Come è nata l’Italia ? rivisitazione storica…

GARIBALDI, la spedizione dei 1.000, caduta del “REGNO delle DUE SICILIE” ed il “REGNO d’ITALIA” e successivamente la “REPUBBLICA d’ITALIA (REPUBLIC of ITALY)”,….come si sono formati ? … sulla Violenza, il Furto, la Truffa, ecco i cenni storici dei FATTI !

Garibaldi Giuseppe, nacque a Nizza il 4 luglio 1807 e morì a Caprera il 2 giugno del 1882, era massone di 33º grado del Grande Oriente d’Italia (ricoprì anche brevemente la carica di Gran Maestro) e anticlericale, e fu autore di numerosi scritti e pubblicazioni, prevalentemente di memorialistica e politica, ma anche romanzi e poesie. Garibaldi era di corporatura bassa, alto 1,65, ed aveva le gambe arcuate.
Era pieno di reumatismi e per salire a cavallo occorreva che due persone lo sollevassero. Portava i capelli lunghi perché, avendo violentato una ragazza, questa gli aveva staccato un orecchio con un morso.
Era un avventuriero che nel 1835 si era rifugiato in Brasile, dove all’epoca emigravano i piemontesi che in patria non avevano di che vivere…
Fra i 28 e i 40 anni visse come un corsaro assaltando navi spagnole nel mare del Rio Grande do Sul al servizio degli inglesi che miravano ad accaparrarsi il commercio in quelle aree. In Sud America non è mai stato considerato un eroe, ma un delinquente della peggior specie. Per la spedizione dei mille fu finanziato dagli Inglesi con denaro rapinato ai turchi, equivalente oggi a molti milioni di dollari.
In una lettera, Vittorio Emanuele II ebbe a lamentarsi con Cavour circa le ruberie del nizzardo, proprio dopo “l’incontro di Teano”: “… come avrete visto, ho liquidato rapidamente la sgradevolissima faccenda Garibaldi, sebbene – siatene certo – questo personaggio non è affatto docile né cosí onesto come lo si dipinge e come voi stesso ritenete.
Il suo talento militare è molto modesto, come prova l’affare di Capua, e il male immenso che è stato commesso qui, ad esempio l’infame furto di tutto il danaro dell’erario, è da attribuirsi interamente a lui che s’è circondato di canaglie, ne ha eseguito i cattivi consigli e ha piombato questo infelice paese in una situazione spaventosa”.

———————————————————————————————————————

La TRUFFA dell’Unità d’Italia:  dal ladro Garibaldi ai Rothschild
Il processo di Unità di Italia ha visto come protagonisti una sfilza di uomini più o meno celebri, i cosiddetti padri del Risorgimento. Dal nord al sud Italia ogni piazza o via principale si fregia di nomi illustri: Garibaldi, Mazzini, Cavour, Vittorio Emanuele etc.
Il popolo viene indottrinato fin dalla più tenera età a considerare costoro dei veri eroi, gli artisti li raffigurano esaltando il loro valore in maniera da rafforzare il mito che li circonda. Innumerevoli sono infatti le opere d’arte che ritraggono l’eroe dei due Mondi ora a cavallo…ora in piedi che impugna alta la sua spada, alcune volte indossa la celebre camicia rossa…altre volte si regge su un paio di stampelle come un martire. Tuttavia un ritratto che di certo non vedremo mai vorrebbe il Gran Maestro massone, Giuseppe Garibaldi, privo dei lobi delle orecchie. E dire che nessuna raffigurazione potrebbe essere più realistica poiché al nostro falso eroe furono davvero mozzate le orecchie, la mutilazione avvenne esattamente in Sud America, dove l’intrepido Garibaldi fu punito per furto di bestiame, si vocifera che fosse un ladro di cavalli.
Naturalmente nessuna fonte ufficiale racconta questa vicenda. È dunque lecito chiedersi quante altre accuse infanghino le gesta degli eroi risorgimentali ?
Quante altre macchie vennero lavate a colpi d’inchiostro da una storiografia corrotta e pilotata ?
Ma soprattutto quale fu il ruolo dei banchieri Rothschild nel “processo dell’ Unità d’Italia” ?
La Banca Nazionale degli Stati Sardi era sotto il controllo di Camillo Benso conte di Cavour, grazie alle cui pressioni divenne una autentica Tesoreria di Stato. Difatti era l’unica banca ad emettere una moneta fatta di semplice carta straccia. Inizialmente la riserva aurea ammontava ad appena 20 milioni ma questa somma ben presto sfumò perché reinvestita nella politica guerrafondaia dei Savoia.
Il Banco delle Due Sicilie, sotto il controllo dei Borbone, possedeva invece un capitale enormemente più alto e costituito di solo oro e argento, una riserva tale da poter emettere moneta per 1.200 milioni ed assumere così il controllo dei mercati. Cavour e gli stessi Savoia avevano ormai messo in ginocchio l’economia piemontese, si erano indebitati verso i Rothschild per svariati milioni e divennero in breve due burattini nelle loro mani. Fu così che i Savoia presero di mira il bottino dei Borbone.
La rinascita economica piemontese avvenne mediante un operazione militare espansionistica a cui fu dato il nome in codice di Unità d’Italia, un classico esempio di colonialismo sotto mentite spoglie. L’intero progetto fu diretto dalla massoneria britannica, vero collante del Risorgimento. Non a caso i suddetti eroi furono tutti rigorosamente massoni.
La storia ufficiale racconta che i Mille guidati da Giuseppe Garibaldi, benché disorganizzati e privi di alcuna esperienza in campo militare, avrebbero prevalso su un esercito di settanta mila soldati ben addestrati e ben equipaggiati quale era l’esercito borbonico.
In realtà l’impresa di Garibaldi riuscì solo grazie ai finanziamenti dei Rothschild, con i loro soldi i Savoia corruppero gli alti ufficiali dell’esercito borbonico che alla vista dei Mille batterono in ritirata, consentendo così la disfatta sul campo. Dunque non ci fu mai una vera battaglia, neppure la storiografia ufficiale ha potuto insabbiare le prove del fatto che molti ufficiali dell’esercito borbonico furono condannati per alto tradimento alla corona. Il sud fu presto invaso e depredato di ogni ricchezza, l’oro dei Borbone scomparve per sempre. Stupri, esecuzioni di massa, crimini di guerra e violenze di ogni genere erano all’ ordine del giorno.
L’unica alternativa alla morte fu l’emigrazione. Il popolo cominciò a lasciare le campagne per trovare altrove una via di fuga. Ben presto il malcontento generale fomentò la ribellione dei sopravvissuti, si trattava di poveri contadini e gente di fatica che la propaganda savoiarda bollò con il dispregiativo di “briganti”, così da giustificarne la brutale soppressione.
A 150 anni di distanza si parla ancora di questione meridionale. Anche i più distratti scoveranno diverse analogie con quella che oggi viene invece definita questione palestinese. Stesse tecniche di disinformazione, stesse mire espansionistiche e soprattutto stesse famiglie di banchieri. Solo che un tempo gli oppressi erano chiamati briganti…oggi invece sono i cattivi terroristi.
By Enrico Novissimo
Tratto da: http://edizionisicollanaexoterica.blogspot.it/2012/02/la-truffa-dellunita-ditalia-dal-ladro.html

SBARCO di MARSALA:
fu di proposito “visto” in ritardo dalla marina duosiciliana, i cui capi erano già passati ai piemontesi, e fu protetto dalla flotta inglese, che con le sue evoluzioni impedí ogni eventuale offesa. Tra i famosi “mille”, che lo stesso Garibaldi il giorno 5 dicembre 1861 a Torino li definí “Tutti generalmente di origine pessima e per lo piú ladra ; e tranne poche eccezioni con radici genealogiche nel letamaio della violenza e del delitto”, sbarcarono in Sicilia, francesi, svizzeri, inglesi, indiani, polacchi, russi e soprattutto ungheresi, tanto che fu costituita una legione ungherese utilizzata per le repressioni piú feroci.
Al seguito di questa vera e propria feccia umana, sbarcarono altri 22.000 soldati piemontesi appositamente dichiarati “congedati o disertori”.
CALATAFIMI:
contrariamente a quanto viene detto nei libri di storia, il Garibaldi fu messo in fuga il giorno 15 maggio dal maggiore Sforza, comandante dell’8° cacciatori, con sole quattro compagnie. Mentre inseguiva le orde del Garibaldi, lo Sforza ricevette dal generale Landi l’ordine incomprensibile di ritirarsi. Il comportamento del Landi risultò comprensibilissimo quando si scoprí che aveva ricevuto dagli emissari garibaldini una fede di credito di quattordicimila ducati come prezzo del suo tradimento. Landi qualche mese piú tardi morí di un colpo apoplettico quando si accorse che la fede di credito era falsa: aveva infatti un valore di soli 14 ducati.
PALERMO:
il Garibaldi, il 27 maggio, si rifugiò in Palermo praticamente indisturbato dai 16.000 soldati duosiciliani che il generale Lanza aveva dato ordine di tenere chiusi nelle fortezze. Il filibustiere cosí poté saccheggiare al Banco delle Due Sicilie cinque milioni di ducati ed installarsi nel palazzo Pretorio, designandolo a suo quartier generale. In Palermo i garibaldini si abbandonarono a violenze e saccheggi di ogni genere. A tarda sera del 28 arrivarono, però, le fedeli truppe duosiciliane comandate dal generale svizzero Von Meckel. Queste truppe, che erano quelle trattenute dal generale Landi, dopo essersi organizzate, all’alba del 30 attaccarono i garibaldini, sfondando con i cannoni Porta di Termini ed eliminando via via tutte le barricate che incontravano. L’irruenza del comandante svizzero fu tale che arrivò rapidamente alla piazza della Fieravecchia. Nel mentre si accingeva ad assaltare anche il quartiere S. Anna, vicino al palazzo di Garibaldi, che praticamente non aveva piú vie di scampo, arrivarono i capitani di Stato Maggiore Michele Bellucci e Domenico Nicoletti con l’ordine del Lanza di sospendere i combattimenti perché … era stato fatto un armistizio, che in realtà non era mai stato chiesto.
L’8 giugno tutte le truppe duosiciliane, composte da oltre 24.000 uomini, lasciarono Palermo per imbarcarsi, tra lo stupore e la paura della popolazione che non riusciva a capire come un esercito cosí numeroso si fosse potuto arrendere senza quasi neanche avere combattuto.
La rabbia dei soldati la interpretò un caporale dell’8° di linea che, al passaggio del Lanza a cavallo, uscí dalle file e gli gridò “Eccellé, o’ vvi quante simme. E ce n’aimma’í accussí ?”. Ed il Lanza gli rispose : “Va via, ubriaco”. Lanza, appena giunse a Napoli, fu confinato ad Ischia per essere processato. I garibaldini nella loro avanzata in Sicilia compirono efferati delitti. Esemplare e notissimo è quello di Bronte, dove “l’eroe” Nino Bixio fece fucilare quasi un centinaio di contadini che, proprio in nome del Garibaldi, avevano osato occupare alcune terre di proprietà inglese.
MILAZZO:
Il giorno 20 luglio vi fu una cruenta battaglia a Milazzo, dove 2000 dei nostri valorosissimi soldati, condotti dal colonnello Bosco, sgominarono circa 10.000 garibaldini. Lo stesso Garibaldi accerchiato dagli ussari duosiciliani rischiò di morire. La battaglia terminò per il mancato invio dei rinforzi da parte del generale Clary e i nostri furono costretti a ritirarsi nel forte per il numero preponderante degli assalitori. Nello scontro i soldati duosiciliani, ebbero solo 120 caduti, mentre i garibaldini ne ebbero 780.
Eroici, e da ricordare, furono i valorosi comportamenti del Tenente di artiglieria Gabriele, del Tenente dei cacciatori a cavallo Faraone e del Capitano Giuliano, che morí durante un assalto.
Episodi di tradimento si ebbero anche in Calabria, dove nel paese di Filetto lo sdegno dei soldati arrivò tanto al colmo che fucilarono il generale Briganti, che il giorno prima, senza nemmeno combattere, aveva dato ordine alle sue truppe di ritirarsi.
NAPOLI:
Il giorno 9 settembre arrivarono a Napoli i garibaldini. Mai si vide uno spettacolo piú disgustoso. Quell’accozzaglia era formata da gente bieca, sudicia, famelica, disordinata, di razze diverse, ignorante e senza religione. Occuparono all’inizio Pizzofalcone, poi nei giorni seguenti si sparsero per la città, tutto depredando, saccheggiando ogni casa. Furono violentate le donne e assassinato chi si opponeva. Furono lordati i monumenti, violati i monasteri, profanate le chiese.
Il giorno 11 il Garibaldi con un decreto abolí l’ordine dei Gesuiti e ne fece confiscare tutti i beni. Furono incarcerati tutti quei nobili, sacerdoti, civili e militari che non volevano aderire al Piemonte, mentre furono liberati tutti i delinquenti comuni. Il Palazzo Reale fu spogliato di tutto quanto conteneva. Gli arredi e gli oggetti piú preziosi furono inviati a Torino nella Reggia dei Savoia.
Il filibustiere con un decreto confiscò il capitale personale e tutti beni privati del Re dal Banco delle Due Sicilie, che fu rapinato di tutti i suoi depositi. Napoli in tutta la sua storia non ebbe mai a subire un cosí grande oltraggio, eppure nessun libro di storia “patria” ne ha mai minimamente accennato.
CAPUA, VOLTURNO, GARIGLIANO, GAETA:
eliminati i generali traditori i soldati duosiciliani dimostrarono il loro valore in numerosi episodi.
La vittoriosa battaglia sul Volturno non fu sfruttata solo per l’inesperienza dei nostri comandanti militari. In seguito, la vile aggressione piemontese alle spalle costrinse il nostro esercito alla ritirata nella fortezza di Gaeta, dove il giovane Re Francesco II e la Regina Maria Sofia, di soli 19 anni, diventata poi famosa con l’appellativo di “eroina di Gaeta”, si coprirono di gloria in una resistenza durata circa 6 mesi. Gaeta non poté mai essere espugnata dai piemontesi, ma solo bombardata.
Con la resa di Gaeta (13.2.61), di Messina (14 marzo) e di Civitella del Tronto (20 marzo), il Regno delle Due Sicilie cessò di esistere. I Piemontesi non rispettarono i patti di capitolazione e i soldati duosiciliani in parte furono fucilati, altri vennero deportati in campi di concentramento in Piemonte. Di questi soldati, morti per la loro Patria, oggi non c’è nemmeno una segno che li ricordi e non meritavano l’oblio cui li ha condannati la leggenda risorgimentale.
PLEBISCITO:
Il giorno 21 ottobre 1860 vi fu a Napoli e in tutte le provincie del Regno la farsa del Plebiscito. A Napoli, davanti al porticato della Chiesa di S. Francesco di Paola, proprio di fronte al Palazzo Reale, erano state poste, su di un palco alla vista di tutti, due urne: una per il SI ed una per il NO. Si votava davanti ad una schiera minacciosa di garibaldini, guardie nazionali e soldati piemontesi. Il giorno prima erano stati affissi sui muri dei cartelli sui quali era dichiarato “Nemico della Patria” chi si astenesse o votasse per il NO. Votarono per primi i camorristi, poi i garibaldini, che erano per la maggior parte stranieri, e i soldati piemontesi. Qualcuno dei civili che aveva tentato di votare per il NO fu bastonato, qualche altro, come a Montecalvario, fu assassinato.
Poiché non venivano registrati quelli che votavano per il SI, la maggior parte andò a votare in tutti e dodici comizi elettorali costituiti in Napoli. Allo stesso modo si procedette in tutto il Regno, dove si votò solo nei centri presidiati dai militari con ogni genere di violenze ed assassini.
Tratto dagli scritti di: Antonio Pagano, grande meridionalista – Regno delle Due Sicilie dal 1861 fratelli di nessuno
IPPOLITO NIEVO: Autore de Le confessioni, uno dei più bei romanzi italiani dell’Ottocento, partecipò alla Spedizione di Garibaldi del 1859.
Nel corso della navigazione verso le coste siciliane gli fu affidato l’incarico di Vice Intendente, il che comportava la responsabilità dell’amministrazione del corpo di spedizione e, in seguito, dell’Esercito Meridionale. Un incarico pieno di responsabilità questo, suscettibile di critiche che divennero malevole e spesso calunniose nella lotta fra le fazioni che vedevano contrapporsi Cavour e Garibaldi.
Fu proprio per difendersi da queste calunnie, che avevano trovato nella stampa dell’epoca una tribuna ascoltata e temuta, che Nievo fu costretto a redigere un Rendiconto nel quale dimostrava, con meticolosa precisione, l’operato suo e di tutta l’Intendenza.
Fare ricorso a quella stesura fu una mossa corretta, tuttavia nel fascicolo erano contenute notizie riservate, della specie che non sarebbe stato opportuno rivelare.
Nievo partì da Palermo con il vapore Ercole la sera del 4 marzo 1861: a bordo c’erano ottanta persone tra equipaggio e passeggeri e, custodito in una voluminosa cassa, il Rendiconto con tutti i documenti giustificativi che lui aveva predisposto. Il console amburghese Hennequin, che a Palermo curava gli interessi del Governo di Londra, aveva cercato di dissuaderlo dall’imbarcarsi su quella nave, ma il Vice Intendente non era uomo dall’abbandonare né il suo equipaggio né il prezioso carico, e non comprese il criptico messaggio del’annunciato disastro.
Non sapeva che quel rendiconto non doveva vedere la luce, perché avrebbe rivelato l’ingerenza pesante del Governo di Londra nella caduta del Regno delle Due Sicilie.
L’Intendenza aveva dovuto gestire un ingente finanziamento in piastre d’oro turche, che aveva favorito l’arrendevolezza di gran parte degli ufficiali e delle alte cariche civili borboniche: un’ immobilità che aveva paralizzato l’Esercito e soprattutto la Marina borbonica. La reazione fu tardiva, lacunosa e minata dalla sfiducia aggravata dal tradimento di molti, senza il quale il più grande e agguerrito Stato della penisola italiana, con la terza flotta europea di quel tempo, sarebbe difficilmente caduto. La mattina successiva la nave si inabissò, quand’era già prossima al golfo di Napoli.
Si dice che Garibaldi in sud America sia stato condannato per abigeato e che aveva subito l’amputazione dell’orecchio: Bruno Lima, Due Sicilie 1860: l’invasione : lineamenti di diritto internazionale : principi canonistici sullo stato di necessità contro la violenza ingiusta, Verona, Fede & cultura, 2008, ISBN 9788889913703, p. 44 (consultato qui via google books) si legge: “Ladro di cavalli, dopo che in America latina gli venne reciso per questa ragione il lobo dell’orecchio sinistro, portò per tutta la vita i capelli lunghi per nascondere tale vergogna.(n. 29)” (e nella nota 29 si legge: “29. Cfr. De Biase E., L’Inghilterra contro il Regno delle Due Sicilie, op. cit., 70 ss.; Oneto G., L’Iperitaliano. Eroe o cialtrone?, op. cit., 31.”) con allusione a: Erminio De Biase, L’ Inghilterra contro il Regno delle Due Sicilie: vivi e lascia morire, Napoli: Controcorrente, [2002] (privo di ISBN) (In questo libro, per la verità l’accusa è solo adombrata in modo vago: dico e non dico. Infatti si legge (p. 70): “Non è ufficialmente provata la mancanza dell’orecchio sinistro (mutilazione che risalirebbe ai tempi della sua permanenza in Sud America e che si praticava ai ladri di cavalli ed agli stupratori), ma se si osserva con attenzione il ritratto più famoso di lui, quello della collezione Alinari [sic: di ritratti nella collezione Alinari ce ne sono un sacco], ciò appare possibile.
Si nota subito, infatti, come i capelli scendano piatti sul lato sinistro, mentre nella parte destra rigonfiandosi essi seguono il naturale rilievo dell’orecchio…” (il testo che ho trovato comincia qui e continua qui) ed a: Gilberto Oneto, L’ Iperitaliano : Eroe o cialtrone? : biografia senza censure di Giuseppe Garibaldi, Rimini: Il Cerchio, [2006] ISBN 88-8474-116-5.
Tra le carte di don Domenico Bianchini ho trovato una lettera in cui parla che con la legge Pica fu abolita la transumanza e con quella scusa intere famiglie di pastori dell’amatriciano e dell’Alta Valle Aterno (Mascioni, Montereale) furono prese, accusate ingiustamente, spogliate di tutto e processate da tribunale militare accusate di brigantaggio e fucilate. Bambini di 4 anni che briganti potevano essere ?
La verità storica va ristabilita.
Va restituito l’onore al popolo duosiciliano e a tutte le vittime delle efferatezze di questa banda di criminali.
Alle generazioni future deve essere data la possibilità di conoscere la verità sul risorgimento italiano e non essere costretti a studiare falsità storiche. Garibaldi, nei suoi 12 anni di permanenza in Sud America, vive di espedienti, mai svolgendo un lavoro onesto. Frequenta ambienti esoterici e giunto in Italia si avvicina alla Massoneria.
La stessa Massoneria che frequentò, appena ventenne, quando era al soldo degli Inglesi come spione.

Poi, sempre al soldo di Sua Maestà Britannica, divenne un apprezzato comandante della filibusta, ovvero un pirata. Dopo l’apprendistato inglese il buon Giuseppe è pronto al salto di qualità e chiede – ed ottiene – di mettersi in proprio. E da furbo lo fa in Uruguay, dove ripara per sfuggire alla galera di Genova, dove era destinato per una condanna. L’Uruguay è terra non pericolosa, coi grandi fiumi che portano i suoi legni in Argentina e Brasile. Dove arriva saccheggia, impone la sua legge e, se necessario uccide.
Stanno con lui i satrapucci di quartiere, ma anche gli evasi di galera e quelli che la galera la devono fare, ma erano latitanti. In tutto questo bailamme si becca anche una condanna per abigeato, ovvero furto di bestiame. La condanna prevede che venga mozzato un orecchio al condannato. Cosa che il nostro “eroe” subisce. Ma, per non far vedere l’incidente di percorso, don Peppino si fa crescere i capelli e indossa sempre il cappello atto a nascondere l’infamia. In una delle tante scorribande incontra Anna Maria Ribeiro da Silva, sposata con Manuel Duarte de Aguilar, bella e non indifferente al fascino de “L’italiano”. Ma Anita (così viene chiamata, ovvero “piccola Anna”) è sposata e…stranamente: il marito muore ma non si saprà mai come ! Anzi: si sa ma non si dice ! Anita è ora libera di seguire il suo amore italiano.
Nonostante la sua attività poco consona, Garibaldi “non fa soldi” come dicono gli americani. Si arricchiscono i suoi uomini ma lui, è più interessato alla cura del suo mito che a quella di incassare e metter da parte.
E questo suo poco interesse per il denaro diventerà la sua fortuna quando, in certi ambienti uruguayani, si comincerà ad indagare su di lui. Smette di fare saccheggi e robe del genere e si mette a lavorare in una fabbrica di candele: si rifà così una verginità !
Rientra in Italia e subito organizza un gruppo di persone per liberare Roma! Ha carisma e tutti pendono dalle sue labbra. Ma l’esercito francese non è come quello argentino o uruguayano! È ben armato, civile, ha generali che sanno il fatto loro e, soprattutto, ha il rispetto dei ruoli: ufficiali, sottufficiali e soldati.
Dall’altra parte c’è Garibaldi, che si fa chiamare Generale e poi i soldati !
La batosta è cocente e drammatica e il “generale” è costretto alla fuga col suo manipolo di soldati e la sua amata (tradita però decine di volte).  Ed a Comacchio la bella sudamericana muore. Anche qui l’ombra del dubbio aleggia: è stato lui o non è stato lui ?
In un altro post tratterò della signora Ribeiro. La batosta è salutare perché gli fa capire che l’Italia non è l’America Latina! Ma soprattutto, fa capire a Cavour che “quello” è la persona giusta per attuare il suo piano di unificazione d’Italia. Cavour sa che con la sola forza dell’esercito piemontese, forte e ben armato, con ufficiali di primissimo ordine, non ce la farà mai ad avere ragione – in tempi brevi – dei Borboni.
E questo per un motivo molto semplice: la mafia (operosa ed attiva) avrebbe intralciato tale operazione.
E non tanto per amor di Patria (ovvero salvate il Regno delle Due Sicilie), quanto perché voleva il suo guadagno. E la stessa cosa succedeva coi banditi calabresi, quelli pugliesi e campani.
Cavour capì che foraggiando il brigantaggio, fortissimo in quelle zone, poteva ottenere la caduta dei Borboni in poco tempo.
E il tornaconto della Mafia ? Duplice: incassava un bel po’ si soldi e – soprattutto – si liberava della polizia borbonica che, più di ogni altra, conosceva tutto dei banditi, essendo polizia del posto.
Con l’avvento dei Piemontesi si sarebbero azzerate le cariche, ci sarebbero stati nuovi comandanti e la mafia avrebbe prosperato grazie all’inesperienza di questi.
Non dimentichiamo che la mafia odierna ha avuto i guai più grossi quando ad occuparsene sono stati Siciliani come Falcone e Borsellino: nulla è cambiato. Ma per fare questo, ovvero comperare la mafia e averla ai suoi servizi, non poteva poi essere l’esercito – diciamo così ufficiale – ad operare.
Ecco perché Cavour vide in Garibaldi l’uomo della provvidenza. Il Generale fu contattato e nel contempo emissari dei servici segreti (c’erano anche allora) cominciarono a trattare con la mafia e gli avi di n’drangheta, Sacra Corona Unita e Camorra !
Le trattative si protrassero per 3 anni e parte attiva fu recitata dall’Inghilterra: vedremo il perché.!
Quando tutto fu pronto i Mille partirono per la Sicilia dove trovarono i “picciotti” che si arruolarono e , facendo il doppio gioco, mandarono l’esercito dei Borboni al massacro.
L’impresa riuscì e a supervisionare tutto c’era una vecchia conoscenza del Generale: la marina inglese !
La quale voleva assolutamente che le cose andassero bene ed era pronta ad intervenire se si mettevamo male !
Gli Inglesi, che non fanno nulla per nulla, vedevano bene l’operazione costruita da Cavour perché così si indeboliva la Spagna, che contrastava Sua Maestà nelle rotte commerciali col Nuovo mondo ! Ma soprattutto temeva che la Spagna potesse invadere anche le rotte del “Nuovissimo Mondo” che Cook aveva scoperto nel 1600.
In tutto questo chi ci ha rimesso sono stati, come sempre succede, i poveracci che subirono l’annessione al Piemonte e che – soprattutto, impoverirono ancora di più perché i nuovi dirigenti guardavano più ai ricchi che a loro. Succedeva così che tutte le terre strappate al demanio o alla Chiesa ed anche i piccoli appezzamenti di piccoli proprietari, furono venduti all’asta andando ad arricchire la mafia o i nuovi latifondisti conniventi con la mafia stessa ! Ma andavano soddisfatti anche gli Inglesi che erano pronti ad agire se le cose si mettevano male.
Orbene. per gli inglesi furono riservate terre nei comuni di Bronte (dove peraltro la famiglia dell’Ammiraglio Nelson aveva già una tenuta), Niscemi e Racalbuto. Qui le terre furono tolte ai piccoli proprietari e “date” ad alcuni Lord Inglesi, con il beneplacito della Mafia. I piccoli proprietari si ribellarono, ma ecco mettersi in luce il vice del Generale: il “patriota” Nino Bixio ! Patriota un cazzo !
Era un pazzo scatenato, psicologicamente instabile, sanguinario e fece uccidere, e lui stesso uccise, decine e decine di poveracci ! Oggi sarebbe stato giudicato un criminale di guerra e giudicato dal tribunale dell’Aja. Ma si sa la storia la fanno i vincitori e Bixio è un eroe! Pensate un po’ che se vinceva Hitler, anche lui e Himmler e Gobbels e tutti i gerarchi sarebbero stati eroi ! E. Patton, Eisenhower, De Gaulle e compagnia, dei criminali di guerra.
A Napoli contavano di fermare Garibaldi sullo stretto di Messina durante il passaggio in Calabria. L’esercito Borbonico era forte di 17.000 unità, quello del Generale di 1.500 unità. Sapete come andò. Andò che i filibustieri di mafia e soci chiesero ancora denaro a Torino e pagarono i comandanti dell’esercito napoletano, mentre ai soldato fu “consigliato” di lasciar perdere.
Morale:
il Generale occupa la Calabria senza colpo ferire ! Eh si perché la “Ferita d’Aspromonte” non si riferisce alla spedizione del Mille, ma al tentativo – maldestro – di organizzare un esercito per occupare Roma (il suo pallino).
I fatti: nel 1862 il Generale torna in Sicilia per un viaggio di piacere e qui incontra delle persone – piene solo di ideali – che vogliono liberare Roma. Garibaldi si mette al comando di questa banda – simili agli straccioni di Valmy – e da Catania salpa alla volta di Mileto , in Calabria, deciso a risalire fino a Roma: sono il Garibaldi, non mi ferma nessuno !! Illuso: il Regio Esercito Piemontese lo aspetta in Aspromonte. È il 29 agosto e gli fanno la bua ad un piede ! Alt, finita la marcia su Roma !
Io credo che qualcuno doveva dire a Peppino che qualche anno prima le cose andarono bene perché Camillo Benso, Conte di Cavour, il Regno delle due Sicilie se l’era comprato !
La presa di Napoli avvenne allo stesso modo: sotto l’occhio vigile dell’Inghilterra e con l’appoggio della Camorra ! Gli ufficiali che si arrendevano venivano “promossi” e per quelli che non lo facevano c’era un certo Bixio ! Chi si ribellava veniva fatto prigioniero e furono costruiti veri e propri lager nel bresciano dove furono deportati 32.000 tra soldati fedeli ai Borboni e cittadini che volevano difendersi dall’invasore.
Dei 32.000 deportati si sono perse le tracce !
Ma è facile immaginare che fine abbiano fatto ! Preso il potere, Garibaldi instaurò, a Napoli, un governo di transizione che resta una esperienza tragica e drammatica. Coi soldi dello Stato Borbonico, anziché far sviluppare le aziende, vengono pagati alti esponenti della camorra e vengono privilegiati “gli anici degli amici”. Non solo: vengono aboliti i dazi portando le aziende in rovina e continuano a sparire soldi come fossero bruscolini. Si calcola che durante il governo provvisorio di Garibaldi, siano stati bruciati qualcosa come 2.000 miliardi di euro al cambio di oggi ! Ci fu un tentativo di mandare in Francia un vascello con tutta la documentazione delle malefatte, ma l’occhio vigile di Sua Maestà vigilava !
Quel vascello affondò appena lasciato il porto di Napoli. Ma sappiamo dove sono finiti i soldi che sparivano: andavano a Torino ! Dal Banco di Napoli al San Paolo ! Cavour “rientrava” delle spese !
Morale:
I Borboni sono stati abbattuti pagando loro gli abbattitori !
Una operazione economico-politico-finanziaria degna dei migliori guru della finanza di oggi ! Ma non scopriamo oggi Cavour: era davvero un grande !
L’unico vero statista che abbiamo avuto ! Che il Piemonte ha avuto. Faccio notare come la storia si ripeta, in termini finanziari: oggi il Banco di Napoli non esiste più !
E’ stato acquisito dall’Istituto San Paolo di Torino ! Ma sappiamo che l’acquisizione cominciò con la spedizione dei Mille
L’esperienza del Governo di Napoli poteva rappresentare una svolta per la nazione Italia appena nata. E lo aveva capito Cattaneo che, sceso a Napoli, consigliò al Generale di imporre uno Stato federale. C’erano tutte le premesse e – soprattutto – lo vedeva bene anche Cavour che, da snob quale era (preferiva parlare il francese anziché l’italiano), male si rapportava coi meridionali ed il federalismo avrebbe mitigato quella corsa al nord che poi invece si verificò. Ma Garibaldi, consigliato da Mazzini, declinò il consiglio di Cattaneo. E fu persa un’occasione !
Dopo i fatti di Aspromonte, il Generale riceve un’offerta che non si poteva rifiutare:
Lincoln gli offrì il comando dell’esercito del Nord conto gli secessionisti del Sud ! È l’ambasciatore di Washington a Torino che consiglia al Presidente il Garibaldi. Il quale accetta ad una condizione: che Abramo Lincoln dichiarasse ufficialmente che la guerra serviva per liberare gli schiavi del Sud !
Cosa che Lincoln non poteva dire perché non era quello il motivo della guerra; e soprattutto perché non poteva distruggere la forza economica dell’agricoltura che rappresentava una forte voce attiva nel bilancio della Nazione. Ma Lee continuava ad infliggere solenni batoste agli Unionisti e , nel 1963, Lincoln torna alla carica, accettando di dichiarare pubblicamente che quella era una guerra di “liberazione degli schiavi”!
Ma, inspiegabilmente, Garibaldi rifiutò !
Probabilmente non si aspettava che Lincoln accettasse la sua proposta e nell’attimo che l’accetta si sente fregato: non aveva mai avuta nessuna intenzione di recarsi in Nord America !
Dopo l’impresa dei Mille e l’offerta americana e nonostante il massimo grado raggiunto all’interno della Massoneria, Garibaldi non riuscì a capitalizzare la sua fama e – anzi – posizionandosi sempre più a sinistra, si isolò. La sua partecipazione – poi – all’Internazionale Socialista, con Marx e Bakunin, segna il suo tramonto in Patria. È però furbo quando Marx gli offre il Comando dell’Esercito della Comune a Parigi, memore delle botte rimediate dai Francesi a Roma, ringraziando, rifiuta.
Per concludere: era un uomo spregiudicato, vanesio, sempre al servizio del più forte cui sapeva rispondere “ubbidisco”, ed era forte coi deboli, cui imponeva le sue decisioni che poi Bixio faceva rispettare. Era un personaggio squallido che la vita ha premiato oltremisura.
Un personaggio che ha costruito la sua fortuna – oggi si direbbe mediatica – approfittando delle difficoltà dei poveracci e alimentando una aureola di consensi. E non è stato neanche un grande generale: ha vinto solo battaglie truccate ! Quelle giocate alla pari le ha perse tutte ! Aveva però un grande sponsor: la Corona Inglese!
E per quei tempi era il massimo. Evidentemente i servigi resi quando spiava per conto di Londra devono essere stati notevoli. Si spiega così anche il forte contributo inglese all’unità d’Italia !
D’altra parte gli Inglesi sono abituati a disegnare e cancellare confini e Stati ! Basta dare un’occhiata agli stati del Medio Oriente (Giordania e compagnia bella) per rendersene conto.
Ma, soprattutto sono le parole di Churchill: “quando abbiamo ridisegnato il Medio Oriente lo abbiamo fatto con sigari e wisky ! Ma forse era più wisky !”.
Tornando a Garibaldi, si può davvero dire che la sua è stata la vittoria di un lestofante! Chiudo con le parole di alcuni studiosi. Comincio con quelle dello storico Gennaro De Crescenzo che si chiede: “chi fu, dunque Garibaldi ? L’eroe che dedicò la vita a combattere per ideali di libertà e di giustizia ? Oppure lo strumento inconsapevole di una trama di potere ordita da massoni e liberali per impossessarsi dell’intera penisola ?
O ancora, il rivoluzionario che collaborò attivamente alla conquista del Regno delle Due Sicilie, condividendo pienamente gli scopi e i mezzi delle forze unitariste ?”
E continua ancora De Crescenzo: “Garibaldi va riletto o meglio processato per la falsità del suo eroismo, per l’immoralità del suo comportamento (invase senza dichiarazione di guerra un regno pacifico), per i danni morali e materiali subiti dal Sud (con lui finì il tempo dei primati borbonici e iniziò una questione meridionale prima sconosciuta e tuttora irrisolta).” Anche Del Boca riferisce cose interessanti, ovvero che la “Spedizione dei Mille” altro non fu che una scampagnata e che l’esercito Borbonico si sciolse come burro a suon di milioni e promozioni sul campo.
Scrive Del Boca: “Garibaldi non aveva più niente da fare. Poteva continuare a litigare con la grammatica poetica. Questi sono alcuni suoi versi: Salve, o terra del Vespro il tuo destino è d’esser grande ! Salve, o falange di gagliardi ! I Mille Guerrieri avventurosi invan l’invidia della canaglia vi dilagna. (sic.).
E questo mentre veleggiava per Marsala dove sarebbe cominciata, appunto, quella scampagnata che con solo mille persone avrebbe, alla fine, portato alla conquista di un regno forte e ben armato. “. E in Wikisource ci si chiede di: “rispondere alla angosciosa domanda di come mai abbiano potuto 1.000 armati irregolari, ancorché veterani e raggiunti da rinforzi, sgominare un esercito imponente che giocava, sostanzialmente in casa”. E nella disamina troviamo le solite storie di soldi, massoni e mafia !
Chiudo consigliando un libro dello storico inglese Gorge Trevelyan, “Garibaldi in Sicilia”, dove con dovizia di particolari parla della preparazione della spedizione.
Nel libro sono riportate cifre e documenti della trattativa con la mafia e le prime pagine dei giornali londinesi che annunciavano la cosa !
Ma soprattutto è raccontato tutto l’intreccio diplomatico tra Torino e Londra – con l’avallo tacito prussiano e francese – che portava si ad unire lo stivale ma – quello che più interessava a Londra e Parigi – ad un indebolimento di Madrid e Vienna ! E lo storico inglese, pur giudicando Garibaldi un guerrigliero, è affascinato dalla ingenuità dell’uomo che davvero crede di aver – da solo – unito l’Italia !
Secondo Trevelyan, Garibaldi è il primo “Che”, ovvero l’esportatore di una rivoluzione quasi empirica.
Ma con una fortuna rispetto a Guevara: nessuno lo fece assassinare tra coloro coi quali si rapportava (leggi Cavour, Vittorio Emanuele e Mazzini). Guevara – purtroppo per lui – aveva a che fare con Castro, che non esitò a sbarazzarsene vendendolo ai Carabineros !
Guevara era un pericolo per un Castro assetato di potere ! Ma forse i Piemontesi non giudicavano pericoloso Garibaldi ! Bastava farlo giocare alla guerra !
By Danilo Mar – Tratto da: larecherche.it
E per finire, leggere: REPUBLIC of ITALY /REPUBLIC ITALY of, di fatto è una colonia US, sottoposta ai Banchieri ed alla mafia italoamericana e non solo.

Qui altri particolari:

La REPUBBLICA ITALIANA / REPUBLIC OF ITALY / REPUBLIC ITALY of, (Alias della REPUBBLICA ITALIANA)  è iscritta al S.E.C. (Security Exchange Commission) di Washington DC US, da quasi un secolo dal 1934 con il NOME: REGNO D’ITALIA, poi reiscritta con il nuovo nome REPUBLIC of ITALY e successivamente riconfermato dopo la II guerra mondiale con il nuovo NOME: REPUBLIC ITALY of, con il numero di iscrizione:  n° 0000052782, (S.E.C,) che è l’elenco delle Companies – aziende – mondiali….come “governo estero”, quindi questa REPUBLIC ITALY of, deve avere un governo….che è ovviamente quello che si trova a ROMA…..spacciato per la REPUBBLICA ITALIANA, in realtà colonia degli USA, vedi qui:

Quelle clausole segrete che ci legano agli USA – By Rino Cammilleri

———————————————————————————————————————-

Dalle antiche Bolle papali passando per la nascita della mafia fino ad Aldo Moro – 15/01/2016
Dopo due anni di ricerche ed indagini abbiamo cercato, unendo i diversi tasselli di un vasto puzzle, di ricostruire ciò che i martiri della giustizia Giovanni Falcone e Paolo Borsellino avrebbero potuto scoprire con le loro indagini, utilizzando però reperti storici invece che giuridici.

La realtà in cui ci siamo imbattuti sembra la trama di un film, una trama inquietante che ebbe inizio parecchi secoli fa e che vede il coinvolgimento del Vaticano, delle Banche, dei grandi finanzieri, di politici, di menti raffinatissime che agiscono nell’ombra, appartenenti ad antiche discendenze.

A causa della complessità di ciò che è emerso, abbiamo ritenuto opportuno suddividere le informazioni riguardanti questo grande gioco in diversi articoli.

Nel lontano 1302, il Vaticano creò un trust, ovvero un negozio giuridico, che tolse definitivamente la libertà agli esseri umani: il 18 novembre di quell’anno venne pubblicata la Bolla Papale Unam Sanctam Ecclesiam, documento grazie al quale papa Bonifacio VIII poté cominciare ad avvalersi della Bibbia come fosse un testo di Diritto Marittimo e dell’Ammiragliato. Veniva infatti dichiarato che l’Unam Sanctam Ecclesiam e, quindi, la Prima e Unica Santa Chiesa era l’Arca di Noè poiché, mentre il mondo era sommerso dalle acque, l’Arca era l’unica cosa che si elevava al di sopra di esse. Nel diritto canonico qualsiasi affermazione se non viene contestata diventa valida e, dato che nessuno contestò tale Bolla Papale, essa fu ritenuta valida a tutti gli effetti, allora, come oggi.
Il Vaticano quindi nominò i diversi attori del sistema fiduciario: l’esecutore, l’amministratore e il beneficiario. Rispettivamente queste figure erano l’Ordine Minore dei Francescani unito con L’Ordine dei Gesuiti (esecutore), il Papa (amministratore) e tutti gli altri uomini del mondo (beneficiari).
Da quel giorno, quindi, tutti gli esseri umani, come è certificato nella Bibbia attraverso il Codice di Diritto Nautico, furono dichiarati dispersi in mare. Il Papa perciò si attribuì e si attribuisce tutt’ora l’autorità e la proprietà nei confronti di tutti gli esseri umani, sia spirituale che temporale, fino a quando i “dispersi” non reclameranno i propri diritti.
Non essendoci stato alcun reclamo, tutte le Nazioni si basano ancora su questo sistema giuridico che deriva, per proclama di Papa Bonificio VIII, dal diritto divino. Ecco quindi creatosi un collegamento concreto tra politica, economia, finanza e religione.

Dopo circa 150 anni, l’8 gennaio 1455, venne depositata una seconda Bolla, di natura testamentaria, ad opera di Papa Niccolò V. Con questa Bolla, denominata Romanus Pontifex, il Pontefice dispose come, al momento della propria morte, nonché di quella dei futuri Papi, si sarebbe dovuto procedere con il diritto d’uso di tutti i privilegi e di tutte le proprietà derivanti dalla precedente Bolla di Bonifacio VIII.
Da tale Testamento si evince che l’esecutore è la Curia Romana, l’amministratore è il Collegio dei Cardinali e il Beneficiario è il Re sulla terra di proprietà del Papa. Pertanto, riassumendo, Dio ha dato tutto il mondo al Papa che ne concede alcune parti ai Re. Da quel giorno, quindi, i Re ebbero un mandato divino.

Neanche 30 anni dopo, il 21 giugno 1481, venne emanata la terza Bolla da Papa Sisto IV chiamata Aeternis Regis Clementia nella quale veniva modificato il “bene” concesso ai Re. Con questo trust, infatti, il Re non è più beneficiario della terra, ma degli esseri umani che la abitano, perché da quel momento gli individui vengono considerati incompetenti ed incapaci e quindi soggetti ad amministrazione coatta.

Secondo quest’ultima Bolla, quindi, gli esseri umani hanno bisogno di essere amministrati da un ente esterno che ai giorni nostri è identificato nello Stato.

Tornando alla prima Bolla papale, quella di Bonifacio VIII, cerchiamo di capire chi era questa figura: il suo vero nome era Benedetto Caetani e apparteneva ad un’antica famiglia nobiliare che svolse un ruolo importante nella Repubblica Marinara di Pisa, nel Regno delle Due Sicilie oltre che a Roma e nello Stato Pontificio.
Già nel tardo XII secolo un membro di questa famiglia divenne Papa con il nome di Gelasio II, ma fu proprio Benedetto Caetani, insignito della carica di pontefice con il nome di Papa Bonifacio VIII, che verrà ricordato per il suo nepotismo. Oltre a questi due papi, la famiglia Caetani poté vantare tra i propri membri anche 9 cardinali, nominati tra il 1295 e il 1626, dimostrando così per molti secoli la propria influenza all’interno del Vaticano. La famiglia si divise in diversi rami. Uno di questi è il ramo Gaetani Patrizi di Pisa, conti di Terriccio, Pomaja e d’Oriseo.
Questo ramo si divise a sua volta nel ramo Gaetani d’Oriseo e Gaetani di Terriccio. Del primo ramo un celebre membro fu il conte Giuseppe Gaetani e Landolina che, nel 1812, come deputato al parlamento siciliano per volere di Lord Bentink, Governatore della Sicilia, partecipò alla stesura della Costituzione siciliana dello stesso anno. Veniva con essa abolita la feudalità e veniva adottato un sistema di common low sul modello inglese, che ebbe come risposta lo sviluppo della mafia, intesa come bande o squadre per il controllo territoriale.
Ecco quindi un collegamento diretto tra Vaticano, politica e mafia. E’ interessante notare che Lord Bentink era figlio di lady Margaret Cavendish-Harley, duchessa di Portland, la nonna di quarta generazione dell’attuale regina d’Inghilterra Elisabetta II (colei che ha il possesso degli esseri umani grazie alla terza Bolla papale). Anche i discendenti della corona inglese sono stati quindi partecipi, seppur indirettamente, della nascita della mafia. Nel periodo fascista i due cugini Giarrizzo Gaetani e Alfonso Gaetani furono rispettivamente podestà di Caltanissetta e Narno.

Un altro ramo della famiglia è quello di Caetani, principi di Teano e duchi di Sermoneta di cui si ricorda per la rilevanza politica Onorato Caetani, che fu sindaco di Roma dal dicembre 1890 al dicembre 1892 e venne nominato senatore del Regno d’Italia nel 1911.
Nel 1896 fu Ministro degli Affari Esteri nel secondo Gabinetto di Antonio di Rudinì, quell’Antonio Starabba, marchese di Rudinì, che ricoprì l’incarico di Sindaco di Palermo nel 1893, ossia nell’anno in cui avvenne il primo assassinio eccellente da parte di Cosa Nostra a scapito di Emanuele Notarbartolo, il quale, durante il mandato di sindaco di Palermo dall’ottobre 1873 al settembre 1876, cercò di eliminare la corruzione alle dogane.
Il nome Caetani tornò stranamente alla ribalta nel 1978: il cadavere del Presidente della Democrazia Cristiana Aldo Moro, infatti, il 9 maggio di quell’anno, dopo 55 giorni di prigionia (il 16 marzo 1978, giorno del rapimento di Aldo Moro, era previsto, a Roma, il dibattito alla Camera dei Deputati e il voto di fiducia nei confronti del quarto Governo presieduto da Giulio Andreotti.
Un momento memorabile, poiché il Partito Comunista, per la prima volta nella storia della Repubblica Italiana, avrebbe concorso direttamente alla maggioranza parlamentare che avrebbe sostenuto il nuovo esecutivo.
A volere questa complessa manovra politica era stato principalmente proprio l’onorevole Aldo Moro), veniva trovato nel portabagagli di una Renault 4 rossa, proprio in via Caetani, a metà strada tra le sedi del PCI e della DC. L’omicidio di Moro, come pare sia accaduto per altri morti eccellenti (vedi i presidenti Lincoln e J. F. Kennedy), sarebbe avvenuto anche a causa della sovranità monetaria, nel caso specifico per le 500 lire poiché, già a quell’epoca, essa in Italia era limitata: il conio delle monete era concesso dai banchieri alla Zecca dello Stato, mentre quello delle banconote veniva acquistato dal FMI (Fondo Monetario Internazionale).
Ancora oggi gli euro in moneta vengono coniati dai singoli Paesi europei, mentre le banconote vengono prodotte dalla Banca Centrale Europea, peraltro senza alcun controllo da parte di un qualche ente preposto.

Negli anni Sessanta la Democrazia Cristiana, nella figura di Aldo Moro, appunto, decise di finanziare la spesa pubblica attraverso l’emissione di moneta di Stato senza debito, in tagli da 500 lire, ossia con un “biglietto di Stato a corso legale”. Con i DPR 20-06-1966 e 20-10-1967 del presidente Giuseppe Saragat venne regolamentata la prima emissione, la serie “Aretusa” (Legge 31-05-1966), mentre il presidente Giovanni Leone regolarizzò con il DPR 14-02-1974 la serie “Mercurio” (DM 2 aprile 1979), ossia le famose banconote da 500 lire conosciute come “Mercurio alato”.
Ciò poté avvenire perché, dopo aver autorizzato il conio delle 500 lire di metallo, Moro fece una deroga che permetteva contemporaneamente l’emissione della versione cartacea, che poteva in questo modo essere stampata ugualmente dalla Zecca dello Stato.
Il rapimento di Moro ed il suo assassinio, probabilmente orchestrato dai servizi segreti e attuato dalle Brigate Rosse, potrebbe essersi trattato della risposta da parte del sistema bancario. E molte sono le coincidenze che confermerebbero questa ipotesi: com’è ormai noto, la mattina del rapimento del Presidente della DC, il colonnello del Sismi Camillo Guglielmi si trovava in via Stresa, a soli duecento metri da via Fani, luogo in cui avvenne il sequestro; nel palazzo di via Gradoli n° 96 in cui viveva il brigatista Mario Moretti implicato nella vicenda Moro, al tempo del sequestro c’erano almeno 24 appartamenti intestati a società immobiliari fra i cui amministratori figuravano membri dei servizi segreti. Al secondo piano del medesimo stabile viveva un’informatrice della polizia, mentre al n° 98 della stessa via Gradoli abitava un compaesano di Moretti, agente segreto militare ed ex ufficiale dei carabinieri.

A conferma della tesi riguardante la sovranità monetaria, attualmente esistono solamente 9 Paesi la cui Banca Centrale non appartiene al FMI, che sono: Cina, Russia, Corea del Nord, Iran, Siria, Ungheria, Islanda, Venezuela e Cuba.
Per una strana casualità, si tratta di quegli stessi Paesi in perenne conflitto con gli Stati Uniti.

Il collegamento tra la famiglia Caetani e la politica italiana a tutt’oggi si perpetua: nel 1510, infatti, la famiglia Caetani vendette alla famiglia Chigi un palazzo da essa costruito nella seconda metà del XV secolo, edificio nel quale sono presenti numerosi stemmi della famiglia Caetani e che oggi è chiamato palazzo Chigi, dal 1961 sede del Governo Italiano e residenza del Presidente del Consiglio dei Ministri.

By Giangiacomo Savogin & Jessica Pezzetta Savogin
Tratto da: http://www.giorgiobongiovanni.it/lanticristo/6476-il-grande-gioco.html

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Ecco perche’ il Vaticano poteva sorgere solo, ed,  unicamente a Roma:
quale altro posto al Mondo sarebbe stato piu’ attinente di ogni altro posto e Paese al Mondo se non Roma per il Vaticano?

Il Vaticano sta a Roma, come Roma sta al Vaticano,e, solo un popolo come quello Romano potrebbe essere totalmente asservito, totalmente insensibile al fetore, cinismo e, morte che proviene da li, oltre Tevere…
Da “Il Facilitatore” di Sergio Rizzo /Feltrinelli 2015

Roma
Molte volte mi sono chiesto perché. E per quanto ci girassi intorno sono arrivato sempre alla stessa conclusione: la causa è Roma. Bisogna viverci, a Roma, per rendersene conto.

 Non c’è altra città al mondo nella quale sia stato esercitato il potere tanto a lungo, e senza soluzione di continuità. Un potere immenso. Il potere degli uomini che è diventato il potere di Dio. Credo derivi da questo particolare la caratteristica che fa dei romani il popolo più indifferente della Terra. Refrattario alle ruberie, alla cattiva gestione della cosa pubblica, alle clientele. Refrattario perfino alle sciagure, alla devastazione, alla morte. Gli scivola tutto addosso, da ventisette secoli.

 Hanno visto i galli di Brenno squarciare le gole dei senatori, i visigoti stuprare le matrone ed arrostire i bambini dei patrizi sullo spiedo, i vandali spargere feci nel Foro di Augusto, le strade inondate dal sangue raggrumato delle monache violentate dai lanzichenecchi.

E i saraceni disseminare Ostia di cadaveri.
Hanno visto i cartaginesi mozzare mani e piedi ai legionari sotto le loro finestre, imperatori sgozzati dai loro stessi soldati, cesari assassinati dai figli, papi e papesse macchiarsi dei crimini più orrendi.
Hanno visto Vercingetorige trascinato in catene per il trionfo di Cesare dal carcere Mamertino e poi brutalmente strangolato. Hanno visto Spartaco e seimila schiavi ribelli crocefissi e dati alle fiamme sulla via Appia, bruciare per una notte intera fino a Pompei, fra il crepitio e l’odore acre e ributtante delle carni incendiate.

 Hanno visto Mastro Titta esercitare la professione di boia per sette decenni di fila, tagliando la prima testa a diciassette anni e l’ultima, la numero 514 spiccata dal busto, a ottantacinque anni.
Hanno visto battaglie navali nelle piazze allagate con i figuranti annegare infilzati dalle picche ed i gladiatori annaspare nel loro stesso sangue. Hanno visto gli ebrei trascinati dai nazisti fuori dal ghetto per alimentare i camini dei lager e le bombe americane dilaniare a San Lorenzo i ventri delle madri incinte.
Hanno visto le inondazioni del Tevere furente e l’eroismo di repubblicani e garibaldini a Porta San Pancrazio davanti alle colubrine dei traditori francesi. Hanno visto le meraviglie di Buonarroti, Raffaello, Bernini e Borromini, e gli obelischi più grandi del pianeta spuntare nelle piazze tirati su a mano con le corde.
Hanno visto le speculazioni edilizie dei De Merode e dei nobili decaduti, l’avidità plebea dei palazzinari, il diluvio di cemento, il saccheggio delle periferie. Hanno visto interi quartieri spianati dalle ruspe, e le cupole più grandi della Terra sbocciare come giganteschi fiori di marmo. E altro ancora hanno visto, che sarebbe impossibile descrivere in tutti i libri del mondo.

 Hanno visto la corruzione dilagare, e impadronirsi delle mura, delle strade, delle case borghesi come dei tuguri, e delle sacrestie, e delle caserme, e dei tribunali.

La corruzione serpeggia fra i sampietrini scassati di piazza Venezia, scivola nelle buche indecenti dell’asfalto martoriato, avvolge le ruote malandate dei vecchi autobus traboccanti di carne umana, si tuffa nei cassonetti maleodoranti zeppi di rifiuti che nessuno vuota, sorvola le erbacce delle aiuole dove le cartacce contendono la supremazia territoriale alle bottiglie di plastica e alle lattine vuote, penetra nei sottopassaggi delle stazioni indifferente all’olezzo di piscio e merda, sale negli ambulatori delle Asl, nelle astanterie degli ospedali, negli uffici della polizia municipale, negli assessorati, fino alle aule del Consiglio comunale ed al tempio della politica.
Perché dove c’è il potere c’è la corruzione e più il potere dura a lungo, più la corruzione lo imbeve. La corruzione è come l’acqua, si infila dove c’è spazio.

A Roma è cominciata con i re, ancor prima di quelli etruschi, poi è continuata con la cosiddetta repubblica, (NdR: che nei fatti è un’azienda privata = REPUBLIC of ITALY /REPUBLIC ITALY of, in mano ai grandi Mafiosi internazionali = Banchieri).
Gli appalti pubblici erano comunemente usati come merce di scambio per i favori e i finanziamenti alla politica:

lo fece il grande Giulio Cesare con Marco Licinio Crasso. Si dice che l’Impero romano crollò perché la sua classe dirigente era corrotta. Ma l’Impero d’Occidente è durato quasi mezzo millennio, e Roma più di duemila anni prima che il Sultano prendesse Costantinopoli.

La corruzione c’era prima di Ottaviano Augusto e i turchi non erano meno corrotti dei bizantini.

Come la Roma papalina non era meno corrotta della Roma imperiale: è stata anzi la perfetta continuazione di quell’impero che sopravvive ancora oggi. Ha solo cambiato nome. Si chiama Chiesa cattolica e la radice del potere è in Vaticano.
La corruzione non è stata la causa della fine dell’Impero romano, ma ciò che l’ha tenuto in vita.

L’impero aveva eretto la corruzione a sistema politico e istituzionale. Erano arrivati al punto da costringere i decurioni, come si chiamavano i soggetti responsabili dei bilanci municipali che riscuotevano anche le tasse locali, a pagare tangenti al livello burocratico superiore, che a sua volta le pagava al piano ancora più alto, quello della politica. Siccome erano taglieggiati e dovevano coprire di tasca propria gli eventuali deficit di bilancio, il loro mestiere divenne presto impopolare.

Così impopolare che per frenare l’emorragia dei decurioni venne decretata l’ereditarietà della professione. Ma ancora non bastò e allora Diocleziano sancì che avrebbero fatto per obbligo i decurioni coloro che si fossero macchiati di qualche colpa grave.

 E sarebbe sopravvissuta tanto a lungo la chiesa, senza la corruzione ? Per secoli e secoli i papi hanno conquistato il soglio di Pietro anche corrompendo cardinali. Come fece Alessandro VI, il padre di Lucrezia e Cesare Borgia. Corrotti i cardinali, corrotti i monsignori, corrotti i preti.
By Giuseppe Parisi (medico)

Garibaldi fu ferito, fu ferito ad una gamba… e fu finanziato dai massoni inglesi per invadere il Regno delle due Sicilie, e permettere ai Savoia di appropriarsi e depauperare i beni dell’intero Regno; ma anche per impadronirsi dei collegamenti della Valigia delle Indie:
…. il commercio fra Londra e le Indie Bombay tramite l’ORIENT EXPRESS l’insieme di vari mezzi : ferry boat, treni a vapore, mongolfiere, carrozze a cavalli … che negli anni 1870 circa appunto mettevano in collegamento le due nazioni e che passavano anche da Brindisi.

Ormai era in progetto il canale di Suez e la potenza navale borbonica nel mediterraneo osteggiava le mire inglesi, vedi in:  http://belsalento.wix.com/belsalento#!garibaldi-savoia/c1lsd

Dietro i “Mille”….avanzava nell’ombra un corpo di spedizione di 22.000 militari, sostenuto dagli inglesi, e costituito da tagliagole ungheresi e… zuavi, già mercenari di Parigi nell’esportazione della civiltà nei villaggi dell’Algeria e sui monti della Kabilya; nonchè da soldati e carabinieri piemontesi, momentaneamente posti in ‘congedo’, e riarruolati come ‘volontari’ nella missione d’invasione. Gli “inglesi” dovevano distruggere la grande flotta mercantile delle Due Sicilie, in vista dell’apertura del Canale di Suez: l’unico potenziale concorrente -dalla Cina alle Americhe- venne pugnalato alle spalle.

11 maggio 1860 – Con la protezione delle navi inglesi Intrepid e H.M.S. Argus, Garibaldi sbarca a Marsala.
E dello stesso giorno è interessante anche la nota di Garibaldi sull’arruolamento: “Francesco Crispi arruola chiunque: ladri, assassini, e criminali di ogni sorta”

Per altri particolari su Garibaldi, i mille e gli inglesi, vedi QUI:
http://belsalento.altervista.org/da-garibaldi-ai-massoni-agli-inglesi-ai-savoia-viaggio-dal-1861-alla-mafia-di-oggi/

SINTESI odierna sulla REPUBBLICA ITALIANA,  Alias di REPUBLIC OF ITALY

La “REPUBBLICA ITALIANA / REPUBLIC of ITALY, vedi conferma della sua registrazione”, è registrata come governo dal 1933 (ma è stata proclamata solo 13 anni dopo !) presso il S.E.C. (Security Exchange Commission) di Washington D. C. US
I documenti di registrazione li trovi all’interno del relativo database, sotto l’acronimo EDGAR. Il numero di registrazione è 0000052782.
– vedi
La REPUBLIC of ITALY, REPUBLIC ITALY of REPUBBLICA ITALIANA è una coloniaUS_in_mano_Banchieri

Eccovi una sintesi riassuntiva, tratta da Chat di individui, che studiano questi temi:
Accedendo al sito della S.E.C. (Securities and Exchange Commission, una borsa valori degli U.S.A. ) ho visionato diversi documenti della Repubblica Italiana che sono in archivio.
Ho appurato che il bilancio e tutti i documenti finanziari importanti come le emissioni di titoli vengono inviati alla S.E.C., ed alla Skadden (studio legale di Londra) per l’ approvazione.
Questo è successo con tutti i governi dal 1933 e recentemente, sia con il primo che con il secondo governo Conte, nel 2019.
Ciò ci pone un quesito relativo alla vera identità del fascismo dipinto come autarchico e anti-plutocratico mentre in realtà da questa adesione deduciamo che era perfettamente funzionale all’ asservimento dell’ Italia al grande capitale internazionale (asservimento poi completato dalla pseudo-liberazione al seguito della quale l’ Italia è stata anche occupata militarmente con la N.A.T.O. ).
Infatti nel 1933, il ministro Ebreo delle finanze Guido Jung, su mandato di Mussolini, ha sottoscritto questo accordo con Roosevelt, che di fatto obbliga l’ Italia, da quella data ad un controllo globale su tutte le operazioni finanziarie.
Mussolini pertanto era funzionale a questo progetto e prendeva ordini da W. Churchill (ricordiamoci che come scritto da Bruno Vespa nel suo ultimo libro il biglietto del treno per arrivare a Roma, dopo la famosa “marcia“ gli era stato procurato dall’ appartenente al Popolo Eletto Margherita Levi Grassini Sarfatti ) e la sua uccisione a Piazzale Loreto (o poco prima) è seguita alla sua probabile minaccia di rendere pubblica la corrispondenza che intratteneva che Londra.
Ora, secondo il mio parere, andrebbero informati i cittadini italiani che dovrebbero pronunciarsi tramite referendum se dissociarsi o meno dalla S.E.C.
Se eventualmente qualcuno di Voi fosse interessato ad accedere ad altri documenti posso indicarVi il percorso sul sito S.E.C., ultimamente reso più difficoltoso.
Il SEC ha un Ente sottoposto che sia chiama CUISP.
Pare vi sia una estensione della S.E.C./SEC ed UCC (Uniform Commecial Code)  in UNIDROIT, sotto l’egida del Vaticano.
Tutte queste sigle sono esse stesse dei TRUST (aziende Fiduciarie) per conto di…..privati…Trustee (amministratori del TRUST) !

PATTI sottoscritti dagli stati registrati all’ONU
https://docs.google.com/file/d/0B9PEriRP9nMtX3Z2N0RrQ0xtMms/edit?pli=1
http://www.camera.it/cartellecomuni/leg14/RapportoAttivitaCommissioni/commissioni/allegati/03/03_all_legge1977881.pdf
L’Italia ha sottoscritto negli anni ’90, assieme ad altre nazioni, il riconoscimento completo di tutte le Common Law, di Diritto anglosassone – Lo stesso PDF della camera.it, ma interno al nostro portale

Recommended For You

About the Author: Administrator

dr. Jean Paul Vanoli, esperto per la Vera scienza, conoscenza, filosofo della vita eterna, esperto in Medicine Naturali, Scienza della Nutrizione, Bioelettronica e Naturopatia. - Consulente di: https://mednat.news - curriculum.htm -  info@mednat.news + https://pattoverascienza.com   - Curatore, Tutore, Notaio, Trustee del Trust°/Stato Persona, estero: VANOLI GIOVANNI PAOLO (VANOLI G.P.) - Human Rights Defender ONU/A/RES/53/144 1999 - Difensore dei Diritti dei batteri e virus/esosomi, cioè della Vita/Natura in genere
Cookie Consent with Real Cookie Banner