Bioelettronica, la medicina del Terreno – 3

Tutto è Energia Radiante, Vibrante e Risonante
La Malattia è una Specie di disarmonia, che insorge quando una parte del Tutto non vibra più all’unisono con le altre parti“.
(Edward Bach, medico, 1886-1936)

L’arte di restare sani consiste nel conservare lo stato di corretta vibrazione cellulare.  Guarire è ristabilire lo stato di equilibrio oscillatorio” – Georges Lakhovsky

La malattia quindi non è né una crudeltà in sé, né una punizione, ma solo ed esclusivamente un correttivo, uno strumento di cui la nostra anima si serve per indicarci i nostri errori, per trattenerci da sbagli più gravi, per impedirci di suscitare maggiori ombre e per ricondurci sulla via della verità e della luce, dalla quale non avremmo mai dovuto scostarci
–  Edward Bach, medico, 1886-1936

La malattia non nasce “per caso” o per sfortuna, ma essa nasce per il “Caos” autogenerato, inconsciamente o consciamente dall’Essere stesso che si pone in modo “anti-contro-opposto” rispetto alle Leggi che regolano gli Esseri Viventi, generando in se stesso un sistema biologico caotico, incoerente; quindi la malattia e’ la cristallizzazione, ovvero il corpo fisico caotico nel sistema Psicoecobiologico alterato rispetto alla Perfetta Salute”.
“Quindi ogni Organismo, risponde in maniera differenziata, agendo secondo precise leggi biologiche e biochimiche adeguandosi ogni istante, alle varie esigenze di stimolazione esterna dell’atmosfera nella quale vive; infatti tutte le variazioni iono atmosferiche, anche minime, modificano ad ogni istante le cariche bioelettroniche dei liquidi (il Terreno o Matrice) del corpo dei vari organismi viventi
By dr. Jean Paul Vanoli (naturopata olistico, admin di questo sito)

Aiutare a guarire il malato non significa fargli applicare delle tecniche terapeutiche, in quanto ciò non avrebbe senso se dietro non ci fosse la pazienza e l’affetto e quindi l’Amore verso il prossimo e verso l’Universo intero, anche di chi suggerisce le tecniche valide per la guarigione. La mera tecnica priva di questi attributi, ci trasforma in mere macchine, che per fortuna non siamo ancora”.
By dott. Nader Butto (medico)

Bioelettronica, ecco come ci curiamo con l’elettricità
– Ecco il nuovo approccio della ricerca medica – 04/06/2014

Per comprendere il funzionamento dell’apparecchiatura bioelettronica, che si utilizza nel Test Boelettronico, è necessario rifarsi ai precetti della Fisica Quantistica.
La materia in ogni sua forma, sia essa rappresentata da un batterio, un virus o un neurotrasmettitore, è caratterizzata da una propria frequenza vibrazionale caratteristica e in virtù di questo fatto, se adeguatamente stimolata dall’esterno, entra in risonanza.
Scopo del dispositivo è quello di andare a registrare i potenziali evocati emessi dal soggetto a seguito di una stimolazione esterna, di un CEM (Campo ElettroMagnetico) e di confrontarli con potenziali aventi andamenti standard (caratteristici di un individuo sano) in modo da poter così individuare eventuali frequenze “anomale” associabili a stati di mancato benessere.

I Test Bioelettronici che, oltre alla verifica dello stato di Benessere (vedi sotto), utilizzano anche impulsi elettronici capaci di controllare l’attività degli organi attraverso gli impulsi elettrici che viaggiano sui nervi, raggiungendo tutte le parti del corpo ed ogni livello di esso.
Infiammazioni, dolori, ipertensione, sclerosi, distrofia, leucemia, polio, pertosse, tubercolosi, morbillo, rosolia, influenza,  diabete, cancro, ecc., quando veniamo colpiti da uno di questi disturbi la medicina ufficiale mette a disposizione dei farmaci (di sintesi, cioè NON naturali) che però hanno sempre piùo meno gravi controindicazioni, per non parlare dei Vaccini, che sono sostanze altamente tossiche; i farmaci però bloccano, sedano, rallentano  i vari sintomi di esse. Questo per via dell’azione di sostanze chimiche, che infilandosi tra gli ingranaggi delle cellule coinvolte intervengono sul loro funzionamento cercando di ripristinare, il più delle volte senza riuscirvi, i tessuti e cellule danneggiati, ed anche per il fatto che gli atomi delle molecole che compongono quelle sostanze hanno una chiralità OPPOSTA a quelli delle sostanze naturali.
E se invece di questo approccio farmacologico, si agisse sui vari sintomi (chiamati impropriamente “malattie”) stimolando od intaccando esclusivamente l’attività del sistema nervoso, lavorando cioè direttamente sull’attività elettrica dei nervi che percorrono il nostro corpo, agendo direttamente sui neurotrasmettitori e/o quindi sul terreno/matrice !
È questo il fronte su cui lavora la bioelettronica, visto che è possibile aggirare i sintomi che colpiscono i nostri organi,  attraverso disintossicazione e stimoli elettrici capaci di interferire con l’attività dei nervi e del loro neurotrasmettitori, che li regolano e comunicano informazioni ed impulsi elettrici, e che per qualche motivo sono stati compromessi, ripristinando il loro corretto funzionamento, con opportuni stimoli a base di frequenze elettroniche, queste apparecchiature lavorano esclusivamente sul corpo BioElettronico degli esseri Viventi e non sul corpo fisico, che è quello che lascia il corpo fisico al traPasso ed uscendo da esso entra nella dimensione che si è autopreparata continuando la sua esperienza Spirituale.
Questo è l’obiettivo della bioelettronica, una branca della medicina naturale, che potrebbe rivoluzionare il trattamento delle cosiddette “malattie croniche” attraverso l’uso di impulsi elettrici adatti e compatibili con ciò che si sta trattando, quindi con le giuste frequenze riordinanti agenti sul corpo Bioelettronico e non solo sul corpo fisico.
Una review pubblicata sulla rivista Trends in Molecular Medicine fa il punto sul presente e il futuro di questa disciplina.
Nell’articolo, Luis Ulloa, Salvador Quiroz-Gonzalez e Rafael Torres-Rosas della Rutgers New Jersey Medical School, affermano che i dati disponibili sui vari metodi che sfruttano la stimolazione neurale – dall’agopontura tradizionale, all’elettroagopuntura fino alle più moderne tecniche della Bioelettronica –  suggeriscono possibili applicazioni nel trattamento dei vari sintomi (malattie).
Alla base di queste tecniche vi sono i meccanismi di neuromodulazione, ovvero i processi attraverso i quali i neuroni regolano il funzionamento delle altre cellule, inviando segnali elettrochimici.
L’agopuntura, ad esempio, induce una stimolazione meccanica ed micro elettronica, nelle giunzioni neuromuscolari e causa un rilascio immediato di molecole che agiscono come neuromodulatori.
L’elettroagopuntura, invece, consiste nella stimolazione elettrica transdermica, effettuata tramite una corrente a basso voltaggio.
Nel 2014 Luis Ulloa e colleghi hanno scoperto che la trasmissione di brevi impulsi elettrici nei topi tramite aghi utilizzati nell’agopuntura era in grado di stimolare il nervo vago, le cui fibre nervose si estendono dal cervello fino all’addome ed oltre.

Ecco il TEST Total Body – Bioelettronica in Risonanza
– il Terreno energetico del corpo Bioelettronico
La nuovissima e moderna  tecnica naturale, non invasiva, effettuata con apparecchiature elettroniche di tecnologia russa, secondo le metodologie di biorisonanza, messe a punto dallo scienziato Nesterov (oggi deceduto), si chiama Bioelettronica Metatron.
L’analisi delle basse frequenze localizzate tra 1.8Hz e 8.2Hz portate da un segnale ad alta frequenza (4.8GHz) rende possibile valutare lo stato energetico degli organi e dei sistemi funzionali.
Un ricetrasmettitore, con delle bobine incorporate nelle cuffie di Metatron consente di eseguire questo Test. Il segnale ricevuto dal sistema dal paziente viene analizzato contro una banca dati e identifica alcune anomalie. È quindi possibile anche inviare il segnale di inversione della disfunzione informatica (neurotrasmettitori), per ritrovare una situazione di  equilibrio elettronico che generi uno stato biochimico di omeostasi,  essenziale per il corretto funzionamento del corpo.
Il Test punta a controllare il livello di Benessere o meno, scannerizzando di fatto l’organismo con opportune onde/frequenze (Campo CE) in risonanza, visualizzando anche i luoghi ove le anomalie di informazione e di campo (CE) interno, si presentano nel corpo bioElettronico ed i risultati si evidenziano sullo schermo del computer su di un modello virtuale dell’organismo in tutte le sue parti.
L’attrezzatura bioelettronica di risonanza, consente oltre a visualizzare queste anomalie riscontrate, anche di migliorarle od eliminarle in certi casi, inviando nel corpo bioElettronico, se necessario, nei vari luoghi ove è utile intervenire, le frequenze adatte.
Una volta individuati i “luoghi” ed il tipo di e delle frequenze anomale, si utilizzano le frequenze adatte per il ripristino o la miglioria del Benessere e le si inviano nel corpo bioElettronico affichè possa re-iniziare il processo di autoriparazione delle anomalie interne esistenti, cioè quelle dei blocchi energetici-bio-informazionali e quindi per caduta naturale, quelli biochimici che impediscono la Perfetta Salute ed il Benessere che le frequenze attivano o disattivano a seconda dei casi.
Quei segnali bioelettronici di risonanza adatti, cioè le nuove frequenze/energie informate elettronicamente, vengono inviati al corpo bioElettronico e quindi al cervello e da esso veicolati nell’organismo mediante il sistema nervoso, che controlla, gestisce anche mediante i neurotrasmettitori gli  organi, tessuti, cellule, batteri, sostanze, DNA, Cromosomi/geni ed atomi, i quali vengono ri-attivati e re-stimolati  alle loro normali funzioni.
Questo riordino di risonanza, permette infine e  quindi la ri-comunicazione regolare, riattivando per caduta, anche le varie attività biochimiche dell’organismo, questo per poter ripristinare il miglior Benessere possibile e/o di livello superiore al precedente stato, ciò poi si mantiene nel tempo solo ed anche con il cibo adatto ed i rimedi necessari personalizzati ed indicati dall’apparecchiatura e dal consulente in Naturopatia o dal Medico che è a conoscenza della Medicina Naturale.

Questa nuova tecnica bioelettronica dimostra chiaramente e scientificamente, che le impropriamente cosiddette “malattie”, sono in realtà unicamente sintomi dell’ammalamento, e sono la somatizzazione del corpo di dolore creato dall’essere stesso, per mezzo del suo corpo bioElettronico, per mancanza di Etica comportamentale rispetto alle Leggi della Salute Perfetta (PS), quindi i vari sintomi nascono, come è ben evidenziato dall’apparecchiatura, da una distorsione/alterazione dei segnali elettronici, che generano malfunzione fisiologica, oppure addirittura da un blocco, cioè interruzione dei segnali (Informazionali /energetici/ elettronici) con cui il il cervello e la mente Conscia  ed Inconscia comunicano con le varie parti anche infinitesimali del corpo.

Per Riassumere, la Bio Elettronica applicata, è la tecnica che indagando con un Test-scanner total body di biorisonanza, in tutto il corpo bioElettronico, riesce a reperire tutte le frequenze anomale esistenti nell’organismo, le quali impediscono il Benessere del soggetto analizzato, perchè bloccano i segnali bio informazionali di autoriparazioni che la mente/cervello invia normalmente ed automaticamente, per mantenere il massimo Benessere, e ciò avviene principalmente a livello dei nervi che controllano le funzioni degli organi su cui si trasmettono i segnali programma/software della vita sana (Perfetta Salute – PS), che deve essere vissuta senza Conflitti Spirituali di incoerenza.

Bibliografia – Medical literature e documenti sulla tecnologia Metratron
– vedi QUI:
https://drive.google.com/drive/folders/1UOhlBEI3gstt9xUbEUqkEB7pEr6sXpSb?usp=sharing
e qui: https://uk.metatron-nls.ru/documents/
Information in this section will help you to understand how NLS-diagnostics method works and learn how it differs from other diagnostics methods (NMR, CT, ultrasound).

References for the presentation made at the CERION Workshop that took place in Ottawa, Canada on the 9th and 10th of August, 1999.

  1. ELECTRON TRANSFER
    – H. Tributsch and L. Pohlmann, J. theor Bio. 165 225 (1993).
    S. Larsson et al., J. Quant. Chem. 15 1 (1988).
    C.C. Moser et al., J. Bioenergetics and Biomembranes 27 263 (1995).
    J.L. Dreger, Experientia 40 653 (1984).
    A.K. Bakhshi, Prog. Biophys. Molec. Biol. 61 187 (1994).
    R.I. Gilmanshin and P.I. Lazarev, Material Sci. 13 71 (1987).
    G. Cavelier, Medical Hypotheses 44 261 (1995).
    G.W. Canters and C. Dennison, Biochimie 77 506 (1995).
  2. PROTON Transfer
    H.J. Morowitz, Am. J. Physiol. 235 R99 (1978).
    S. Ichinose and T. Minato, J. Phys: Cond. Matt. 5 9145 (1993).
    Y. Maréchal, in “Proton Transfer in Hydrogen-Bonded Systems”, ed. T. Bonntis, Plenum Press (New York, 1992) p. 1
  3. BIOPHOTONS
    Q. Gu and F.-A. Popp, Experientia 48 1069 (1992).
    M.I. Yanbastiev, J. Molec. Structure 115 299 (1984).
    I. Willner and S. Rubin, Angew. Chem. Int. Ed. Engl. 35 367 (1996).
    R. van Wijk and J.M. van Aken, Experientia 48 1092 (1992).
    F.-A. Popp et al., Experientia 44 577 (1988).
  4. BIOPOLYMERS
    F. Garnier and G. Horowitz, Synthetic Metals 18 693 (1987).
    D. Bloor, Nature (London) 349 738 (1991).
    P.H. Meijer and A. van Roggen, J. Molec. Electr. 4 119 (1988).
    J. Fink, Synthetic Metals 21 87 (1987).
    D.D. Eley, Mol. Cryst. Liq. Cryst. 171 1 (1989).
  5. ENZYME Electroconformation
    T.Y. Tsong and R.D. Astumian, Ann. Rev. Physiol. 50 273 (1988).
    T.Y. Tsong et al., Bioelectrochem. Bioenergetics 21 319 (1989).
    H.V. Westerhoff et al., Proc. Natl. Acad. Sci. (USA) 83 4734 (1986).
    M. Blank, Bioelectrochem. Bioenergetics 32 203 (1993
  6. PROTEIN Conduction
    R.A. Friesner, Current Biol.: Structure 2 339 (1994).
    I.Z. Nagy, Exp. Gerontology 30 327 (1995).
    P.L. Dutton and C.C. Mosser, Proc. Natl. Acad. Sci. (USA) 91 10247 (1994).
  7. MEMBRANES
    H.R. Leuchtag, Biophys. J. 66 217 (1994).
    O.I. Fisun, Bioelectromagnetics 14 57 (1993).
  8. CYTOPLASM
    M.R. Cho et al., FASEB J. 10 1556 (1996).
    F.R. Sauer, in “Coherent Excitations in Biological Systems”, H. Fröhlich and F. Kremer (eds.), Springer (Berlin, 1983), p. 134
  9. MICROTUBULES
    D. Koruga and J. Simic-Krstic, J. Molec. Electronics 6 167 (1990).
    R. Kirsch et al., Thin solid films 305 248 (1997).
    P.M. Vassilev et al., Biosci. Rep. 2 1025 (1982).
    J.A. Tuszynski et al., J. theor. Biol. 174 371 (1995).
    J. Pokorny et al., Bioelectrochem. Bioenergetics 45 239 (1998).
    J.A. Tuszynski et al., Phil. Trans. R. Soc. Lon A 356 1897 (1998).
  10. ACTIN
    H.F. Cantiello et al., Biophys J. 59 1284 (1991).
  11. CYTOSKELETON
    J. Gaertig and F. Iftode, J. Cell Sci. 93 691 (1989).
    A.K. Harris et al., J. Exp. Zoology 253 163 (1990).
  12. CENTRIOLE
    G. Albrecht-Bühler link:
    http://www.basic.nwu.edu/g-buehler/htmltxt.htm
  13. MITOCONDRIA and Cytochrome Oxidase
    O. Einarsdottir et al., Biochem 34 496 (1995).
    K. Kimura and H. Inokuchi, J. Phys. Soc. Japan 51 2218 (1982).
    M. Brunori and M.T. Wilson, Biochimie 77 668 (1995).
    J. Procopio and J.A. Fornes, Phys. Rev. E 55 6285 (1997).
  14. CELL
    M. Blank, Biosystems 35 175 (1995).
    L.F. Jaffe and R. Nuccitelli, Ann. Rev. Biophys. Bioeng. 6 445 (1977).
    F. Jelinek et al., Bioelectrochem and Bioenergetics 48 261 (1999).
    H. Pohl, “Dielectrophoresis, The Behaviour of Matter in Nonuniform Electrif Fields”, Cambridge University Press (1978).
    A.W.J. Muller, Phys. Lett. A 96 319 (1983).
    H. Berg, Bioelectrochem. Bioenergetics 38 153 (1995).
    R.O. Becker, J. Bioelectricity 3 105 (1984).
    M.S. Cooper and M. Schliwa, J. Neurosci. Res. 13 223 (1985).
  15. BIOELECTRONIC devices
    Lidzey et al., Adv. Material in Optics and Electronics 4 381 (1994).
    Chittock et al., Adv. Material in Optics and Electronics 4 349 (1994).
    link: http://www.biochemistry.bham.ac.uk/wharton/biomol.html
    link: http://www.elec.gla.ac.uk/PhD_1997/Bioelectronics.html
  16. GENERAL
    D.A. Harris, “Bioenergetics at a Glance”, Blackwell Science (1995).
    B. Hille, “Ionic Channels of Excitable Membranes”, Sinauer (1992).
    By J.A. Tuszynski, jtus@phys.ualberta.ca

Commento NdR: I medici della medicina ufficiale, sono purtroppo impreparati dalle Università, al servizio di Big Pharma, che controlla e gestisce la sanità ufficiale, infatti è essa che gestisce e propone le linee guida ideologiche insegnate nelle cattedre di medicina nelle Universita di tutto il mondo, per cui i medici laureati da esse, IGNORANO COMPLETAMENTE la vera Scienza dei campi elettromagnetici e delle funzioni bioelettroniche degli esseri viventi, applicate in medicina:
vedi altro esempio, anche la:
Semeiotica Biofisica Quantistica:
http://www.sisbq.org/campidinformazionebiologici.html

 —————————————————————————————————————————————————————————————-

BIOELETTRONICA, la medicina del Terreno, cioè della MATRICE, (i liquidi del corpo ed il corpo bioelettronico) – vedi PDF Matrice
La nuovissima e moderna  tecnica naturale, non invasiva, effettuata con apparecchiature elettroniche russe, si chiama Bioelettronica Metatron.
Essa punta a controllare il livello di Benessere, scannerizzando di fatto il corpo bioElettronico, con opportune frequenze in Biorisonanza, evidenziando i luoghi ove le anomalie/patologie si presentano nel corpo e visualizzando il tutto sullo schermo del computer attraverso un modello virtuale 3D dell’organismo.
L’attrezzatura bioelettronica consente, di  visualizzare dove ed a quale livello si trovano nei vari tessuti e di che tipo ed intensita’ sono queste anomalie bioelettroniche e permette anche di migliorarle od eliminarle, inviando nel corpo bioElettronico, se necessario frequenze nei vari luoghi ove è utile intervenire.
E’ possibile anche ritrovare le frequenze dei batteri anomali (mutati), proteine virali (virus/esosomi) e metalli tossici (quali), sul dove ed a che livello si trovano nell’organismo ed agire su di essi per eventualmente inibirli per mezzo delle frequenze inviate nel corpo bioElettronico.
Questo Test fornisce anche dati precisi sulle frequenze delle varie sostanze contenute nel sangue, oppure quelle contenute nei bulbi dei capelli (mineralogramma), sui metalli tossici e sulle alterazioni del metabolismo cellulare.
Una volta individuati i “luoghi” delle frequenze anomale, si preparano le frequenze adatte per il processo di autoriparazione delle anomalie bioelettroniche per il ripristino del Benessere e le si inviano nell’organismo affichè possa re-inizializzare  i disordini esistenti, cioè quelle dei blocchi energetici-bioelettronico-informazionali e quindi per caduta quelli biochimici che impediscono la Perfetta Salute ed il Benessere.
Il test fornisce anche le informazioni sulla Postura della colonna vertebrale, e dove sono localizzate le infiammazioni/alterazioni bioElettroniche sui nervi, muscoli e nei dischi intervertebrali.
Quei segnali bioelettronici adatti e personalizzati, cioè le nuove frequenze/energie informate elettronicamente, vengono inviati al al corpo bioElettronico e quindi anche al cervello e da esso veicolati nell’organismo mediante il sistema nervoso, che controlla, gestisce, anche mediante i  neurotrasmettitori degli   organitessuti, cellule,  batteri,  sostanze,  DNA,  Cromosomi/geni ed atomi, i quali vengono ri-attivati e re-stimolati a ritornare alle loro normali funzioni anche con alimentazione adatta, e rimedi e tecniche della medicina Naturale.
Questo riordino sul corpo bioElettronico, permette infine e  quindi il ripristino della comunicazione informazionale regolare, riattivando per caduta, le varie attività biochimiche dell’organismo, questo per poter ripristinare il miglior Benessere possibile e di livello superiore al precedente stato, ciò poi si mantiene nel tempo anche con il cibo adatto ed i rimedi necessari personalizzati ed indicati dall’apparecchiatura e/o dal consulente in Naturopatia e/o dal Medico dello studio ove viene effettuata questo Test.
La durata del Test con l’apparecchiatura è di c.a. 2 h, ed occorre presentarsi con la certezza di quale gruppo sanguigno si appartiene ed il relativo tipo di rH.
Non è possibile fare questo Test su coloro che hanno “pacemaker“, sui bambini al di sotto dei 8 anni !
vedi: Frequenze dei batteri virus ecc.

Promemoria per coloro che potrebbero essere interessati al Test:
Si rende noto ai gentili clienti che si sottopongono al Test, che lo strumento Bioelettronico di risonanza che si utilizza, appartiene alla categoria delle macchine energetiche di risonanza a tecnologia moderna ed avanzata, al servizio della Medicina Naturale, che comporta regole e interpretazioni diverse dalla medicina ufficiale.
Quindi il Test non essendo riconosciuto dalla medicina imperante ufficiale, non può essere pagato/rimborsato dal Servizio Sanitario Nazionale, nè dalle assicurazioni private.
Il Test e le terapie bioelettroniche utilizzate, quindi, presuppongono un consenso informato frutto di libera scelta da parte dei soggetti che vi si sottopongono, che sono ampiamente edotti sulle metodiche stesse, dal punto di vista scientifico, prima di effettuare il Test.
Pur non potendo garantire il risultato per motivi deontologici, l’impiego di mezzi terapeutici di biorisonanza è comunque anche un notevole ed utile complemento alle terapie della medicina ufficiale.
L’apparecchiatura (marchio CE) può essere utilizzata senza schermature o particolari accorgimenti in quanto ufficialmente testata per non essere dannosa per la salute dell’operatore e/o del paziente.
I dati personali forniti (nome, cognome, indirizzo) per l’esecuzione del Test, sono forniti ed inseriti nel computer collegato al macchinario, per poter eseguire il Test e per la fatturazione da parte del centro ove viene eseguita la consulenza.
Quelli registrati nella macchina (PC), vengono cancellati entro 24 ore dall’esecuzione del Test e rimangono solo (Nome, Cognome, indirizzo) al centro ove si effettua il Test, per la fatturazione.

Riassunto sui concetti di BioElettronica:
Photo-Biocatalysis: Biotransformations in the Presence of Light

Institute of Chemistry, University of Graz, NAWI Graz, BioTechMed Graz, BioHealth, Heinrichstrasse 28, 8010 Graz, Austria
– by Luca Schmermund
Institute of Chemistry, University of Graz, NAWI Graz, BioTechMed Graz, BioHealth, Heinrichstrasse 28, 8010 Graz, Austria
– by Valentina Jurkaš
Institute of Molecular Biotechnology, Graz University of Technology, NAWI Graz, Petersgasse 14, 8010 Graz, Austria
– by F. Feyza Özgen
Institute of Molecular Biotechnology, Graz University of Technology, NAWI Graz, Petersgasse 14, 8010 Graz, Austria
– by Giovanni D. Barone
Institute of Molecular Biotechnology, Graz University of Technology, NAWI Graz, Petersgasse 14, 8010 Graz, Austria
– by Hanna C. Büchsenschütz
Institute of Chemistry, University of Graz, NAWI Graz, BioTechMed Graz, BioHealth, Heinrichstrasse 28, 8010 Graz, Austria
– by Christoph K. Winkler
http://orcid.org/0000-0003-3068-9817
Institute of Molecular Biotechnology, Graz University of Technology, NAWI Graz, Petersgasse 14, 8010 Graz, Austria
– by Sandy Schmidt
Institute of Molecular Biotechnology, Graz University of Technology, NAWI Graz, Petersgasse 14, 8010 Graz, Austria
– by Robert Kourist,  E-mail: kourist@tugraz.at. (R.K.)
Institute of Chemistry, University of Graz, NAWI Graz, BioTechMed Graz, BioHealth, Heinrichstrasse 28, 8010 Graz, Austria
– by Wolfgang Kroutil, E-mail: wolfgang.kroutil@uni-graz.at. (W.K.)
http://orcid.org/0000-0002-2151-6394
https://doi.org/10.1021/acscatal.9b00656 – Copyright © 2019 American Chemical Society

ACS CatalysisGet e-Alerts  – Download Hi-Res ImageDownload to MS-PowerPoint

Estratto – Download MS PowerPoint Slide

La luce ha ricevuto negli ultimi anni, maggiore attenzione per varie reazioni chimiche che induce, ma anche quelle in combinazione con reazioni biocatalitiche.
Poiché attualmente sono note solo poche reazioni enzimatiche, che di per sé richiedono la luce, la maggior parte delle trasformazioni che coinvolgono la luce e un biocatalizzatore sfruttano la luce sia per fornire il cofattore o cosubstrato in uno stato redox appropriato per la biotrasformazione.
In alcuni casi selezionati, potrebbe essere indotta un’attività promiscua di enzimi noti in presenza di luce. In altri approcci, le reazioni chimiche indotte dalla luce sono state combinate con una fase biocatalitica, oppure le reazioni biocatalitiche indotte dalla luce sono state combinate con reazioni chimiche in una cascata lineare. Infine, sono stati studiati enzimi con un gruppo commutabile dalla luce per disattivare/accendere o regolare l’effettiva reazione. La presente rassegna offre una panoramica dei diversi approcci per l’utilizzo della luce in biocatalisi.
Tratto da: https://pubs.acs.org/doi/10.1021/acscatal.9b00656#

Nelle cascate successive all’immissione di luce (fotoni), gli enzimi che richiedono la luce sono accoppiati in cascate biocatalitiche. Ad esempio, la sintesi fotodipendente dell’adenosina trifosfato (ATP) catalizzata da F0-F1-ATP-sintasi è stata utilizzata per la sintesi in vitro del glucosio (Schema 19A).(178) Questo enzima (F0-F1-ATP-sintasi) si trova di solito nelle membrane per la trasmissione di energia, comprese le membrane mitocondriali interne.

Tutto ciò premesso sopra, significa ed indica che le cosiddette “malattie”, in realtà SOLO sintomi del corpo di dolore creato dalla mente sul corpo bioElettronico quindi, nascono da una distorsione/malfunzione dei segnali bioelettronici, oppure addirittura da un blocco, cioè interruzione dei segnali (Informazionali/energetici/elettronici, cioè frequenze) con cui il Conscio  e l’inconscio comunicano, trasmettono e ricevono anche attraverso i neurotrasmettitori, le informazioni (dati) al e dal corpo, da e per le ghiandole endocrine (sopratutto Pineale/Pituitaria) del cervello, utilizzando ed attraverso il sistema nervoso, con i quali controllano e vengono re-informati sull’attività di organi, tessuti, cellule, batteri, sostanze, DNA/RNA, Cromosomi/geni ed atomi….fino agli elettroni ed fotoni, che essi contengono, gli AElohim (vedi gli scritti di Charonangeli portatori di luce, ben noti dagli antichi egizi, fenici, ebrei, samaritani, giudeocristiani, e dagli iniziati, ecc.); quando ciò avviene (interruzione del segnale = malfunzione dei neurotrasmettitori) nel tempo  i vari sintomi appaiono, quelli che la medicina allopatica chiama impropriamente “malattie” e quindi l’Unica malattia = l’ammalamento compare e nasce il corpo del conflitto di incoerenza (NON etica) generando e gestendo il “corpo del dolore”, simboleggiato dalla crocifissione di Gesù il nazareno sulla croce della vita sofferente.
Tutto ciò per il fatto che gli Errori spirituali fanno commettere al soggetto azioni contro vita: alimentazione inadatta al soggetto, aria ed acque inquinate, cibi inadatti e/o contaminati, Vaccini, farmaci, che producono inevitabilmente intossicazioni del terreno (i liquidi del corpo) e della matrice = infiammazione (ASIA), disbiosi, mutazioni batteriche, parassiti, proliferazione di funghi tipo candida, ecc., che sono le forieri di qualsiasi sintomo (malattia=ammalamento), se non riordinate ed eliminati dall’organismo con la Medicina naturale,  Spirituale e fisica.

 

Recommended For You

About the Author: Administrator

Esperto per la Vera scienza, conoscenza, filosofo della vita eterna, esperto in Medicine Naturali, Scienza della Nutrizione, Bioelettronica e Naturopatia. - Consulente di https://mednat.news/curriculum.htm + https://pattoverascienza.com - info@mednat.news - Curatore, Tutore, Notaio, Trustee del TRUST estero: VANOLI GIOVANNI PAOLO (G.P.) - Human Rights Defender ONU/A/RES/53/144 1999 - Difensore dei Diritti dei Batteri e Virus, cioè della Vita/Natura in genere