendere SCHIAVI i popoli della Terra
Amschel Mayer Rothschild, banchiere ebreo tedesco della dinastia finanziaria Rothschild (rinominato dagli ebrei dell’Europa orientale come “il pio Rothschild”) nel 1773 riunì 12 influenti banchieri per presentare un piano, in 25 punti, per “dominare le ricchezze, le risorse naturali e la forza lavoro di tutto il mondo”.

Egli svelò “come la Rivoluzione Inglese (1640-60) fosse stata organizzata e …mise in risalto gli errori commessi: il periodo rivoluzionario era stato troppo lungo, l’eliminazione dei reazionari non era stata eseguita con sufficiente rapidità e spietatezza e il programmato “regno del terrore”, col quale si doveva ottenere la rapida sottomissione delle masse, non era stato messo in pratica in modo efficace. Malgrado questi errori, i banchieri, che avevano istigato la rivoluzione, avevano stabilito il loro controllo sull’economia e sul debito pubblico inglese”.

Rothschild mostrò che questi risultati finanziari non erano da paragonare a quelli che si potevano ottenere con la Rivoluzione Francese, a condizione che i 12 presenti si unissero per mettere in pratica il piano rivoluzionario che egli aveva studiato.

Questi 25 punti sono:
1. Usare la violenza e il terrorismo, piuttosto che le discussioni accademiche.
2. Predicare il “Liberalismo” per usurpare il potere politico.
3. Avviare la lotta di classe.
4. I politici devono essere astuti e ingannevoli, qualsiasi codice morale lascia un politico vulnerabile.
5. Smantellare le esistenti forze dell’ordine e i regolamenti. Ricostruzione di tutte le istituzioni esistenti.
6. Rimanere invisibili fino al momento in cui si è acquisita una forza tale che nessun’altra forza o astuzia può più minarla.
7. Usare la Psicologia di massa per controllare le folle. “Senza il dispotismo assoluto non si può governare in modo efficiente.”
8. Sostenere l’uso di liquori, droga, corruzione morale e ogni forma di vizio, utilizzati sistematicamente da “agenti” per corrompere la gioventù.
9. Impadronirsi delle proprietà con ogni mezzo per assicurarsi sottomissione e sovranità.
10. Fomentare le guerre e controllare le conferenze di pace in modo che nessuno dei combattenti guadagni territorio, mettendo loro in uno stato di debito ulteriore e quindi in nostro potere.
11. Scegliere i candidati alle cariche pubbliche tra chi sarà “servile e obbediente ai nostri comandi, in modo da poter essere facilmente utilizzabile come pedina nel nostro gioco”.
12. Utilizzare la stampa per la propaganda al fine di controllare tutti i punti di uscita di informazioni al pubblico, pur rimanendo nell’ombra, liberi da colpa.
13. Far si che le masse credano di essere state preda di criminali. Quindi ripristinare l’ordine e apparire come salvatori.
14. Creare panico finanziario. La fame viene usata per controllare e soggiogare le masse.
15. Infiltrare la massoneria per sfruttare le logge del Grande Oriente come mantello alla vera natura del loro lavoro nella filantropia. Diffondere la loro ideologia ateo-materialista tra i “Goyim” (gentili).
16. Quando batte l’ora dell’incoronamento per il nostro signore sovrano del Mondo intero, la loro influenza bandirà tutto ciò che potrebbe ostacolare la sua strada.
17. Uso sistematico di inganno, frasi altisonanti e slogan popolari. “Il contrario di quanto è stato promesso si può fare sempre dopo…Questo è senza conseguenze”.
18. Un Regno del Terrore è il modo più economico per portare rapidamente sottomissione.
19. Mascherarsi da politici, consulenti finanziari ed economici per svolgere il nostro mandato con la diplomazia e senza timore di esporre “il potere segreto dietro gli affari nazionali e internazionali.”
20. L’obiettivo è il supremo governo mondiale. Sarà necessario stabilire grandi monopoli, quindi, anche la più grande fortuna dei Goyim dipenderà da noi a tal punto che essi andranno a fondo insieme al credito dei dei loro governi il giorno dopo la grande bancarotta politica.
21. Usa la guerra economica. Deruba i “Goyim” delle loro proprietà terriere e delle industrie con una combinazione di alte tasse e concorrenza sleale.
22. Fai si che il “Goyim” distrugga ognuno degli altri; così nel mondo sarà lasciato solo il proletariato, con pochi milionari devoti alla nostra causa e polizia e soldati sufficienti per proteggere i loro interessi.
23. Chiamatelo il Nuovo Ordine (NWO). Nominate un Dittatore.
24. Istupidire, confondere e corrompere i membri più giovani della società, insegnando loro teorie e principi che sappiamo essere falsi.
25. Piegare le leggi nazionali e internazionali all’interno di una contraddizione che innanzi tutto maschera la legge e dopo la nasconde del tutto. Sostituire l’arbitrato alla legge.
By Marco Tiberi – https://www.facebook.com/marco.tiberti.9

Il mondo è pronto per raggiungere un governo mondiale. La sovranità sovranazionale di una elite intellettuale e di banchieri mondiali è sicuramente preferibile all’autodeterminazione nazionale praticata nei secoli passati
– By David Rockefeller, 1991

CoronaVirus SCOPRE il Rothschildiano Lord Pirbright, COME chiave per i 140 anni. – Maggio 2020
Monopolio della società: ‘PELLEGRINI” sulla cultura mondiale, commercio e guerra.
La Corona britannica e la CIA si sono unite in modo prezioso attraverso QinetiQ Group Plc controllato dal Monarca Lord Pirbright (Rothschild) e i suoi cugini banchieri della NM Rothschild & Co. Che erano padrini dei campi di concentramento della Seconda Guerra Boera (1899-1902) per cacciare i francesi, olandesi e tedeschi fuori dal Sudafrica.
Nuove prove:
i principali sionisti ebrei di Londra stavano conducendo i primi moderni campi di concentramento di guerra in cui morirono oltre 60.000 bianchi e neri, tra cui più di 14.000 bambini per lo più bianchi che furono sottoposti a Burroughs Wellcome & Co. (ora finanziatore di Wellcome Trust-Coronavirus e GlaxoSmithKline)
Questi registri del Consiglio Privato e del Parlamento sono stati scoperti dopo molte difficoltà e documenti mancanti.

Fig.- Henry (Rothschild) de Worms 1st Baron Pilbright (1840-1903), chiamato anche Lord Pirbright.  La nonna del barone Pilbright era Schönche Jeannette Rothschild (1771–1859). Suo padre era Mayer Amschel Rothschild (1744–1812), il fondatore dell’attività bancaria coloniale Rothschild a Ceylon, dove il padre di Lord Pirbright, Solomon de Worms, fondò la piantagione di caffè e tè “Rothschild” con schiavo e quasi schiavo.
Pirbright è cresciuto a Ceylon in ” The Rothschild Plantation ” dove hanno coltivato caffè e tè venduti attraverso la loro società britannica dell’India orientale finanziata da Rothschild. All’età di 45 anni, il barone Pirbright divenne ministro britannico del commercio e delle colonie (1885-1892). In quegli anni appena prima della fondazione della Pilgrims Society nel 1902, Pirbright promosse Cecil Rhodes, NM Rothschild, Alfred Milner e John Buchan nelle guerre Boere. Ha anche supervisionato l’ufficio brevetti britannico quando Nikola Tesla ha iniziato a depositare i suoi brevetti di telegrafia wireless. Per quanto riguarda Tesla, Pirbright ha segretamente permesso all’Ammiragliato britannico e all’ufficio postale di rubare da Tesla usando Guglielmo Marconi come loro inventore falso e stringere accordi monopolistici con Marconi Wireless.
Pirbright istruì anche Henry S. Wellcome e Sir Henry M. Stanley nella loro rapace acquisizione di preziosi veleni e cure africane usati in estese sperimentazioni sui vaccini su esseri umani, inclusi prigionieri neri e boeri (tedeschi, olandesi e francesi) che avevano messo in campi di concentramento ed eseguito fatali esperimenti con la droga Wellcome Trust . Lord Pirbright diede a Cecil Rhodes una mano quasi libera nella British South Africa Company per scrivere leggi, riscuotere tasse e gestire la propria forza di polizia nel loro nuovo modello corporativismo fascista imperiale britannico per riorganizzare l’Impero britannico continuando a controllare le risorse delle loro colonie, anche dopo che l’implementazione di Home Rule (come Rio Tinto – società mineraria globale [compreso l’uranio] che è anche una creazione Rothschild per la Corona britannica che il sovrano controlla fino ad oggi ), Il visconte Alfred Milner, co-fondatore della Pilgrims Society, fu presidente di Rio Tinto dal 1923-1925, e in precedenza direttore per molti anni.

– Febbraio 20, 2020)
Una volta scoperto che il Coronavirus è stato creato e brevettato ( brevetto USA n. 10.130.701 ) da “The Pirbright Institute, Woking, Pirbright, Surrey”, siamo stati costretti a saperne di più su questa organizzazione Pirbright e il villaggio di Pirbright.
Una delle nostre conclusioni da questa indagine è che l’Istituto Pirbright è evidentemente parte del piano rodi-italiano di 200 anni della Pilgrims Society per creare un governo unilaterale non eletto in cui l’America è resa sottomessa alla Pilgrims Society e alle sue Nazioni Unite . Come stiamo scoprendo proprio ora, Rhodes ha avuto un mentore per il suo piano di 200 anni.
Come risultato diretto delle indagini per rintracciare la proprietà della responsabilità dell’attuale epidemia di Coronavirus, un nuovo leader della creazione della Società dei pellegrini (1902) è appena emerso nascondendosi nei libri di storia.
La traccia del lignaggio della proprietà brevettuale di “US Pat. N. 10.130.701, Coronavirus ”ci ha portato al The Pirbright Institute, Surrey, Regno Unito, vicino a Woking e Guildford.
L’uomo che sembra essere il punto di incontro della Società dei Pellegrini non è  Cecil Rhodes, ma piuttosto il mentore della famiglia Rothschild di Rhodes, Henry (Rothschild) de Worms, 1 ° Barone Pirbright , a volte indicato semplicemente come “Lord Pirbright” o “Baron Pirbright.)
L’argomento “Pirbright” ha molti tentacoli.
In superficie, Pirbright è un elegante paesino inglese nella contea del Surrey, nella Greater West London, a meno di 6 miglia a sud-ovest di Woking e 7 miglia a nord-ovest di Guildford.
Il Pirbright Institute è un istituto di ricerca nel Surrey, in Inghilterra, dedicato allo studio delle malattie infettive degli animali da allevamento. Si trova su 200 acri di terra controllata dal Ministero della Difesa britannico (MOD, a sud del villaggio di Pirbright.

Il Pirbright Institute ha strette relazioni con i medicinali per Vaccini tra cui British Merial (originariamente una joint venture tra le compagnie farmaceutiche statunitensi Merck e francese Sanofi-Aventis), il tedesco Boehringer-Ingelheim, il British Wellcome Trust e la Bill and Melinda Gates Foundation. Wellcome Trust e Gates Foundation sono i due maggiori investitori nella ricerca farmaceutica sul pianeta e finanziano pesantemente l’Istituto Pirbright.
L’indagine su Merial ha citato un’estrema sciatteria come perdite di biosicurezza, sistemi di drenaggio scadenti, scarsa manutenzione e ispezione, cattive comunicazioni, mancanza di supervisione degli appaltatori che lavorano sul sito, scarsa tenuta dei registri, conflitti di interesse all’interno delle entità governative e commerciali di Merial interessi.
Merial e il suo azionista chiave, la società francese Sanofil, sono stati acquisiti insieme dal tedesco Boehringer Ingelheim il 3 gennaio 2017 .
Merial è stata fondata nel Regno Unito il 7 marzo 1997 dalla fusione delle attività di salute degli animali di Merck e Rhone Merieuxm (anche chiamata Sanofi-Aventis) ed è uno dei 10 principali attori dell’industria farmaceutica britannica. Operano in oltre 150 paesi, danno lavoro a oltre 5.000 persone e vantano nel 2007 vendite per 1,1 miliardi di sterline.
Il 09 febbraio 2017, Boehringer-Ingelheim ha acquistato Merial-Sanofil e continua a gestire gli impianti di produzione di vaccini di Merial presso The Pirbright Institute.
Merial Animal Health Limited (posseduta al 50% da US Merck ) è stata venduta al francese Sanofil il 30 luglio 2009; poi, tre mesi dopo, il 12 ottobre 2009, ha costruito un impianto di produzione da 70 milioni di dollari chiamato Merial Animal Health Co., Ltd. (Nanchang, Cina); poi venduto alla tedesca Boehringer Ingelheim GMBH il 09 febbraio 2017), ma produce ancora vaccini per pollame dal loro impianto di 12 acri che ha mantenuto il nome Merial Animal Health Co., Ltd. (Cina) – a soli 4 ore di auto da Wuhan, Cina. Mappa di The Pirbright Institute , Pirbright, Surrey, Regno Unito.
Si noti che la Pilgrims Society della BBC e Reuters stanno lanciando una propaganda malevola di “falsa bandiera” attualmente da affermazioni non attribuite secondo cui il brevetto Pirbright Coronavirus è un coronavirus diverso, indebolito, non quello coinvolto nell’attuale epidemia. Un’affermazione del genere violerebbe le regole di “condotta ingiusta” dell’Ufficio Brevetti degli Stati Uniti, in linea con l’Ufficio.
In altre parole, è vietato dare un nome fuorviante a una domanda di brevetto. Infatti, ci sono attualmente 75 brevetti con coronavirus nel titolo . Il brevetto Coronavirus è uno degli 11 concessi al Pirbright Institute .
Questi titoli descrivono le unicità di ogni rivendicazione (un requisito).
Per il brevetto US del Pirbright Institute. N. 10.130.701 di cui è consentito il nome semplicemente “CORONAVIRUS” significa ciò che dice. Ricorda inoltre che la SERCO britannica gestisce il processo di approvazione dei brevetti presso l’ufficio brevetti degli Stati Uniti, la possibilità di frode è accresciuta, soprattutto considerando che la società gemella SERCO QinetiQ – entrambe controllate dalla Golden Share di Monarch che dà il 100% del potere di veto sulle operazioni – ha sostanzialmente approvato il brevetto a se stessi. Questa è una frode evidente.

UFFICIO BREVETTI, USA:
“Una constatazione di” frode “,” condotta ingiusta “o violazione del dovere di divulgazione in relazione a qualsiasi rivendicazione in una domanda o brevetto, rende tutte le rivendicazioni non brevettabili o non valide.”
Domanda: quando l’Ufficio Brevetti degli Stati Uniti rivelerà le sue frodi e il suo tradimento nei contratti con le società britanniche Crown SERCO e QinetiQ ?
La frode USPTO non invalida tutto ciò che hanno fatto da quando hanno stipulato un contratto con SERCO nel 2006 , 2013 , 2015 , Panoramica , vedi l’elenco completo dei fogli di lavoro con 15.769 contratti federali (Senior Executive Service con SERCO) .
Attualmente, i singoli inventori statunitensi che presentano domanda di brevetto sono fregati da questo anello globale di furto di brevetti della Pilgrims Society gestito dagli inglesi.
Il 12 ottobre 2009 , Merial ha investito oltre $ 70 milioni (USA) per costruire un “Merial Animal Health Co. (Cina)”, uno stabilimento di produzione di vaccini per pollame di 50.000 metri quadrati a Nanchang, in Cina. Nanchang è a sole quattro ore da Wuhan.
Questo stabilimento di Merial è stato fondato il 12 ottobre 2007 – solo due mesi dopo l’ epidemia di afta epizootica nel Regno Unito del 05 agosto 2007 Dato l’attuale divieto cinese di controllo della proprietà straniera, il governo cinese controllerebbe Merial (Cina) con il Il Pirbright Institute — Ministero della Difesa britannico e / o QinetiQ come possibili azionisti di minoranza. Il grande gioco di “Shell farmaceutiche” è abbastanza evidente.
Henry (Rothschild) de Worms, primo barone Pirbright, evidentemente aveva una visione di combinare vaccini, wireless, propaganda, controllo mentale e bancario e usare queste tecnologie per controllare le masse e fare soldi per i suoi cospiratori della Società dei Pellegrini.

Che cosa hanno in comune i Vaccini ed il telefono senza fili di terra sul Pirbrigth ?
Sulla stessa proprietà del Pirbright Institute si trova la stazione terrestre di Cobbett Hill, un teletrasporto satellitare che vanta “più di 25 antenne con operazioni attive su 13 satelliti” utilizzando antenne in banda C e KU abbastanza potenti per armamenti a energia diretta.
Gli esperti della guerra elettronica che hanno studiato l’impronta della proprietà di Pirbright credono che sia quasi certo che sia il Pirbright Institute che l’adiacente teletrasporto della Cobbett Hill Earthstation condividano strutture sotterranee “rinforzate” in grado di resistere ad attacchi diretti. Questa conclusione è stata ulteriormente confermata dal CEO di CETel GMBH, Guido Neumann, che si vantava il 01 giugno 2019 :
Cobbett Hill si trova a sole 25 miglia dal centro di Londra, nel Regno Unito, e occupa un complesso sicuro di sette acri su 200 acri di terra. Attualmente ospita oltre 25 antenne con operazioni attive su 13 satelliti più capacità di riserva che consente rapidi tempi di risposta anche su esigenze dei clienti con breve preavviso.

A causa dell’uso storico delle località da parte del Ministero della Difesa britannico, ha un’autorizzazione generale per la pianificazione di installazioni di antenne illimitate entro 200 acri e opera all’interno di una zona di esclusione RF che impedisce qualsiasi interferenza locale. ”
Tratto da: undicesima.com (continua  sul sito con altri particolari)

I Rothschild: 8 volte più ricchi degli 8 più ricchi – 31/01/2017
Per un  giorno, i media hanno parlato della ricerca di  ’Oxfam International   da  cui risulta che la ricchezza degli 8 principali miliardari supera quella della metà povera della popolazione mondiale, 3,6 miliardi.
Gli otto sono:
– Bill Gates   con  75 $  miliardi
– Amancio Ortega – $ 67 mdi
– Warren Buffett – 60,8 $ mdi
– Carlos Slim Helu – 50 $ mdi
– Jeff Bezos – 45,2 $ mdi
– Mark Zuckerberg – 44,6 $ mdi
– Larry Ellison – 43,6 $ mdi
– Michael Bloomberg – 40 $ mdi

Addizionati insieme, le loro ricchezze valgono  426, 2 miliardi di dollari.
Questa disparità   estrema, ha concluso  Oxfam, “invoca un cambiamento fondamentale nel modo in cui gestiamo le nostre economie,  perché funzionino per tutti, non solo per alcuni”.
Nel novero dei primi otto non appare il nome Rothschild.
Per varie ragioni:
…qui non abbiamo a che fare con  persone fisiche, ma con una dinastia,  i  cui membri presiedono  a fiduciarie private a capitale fisso – niente società per azioni (scalabili),  ma   solo aziende familiari, accuratamente sottratte  ai mercati finanziari goym, e partecipazioni  incrociate.

Insomma  è ancora la struttura  instaurata dal capostipite  del 18mo secolo, Mayer Amschel Rothschild.  Basato in Germania,  l’avo   sparse i suoi cinque figli nelle diverse capitali  europee, ciascuno muniti di capitale e conoscenze per  aprirvi  una banca d’affari: Parigi e Francoforte, Londra, Vienna e Napoli (era  allora uno degli stati dalle finanze più  prospere).
E’  stata dunque  la prima multinazionale del credito,   che profittò delle guerre europee scatenate dalla  Rivoluzione  giacobina  e da Napoleone.  Prestando agli stati  che la guerra indebitava (tipicamente,  all’impero austro-ungarico,  a quello britannico), da cui accettava titoli e buoni del Tesoro, e cogliendo  tutte le buone occasioni per prendere il controllo finanziario delle più diverse industrie,  a  corto di liquidità.

Il figlio che ebbe maggior successo fu  quello che si stabilì a Londra  Nathan Meyer  Rothschild:  sposò  Hanna Barent Cohen da  cui ebbe 7 figli e   una cospicua dote finanziaria;  nel 1811, durante le guerre napoleoniche, finanziò  di fatto lo sforzo bellico britannico quasi da solo  – senza trascurare di finanziare in segreto anche il Bonaparte.   Il 18 luglio 1815  fu  un corriere della  Rothschil & Sons  che informò il governo britannico che a  Waterloo le cose si mettevano male per Napoleone; il governo non ci credette, e allora Nathan  stette al gioco:  si  mise a svendere titoli del debito inglese, come se sapesse che presto sarebbero stati carta straccia.   Gli altri ricchi inglesi, nel panico, lo imitarono; la Borsa collassò. Mani forti anonime  (agenti dei Rothschild) avevano già fatto  incetta di titoli a prezzi da liquidazione fallimentare;  quando arrivò la notizia che a Waterloo Napoleone  aveva perso, Nathan era il padrone della London Stock Exchange.  Ancora nel 2015  il Regno Unito sta restituendo a rate i capitali presi  a prestito dai Rothschild.

Oggi,  le ricchezze  della dinastia restano inimmaginabili; essa riesce in gran parte a dissimularle con il metodo delle  ditte   non quotate, dove non si pubblicano bilanci, dove lavorano e sono impiegati direttamente i membri della famiglia, matrimoni fra consanguinei,  eredi che continuano a collaborare strettamente; da due secoli, non è mai apparso alla luce un litigio fra i parenti, che abbia prodotto un  frazionamento di ricchezze, capitali e imprese.
Non  a caso il motto della famiglia, sotto lo scudo rosso, è (in latino) “Concordia, Integritas, Industria”.

Oltre alle finanziarie N.M. Rothschild &  Son di Londra e la Edmond de Rotschild Group  in Svizzera,  la dinastia ha incalcolabili partecipazioni in istituti di credito,  nel settore immobiliare,  minerario ed energetico.  I vigneti che l’uno o l’altro membro hanno in Francia, in Sudafrica, in California, Sudafrica ed Australia, sono   attività da tempo libero.
Le partecipazioni che contano, in “investimenti globali”, non sono affatto visibili. E’ dubbio se i Rothschild siano oggi quello che fu la ditta di Nathan, che divenne praticamente il banchiere centrale   d’Europa,   coprendo debiti pubblici,  salvando banche nazionali,  finanziando infrastrutture  pubbliche durante la rivoluzione industriale.

Sicché non si può valutare se dice il vero il sito Investopedia, che   ha provato a fare una valutazione approssimativa  e decreta (senza specificare i cespiti e le attività)  che la ricchezza  che  la dinastia controlla oggi ammonta a 2  trilioni di dollari:  2 mila miliardi.
Se fosse vero, vuol dire che i Rothschild  sono otto volte più  ricchi degli otto più ricchi miliardari.
http://www.investopedia.com/updates/rothschild-family-net-worth-explainedI milionari annusano il collasso, e scappano (dalla società che hanno creato)
Non certo i Rothschild, ma i “mezzi milionari”, i gestori di hedge funds,   i fondatori di startups di successo,  i ricchi in  milioni (ma non miliardi), stanno comprando bunker di lusso  in  rifugi   anti-atomici  riciclati in condomini costosissimi, assoldando squadre di guardie armate,   investendo in campi d’aviazione  in Nuova Zelanda: almeno secondo un articolo del New Yorker  che sta facendo   rumore  fra quelli che contano.  Perché i nuovi ricchi   temono una rivolta sociale:  “Le  tensioni prodotte dall’acuta disparità di reddito  stanno diventando così’ forti, che alcuni dei più  agiati del mondo stanno prendendo misure per proteggersi”-

Es: In vendita casa terreno in Nuova Zelanda, con pista d’atterraggio.
http://www.newyorker.com/magazine/2017/01/30/doomsday-prep-for-the-super-rich

Una volta, i “preppers”, quelli che si preparano a lottare e sopravvivere in un collasso sociale totale accumulando proiettili e scatolame  in qualche deserto americano, erano la “frangia lunatica”  fatta  per lo più da reduci di guerra tornati disturbati dall’Irak, o complottasti paranoici; gente senza tanti mezzi comunque.
Adesso sono le menti  brillanti di SIlicon Valley  a prepararsi  all’Armageddon, sia quello naturale (terremoto della faglia di Sant’Andrea)  sia il collasso sociale e politico della società.

Antonio García Martínez,   40 anni, ha   ammesso di aver acquistato “due ettari di bosco in un’isola del Nord  Pacifico e d’averla attrezzata con generatori, pannelli solari, casse di munizioni”. Il fondatore di PayPal, Peter Thiel, ha non solo comprati terreni in Nuova Zelanda, ma fondato là una ditta  che aiuta i suoi pari (pari-reddito) a cercare là ridenti rifugi. Nei fatti,   nei primi 10 mesi  del 2016, mani straniere  hanno acquistato 3500 chilometri quadrati in  Nuova Zelanda. Il posto così lontano è oggetto  dei loro appetiti, anche  perché  ritenuto sicuro se scoppia una epidemia globale…

Reid Hoffman, creatore di LinkedIn, ha raccontato al giornalista dell New Yorker: “Dire che  hai comprato una casa in Nuova Zelanda è  come un ammicco  fra noi.  Si fa’ la stretta di   mano massonica e ci si scambiano notizie del tipo: niamo, “Sai, conosco un mediatore che vende vecchi silos per missili ICBM,  a prova di atomica…”.  O si discute su temi come: “Bisogna comprarsi un aereo privato. Bisogna  prendersi cura anche della famiglia del  pilota. Devono essere sull’aereo”.
E’   istruttivo vedere  come abbiano  paura della società  che  loro stessi hanno creato,  e  ne vogliano fuggire.
Come pensano di salvare se stessi per via individuale, accumulando munizioni   generatori solari,   trincerandosi coi propri pari in condomini fortificato: uno spasimo terminale di individualismo americano e di spirito del West,  con i carri in circolo contro gli  indiani.
“Se avessimo avuto una più equa distribuzione del reddito, messo più fondi e energia nelle scuole pubbliche, nei parchi, nelle arti o  e nella sanità pubblica, avremmo tolto molta della rabbia che si sente nella società. Le  abbiamo tutte smantellate, queste cose”, ammette Rob Johnson, che ha fondato un Institute  for  New Economic Thinking (istituto per  un nuovo pensiero economico),  dove  cerca di  riproporre  le strane idee  della società come un sistema di corresponsabilità  a questi  ricchi spaventati.
Ma lamenta la mancanza di “spirito di responsabilità  verso il  prossimo”  e l’apertura  alla possibilità, fra   i ricchi, di una più decisiva politica fiscale di redistribuzione.
Tratto da: maurizioblondet.it

Visionate queste FOTO che segnalano dei detti molto importanti:
https://www.facebook.com/photo.php?fbid=544850968871773&set=a.520419114648292.111265.520400687983468&type=1&theater

Ricordate in Italia, la storia della “Zecca di stato“, che stampava la carta moneta e poi solo la moneta metallica…..
gli avevano ed hanno appioppato il vero suo nome, ZECCA, animale che quando si attacca…non ti molla più, e fino a quando non la estirpi BENE con un bisturi, senza lasciagli dentro la testa……altrimenti  ti fa soffrire molto…!
Ecco come si e’ creato il: Monopolio Sanitario Allopatico mondiale

Rockefeller all’ONU, in TV (US):
Ridurre la popolazione terrestre con i Vaccini

I NAZISTI hanno inventato l’Unione Monetaria dell’EU….. + Invenzione delle Tasse

SUGGERIMENTO: Guardate e con attenzione leggete qui sotto questo SCHEMA, E’ FONDAMENTALE PERCHE’ DOBBIAMO CHIEDERE ai NOSTRI POLITICANTI di APPLICARLO ANCHE in Italia o SAREMO lo ZERBINO della GERMANIA a VITA.
Chi capisce per primo il modello di funzionamento di queste due banche tedesche ha vinto, e allora tutti gli stati potrebbero fare cio’ che fa la Germania, e la Germania smetterebbe di dettare il suo strapotere in Unione Europea.
La #DeutscheBu…ndesbank (traducibile con “Banca Federale Tedesca”) è la Banca Centrale della #RepubblicaFederale della #Germania e, in quanto tale, è parte del Sistema europeo delle banche centrali (#SEBC).
#KfW, acronimo di Kreditanstalt für Wiederaufbau (la Banca della Ricostruzione), è una banca tedesca. È nata nel 1948, alla fine della Seconda Guerra Mondiale, per volere degli Stati Uniti d’America, per amministrare i fondi del #PianoMarshall.
Attualmente, l’80% del capitale del gruppo è detenuto dal governo federale tedesco mentre il restante 20% appartiene ai 16 Bundeslaender, gli Stati che compongono la federazione.
La KfW è oggi uno dei primi tre gruppi bancari della Germania. Nel 2011 ha concesso prestiti per 70 miliardi di euro, con utile operativo di circa 2 miliardi, quasi il doppio di quelli approvati dalla Banca mondiale.
http://goo.gl/mxK8bo
By Antonello Loriga

Il 22 NOVEMBRE di 51 ANNI FA (1963) VENIVA UCCISO J.F. KENNEDY in MONDOVISIONE
Aveva dato fastidio a qualcuno.
Non chiedere al tuo paese cosa può fare per te, ma chiediti cosa puoi fare per il tuo paese

Guardate il marchio, contiene l’aquila tedesca…..
Di FEDERAL RESERVE, SI PUO’ ANCHE MORIRE…The Federal Reserve ‘Fed Up
“ … Il 4 giugno 1963 il Presidente J.F. Kennedy firmò l’ordine esecutivo 11110.
Il decreto ripristinava la potestà da parte del Governo USA di emettere moneta SENZA passare attraverso la FED.”
Il Presidente Kennedy fu ASSASSINATO il 22 Novembre 1963.

L’intenzione del Presidente era di ritornare alla Costituzione. In essa si sancisce che solo il Congresso ha potestà di emissione di moneta. Con quel decreto Kennedy autorizzava l’emissione di 4.292.893.815 dollari in banconote statunitensi attraverso il Tesoro.
L’atto era d’estrema importanza: significava che per ogni oncia d’argento depositata nella cassaforte del Tesoro, il Governo avrebbe potuto mettere in circolazione nuova moneta. Vi lasciamo immaginare le conseguenze di questa legge: con una firma Kennedy metteva con le spalle al muro la Federal Reserve Bank.
L’entrata in circolazione della nuova banconota avrebbe di fatto eliminato la domanda di banconote della FED. Questo per un semplicissimo motivo: l’emissione governativa era garantita da scorte d’argento, mentre le banconote emesse dalla FED non poggiavano su alcuna forma di garanzia.
Il programma di JFK di stampare le banconote degli Stati Uniti, avrebbe messo fine al monopolio privatamente detenuto dal sistema bancario che s’identificava nella Federal Reserve Bank. Il Presidente aveva pianificato la stampa di un numero sufficiente di banconote (la stessa cosa era stata fatta da Lincoln), per ripagare il debito nazionale e successivamente aveva abolito le tasse IRS senza fissarne di nuove.

Dopo l’assassinio, il suo successore, Lyndon B. Johnson, BLOCCO’  immediatamente la stampa delle banconote affidando nuovamente alla FED il compito della loro emissione. Garantì inoltre la continuazione della tassa IRS per i profitti bancari.
E’ alquanto singolare annotare che l’atto esecutivo 11110 non fu mai abrogato e tuttora mantiene intatta la sua portata, anche se non vi è stato alcun Presidente che abbia mai ritenuto opportuno applicarlo (? paura di essere assassinati….!).

Sorgono spontanee alcune domande:
“Come mai nessun Presidente ha mai pensato di ripristinare quel decreto ?
Forse l’assassinio perpetrato a Dallas è da considerare un avvertimento a tutti coloro che aspirano a divenire inquilini della Casa Bianca ? ”
Una sorta di messaggio “ La FED non si tocca !?”.

All’indomani della tragica vicenda di Dallas, il nuovo Presidente e il capo della FBI, Hoover, istituirono la Commissione Warren, con il compito di indagare su quanto accaduto nella capitale texana. Ebbene a far parte di quella Commissione fu chiamato J. McCloy che pur non era un esperto di crimine, ordine pubblico o sicurezza nazionale: era “ semplicemente” Presidente della Chase Manhattan Bank (1)
Lincoln, Garfield, McKinley, Kennedy: quattro Presidenti assassinati. Ognuno di loro si era opposto ai banchieri. Andrew Jackson fu più fortunato: riuscì a scampare a più tentativi d’assassinio e fece della lotta contro lo strapotere del sistema bancario una ragione di vita.

Reagan, è storia dei nostri giorni ormai, minacciò di sostituire il Presidente della FED, Paul Volcker.
Alcuni giorni dopo aver pronunciato la famosa frase “ …non dobbiamo rendere conto alla Federal Reserve, tanto meno al suo Presidente”, il solito “ pazzo” gli scaricò addosso il caricatore di una Berretta.

Il povero Presidente ne uscì malconcio ma vivo. Dopo il periodo di ricovero, Reagan ebbe modo di dire in una conferenza stampa che il Presidente della FED, Volcker, stava facendo “ un buon lavoro”…Noi non avevamo alcun dubbio…
Fonte: http://www.finanzainchiaro.it/dblog/articolo.asp?articolo=431
(1) Chase Manhattan Bank = J.P. Morgan e Rockefeller = Federal Reserve.

Nella Commissione Warren vi collaborò anche Nelson Rockefeller, fratello di David. In quel periodo negli States girava un modo di dire: “il lupo è stato messo a fare la guardia al pollaio”.

La FEDERAL RESERVE BANK E’ STATA UNA PROPRIETA’ PRIVATA.
L’articolo 1, Sezione 8 della Costituzione US, stabilisce che il Congresso deve avere il potere di coniare moneta (creare) e di stabilirne il valore. Tuttavia, attualmente, la FED, che è una società privata, controlla e trae profitto dal produrre moneta attraverso il Tesoro, e controllandone il valore.
La FED ebbe inizio con circa 300 persone o banche, che diventarono proprietari (azionisti che hanno comprato il capitale azionario a $ 100 per azione – il capitale azionario non è commercializzato pubblicamente) del Sistema Bancario della Federal Riserve.
Essi formarono un cartello bancario internazionale di ricchezza senza confronto
Il sistema bancario della FED raccoglie miliardi di dollari di interessi annui e distribuisce i profitti ai suoi azionisti. Illegalmente, il Congresso ha dato alla FED il diritto di stampare moneta (attraverso il Tesoro) senza alcun onere per la FED.
La FED ha creato denaro dal nulla, e lo presta a noi attraverso le banche, e carica gli interessi sulla nostra moneta.
La FED compra anche i debiti del Governo (ndr: obbligazioni) con il denaro stampato con una semplice pressa tipografica e carica gli interessi  sui contribuenti degli Stati Uniti. Molti deputati e presidenti dicono che questa è una frode.
Continua QUI: http://www.signoraggio.com/fedprivata.html

Chi possiede attualmente le Banche Centrali della Federal Riserve ?
La proprietà delle 12 banche Centrali, un segreto ben mantenuto, è stato svelato:
– La Banca Rothschild di Londra
– La Banca Warburg di Amburgo
– La Banca Rothschild di Berlino
– La Lehman Brothers di New York
– La Lazard Brothers di Parigi
– La Banca Kuhln Loeb di New York (Nel 1977 venne fusa con la banca Lehman Brothers, generando una nuova società di nome Lehman Brothers Kuhn Loeb & Co.)
– Le Banche Israel Moses Seif in Italia (non operativa per il pubblico)
– La Goldman, Sachs di New York
– La Banca Warburg di Amsterdam
– La Chase Manhattam Bank di New York (David Rockefeller è stato anche presidente e amministratore delegato della Chase Manhattan Bank, nel 2000 l’azienda si è fusa con la J.P. Morgan & Co. dando vita alla JPMorgan Chase, una delle più grandi banche del mondo che Rockefeller ha diretto personalmente. Attualmente è il più grande azionista singolo della compagnia, possedendone quasi il 2%.

Per maggiori particolari sulle Banche centrali vedi qui: http://www.piuweb.net/news/di-chi-e-la-banca-ditalia

DICHIARAZIONE delle NAZIONI UNITE sui Difensori dei Diritti Umani

Continua in: Finanza Base – 1/B + – Finanza Base – 1/C  +  ACCESSO al VALORE di IO SONO + One People’s Public Trust

Recommended For You

Administrator

About the Author: Administrator

Esperto per la Vera scienza, conoscenza, filosofo della vita eterna, esperto in Medicine Naturali, Scienza della Nutrizione, Bioelettronica e Naturopatia. Consulente di https://mednat.news/curriculum.htm - Curatore, Tutore, Notaio, Trustee del TRUST estero VANOLI G.P. - Human Rights Defender ONU/A/RES/53/144 1999 - Diritti dei Batteri e Virus, cioè della Vita/Natura in genere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *