Stephan Lanka sui “Virus”, le falsità della virologia

Il Biologo tedesco Stephan Lanka, spiega cosa sono i virus
L’’idea sbagliata del virus tossico/pericoloso,  è al centro dell’operazione mondiale della FALSA  ed inesistente pandemia chiamata “Coronavirus”, perché senza il concetto parallelo divulgato anche dai mass media, della falsa “teoria dei germi” legata alla medicina ufficiale e senza la storia dell’orrore del virus killer, la maggior parte delle persone non accetterebbe  la narrativa ufficiale diretta dal NWO (pagato e sovvenzionato dalle case farmaceutiche…)  sulla propaganda COVID 19, che assieme al cosiddetto SarsCov2 sono virus INESISTENTI in natura, perché preparati e creati al computer per poter fare i brevetti….per poi  inventare  gli pseudo “vaccini”, in realtà meccanismi di alterazione genetica….da propinare con ricatto della PAURA e molto altro alla popolazione, questi  pseudo “Vaccini” che NON proteggono da NULLA, anzi ammalano di qualsiasi malattia ed uccidono prematuramente i poveri vaccinati….

In questo precedente articolo sulla natura del virus, si citano gli eroici sforzi del virologo tedesco  Dr. Stefan Lanka, che nel 2017 ha vinto in Tribunale un caso emblematico che è andato fino alla Corte Suprema tedesca, nessuno è riuscito a dimostrare inequivocabilmente che il cosiddetto “virus del morbillo” esista veramente.
Lanka ha dimostrato alla Corte Suprema tedesca, che il morbillo non era causato da un virus e che in realtà non esisteva un virus del morbillo, in quanto nessuno  ha potuto dimostrarne l’esistenza certa !.
Lanka è ancora impegnato a lavorare, ed  ha scritto questo articolo all’inizio di quest’anno 2020 (tradotto qui in inglese) intitolato ” L’idea sbagliata chiamata virus “ in cui spiega la storia di come la scienza ufficiale sia andata terribilmente fuori strada con le sue conclusioni (pure ipotesi, MAI dimostrate) per demonizzare i  virus, che in realtà sono semplicemente esosomi prodotti dalle cellule stesse per riparare le cellule malate, in stress ossidativo, prima che muoiano, ed attribuirgli FALSAMENTE  la presunta patogenicità che non ha.

PDF dello studio/ricerca del Biologo S. Lanka, sui virus e loro presunto isolamento: Lanka_studio-suiVirus con le foto dimostrative delle sue ricerche.

Ecco anche le dichiarazioni del biologo tedesco Stephan Lanka
“Tutte le affermazioni sui virus come agenti patogeni, sono ERRATE e si basano su interpretazioni ERRATE facilmente riconoscibili, comprensibili e verificabili …
Tutti gli scienziati che pensano di lavorare con i virus nei laboratori, in realtà lavorano con particelle tipiche di specifici tessuti o cellule morenti che sono state preparate in uno speciale modo. Credono che quei tessuti e quelle cellule stiano morendo perché sono stati infettati da un virus.
In realtà, le cellule e i tessuti infetti stavano morendo perché erano affamati e avvelenati a seguito degli esperimenti in laboratorio“.

“… la morte del tessuto e delle cellule avviene nello stesso identico modo quando non viene aggiunto alcun materiale genetico infetto”, ”Apparentemente i virologi non hanno notato questo fatto.
Secondo … la logica scientifica e le regole della condotta scientifica, avrebbero dovuto essere condotti esperimenti di controllo.
Al fine di confermare il metodo recentemente scoperto della cosiddetta “propagazione del virus” … gli scienziati avrebbero dovuto eseguire ulteriori esperimenti, chiamati esperimenti di controllo negativo, in cui avrebbero aggiunto sostanze sterili alla coltura cellulare “.

“Questi esperimenti di controllo non sono mai stati condotti dalla ”scienza ufficiale” fino ad oggi.
Durante la sperimentazione del virus del morbillo, ho incaricato un laboratorio indipendente di eseguire questo esperimento di controllo e il risultato è stato che i tessuti e le cellule muoiono a causa delle condizioni di laboratorio utilizzate, esattamente come quando entrano in contatto con materiale presunto “infetto”. “

In altre parole, le cellule e i tessuti studiati muoiono con o senza la presenza di un virus esattamente nello stesso modo; pertanto,  il virus non può essere la causa della morbilità e della mortalità.
È interessante notare che questo è esattamente ciò che hanno affermato molti esperti di salute, vale a dire che ci sono solo due cause di malattia:  carenza e tossicità.ExposingTheMythOfTheGermTheory
Ad esempio, Charlotte Gerson (che ha assunto la direzione della Gerson Clinic dal suo geniale padre Max) ha detto questo su Malattie e Cancro.
“La rimozione di cellule o tessuti dal corpo e quindi la loro interruzione dal loro apporto di energia porterà rapidamente ad una carenza; iniettare antibiotici nella miscela è tossicità, pertanto non esiste una prova concreta che un virus stia causando malattie quando sono già presenti carenze e tossicità”.
Questo è il punto chiave dell’idea sbagliata del virus.

Vedi la Teoria dei Germi è FALSA:
ExposingTheMythOfTheGermTheory

Lanka fa risalire lo sviluppo del malinteso sui virus al 1858 e alla “teoria cellulare” di Rudolf Virchow, che ha proposto una teoria secondo cui tutte le malattie e tutta la vita provengono da una singola cellula, che è in qualche modo dirottata da un virus che la indebolisce e si propaga.
Lanka sottolinea due incongruenze in proposito: Viroma umano normale: uno studio del 2017 rileva l’HIV, l’epatite e molti altri virus presenti nelle persone

“La teoria cellulare è stata originata solo perché Rudolf Virchow ha soppresso scoperte cruciali sui tessuti. I risultati e le intuizioni riguardo alla struttura, alla funzione e all’importanza centrale dei tessuti nella creazione della vita, che erano già noti nel 1858, confutano in modo completo la teoria cellulare e le terapie genetiche, immunitarie e tumorali successivamente derivate.

“Le teorie dell’infezione sono state stabilite come dogma globale solo attraverso la propaganda politica e l’eugenetica del Terzo Reich. Prima del 1933, gli scienziati hanno osato contraddire questa teoria; dopo il 1933, questi scienziati critici furono messi a tacere. “

Le  “teorie dell’infezione” per Lanka significano teoria dei germi, la teoria prevalente della moderna medicina occidentale.
Lanka descrive quindi come si è verificato un cambio di paradigma nella percezione del virus nel periodo 1952-1954:

“Fino al 1952, un virus era definito come un veleno patogeno sotto forma di una proteina, un enzima che causava danni in modo sconosciuto.
Dopo il 1953, l’anno in cui fu annunciato pubblicamente il presunto DNA nella forma di una presunta elica alfa, l’idea di un virus divenne un genotipo maligno avvolto in proteine. Pertanto, tra il 1952 e il 1954 ebbe luogo un cambio di paradigma riguardo all’immagine di un virus. “
Lanka parla di come quella teoria indimostrata diventa il dogma nella “Chiesa del Mainstream Scientifico o Scientismo”:

“Questo approccio completamente non scientifico ebbe origine nel giugno del 1954, quando fu pubblicato un articolo speculativo non scientifico e confutabile, secondo il quale la morte del tessuto in una provetta era considerata … possibili prove della presenza di un virus.
Sei mesi dopo, il 10 dicembre 1954, l’autore principale di questa opinione ricevette il premio Nobel per la medicina per un’altra teoria ugualmente speculativa.
La speculazione del giugno 1954 fu poi sollevata a fatto scientifico e divenne un dogma che non è mai stato sfidato. Dal giugno 1954, la morte di tessuti e cellule in una provetta è stata considerata la prova dell’esistenza di un virus. “

Ritornando ai postulati di Koch:
nessun isolamento, nessuna purificazione, Lanka prosegue dicendo:
Come ho ben spiegato, in COVID-19 Termine generale per operare una pandemia finta: non una malattia, non una causa, gli “scienziati mainstream di oggi” stanno saltando l’importante secondo passo dei postulati di Koch: l’isolamento e la purificazione del virus.
Questo non è qualcosa che puoi semplicemente sorvolare o dimenticare di fare, come dimenticare accidentalmente l’ombrello in una giornata piovosa e bagnarti un po‘.
Questa è la parte assolutamente essenziale per determinare se esiste un nuovo virus e se causa la malattia. È la cosiddetta “Condicio sine qua non”.
Se non riesci a isolarlo, hai fallito nel provare qualcosa, perché il germoglio in erba che ritieni sia un virus invasore, potrebbe facilmente essere un’esosoma o una particella prodotta dalle cellule del corpo stesso

Questo è il motivo per cui tutta la propaganda COVID ha opportunamente chiarito il fatto che non ci sono immagini al microscopio elettronico di SARS-CoV-2, poiché il microscopio elettronico è uno strumento estremamente importante nella prima fase dei postulati di Koch, l’identificazione.
Lanka continua:

“…Un virus non è mai stato isolato in base al significato della parola isolamento, e non è mai stato fotografato e caratterizzato biochimicamente come una struttura unica e unica.
Le microfotografie elettroniche dei presunti virus mostrano in realtà particelle cellulari abbastanza normali da tessuti e cellule in via di estinzione, e la maggior parte delle foto mostra solo un modello computerizzato (CGI – immagini generate al computer) “.

Quindi cosa c’entra tutto questo con la sindrome COVID19 ?
Quindi, per riportare questo alla presunta pandemia attuale, tutte le stesse ipotesi e la mancanza di prove sono in gioco quando si tratta di COVID:

“Le singole molecole vengono estratte dalle particelle di tessuto e cellule morte, vengono interpretate erroneamente come parti di un virus e teoricamente messe insieme in un modello di virus. Il processo di ricerca del consenso per il” virus “del morbillo, in cui i partecipanti hanno discusso per determinare cosa apparteneva al virus e cosa no, è durato per decenni. Con l’apparentemente nuovo China Coronavirus 2019 (nel frattempo rinominato 2019-nCoV), questo processo di ricerca del consenso dura solo pochi clic del mouse.

Con solo pochi clic del mouse, un programma può creare qualsiasi virus riunendo molecole di brevi parti di acidi nucleici da tessuti morti e cellule con una determinata composizione biochimica, disponendole così come desiderato, in un genotipo più lungo che viene poi dichiarato essere il genoma completo del nuovo virus. In questo processo di costruzione teorica del “DNA virale”, quelle sequenze che non si adattano vengono “levigate” e vengono aggiunte quelle mancanti. Pertanto, viene inventata una sequenza di DNA che non esiste nella realtà e che non è mai stata scoperta e scientificamente dimostrata nel suo insieme. “

Guardate qui:
Anche il CEO di Pfizer (Albert Bourla) ammette in prima serata che non hanno mai isolato il virus, lavorano con uno pseudo-virus che ricostruiscono nei loro laboratori (NdR. al computer). La stessa cosa la fanno per le mitologiche varianti ….Delta, Omicron, ecc…..

Ci sarebbe da ridere a crepapelle se non si parlasse della Vita delle persone.
Ricapitoliamo:
Chi produce il vaccino per combattere il Virus, dice che non lo ha mai realmente isolato, ma che lavora con delle ricostruzioni di questo al computer. Realtà Virtuale praticamente.
Il virus mai isolato, quindi virtuale, fa produrre sieri genici che sono molto reali (Nota: gli pseudo Vaccini che vaccini non sono) e che vengono poi venduti in tutto il mondo come sicuri ed efficaci e che iniettano virus artificiali (da Computer) ALTAMENTE pericolosi….
Il Virus è quindi immaginario, la presunta pandemia anche, quello che è davvero Reale, è la Dittatura che hanno instaurato.

Quindi, fondamentalmente, per ritornare alle presunte origini, gli scienziati cinesi tradizionali che lavorano secondo la stessa teoria degli scienziati occidentali tradizionali, hanno inventato un nuovo modello teorico per SARS-CoV-2, e hanno proclamato un nuovo coronavirus, ma tutti senza le micrografie elettroniche per sostenerlo.
Non abbiamo immagini verificabili di virus; non abbiamo immagini intere (non composite). Ci viene solamente detto di non mettere in discussione l’autorità.
Questa è scienza o questo è scientismo basato sulla fede ?
Fino a che punto veniamo manipolati quando ci vengono negate vere e proprie fotografie non distorte o fasulle, del mondo che ci circonda, sia a livello micro che macro ?

Ecco ciò che afferma il biologo dr. Stephan Lanka sul pericolo dei Vaccini:
La nostra scarsa comprensione di virus, malattie, sistema immunitario, teoria del terreno e molto altro è sfruttata da Big Pharma per spingere pericolosi interventi medici come i Vaccini.
Ecco cosa dice Lanka riguardo al pericolo e all’inefficacia dei Vaccini:

“Un miscuglio costituito da tessuti e cellule in via di morte da scimmie, feti di bovini e antibiotici tossici … viene utilizzato come vaccino detto ”vivo“, perché si suppone che sia costituito dai cosiddetti virus ”attenuati“… questa miscela tossica pieno di proteine ​​estranee, acidi nucleici estranei (DNA / RNA), antibiotici citotossici, microbi e spore di tutti i tipi viene etichettato come “vaccino vivo”.
Viene impiantato anche nei bambini attraverso la vaccinazione principalmente nei muscoli, in una quantità che se iniettato nelle vene porterebbe immediatamente a morte certa …
I fatti verificabili dimostrano il pericolo e la negligenza di questi scienziati e politici, che affermano che i vaccini sono sicuri, hanno effetti collaterali minimi o nulli e proteggono da una malattia. Nessuna di queste affermazioni è vera.

Conclusioni
L’idea sbagliata del virus è stata con noi per molto tempo.
Per quanto folle sia l’attuale sottomissione basata sulla paura, chi indossa la mascherina e che adotta il distanziamento, ci sono persone che sfruttano l’Operazione Coronavirus come possibile presa di Coscienza.
Mentre alcuni approfondiscono l’incoscienza e guardano a nuovi prodotti protettivi (“aggiorna la tua maschera per il nostro scudo protettivo di filtrazione dell’aria alimentato in attesa di brevetto N95”), altri hanno visto il coronavirus per quello che è veramente: un’opportunità di rotolare fuori da tutti i tipi di architettura di controllo, mentre le persone comuni continuano a vivere nella PAURA.
È sempre una buona idea mettere in discussione le assunzioni di base di qualsiasi istituzione governativa, perché quasi sempre può aprire un portale verso la verità.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato su The Freedom Articles .
Makia Freeman, GLOBAL RESEARCH, 2020, è la redazione di media alternativi The Freedom Articles e ricercatrice senior presso ToolsForFreedom.com.

ARTICOLO ORIGINALE
http://www.globalresearch.ca/dr-stefan-lanka-2020-article-busts-virus-misconception/5719146

Tratto da: lasOrgente.net  con commenti e precisazioni del redattore di questa pagina (admin del sito)

Visionate QUI dei video di Stephan Lanka (biologo)
https://odysee.com/@Corona-Investigative-Committee:5/Andrew-Kaufman-Stefan-Lanka-session-90-en:a

———————————————————————————————–

La “virologia” NON esiste è solo una teoria FALSA !
– 15/05/2020 – By il microbiologo tedesco, Stephan Lanka
Durante quest’ultimo anno e mezzo in cui ho trascorso innumerevoli ore a discutere e spiegare le cose alla gente, mi ha anche spinto a rompere le cose in modo che la maggior parte se non tutte le persone possano capire meglio le false affermazioni della “virologia”. Questo è ancora un lavoro in corso, ma può essere utile per le persone leggere queste per ottenere maggiore chiarezza sul perché le persone come me affermano che il campo della “virologia” manca di un fondamento scientifico e perché è sia non scientifico e persino anti-scientifico.

L’uso di colture cellulari
Non si può provare che la particella X sia responsabile di qualcosa in una coltura cellulare a meno che non l’abbiate prima isolata direttamente da un paziente malato PRIMA di qualsiasi esperimento e fatto i controlli adeguati. Il motivo è che la particella X potrebbe provenire da tutto l’altro materiale genetico nella coltura cellulare o potrebbe semplicemente essere stata creata come risultato dell’esperimento e non si può sapere se proviene dal paziente malato a meno che non si sia dimostrato che era lì prima dell’esperimento. La ragione dei controlli è quella di tenere conto di tutte le variabili dell’esperimento in modo da sapere che l’effetto che vedete è causato da ciò che pensate e non da qualcos’altro. Anche se tutto questo fosse stato fatto, ci si potrebbe chiedere se una coltura cellulare piena di vari agenti tossici e materiale genetico estraneo, dove le cellule sono prive di nutrienti, sia un riflesso accurato dell’ambiente nel corpo umano.

Presupposti non provati
I “virologi” presumono sempre che i presunti “virus” siano presenti nei campioni che usano per i loro esperimenti di coltura cellulare senza mai provare che i “virus” siano effettivamente presenti. Una delle scuse che i “virologi” usano è che ce ne sono troppo pochi da trovare, il che è una contraddizione, dato che affermano anche che i “virus” sono le entità biologiche più abbondanti e diverse con un presunto numero di 10 alla 31° potenza. Se non puoi trovarli da campioni presi direttamente da pazienti malati, allora non puoi pretendere di avere prove della loro esistenza e vorrei anche sottolineare che sostenere che ci sono troppo pochi “virus” da trovare è come sostenere che ci sono troppo pochi unicorni in natura da trovare. Se non si possono trovare, allora non si può affermare che esistano, è semplice e di puro buon senso.

Una mancanza di controlli di paragone adeguati
Tutti gli esperimenti di coltura cellulare fatti dai “virologi” sono fatti senza controlli adeguati che tengano conto di ogni variabile nell’esperimento. Quando sono stati fatti esperimenti di controllo adeguati, allora hanno dimostrato che i risultati che i “virologi” credono sia la prova di un “virus” sono in realtà causati dall’uso di antibiotici in combinazione con l’inedia delle cellule. Questo è stato dimostrato da 2 laboratori indipendenti durante gli esperimenti sul morbillo 2011-2017 in Germania ed è stato dimostrato ancora una volta 2021 dal dottor Stefan Lanka.

Un mix di ingredienti non è isolamento
I “virologi” definiscono l’isolamento come il prendere un campione impuro da un paziente malato e poi metterlo in una coltura cellulare con agenti tossici e altro materiale genetico estraneo dove affamano le cellule di nutrienti. Questo non è ovviamente l’isolamento di qualcosa in cui la morte delle cellule può essere solo supposta, NON provata, essere causata da un “virus”. Questo è il modo in cui i “virologi” si ingannano e confondono il resto di noi quando si discute dell’isolamento di un “virus”.

L’effetto non prova la causa
Se qualcuno si ammala e addirittura muore, questo non è la prova di un “virus”, proprio come un giardino distrutto non è la prova degli unicorni. Per provare che il “virus” è la causa, il primo passo di molti sarebbe quello di trovare la particella direttamente da un essere umano e separarla da tutto il resto (isolamento). Questo passo però non è mai stato fatto per nessun presunto “virus” e questo è qualcosa su cui tutti i “virologi” sono effettivamente d’accordo.

I genomi non sono prove
Molte persone presumono che i genomi pubblicati di presunti “virus” siano la prova dell’esistenza di “virus”, ma questa convinzione si basa sul falso presupposto che i “virus” siano stati isolati e separati da tutto il resto, dove i genomi sono stati sequenziati direttamente dalle strutture “virali”. In realtà tutti i genomi sono il risultato del prelievo di piccole sequenze genetiche da un miscuglio di materiale genetico dove si suppone che alcune delle sequenze siano “virali” e le si cuce insieme con l’aiuto del computer. Questo processo lascia il nuovo genoma inventato con un sacco di buchi e sovrapposizioni che vengono poi riempiti e smussati con l’aiuto del computer e questo processo è chiamato allineamento. Il risultato di tutto questo è un genoma completamente inventato che non esiste nella realtà nel suo insieme e che esiste solo sulla carta e nei computer. Vorrei anche dire che nessuno può affermare che un “virus” abbia materiale genetico, perché per poterlo provare dovrebbero prima trovarlo. Ultimo ma non meno importante, sappiamo che il DNA/RNA non è statico come un libro a causa delle ricerche di epi-genetica che affermano che l’ambiente induce cambiamenti in continuazione. Ciò significa che non sappiamo quanto dell’RNA che viene messo nella coltura cellulare sia effettivamente cambiato a causa del cambiamento dell’ambiente dovuto all’avvelenamento e alla fame delle cellule.

Le foto non sono prove
Tutte le foto di presunti “virus” sono foto scattate in esperimenti di coltura cellulare e possono essere o frammenti di cellule di tessuti morti e morenti causati dall’esperimento di coltura cellulare prima di scattare la foto o possono essere artefatti prodotti dalla procedura di scattare una foto con il microscopio elettronico. Ciò che è importante capire qui è che nessuno ha isolato alcuna particella di presunto “virus” direttamente da un essere umano, animale o pianta, il che significa che le foto di particelle di presunti “virus” che provengono da esperimenti di coltura cellulare non hanno alcuna relazione con i nostri corpi.

La mancanza di un altro sospetto
Incolpare “virus” inesistenti per varie malattie è ancora peggio che incolpare un innocente di omicidio nonostante la mancanza di prove solo perché mancano le prove di un altro sospetto.

L’errata interpretazione degli anticorpi
Le persone che si sottopongono a un test degli anticorpi presumono che queste proteine offrano protezione contro i “virus” e che un risultato positivo significhi che si è “immuni”, ma questo non è esatto. Affinché un anticorpo esista avrebbe bisogno di un corpo (virus) da attaccare, da cui il nome di anticorpo. Ma poiché l’esistenza di “virus” non è mai stata provata, il ruolo di queste proteine deve essere qualcos’altro. Alcune ricerche suggeriscono che queste proteine, chiamate anche globuline, sono prodotte dal nostro corpo come risposta alla tossicità e alle lesioni, dove il loro scopo è quello di mantenere intatta la struttura delle cellule e promuovere la guarigione delle ferite appiattendosi e coagulando il sangue. Questo spiega anche perché tutti i vaccini passati, presenti e futuri non possono “funzionare” senza tossine, perché se tutte le tossine venissero eliminate dalle iniezioni, il nostro corpo non produrrebbe queste proteine. Per dirla in un altro modo, queste proteine sono più come personale medico che viene assunto per rattoppare le cose nel nostro corpo quando subiamo una ferita o un avvelenamento, piuttosto che essere qualche forza d’elite delta per uccidere gli invasori stranieri.

La frode dell’iniezione
Le persone che credono nei vaccini credono che forniranno protezione contro i “virus”, ma il problema è che non possono offrire alcuna protezione contro ciò che non è mai stato dimostrato che esista. Non solo, ma l’iniezione di tossine e di materiale genetico estraneo non può promuovere la salute e di fatto sta facendo l’esatto contrario. Tutti gli studi e le indagini che sono stati fatti tra vaccinati e non vaccinati mostrano che i non vaccinati sono molto più sani rispetto ai vaccinati.

La distrazione della PCR
Molte persone stanno discutendo sul numero di cicli della PCR, ma questa è una distrazione dalla questione centrale che è la mancanza di prove per l’esistenza del “virus” e dà alla gente la falsa idea che se il numero di cicli è abbastanza basso, questo renderebbe la PCR un metodo di test valido. Poiché non c’è alcuna prova dell’esistenza di un “virus”, la PCR è completamente priva di significato e la PCR non è mai stata concepita per essere utilizzata come strumento diagnostico. È un’amplificazione del materiale genetico proprio come una Xerox è un metodo di amplificazione della carta, ma né la PCR né la Xerox possono determinare l’origine del materiale genetico o della carta, rendendola quindi inutile. Questo significa anche che tutte le statistiche di casi e morti attribuite al presunto “virus” sono completamente prive di significato e irrilevanti.

Sintesi:
La FALSA teoria virale della COVID-19, malattia asseritamente e propagandata nei mass media come causata dal “SARS-CoV-2”, teoria mai dimostrata scientificamente, ecco perché è messa in discussione per questi numerosi motivi :
1 – Il primo passaggio doveva essere: isolamento, purificazione e sequenziamento del supposto virus.
2 – Secondo passo: caratterizzazione e specifica delle sue varie componenti (proteine del capside, Rna virale, ecc), infatti non si conosce neppure il suo completo codice…..

La prima indispensabile tappa è stata saltata totalmente.
Il sequenziamento (fra l’altro parziale mai completo) di una catena nucleotidica supposta – solo supposta – virale, non è sostitutivo dell’isolamento.
Non è stata affatto stabilita la correlazione causale tra positività del test (tampone + PCR) ed ammalamento.
– Il test PCR non è mai stato validato, con controlli di riferimento “Gold Standard”. I test antigenici ed anticorpali sono stati “validati” sul test di riferimento (la PCR) strumentazione che però non è mai stata validata, lo ha affermato  il suo inventore, prima di morire, dr. Mullis: “i tamponi e la PCR non servono a scopo diagnostico”.
– Non vi è una buona concordanza tra i risultati dei diversi test (compreso il parziale “sequenziamento” letto dalla PCR).
– L’uso della PCR, come test di riferimento, è usato anche in modo improprio, visto che finora il numero di “cicli di amplificazione” veniva scelto in modo arbitrario che variava da nazione a nazione, in italia per raggiungere un altito numero di “positivi” si sono tarate le apparecchiature per cicli 40-45 cicli di amplificazione, quindi si trovava di tutto ed in modo MOLTO frammentato e quindi molto parziale, mai in modo completo…. Quindi errori al 100%…!!, ma ciò faceva comodo per inventare e supportare questa FALSA pandemia, epidemia inesistente…
Ultimamente è stato ammesso da fonti detti “istituzionali” (OMS, ECDC, CDC, AIFA) che il numero di cicli usati nel passato – e pure nel presente – era eccessivo per un risultato veramente affidabile, e per di più non certo.
– Non è mai stato dimostrato alcun nesso causale tra tampone positivo e malattia grave.
Infatti:
Il tampone può essere positivo anche in completa buona salute.  La positività del tampone (equiparata alla supposta presenza del sars cov 2, mai isolato né sequenziato per intero) non è condizione necessaria né sufficiente per lo sviluppo dell’ammalamento (sindrome respiratoria grave, da parassiti tissutali, spacciata per virale…)
Non è stato mai confermato e dimostrato che un virus contagia/infetta il soggetto A che lo trasmette al soggetto B….è tutto basato su “ipotesi statistiche degli ammalamenti”, ma NON è mai stato scientificamente dimostrato in natura, vitro e laboratorio, quello che pensano sia infettività è semplicemente intossicazione ed autoammalamento sia cella cellula che degli individui, specie nei cambi di stagione quando la temperatura e la ionizzazione variano e quindi spingono i corpi di certe persone (una piccola parte della popolazione mai superiore al 5%) ad eliminare le infiammazioni viscerali latenti (ASIA) attraverso la febbre, catarro, tosse, mal di gola ecc., che poi i medici in mala fede od impreparati hanno spacciato per la cosiddetta covid 19, di (con un virus inesistente), in realtà trattasi solo una sindrome della vera ed unica “influenza stagionale”, alla quale hanno cambiato nome, per spaventare la popolazione ed i medici ignoranti  per scopi NON sanitari, madittatoriali, per poter eliminare i diritti umani acquisiti, mai praticati da parte degli stati, e rendere ancora più schiave le persone fisiche umane ai loro “dictat” di sottomissione totale.

Qui trovate in italiano la spiegazione del PDF che il dr. S. Lanka ha preparato per divulgare le sue ricerche sui virus e virologia, rivoluzionandola ed annullando tutte le sue teorie.

Nei primi mesi del 2020 il Dottor Stefan Lanka, microbiologo e virologo tedesco, ha pubblicato un illuminante documento in Pdf intitolato The Misconception called “VIRUS”, che trovate a questo link: https://davidicke.com/wp-content/uploads/2020/07/Paper-Virus-Lanka-002.pdf
vedi: https://lanuovamespirituale.com/2020/10/14/il-dottor-stefan-lanka-spiega-che-i-virus-non-esistono-e-che-la-scienza-medica-si-poggia-su-teorie-prive-di-senso/

Qui trovate le mie ricerche (dr. JeanPaul Vanoli)  che integrano e perfezionano il tema su cosa sono i virus, senza sconfessare il principio che i virus pericolosi NON esistono, come ben dice e dimostra il dr. S. Lanka
https://pattoverascienza.com/?s=cosa+sono+i+virus

Testo completo della dichiarazione di Robert Malone, scopritore/inventore dei Vaccini a mRna
Mi chiamo Robert Malone e ti parlo come genitore, nonno, medico e scienziato. Di solito non leggo da un discorso preparato, ma questo è così importante che volevo assicurarmi di ottenere ogni singola parola e fatto scientifico corretto.
Sostengo questa affermazione con una carriera dedicata alla ricerca e allo sviluppo di vaccini. Sono vaccinato per il COVID e generalmente sono favorevole alla vaccinazione. Ho dedicato tutta la mia carriera allo sviluppo di metodi sicuri ed efficaci per prevenire e curare le malattie infettive.
Successivamente, pubblicherò il testo di questa dichiarazione in modo che tu possa condividerlo con i tuoi amici e familiari.
Prima di iniettare il tuo bambino – una decisione irreversibile – volevo farti conoscere i fatti scientifici su questo vaccino genetico, che si basa sulla tecnologia del vaccino mRNA che ho creato:
Ci sono tre problemi che i genitori devono capire:
– Il primo è che un gene virale verrà iniettato nelle cellule dei tuoi figli. Questo gene costringe il corpo di tuo figlio a produrre proteine   spike tossiche. Queste proteine   spesso causano danni permanenti negli organi critici dei bambini, tra cui il loro cervello ed il loro sistema nervoso, il loro cuore ed i vasi sanguigni, compresi i coaguli di sangue ed il loro sistema riproduttivo.
– E questo vaccino può innescare cambiamenti fondamentali nel loro sistema immunitario
– Il punto più allarmante di questo è che una volta che questi danni si sono verificati, sono irreparabili
– Non puoi riparare le lesioni nel loro cervello
– Non puoi riparare le cicatrici del tessuto cardiaco
– Non puoi riparare un sistema immunitario geneticamente modificato, e questo Vaccino può causare danni riproduttivi che potrebbero interessare le generazioni future della tua famiglia
– La seconda cosa che devi sapere è il fatto che questa nuova tecnologia non è stata adeguatamente testata.
Abbiamo bisogno di almeno 5 anni di test/ricerche prima di poter veramente comprendere i rischi, i danni e i rischi dei nuovi farmaci vengono spesso rivelati molti anni dopo…
– Chiediti se vuoi che tuo figlio faccia parte dell’esperimento medico più radicale della storia umana
– Un ultimo punto: il motivo per cui ti stanno dando per vaccinare tuo figlio è una bugia.
I tuoi figli non rappresentano un pericolo per i loro genitori o nonni
In realtà è il contrario. La loro immunità, dopo aver contratto il COVID, è fondamentale per salvare la tua famiglia, se non il mondo, da questa malattia
In sintesi:
non c’è alcun vantaggio per i tuoi figli o la tua famiglia nel vaccinare i tuoi figli contro i piccoli rischi del virus, dati i noti rischi per la salute del vaccino con cui, come genitore, tu e i tuoi figli potreste dover convivere per il resto della loro vita.
L’analisi rischi/benefici non è nemmeno vicina.
Come genitore e nonno, il mio consiglio è di resistere e lottare per proteggere i tuoi figli.
La dichiarazione è stata consegnata durante un evento in live streaming il 12 dicembre per il quale Unity Project ha collaborato con il Global Covid Summit.
Il Dr. Robert Malone e altri medici di spicco hanno discusso del loro recente aggiornamento della Dichiarazione dei medici, del motivo per cui i bambini sani non dovrebbero essere vaccinati e dei rischi associati.

Recommended For You

About the Author: Admin

dr. Jean Paul Vanoli - Giornalista Investigativo da 40 anni specializzato in Sanità, Medicina naturale e Bioelettronica - Consulente di https://pub.mednat.news/curriculum.htm  - https://pattoverascienza.com - info@mednat.news - Curatore, Tutore, Notaio, Trustee del TRUST estero: VANOLI GIOVANNI PAOLO (G.P.) - Human Rights Defender ONU/A/RES/53/144 1999 - Difensore dei Diritti dei Batteri e Virus, cioè della Vita/Natura in genere