Contagio inesistente = Epidemie Inventate – 2

Le cosiddette “Epidemie” o pandemie, le inventano tutte quante:
Le epidemie non esistono, è solo un epidemia mediatica inventata dal sistema Criminale che controlla la società umana.
Con l’aumento dell’igiene nei vari settori e l’avvento di fogne ed acqua corrente, (in occidente) al giorno d’oggi non possono esistere  malattie contagiose,  ma solo ed esclusivamente malattie tossiemiche provocate dalla costante introduzione,  (nel corpo umano, animale, e vegetale,)  di vari  veleni  contenuti negli alimenti, nei medicinali, nei fitofarmaci, nell’aria, nell’acqua, nei terreni, ecc

Addirittura l’aids, che viene considerato epidemico,  a tutt’oggi interessa solo 1/10.000 della popolazione !!!
Invece le vere malattie  “epidemiche” ed assolutamente non contagiose, sono quelle più comunemente diffuse.
Basta rivelare che oltre il 90% degli americani soffre di placche arteriose, ma questa non è considerata una malattia contagiosa. L’obesità è forse considerata contagiosa ? Eppure affligge una persona su tre. E la costipazione ? Affligge il 90% della nostra popolazione. E i problemi alla vista, che affliggono due persone su tre, sono forse considerati contagiosi ?
Lo stesso si può dire delle patologie dentarie, della pressione sanguigna anomala, delle emicranie, dei problemi alla schiena, ecc., tutte patologie estremamente diffuse. Più di metà degli americani soffre di problemi cardiovascolari, ma sono forse considerati contagiosi ? La malattia più temuta in assoluto è il cancro. E’ forse contagiosa ? L’artrite colpisce più persone che non l’herpes. E’ forse contagiosa ? E che dire dell’asma o dell’acne
Prendiamo come esempio i raffreddori. Come mai i bambini prendono fino a otto raffreddori all’anno, mentre i genitori molti di meno ? Come mai le persone che si trovano isolate negli osservatori al Polo Nord o Sud “si prendono” lo stesso il raffreddore durante la loro permanenza ?
Come mai negli anni 1965-67 i laboratori del National Institute of Health di Bethesda, nel Maryland, condussero sperimentazioni sulle influenze che non mostrarono alcuna prova che esse fossero dovute a contagio ? Ad alcuni volontari vennero iniettati ogni giorno i presunti “virus”  (scarti cellulari inerti) dell’influenza, prelevati a coloro che ne soffrivano, ma nessuno di essi si ammalò. Ci furono più casi di influenza nel gruppo di controllo.
Contemporaneamente, subito dopo la tradizionale Festa del Ringraziamento, il numero di ammalati in entrambi i gruppi ebbe un picco improvviso, come è lecito aspettarsi quando vengono consumati cibi non equilibrati e bevande eccessive durante una festività.
Anche le malattie veneree sono considerate dai più contagiose. Ma in realtà i cosiddetti fattori di contagio (batteri) sono presenti in quanto effetto della malattia, senza esserne né la causa né il presupposto (il 20% di coloro che soffrono di malattie veneree non rivelano presenza né del gonococco né degli spirocheti che dovrebbero provocarla).

Tutte le malattie sopra elencate compreso anche quelle denominate dalla sanità pubblica contagiose, hanno solo un denominatore comune:  LA TOSSIEMIA SISTEMICA.
Vale per l’uomo e per tutte le specie di animali e vegetali importanti per l’uomo. “

Per  circa due secoli molti scienziati, ricercatori batteriologi, virologi stimati e attenti professionisti, si sono inoculati nei propri corpi e negli alimenti, microbi del colera, della peste bubbonica, e microbi di ogni genere.
Più volte si sono  spennellati i microbi della difterite, ma a dispetto di tutti gli sforzi, NON SI SONO POTUTO PRODURRE UNA SOLA MALATTIA IN LORO. IN NESSUN CASO, NE’ SI E’ PROVATO CHE UN MICRORGANISMO E’ LA CAUSA SPECIFICA DI UNA MALATTIA”.

La malattia è solo una manifestazione tossiemica interna e non di “contagio “, poiché le scorie tossiche (abitudini nocive) non possono essere trasmesse da un corpo all’altro attraverso il normale contatto, nessuno può passare ad altri la sua malattia, non più di quanto possa trasmettere la propria salute.

In realtà non ci sono nemici o malattie specifiche da combattere. Esiste solo il risultato dell’equilibrio o dello squilibrio. L’universo opera mantenendo in equilibrio coppie di opposti. Quando le cose vanno fuori equilibrio, di solito compare un segno (il sintomo), così sappiamo che qualcosa è cambiato nell’ordine delle cose.
La salute è l’equilibrio nel sistema, cosi come la natura, è governata dall’armonia, salvo interferenze esterne (fra cui gioca un ruolo di prim’ordine la mente distorta e tossica dell’essere umano).
Un organismo pulito, sia esso vegetale o animale, ha concrete possibilità di non ammalarsi mai e, se malato, di guarire una volta che vengano ristabilite quelle condizioni naturali che riportino l’equilibrio tra il dentro e il fuori e che lo mantengano naturalmente, senza sforzo. .

A questo proposito un famoso premio Nobel del passato,  il Dr. Alexis Carrel, del Rockefeller Institute for Medical Research, dichiarava: “La cellula è immortale”.
È semplicemente il fluido nella quale galleggia che si degrada. Sostituendo questo fluido ad intervalli regolari, daremo alla cellula ciò che le necessita per nutrirsi e, per quanto ne sappiamo, il pulsare della vita potrà continuare indefinitamente

Quanto sopra descritto dal dr. Carrel è stato dimostrato scientificamente in laboratorio da lui stesso, infatti mantenne in vita il cuore di un pollo per circa 30 anni in una soluzione salina (che conteneva minerali e sostanze vitali naturali, nelle stesse proporzioni di quelle del sangue del pollo) che egli rinnovava tutti i giorni.  Il dott. Alexis Carrel  giunse alla conclusione che il tempo di vita di una cellula è indefinito fintanto che viene fornito il giusto nutrimento naturale e viene ripulita dalle sue escrezioni. Difatti le cellule crescevano e prosperavano fintanto che le loro evacuazioni (scorie) venivano rimosse. Condizioni non igieniche  invece procuravano una minore vitalità, deterioramento e morte.

NON esiste alcuna pestilenza, esiste l’intossicazione.
NON esistono agenti contagiosi, bensì fattori intossicanti. La colonizzazione batterica è una risposta sistemica di fronte a una materia organica avariata, marcia: i batteri digeriscono ciò che l’organismo non riesce a metabolizzare. L’infezione, quindi, nasce dal cambiamento delle condizioni dell’ambiente interno degli organismi viventi che ospitano i batteri e a cui gli stessi microbi si adattano mutando struttura e comportamenti per sopravvivere insieme all’ospite.

La presenza di microrganismi non costituisce la causa o presenza di una malattia.
I microrganismi sono gli spazzini della Natura … riducono i tessuti morti agli elementi di base e svolgono anche un’altra funzione, quella della riparazione dei tessuti ammalati, cosi come le vere ed uniche funzioni dei virus, che riparano il Dna/Rna delle cellule ammalate in stress ossidativo !

I germi o i batteri (microrganismi) non hanno alcuna influenza di alcun genere sulle cellule vive, eliminano solo le cellule morte e le riparano.  I batteri NON attaccano un tessuto fintantoché esso rimane VIVO !
I microbi prosperano facendo gli spazzini nelle aree malate e le riparano se possibile. si nutrono solo con i rifiuti metabolici non elaborati e con i tessuti malati, denutriti e deboli, cercando di ripararli.

Le forze che operano contro la vita non sono da ricercare nei cosi chiamati malvagi germi invasori che colonizzano l’ospite; bensì, sono gli stessi microbi chiamati erroneamente dai più “patogeni”, un effetto della malattia/ammalamento, la cui causa è individuabile nel distacco dell’essere dalle regole naturali della vita.
La risposta fisiologica diventa distruttiva quanto più il corpo si allontana dalla sua biologia, mentre più il corpo si avvicina alla sua natura, più la fisiologia diventa salutare. Questo perché la capacità auto-regolatoria dell’organismo vivente cambia i funzionamenti metabolici per assolvere in modo dinamico al compito vitale di mantenere l’omeostasi interna rispetto ai cambiamenti esterni

Nonostante ciò, la teoria dei germi e la teoria del contagio continuano ad essere propagandate dal moderno sistema sanitario e agro-zootecnico, il cui prestigio, i cui profitti e il cui potere dipendono largamente dalla fiducia in questa assurda teoria.
In sostanza, la popolazione oggi crede a ciò che l’establishment  vuole che creda.
La teoria del contagio serve a generare la PAURA sul gregge IGNORANTE ddd a tenere alta la domanda di fitofarmaci per il settore agro-zootecnico, e di farmaci e cure mediche  ospedaliere, per quanto riguarda il settore sanitario.
E ormai nota  la frase pronunciata oltre trent’anni fa dal pensionando direttore della multinazionale  Merck, Henry Gadsen: “Sogniamo di produrre farmaci per le persone sane“. Da allora le case farmaceutiche hanno creato tanti medicinali , ma hanno anche prodotto nuove patologie e nuovi malati.
Siamo arrivati al punto che oggi si curano globalmente, malattie che una volta non erano malattie.

L’industria farmaceutica e dei fitofarmaci è grande e potente come l’industria delle armi, con la differenza che la guerra finisce, la malattia  no, fino a quando c’è qualcuno che la tiene in vita” (By Hans Ruesch)

Anche Il vincitore del Premio Nobel per la Medicina, Richard J.Roberts, denuncia il modo in cui operano le grandi  industrie farmaceutiche nel sistema capitalistico, anteponendo i benefici economici alla salute e rallentando lo sviluppo scientifico nella cura delle malattie perché guarire non è fruttuoso come la cronicità.

Inoltre nella fasulla ed inventata “epidemia” di influenzale stagionale 2019/2020, del cosiddetto virus inventato covid19 (sars, cov2), i medici ospedalieri hanno riscontrato in tutti i malati: “Alveoli ripieno di materiale infiammatorio, come tutti i distress respiratori, ed alterazioni a carico del microcircolo, nella zona bronco polmonare“; questo accade più o meno intensamente in tutte le influenze, specie negli anziani con malattie pregresse concomitanti e negli immunodepressi dai Vaccini.

Da quel “materiale infiammatorio”, residuo dal disgregamento e tentativo di ricambio di cellule e tessuti malati e degradati, provengono i famosi virus/esozomi (materiale genetico) che i tamponi individuano (ma che non sono in grado di definire di che si tratta oltre a tutto avendo il 86% di falsi positivi…)  e che alcuni laboratori molto attrezzati possono detettare, dando loro un “nome”, standard e non specifico.
Parlare di covid19, quale causa dell’ammalamento (sindrome influenzale) è solo una chimera, illusoria e falsa, inventata quindi fraudolenta, per generare PAURA, perché anche quell’ipotetico virus covid19 e similari, provengono solo ed unicamente dal degrado dei tessuti malati e dal disgregamento delle cellule in essi contenute, che rilasciano materiale genetico nell’ambiente extracellulare, che quindi si riversa anche nel plasma sanguigno o nella linfa !
Quindi nulla di speciale, salvo che se malcurati, come è effettivamente successo, perché i medici ospedalieri NON conoscono tutte le tecniche risanatrici possibili della Medicina Naturale, questi malati muoiono facilmente, come è effettivamente successo questo anno 2019-2020, negli ospedali, per “malpractice” medica, ovvero ignoranza dei medici su cosa fare in quei casi di influenza stagionale, ammassamento personale che appare al solstizio d’inverno e scompare all’equinozio di primavera, così OGNI ANNO e da sempre.

US – Luglio 2020
Tutte le cosiddette analisi rRT-PCR sono solo della FAKE /FALSITA’.
– ALTRO DOCUMENTO che è  un FATTO GRAVISSIMO !!!!
Di FDA, CDC, E TEST USA rRT-PCR:  NON HANNO IL VIRUS !
NON HANNO NULLA, assolutamente NESSUN VIRUS REALE del tutto. TUTTO INVENTATO !
ANCHE LORO e fin dall’INIZIO USANO PARTI di SEQUENZA SINTETIZZATA in LABORATORIO.

E’ nero su bianco dalla CDC e dalla FDA, qui nel report dei loro Test rRT-PCR, tutto FALSO !!
Da notare, il documento, è del 13 luglio 2020. Ad oggi ancora nulla.
– PDF del documento originale della FDA/CDC
https://www.fda.gov/media/134922/download?fbclid=IwAR205au29ENXESdlqVvhjo6c-wfKlIxwHetQubmHIRMy2jRbvEVO2JaFmfA
Infatti:
https://gianlucaaria.wordpress.com/2020/03/16/carico-virale-e-pcr-perche-non-possono-essere-usati-per-dimostrare-linfezione-da-hiv-o-qualsiasi-altra-cosiddetta-infezione-virale/

Il “MITO” del CONTAGIO – PDF: The_Contagion MITH_W

ATTENZIONE:
Peter Doshi riferisce che il CDC ha esagerato i dati sulla mortalità dell’influenza per promuovere l’uso del vaccino antinfluenzale attraverso una “ricetta in sette fasi” per fornire informazioni ai media al fine di aumentare la domanda attraverso la paura.
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC1309667/

Continua in: Epidemie Inventate -1

Recommended For You

Administrator

About the Author: Administrator

Esperto per la Vera scienza, conoscenza, filosofo della vita eterna, esperto in Medicine Naturali, Scienza della Nutrizione, Bioelettronica e Naturopatia. Consulente di https://mednat.news/curriculum.htm - Curatore, Tutore, Notaio, del TRUST estero VANOLI G.P. e difensore dei: - Human Rights Defender ONU/A/RES/53/144 1999 - Diritti dei Batteri e Virus, cioè della Vita/Natura in genere

2 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *